Giorno: 12 giugno 2013

12 giugno 2013 0

Allarme droghe “designer”, miscugli di sostanze legali che creano effetti simili agli stupefacenti illegali

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: La ricerca dello sballo, purtroppo, non conosce limiti ed in tempi di crisi si cerca di risparmiare anche sulle modalità per raggiungere una sbornia, lo stordimento o un’euforia incontrollabile.

Ed é così che diventa una nuova moda quella delle droghe “designer” come sali da bagno, monkees go bananas o metilone che in tempi di magra sono diventati quasi dei sostituti di cocaina, e amfetamine. Finora, si presumeva che in Italia come nel resto d’Europa, il consumo delle cosiddette droghe “legal highs”, sostanze delle quali gli ingredienti sono legali, fosse ridotto. Un sondaggio effettuato in Svizzera dalla Centrale nazionale di coordinamento delle dipendenze Infodrog, condotto tra 900 persone, e che per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”,

vale la pena divulgare per conoscere lo “stato dell’arte”, ha rivelato tutto il contrario: i due terzi degli intervistati, infatti, hanno affermato di aver provato almeno una volta una droga che rientra nel gruppo delle cosiddette “legal highs”. Alcuni esperti, tra cui il responsabile del laboratorio farmaceutico cantonale bernese Hans-Jörg Helmlin, hanno spiegato che spesso queste persone provano le sostanze a casa perché si sentono più sicure rispetto ad un eventuale consumo in pubblico come in una festa o in discoteca. Ma gli scienziati hanno anche consigliato, ovviamente, di non toccare le droghe “designer” perché gli effetti delle sostanze anche in combinazione sono stati studiati solo poco o per niente. Il sondaggio in questione, ha anche dimostrato quanto tali droghe possano essere pericolose. Più della metà degli intervistati ha spiegato di aver sofferto di tachicardia. Quasi lo stesso numero ha avuto problemi di circolazione. In diversi casi, si sono manifestati attacchi di panico. La maggior parte degli intervistati (45%) ha affermato di aver acquistato le sostanze online. Un quinto ha comperato la droga presso uno spacciatore o direttamente dal produttore. Per questo l’istituzione svizzera Infodrog ha supposto che si sia sviluppato un mercato nero di droghe legali che trova nella rete uno dei principali canali di commercializzazione. Anche i prezzi degli shop online lo confermano, più si ordina meno costa la merce. La questione che si pone, ora é di come bloccare la diffusione di queste sostanze pericolose per la salute specie tra i più giovani che avendo dimestichezza con internet e che comunque sono più vulnerabili, hanno anche più facile accesso all’acquisto stante la legittimità, almeno in astratto, delle sostanze singolarmente vendute. Come é sovente in questi casi, sono una capillare opera di informazione sui rischi e di prevenzione può evitare che il consumo cresca.

12 giugno 2013 0

“Sicuri sul sentiero” domenica 16 a Castelnuovo al Volturno

Di admin

Anche quest’anno, il Servizio Regionale del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico organizza “Sicuri sul sentiero”, che avrà luogo il 16 giugno c.a. a Castelnuovo al Volturno, a partire dalle ore 9.15. La manifestazione è inserita nell’ambito del progetto Sicuri in Montagna del C.N.S.A.S. .che, come di consuetudine, promuove la giornata in oggetto a livello nazionale, rivolgendola al vasto pubblico degli appassionati di montagna, affinché cresca sempre più la cultura della prevenzione. Lo scopo principale dell’iniziativa è quello di creare sensibilità, ovvero, accrescere la consapevolezza dei rischi e dei limiti personali accettabili nella frequentazione dell’ambiente montano ed ipogeo. La giornata di domenica 16 giugno 2013 sarà dedicata alla prevenzione degli incidenti escursionistici, anche in mountain-bike e, più in generale, porrà l’attenzione sulle ferrate, sulle falesie, i ghiacciai, le attività speleologiche e di arrampicata, pur senza dimenticare la ricerca dei funghi che, immancabilmente, fa registrare innumerevoli interventi di soccorso.

12 giugno 2013 0

Droga e soldi in casa, manette per due a Frosinone. Sequestrati 5 chli di hashish

Di redazione

Due uomini di Frosinone sono stati arrestati oggi pomeriggio dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia ciociara. Nel corso della perquisizione domiciliare i militari hanno rinvenuto otto confezioni contenenti 50 panetti di hashish per un totale di 5 chili. Inoltre nel corso della stessa perquisizione sono stati trovati oltre 6mila euro in contanti che i carabinieri sostengono sia frutto di spaccio e un bilancino di precisione.. Per questo il 31enne e il 33enne sono stati tratti in arresto per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

12 giugno 2013 0

Dimissioni abate, Priore di Sacro Speco di Subiaco nominato amministratore di Montecassino

Di redazione

Dimissioni Montecassino, nominato amministratore apostolico Ricci, Priore di Sacro Speco di Subiaco Il priore del Sacro Speco di Subiaco, Augusto Ricci, con decreto della Congregazione dei Vescovi, è stato nominato Amministratore Apostolico dell’abbazia di Montecassino. A lui sono attribuite da oggi, diritti, facoltà e compiti che competono, a norma di legge, agli Ordinari Diocesani secondo quanto stabilito dal “Direttorio per il ministero pastorale dei vescovi”, fino a quando il nuovo Abate, che sarà eletto, prenda possesso canonico dell’Abbazia. Intanto si dovrà decidere su dove alloggerà l’abate emerito Vittorelli. Tecnicamente non in abbazia, ma la scelta spetterà al Santo Padre. Al momento Vittorelli, si dovrà recare nuovamente in Svizzera presso la clinica dove è rimasto ricoverato fino all’autunno scorso.

12 giugno 2013 0

I Cavalieri di “Sua Maestà Elisabetta II” in bike lungo la Linea Gustav, sui luoghi della Memoria

Di redazionecassino1

Significativa iniziativa per ricordare le atrocità e le gesta valorose di tanti soldati britannici durante l’ultima guerra sul fronte di Cassino e dell’intera  Linea Gustav.  In questi giorni, infatti, il Rocca Hotel, di via Sferracavalli, ha promosso una particolare e suggestiva iniziativa con quarantacinque   HOUSEHOLD  CAVALRY  REGIMENT, Guardie della Regina, che hanno visitato i luoghi in cui hanno operato i soldati di Sua Maestà durante la II Guerra Mondiale. In particolare il pacchetto storico-turistico, organizzato dal Rocca Hotel, aveva lo scopo di far conoscere a questi giovani Cavalieri del Regimento  i luoghi in cui hanno combattuto per liberare il nostro Paese dalla barbarie nazista, quelli in cui i valorosi soldati del Regno Unito  e gli Alleati hanno sacrificato le loro giovani vite per un alto e nobile ideale. L’iniziativa ha riguardato una ‘tre giorni’ di memorie e rievocazioni effettuate in sella alle mountain bike. Sport, turismo e memoria lungo la Linea Gustav.  La prima giornata si è sviluppata nella visita della Valle di Comino con la degustazione dei prodotti tipici, per poi passare nelle zone di Vallerotonda, Scapoli e Rocchetta al Volturno sui luoghi dove più cruenta è stata la lotta per contro ple formazioni germaniche. Terza ed ultima tappa, ricca di emozioni, il comune di Sant’Elia e la frazione di Valleluce dove i Cavalieri hanno potuto visitare l’edificio in cui i loro colleghi impegnati sulla linea Gustav erano tenuti prigionieri e costretti ai lavori forzati dalle truppe tedesche nello scavo delle trincee e delle postazioni contro gli Alleati. Particolarmente significativo e commovente l’incontro con gli abitanti della frazione di Valleluce e con uno degli ultimi reduci, l’ottantottenne Sabatino di Cicco, che ha voluto racchiudere in un bel volume dal titolo “Diario dello sfollamento di Valleluce” la sua esperienza e le sue emozioni  con i militari britannici durante quel triste periodo.  Un tripudio di persone ha voluto salutare e stringersi intorno ai Cavalieri di Sua Maestà, in particolare i bambini della scuola materna, il consigliere comunale Angela Di Cicco, figlia di Sabatino, e tutte le maestre. Una festa della gente di Valleluce per quei giovani discendenti  dei soldati dell’esercito britannico che hanno combattuto e sofferto accanto alle popolazioni di allora contro la barbarie della guerra e delle atrocità naziste. Un percorso, quello organizzato dal Rocca Hotel, per promuovere il nostro territorio, le sue bellezze naturalistiche e la sua storia. Domani The Life Guards e The Blues e Royals ripartiranno per Londra, ma siamo certi che porteranno un ricordo di ospitalità, di fratellanza e di sincera riconoscenza delle nostre popolazioni per  loro e per i loro colleghi del ’44 che in queste zone  hanno combattuto e sacrificato le loro giovani vite per la nostra libertà!

F. Pensabene

Foto A. Ceccon

12 giugno 2013 0

Roberto Saviano chiude la rassegna “CassinoOFF” e si apre CassinoArte

Di redazionecassino1

Chiude con Roberto Saviano la rassegna di teatro civile “CassinoOFF” diretta dalla giornalista de l’Unità Francesca De Sanctis. Dopo Marco Paolini, Filippo Vendemmiati e i Tetes de Bois, Ulderico Pesce, Laura Sicignano, Mario Perrotta – che si sono esibiti con i loro spettacoli nell’Aula Pacis dell’Università – la serata finale si svolgerà presso il Teatro Romano di Cassino (FR). L’evento sarà anche un’anteprima di CassinoArte. Lo scrittore napoletano, da anni costretto a vivere con la scorta, sarà protagonista assoluto della serata. Racconterà una storia che si intreccia con quelle contenute nel suo nuovo libro, ZeroZeroZero (Feltrinelli) e con il territorio del cassinate.

“È con grande piacere che finalmente possiamo annunciare la partecipazione di Roberto Saviano per l’anteprima di ‘Cassino Arte’ – dichiara l’assessore alla Cultura Danilo Grossi – che si terrà nella splendida cornice del nostro Teatro Romano sabato prossimo a partire dalle ore 21. Non abbiamo potuto dare prima questo annuncio per ovvie ragioni di sicurezza legate al personaggio, ma adesso possiamo dire di essere riusciti ad avere a Cassino l’uomo che con Gomorra ha dato una visione diversa della criminalità organizzata, denunciando con grandissimo coraggio cose che fino a quel momento pochi avevano avuto la forza di dire. Avere Roberto Saviano nella nostra città è stato possibile grazie a Cassino Off e a Francesca De Sanctis che con questa serata, dopo la grande programmazione che solitamente mette in campo in ambito culturale, consacra un lavoro degli ultimi due anni. Avere a Cassino Roberto Saviano credo che sia un’occasione unica per la città e per i cittadini visto anche l’impegno costante dell’amministrazione nelle tematiche della legalità in questi anni come dimostra il progetto ‘Io Non Ho Paura’”.

Non esiste mercato al mondo che renda più di quello della cocaina, ci dice chiaramente Saviano. Non esiste investimento finanziario al mondo che frutti come investire in cocaina. Dietro il suo candore nasconde il lavoro di milioni di persone. Questo è il grande ritorno in libreria di Roberto Saviano sette anni dopo Gomorra. La coca la sta usando chi è seduto accanto a te ora in treno e l’ha presa per svegliarsi stamattina o l’autista al volante dell’autobus che ti porta a casa… Fa uso di coca chi ti è più vicino. Se non è tuo padre o tua madre, se non è tuo fratello, allora è tuo figlio. Se non è tuo figlio, è il tuo capoufficio… Se non è lui, è l’infermiera che sta cambiando il catetere di tuo nonno e la coca le fa sembrare tutto più leggero, persino le notti. Se non è lei, è l’imbianchino che sta ritinteggiando la stanza della tua ragazza, che ha iniziato per curiosità e poi si è trovato a fare debiti. Chi la usa è lì con te. La usa il portiere del tuo palazzo, ma se non la usa lui allora la sta usando la professoressa che dà ripetizioni ai tuoi figli… Il sindaco da cui sei andato a cena. Il costruttore della casa in cui vivi, lo scrittore che leggi prima di dormire… Ma se, pensandoci bene, ritieni che nessuna di queste persone possa tirare cocaina, o sei incapace di vedere o stai mentendo. Oppure, semplicemente, la persona che ne fa uso…

La serata, come tutta la rassegna – realizzata con il contributo della Provincia di Frosinone, della Regione Lazio, della Banca popolare del Cassinate e del Comune di Cassino – viene trasmessa in diretta streaming sul sito dell’Unità, che quest’anno ha al suo fianco come media partner Rai Radio3.

12 giugno 2013 0

Scoperto in casa con 7 piante di marijuana, 31enne agli arresti domiciliari

Di admin

A Paliano, i carabinieri della Stazione di Piglio, nell’ambito di mirati servizi tesi a contrastare il fenomeno della vendita e consumo delle sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto un 31enne del luogo per detenzione illecita ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il prevenuto, a seguito di perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di nr.7 (sette) piante di marijuana nonché materiali e strumenti utilizzati per il confezionamento dello stupefacente, il tutto sottoposto a sequestro. L’arrestato, espletate le formalità di rito è stato tradotto presso il proprio domicilio in regime degli arresti domiciliari.

12 giugno 2013 0

Calzature, borse, cd e dvd contraffati: controlli dei finanzieri tra le bancarelle della festa di Sant’Antonio a Cassino

Di admin

Nella serata di mercoledì 11 giugno, in occasione delle celebrazioni in onore di Sant’Antonio, la Guardia di Finanza di Cassino ha eseguito numerosi controlli, nel centro cittadino, finalizzati a prevenire e reprimere il commercio di articoli con marchi contraffatti. Le attività ispettive eseguite hanno consentito di sottoporre a sequestro oltre 50 borse, 10 paia di scarpe e circa 40 supporti magnetici, posti in vendita da ambulanti abusivi che, alla vista dei militari operanti, abbandonavano i banchi sui quali avevano esposto la mercanzia, dandosi a precipitosa fuga. Dopo i vani tentativi di rincorrere i “fuggitivi”, le fiamme gialle prelevavano la merce abbandonata ed accertavano che la stessa recava fallaci indicazioni di origine e marchi e simboli contraffatti di note “griffes” (GUCCI, MONCLER, ADIDAS, DOLCE & GABBANA, LOUIS VUITTON, PRADA, ALVIERO MARTINI). E’ da evidenziare, in modo particolare, l’accuratezza delle realizzazioni che rendono ormai sempre più difficile distinguere un prodotto originale da uno contraffatto e ciò a discapito degli acquirenti convinti di acquistare merce autentica ad un prezzo inferiore a quello praticato sul mercato. La vendita di materiale contraffatto, soprattutto in tempo di crisi economica, sta diventando sempre di più un fenomeno di allarme sociale, in grado di alterare le regole del mercato e della leale concorrenza oltre che generare inquinamento dell’economia e pericolo per i consumatori finali.

12 giugno 2013 0

Legambiente Lazio: “Regione Lazio approvi proposta di legge dei Movimenti per l’Acqua e istituisca tavolo della trasparenza sul nucleare”

Di admin

Dall’Ufficio stampa Legambiente Lazio riceviamo e pubblichiamo: Buon compleanno referendum! A due anni dalla enorme vittoria popolare per l’acqua pubblica e contro il nucleare, Legambiente anche nel Lazio partecipa alla giornata di mobilitazione organizzata dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua e dal Comitato per fermare il nucleare. A Roma e nel Lazio milioni di cittadini votarono per la gestione pubblica dell’acqua, dei trasporti e dei rifiuti, per l’abolizione della remunerazione del capitale investito nella tariffa del servizio idrico integrato e contro il ritorno del nucleare (ben 1.288.034 romani – 60,56% del totale), e di questi oltre il 96% si dissero favorevoli a queste scelte.

“Siamo in piazza per chiedere che la nuova amministrazione della Regione Lazio approvi subito la proposta di legge dei Movimenti per l’Acqua e istituisca il Tavolo della trasparenza sul nucleare, mentre si avvia la discussione sul nuovo piano energetico regionale. Per rispettare il plebiscito che i cittadini espressero su queste scelte col loro voto servono azioni concrete -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. I referendum rappresentano un punto importantissimo di partecipazione dei cittadini alle scelte per il futuro del Capitale e del Paese su questioni concrete e strategiche come l’acqua e l’energia, la politica e chi amministra ne devono tenere conto, ancor di più vista la disaffezione mostrata nell’ultimo voto comunale.”

Legambiente Lazio partecipa alla mobilitazione che stamattina si tiene di fronte al Parlamento e nel pomeriggio a piazza San Cosimato, tornando a chiedere il rispetto della volontà referendaria, dopo che il 12 e 13 giugno 2011 i cittadini si sono espressi a gran voce a favore dell’acqua pubblica e contro il ritorno al nucleare nella consultazione referendaria.Per questo Legambiente Lazio interpella la Regione Lazio con due richieste ben precise sul tema dell’acqua pubblica e del nucleare. In particolare, è fondamentale che venga discussa e approvata la proposta di legge presentata dai Movimenti: l’acqua è un bene pubblico e tale deve rimanere, servono gestioni pubbliche e partecipate che migliorino il servizio invece di aumentare le tariffe, lavorino sulla depurazione, l’efficienza e il risparmio idrico. Allo stesso tempo, contro l’inutile e pericoloso nucleare bisogna dare un futuro energetico pulito alla Regione, avviando la discussione per il nuovo piano energetico regionale per puntare su risparmio, efficienza e fonti rinnovabili, ma anche istituendo subito il “tavolo regionale di confronto, trasparenza e partecipazione sulle attività di messa in sicurezza dei materiali e dei siti nucleari, sull’impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti e sul trasporto di materie radioattive”. Sulla scorta di altre esperienze regionali, dove il tavolo coinvolge soggetti istituzionali e parti sociali, nel Lazio vanno rese note le questioni relative alla bonifica della centrale nucleare di Latina e del laboratorio OPErazioni Calde (OPEC) nel Centro di Ricerca di Casaccia. Gli interventi sono in corso da diversi anni, ma poco per ora è dato sapere: tempi di riprocessamento delle scorie e di rientro ai siti di produzione, livelli di contaminazione delle aree di localizzazione degli impianti.

12 giugno 2013 0

Surfista in difficoltà a Gianola salvato dalla Guardia Costiera di Gaeta

Di admin

Brutta avventura per un serfista 46enne di Napoli che ieri, convinto di saperne abbastanza di mare, nonostante il vento forte, si è avventurato in una uscita con la sua tavola al largo della spiaggia di Gianola. Quando ha capito che non ce l’avrebbe fatta a tornare a riva autonomamente, era ormai troppo tardi. Per sua fortuna alcuni conoscenti hanno lanciato l’allarme permettendo agli uomini della Capitaneria di Porto di Gaeta, di dare inizio ad una serie di ricerche grazie alle quali è stato possibile ritrovare il naufrago a circa un miglio e mezzo dalla spiaggia di partenza. Tratto in salvo, e recuperata anche tavola e vela, l’uomo è stato sbarcato sulla Banchina Caboto di Gaeta. ermanno amedei