pubblicato il13 giugno 2013 alle 17:10

AIDAA: La Commissione Europea decide se abolire la pubblicità alle pellicce

 Sarà la commissione Europea a dare il proprio parere sulla proposta avanzata in sede di commissione petizioni del Parlamento Europeo da ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – AIDAA la quale chiede l’abolizione totale in tutti i paesi europei della pubblicità sulle pellicce e i suoi derivati e dei capi in pelle. A darne notizia è la stessa presidente della commissione on. Erminia Mazzoni che nei giorni scorsi ha inviato una lettera al presidente nazionale AIDAA Lorenzo Croce con la quale comunica che la commissione petizione ha dichiarato ricevibile la petizione iniziandone l’esame. Inoltre nella stessa lettera si legge: “E’ stato chiesto alla Commissione Europea di svolgere un’indagine preliminare sui vari aspetti del problema. La commissione per le petizioni proseguirà l’esame non appena le saranno pervenute le informazioni necessarie”. La proposta AIDAA era stata presentata al parlamento europeo lo scorso 29 ottobre 2012 ed era motivata dal fatto che per la realizzazione delle pellicce e dei capi in pelle solamente in Europa vengono uccisi oltre 10 milioni di animali ogni anno. Soddisfatto il presidente AIDAA Lorenzo Croce promotore dell’iniziativa: “E’ un fatto senza precedenti- ci dice Croce- se riusciamo a bloccare la pubblicità di capi di pelliccia e di capi in pelle avremo dimezzato il mercato e salvato ogni anno almeno 5 milioni di animali di allevamento. Su questa proposta ci aspettiamo il coinvolgimento di tutti coloro che sono favorevoli all’abolizione delle pellicce, perchè questa a differenza di altre non è una battaglia ideale, ma che ha concrete possibilità di vittoria finale e non è assolutamente poco”.

Per informazioni 3478883546-3926552051

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07