pubblicato il3 giugno 2013 alle 09:09

AIDAA: Roadkill, oltre 10mila gli animali investiti e uccisi sulle strade italiane

 Sono almeno 10.000 gli animali che ogni anno investiti ed uccisi sulle strade italiane, e nemmeno nell’uno per cento dei casi le persone che investono gli animali si fermano a soccorrere gli animali massacrati sotto le ruote delle proprie automobili. I dati del primo quadrimestre del 2013 sono sconfortanti, secondo i numeri delle segnalazioni giunte al telefono amico dell’AIDAA sono almeno 30 gli animali domestici che ogni giorno finiscono tra le ruote di un’automobile, in particolare cani, gatti, ma anche moltissimi animali selvatici. Dati che non si discostano di molto da quelli ufficiali relativi al primo quadrimestre del 2011 (fonte rapporto italia di Istat 2011) che parla dell’investimento 1768 cani, 788 gatti, 1530 animali tra selvatici ed uccelli, in particolare finiscono sotto le ruote delle auto in corsa: lepri, conigli, ricci, ma anche volpi, cervi e ultimamente anche cornacchie e colombi. Inoltre nei mesi estivi la situazione peggiora per quanto riguarda i cani su strade ed autostrade, in quanto oltre l’80% dei circa 130.000 animali abbandonati sono a rischio incidente stradale. “Con l’entrata in vigore del nuovo codice della strada è stato inserito l’obbligo di soccorso per l’animale ferito- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- peccato che questo avviene si e no in un caso su cento. Questo anche per il fatto che non sempre è facile reperire i veterinari aperti 24h e per questo noi di AIDAA abbiamo messo a disposizione un elenco di cliniche e pronto soccorsi veterinari aperti h24 in modo che tutti possano avere con se i numeri di telefono in caso si venga coinvolti in un investimento di animali in strada”.

Per info 3478883546-3926552051

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07