pubblicato il5 giugno 2013 alle 16:12

Angelo Pizzutelli (Psi) sulle multe a raffica nel capoluogo:

<E’ assurdo quanto sta accadendo nelle ultime settimane nel capoluogo. Gli automobilisti frusinati vivono praticamente nel terrore da quando, con l’assunzione dei nuovi ausiliari, piovono multe a go go>.

 A lanciare l’allarme è il  capogruppo del Psi al Consiglio comunale di Frosinone, Angelo Pizzutelli, portavoce delle proteste di moltissimi cittadini, che denunciano l’atteggiamento intransigente di chi è chiamato a vigilare sul rispetto delle norme che regolano la sosta nelle aree a pagamento. 

<Capisco e condivido appieno la scelta di punire le infrazioni, ma francamente non trovo giusto che si attui una politica così dura, soprattutto in un momento di grandissima difficoltà economica per le famiglie italiane e, dunque, anche della nostra città. Qui non si tratta di chiudere un occhio davanti a situazioni gravi, come parlare al cellulare mentre si guida, ma semplicemente di far prevalere il buon senso, ad esempio tollerando qualche minuto di ritardo allo scadere del ticket per la sosta. In molti casi, è bene sottolinearlo, multe di anche soli 20 euro possono gettare nello sconforto.

L’ho potuto constatare personalmente questa mattina negli uffici di piazza VI Dicembre dove moltissime persone lamentavano l’attuazione di un modus operandi  al limite dell’intolleranza>.

Da qui l’appello dell’esponente socialista: <Quello che chiedo è di non esasperare gli animi perché se è vero che le regole vanno giustamente rispettate, è altrettanto vero che non è normale che nel giro di poche settimane le sanzioni relative alle strisce blu, a Frosinone, siano aumentate oltremodo. In tutte le cose c’è una giusta misura>.   

 

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07