La rete per la Tutela della Valle del Sacco: “Dall’impianto cdr di Castellaccio una nube tossica di diossine e PCB ha “ossigenato” decine di chilometri quadrati di territorio”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *