Si “gratta” 28mila euro in lotterie istantanee, proprietario di ricevitoria di Fiuggi simula rapina per coprire il debito

1 giugno 2013 0 Di redazione

Schiavo dei gratta e vinci si è lasciato andare e, invece di venderli ai clienti della sua ricevitoria, ne ha giocati tanti per un valore di circa 28mila euro. Il 37enne di Fiuggi, quando ha realizzato l’entità del debito che aveva accumulato grattando i tagliandi della lotteria istantanea “10 e Lotto”, non potendolo coprire, ha simulato la rapina. Ieri pomeriggio ha chiamato i carabinieri sostenendo che tre uomini di cui uno armato di pistola, lo avevano aggredito all’interno del locale e gli avevano portato via i 28mila euro. Messo alle strette dai carabinieri, ha dovuto confessare la verità rimediando, così, denunce per simulazione di reato, calunnia e truffa ai danni dello Stato.