Giorno: 12 luglio 2013

12 luglio 2013 0

Sarà attivo dal 15 luglio il dearsenificatore di Marina Velca

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

 Da lunedì 15 luglio sarà in funzione il dearsenificatore di Marina Velca. L’impianto servirà un’area molto vasta e popolata. Dopo Tarquinia e il Lido, l’Amministrazione raggiunge il secondo importante traguardo per dare acqua potabile a tutto il territorio comunale. Il sindaco Mauro Mazzola esprime grande soddisfazione. «Abbiamo dimostrato di essere concreti e di operare per il bene di tutti. – afferma il primo cittadino – Ci siamo impegnati per realizzare il progetto in tempi rapidi e così è stato. Alcuni hanno comunque assunto un atteggiamento sopra le righe nei nostri confronti, dimenticando che abbiamo sempre avuto a cuore a cuore lo sviluppo economico e sociale di Marina Velca. Con le nostre sole forze, siamo stati tra i primi nella provincia di Viterbo a mettere fine all’emergenza dell’arsenico». I fatti lo dimostrano: a gennaio, grazie alla miscelazione delle acque provenienti dai pozzi locali, da Talete e da Medio Tirreno, è abbattuta la concentrazione di arsenico e garantita la potabilità; a giugno è attivato il dearsenificatore alle botte comunali in via Clementina; dal 15 luglio sarà in funzione l’impianto di Marina Velca. «Le polemiche le lasciamo a chi non può e non sa fare altro. – conclude il sindaco Mazzola – Tengo di nuovo a sottolineare che tutto ciò è stato realizzato senza l’aiuto di nessuno. Noi ci siamo lasciati alle spalle il problema, molte altre realtà ancora annaspano per trovare la soluzione. Certamente è un fatto gravissimo che le Istituzioni preposte ci abbiano lasciati soli».

12 luglio 2013 0

Sperlonga, per il secondo anno consecutivo tappa del campionato italiano di Beach Rugby

Di redazionecassino1

Dopo il successo della tappa dello scorso anno, torna a  grande richiesta il Beach Rugby nella perla del Tirreno. La novità di quest’anno è soprattutto la location. Mentre la prima prova si è svolta sull’arenile della spiaggia di levante, per questa nuova edizione, si è voluto dare la giusta alternanza, e quindi organizzare le partite sulla spiaggia di ponente,  più precisamente in località Lago Lungo.   Organizzata dalla Lega Navale, sezione di Sperlonga – Lago di Fondi, attraverso l’interessamento del socio nonché allenatore di diverse squadre di Rugby Fabio Turchi, con la collaborazione del Terracina Rugby Club, la Lega Italiana Beach Rugby, la Federazione Italiana Rugby e l’associazione Sperlonga Eventi, e l’Associazione Albergatori Sperlonga, la tappa Sperlongana vede il coinvolgimento di alcuni main sponsor come Acqua Pradis, Partesa Latina, Remix Sound ; i media partner: Radio Show Italia, il portale di informazione 26lettere.it, il periodico La Voce; gli sponsor tecnici Admo ed Errea.  Il campionato italiano arriva quest’anno alla sedicesima edizione e secondo la federazione, molte cose sono migliorate, come il costante aumento di partecipanti ed il numero dei tornei. Uno sport originale e appassionante con regole proprie: il campo di gioco è lungo 31 metri comprese le zone di meta, e largo 25. Ogni squadra avrà 12 giocatori, di cui 5 in campo e 7 per le sostituzioni che sono illimitate. L’ eventuale espulsione temporanea durerà 2′. L’ingresso in campo avviene esclusivamente a gioco fermo e da centro campo. La partita ha una durata di 10′ divisi in 2 tempi da 5′ con intervallo di 3′. In caso di parità si disputa un tempo supplementare a oltranza sin quando una squadra realizza una meta. In campo invece: il portatore avversario di pallone può essere placcato tra spalle e piedi. Il giocatore placcato o trattenuto deve passare o lasciare il pallone entro 2 secondi. Non esistono mischie ordinate né rimesse laterali. Il pallone opzionalmente può essere calciato all’inizio della partita, ma in Italia si utilizza il “calcio libero” anche per iniziare la partita, dopo una meta dalla squadra che ha subito la meta e dopo un fallo laterale. In nessun’altra azione di gioco il pallone può essere calciato. La realizzazione della meta vale un punto. Le squadre partecipanti a Sperlonga sono ben 12 per un totale di 140 atleti. La manifestazione sportiva rientra nel programma di eventi che legano l’ambiente a diverse pratiche sportive, ed ecco perché è patrocinato dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Sperlonga. Ecco i  gironi:

 

A: Terracina, Belli Dentro, Pirati di Nisida B: Crazy Down, Cella Cella, Fish ‘ Fish C: Forastici, Fort Apach,  Crazy Crabs D: Draghi Sbragati, Lengheri, Sabbie Mobili

Nelle squadre militano importanti atleti di categoria, e alcuni giovani inseriti nel giro della nazionale italiana under 20. Quindi spettacolo assicurato. La tappa avrà luogo a Lago Lungo, domani, sabato 13 luglio, sulla spiaggia a destra del canale alle ore 14, mentre alle 19 circa ci sarà la premiazione ed il rinomato terzo tempo. Per informazioni sperlonga@leganavale.it, oppure 3386463203.

 

12 luglio 2013 0

Carabinieri ausiliari in congedo, una risorsa “dimenticata”

Di redazione

Una risorsa accantonata, ma anche una ingiustizia subita da migliaia di giovani legati all’Arma dei carabinieri. I carabinieri ausiliari in congedo si ritrovano per far sentire la loro voce in merito a scelte incoerenti rispetto ad argomenti come la risparmio e ottimizzazione delle professionalità acquisite e, quindi, del buon funzionamento della pubblica sicurezza. La vicenda dei carabinieri ausiliari in congedo é riassunta dal portavoce nazionale Donazio Simone.

“La nostra vicenda comincia nel 2005 quando con la “sospensione della leva” chiudono definitivamente i corsi per Carabiniere Ausiliario, di seguito con una legge si istituì la figura del “Militare Professionista” che in precedenza già prese forma nel 2000 con il “VFA” e il “VFB” tramutati nel 2004 rispettivamente in “VFP1” e “VFP4”. La nostra figura ha radici storiche venne istituita nel 1917 (Decreto Luogotenenziale n. 357 del 25.2.1917) di seguito 12.000 caporali e soldati di tutte le Armi e Corpi destinati ad assicurare all’Arma dei Carabinieri una forza numerica adeguata alle molteplici necessità di servizio determinate dallo stato di guerra. Essi vennero ripartiti tra i comandi territoriali dell’Arma, previa selezione basata sui requisiti richiesti dall’attestato di idoneità morale rilasciato come per ogni arruolamento nei Carabinieri, a firma di un ufficiale. Con Decr. Luog. 2 dicembre 1917 ne vennero reclutati altri 6.000.
Con Decreto Legislativo Luogotenenziale n. 857 del 9 novembre 1945 venne disposto il reclutamento “VOLONTARIO” di Carabinieri Ausiliari , per la ferma di leva di 18 mesi tra i giovani appartenenti alla classe chiamata alle armi. Con esplicito richiamo al suddetto Decreto, la successiva legge 18 febbraio 1963 mantenne l’arruolamento di giovani aspiranti a compiere la ferma di leva nell’Arma dei Carabinieri stabilendo che essi, dopo avere frequentato con esito positivo un corso d’istruzione di 3 MESI E MEZZO presso le Legioni Allievi, godessero dei trattamento economico previsto per i carabinieri effettivi (L. 50.000).
La legge 11 febbraio 1970 n. 56 aggiunse alla condizione preesistente di arruolamento dei Carabinieri Ausiliari nei limiti delle vacanze nei quadri organici, quella “dei limiti dei posti disponibili nel contingente determinato annualmente con legge di bilancio”. Per quell’anno infatti essi furono solamente 1300.
In seguito alla sospensione del servizio di leva con la legge 226/2004 con il giuramento del 21 gennaio 2005 alla scuola di Fossano, e del successivo 28 gennaio in quella di Benevento, sono terminati i corsi dei Carabinieri Ausiliari. Da circa 3 anni questa figura “rivive” in sito www.carabinieriausiliari.com che descrive in modo dettagliato tutta la vicenda e tutti i tentativi fatti sino ad oggi per rendere giustizia a questa forma di volontariato NON RICONOSCIUTA alla quale nel 2010 furono anche negati i contributi versati per una legge che impediva appunto di far transitare i contributi i.n.p.d.a.p. all’i.n.p.s. , visto che la famosa 226-2004 non cita il personale arruolato in qualità di Carabiniere Ausiliario come volontario anche se moltissimi giovani prestarono sino a 3 anni nell’Arma andando a dar manforte a Stazioni, Compagnie, e una buona parta nei Battaglioni Mobili, quello che cerchiamo ancor oggi di far capire è che non solo il nostro reintegro sarebbe stato manna dal cielo per l’organico dell’Arma, ma che oggi moltissimi giovani che dopo il congedo vivono in stato di precarietà son stati di fatto esclusi dai concorsi pubblici per le iniziali carriere delle Forze di Polizia (dal 2005 di fatto sono totalmente riservati ai Volontari delle Forze Armate in servizio o in congedo), non solo la non equiparazione della figura del Carabiniere Ausiliario ha portato ad una serie di conseguenza molto paradossali, se oggi un concorso pubblico generico vede una riserva di posti del 20-30% destinata ai volontari delle Forze Armate, il personale come noi congedato come Carabiniere Ausiliario non ha diritto a questa riserva in maniera poco logica visto che noi (come lo scrivente stesso ha 2 anni di servizio alle spalle) che abbiamo da 1 a 3 anni di servizio non possiamo usufruire di tale riserva……come non possiamo usufruire del programma S.I.L.D. del Ministero della Difesa per il ricollocamento dei volontari congedati senza demerito nel mondo del lavoro…..come non possiamo accedere ai “titoli e requisiti minimi professionali e di formazione di cui l’articolo 138 del R.D. 18 giugno 1931, n° 773 e successive modifiche, per poter aspirare alla nomina di Guardia particolare Giurata e per l’iscrizione all’albo prefettizio di cui articolo 1, comma 1, del D.M. 6 ottobre 2009 del Ministero dell’Interno” che il recente ordinamento militare prevede preferenzialmente a ogni volontario congedato senza demerito…….la cosa ci lascia basiti. Dalla creazione del nostro sito dove ogni giorno pervengono richieste di iscirizione da moltissimi colleghi in congedo e altrettanti in “servizio” che non disdegnano di dichiarare essendo tuttora in servizio la loro formazione iniziale in qualità di Ausiliario o colleghi in congedo che risiedono nel profondo sud Italia e che mi ci scrivono “quando sanno che U Sbirro Fici mi evitano come un appestato e non trovo lavoro”. Le iniziative prese ad oggi son state moltissime lo Stato si interrogò su di noi nel 2011-12 in diverse Interrogazioni Parlamentari ma il risultato fù devastante per il nostro morale: “Anagraficamente Anziani” per il reincorporamento; succesivamente tentammo più volte di far uscire la vicenda sui più blasonati quotidiani nazionali ma anche da li arrivarono risposte inquietanti “notizia vecchia” ci fù risposto , quando al contempoattestavamo che le forze di polizia avevano ed hanno un sott’organico pauroso e con noi magari si poteva tentar di risanare il bilancio con un minimo di personale già formato…ma la stampa non si interessò, la cosa che ci lascia di stucco è che se in Italia la carta stampata tace su di noi il nostro sito va sempre piu a registrare visite da paesi di tutto il Globo con l’Italia ovviamente in Pole Position. Ora la mia riflessione sarà molto secca e logica, se noi non siamo volontari perché il metodo di arruolamento è pressochè identico a l’attuale VFP1? Questo ci chiediamo, ci chiediamo per quale motivo l’errore fu commesso al tempo non aiutando giovani che credevano in uno Stato e in dei valori….come recita la locandina “Un Anno Passa…Il Valore Resta” noi abbiamo ancora il volore e l’orgoglio nel cuore come il primo giorno chi per 1 anno dato chi per 2 chi per 3 e il nostro valore ci fa sempre sperare che l’attuale esecutivo prenda a cuore la nostra vicenda anche e soprattutto per rispetto dei nostri caduti http://carabinieriausiliari.com/i-nostri-caduti-e-il-nostro-impegno/”.

12 luglio 2013 0

Via alla I edizione del “Giulianova Sound Festival”, rivivere la storia del jazz, fusion e rock

Di redazionecassino1

Al via la prima edizione del “Giulianova Sound Festival”  con tre concerti che lasceranno un segno indelebile nella storia del festival. Tre concerti imperdibili, tre band che hanno scritto la storia del jazz/fusion/rock , tre generi unici, adatti a tutte le età e a tutti gli orientamenti musicali.

E dopo il fantastico successo di pubblico del “Giugno Giovani”,  si torna di nuovo nel verde del  parco “Chico Mendes” di Giulianova per la prima edizione del “Giulianova Sound festival”, con una line up d’eccezione: SPYRO GYRA, SUD SOUND SYSTEM e TRIBAL TECH.

L’evento, organizzato dal comune di Giulianova, con la collaborazione artistica dell’associazione culturale CORE ROCK SOUND, è stato presentato questa mattina, durante la conferenza stampa tenutasi nel Comune di Giulianova, dal sindaco Francesco Mastromauro, da Fabrice Ruffini, consigliere delegato alle Politiche giovanili e dai responsabili dell’associazione culturale CORE ROCK SOUND: Gianluca Marcellusi e Francesco Pecorale.

“Il Chico Mendes torna di nuovo alla fruizioni dei cittadini e dei turisti con una serie di concerti”,  – afferma il Sindaco Francesco Mastromauro –   “con una musica di qualità e di livello internazionale che pone la città di Giulianova al centro del turismo culturale della riviera adriatica. Tre spettacoli grazie ai quali i turisti potranno ascoltare della buona musica e conoscere tutte le peculiarità che la nostra città offre”.

 

Primo appuntamento, venerdì 19 luglio con gli straordinari “SPYRO GYRA” , band di riferimento della jazz fusion internazionale. Le loro musiche hanno accompagnato le vite dei molti che amano il Jazz contaminato: musiche entrate nella storia, come “Shaker Song”, “Morning Dance”, e tante altre. I loro album sono sempre stati dei “best-seller” e i loro concerti nel mondo hanno sempre registrato il ‘sold out’. Ed ancora oggi, dopo trent’anni di carriera, sono tra i gruppi più amati e popolari. La band salirà sul palco con la formazione attuale composta: da Jay Beckenstein ai sassofoni, Tom Schuman alle tastiere, Scott Ambush al Basso, Julio Fernandez alla chitarra e Lee Pearson alla batteria.

Nella seconda serata, sabato 20 luglio “si salterà e si ballerà” con i salentini “SUD SOUND SYSTEM”, pionieri del raggamuffin italiano. Uno spettacolo ricco di sorprese pronto a far divertire ed emozionare. Uno show che, non solo ripercorrerà i classici della band che ha fatto del Salento la Giamaica d’Italia, ma che proporrà pezzi ancora inediti ed un sound capace di coniugare radici e identità salentine con l’universale messaggio di fratellanza e amore che i ritmi del reggae sanno comunicare.

Si chiude lunedì 22 luglio con le contaminazioni progressive dei “TRIBAL TECH” e l’inconfondibile chitarra del mito Scott Henderson; considerato da due importantissime riviste musicali come “Guitar World” e “Guitar Player” il” chitarrista n. 1” al mondo davanti a nomi come Pat Metheny, Allan Holdsworth ed Eric Clapton. La band salirà sul palco con la formazione composta da: Gary Willis al basso, Scott Kinsey alle tastiere e Kirk Covington alla batteria e Scott Henderson alla chitarra.

 

“Il primo Giulianova Sound festival”,  – come testimoniano i due responsabili dell’associazione  culturale CORE ROCK SOUND: Gianluca Marcellusi e Francesco Pecorale, –  “si accende all’insegna della multiculturalità e del linguaggio universale della musica: tre gruppi pieni di storia e di suoni tra contaminazioni jazz, rock r&b, fusion, reggae e  dub. Un plauso particolare, inoltre va a tutti coloro che stanno collaborando con noi: l’amministrazione comunale e in particolare il sindaco e il consigliere delegato Fabrice Ruffini e tutti gli uffici preposti, la Caprioni Eventi e la Ufo Concerti.

Il villaggio musicale che si creerà all’interno del parco Chico Mendes sarà completato da aree food e beverage”.

 

Il festival il 19 luglio, sarà aperto dall’energia espressiva ed imprevedibile del pianista teramano Paolo Di Sabatino che, in una sua nota afferma, – “aprire il 19 luglio il concerto degli “Spiro Gyra”, per me è motivo di grande soddisfazione e sarà una grande emozione suonare davanti ad un gruppo così importante e che ascoltavo da adolescente, mentre il concerto dei “Tribal Tech” sarà aperto dal musicista di Giulianova Lorenzo Piccioni.

 

Ancora una volta Giulianova vuole porsi al centro della musica di qualità, e, ancora una volta questa città, vuole regalare al suo pubblico un’emozione che solo un sound immortale sa regalare.

 

L’Inizio concerti è previsto alle ore  21:30 presso il Parco Chico Mendes a  Giulianova lido e avranno luogo anche in caso di pioggia.

I prezzi dei biglietti:

Spyro Gyra                         € 20.00 prevendita/e€ 25.00 botteghino

Sud Sound System         € 12.00 prevendita/e€ 15.00 botteghino

Tribal Tech                         € 20.00 prevendita/e€ 25.00 botteghino

Sarà possibile acquistare i biglietti sul circuito internazionale CIAO TICKETS  – www.ciaotickets.com o telefonando ai numeri 348 55 46 337; 339 24 80 922; 339 50 39 175

 

 

 

 

 

 

 

 

12 luglio 2013 0

In preda ai fumi dell’alcool urta una minicar parcheggiata vicino alla sua auto ed aggredisce i giovani occupanti, denunciato dalla Polizia

Di admin

Sono circa le 22.00 di ieri quando arrivano sulla linea di emergenza 113 più telefonate di cittadini per segnalare, nei pressi della Villa Comunale, l’aggressione in danno di due ragazzi ad opera di un uomo in evidente stato di alterazione psicofisica.

La Volante arriva immediatamente sul posto e gli agenti trovano le giovani vittime con evidente segni di percosse, in particolare su volto e collo.

I due minorenni di 16 e 17 anni raccontano di essere stati aggrediti all’interno dell’abitacolo della minicar su cui si trovavano, mentre, in sosta lungo via T. Landolfi, erano intenti ad ascolare musica.

L’aggressore, un frusinate quarantaquattrenne, dopo aver urtato con la sua auto il paraurti della minicar li ha raggiunti ed ha iniziato a colpirli ripetutamente, profferendo contro di loro frasi sconnesse.

L’uomo, ancora presente sul luogo del misfatto, indicato ai poliziotti oltre che dalle vittime anche dai numerosi testimoni dell’accaduto, è stato portato presso gli uffici della Questura e sottoposto all’acool test con esito positivo.

Il quarantaquattrenne ha giustificato il proprio comportamento con il fatto di ritenere responsabili i due ragazzi del danneggiamento dello specchietto retrovisore della propria auto, anch’essa parcheggiata in via T. Landolfi, trovato a terra nel momento in cui era andato a riprenderla.

Il frusinate è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza alcoolica e per percosse e lesioni in danno di minori.

I due minorenni per le lesioni subite hanno dovuto far ricorso alle cure dei sanitari del locale nosocomio.

12 luglio 2013 0

Grossi: “Un grande in bocca al lupo ad Ogbonna per la sua avventura in bianconero”

Di redazionecassino1

“Un grandissimo in bocca al lupo al cassinate Angelo Ogbonna per la nuova avventura intrapresa e che da quest’anno lo vedrà indossare la maglia della squadra campione d’Italia.” A dichiararlo è stato l’assessore allo sport del comune di Cassino, Danilo Grossi, che era stato buon profeta lo scorso anno quando, nel corso dell’iniziativa ‘Angelo Ogbonna – orgoglio di Cassino’, aveva augurato al nostro Angelo, fresco di convocazione in nazionale, il passaggio in una grande del calcio italiano. “Questo passaggio c’è stato – ha continuato Grossi – ed è un piacere doppio vederlo indossare la maglia bianconera con la quale gli auguro di raggiungere grandissimi risultati ed alzare il maggior numero di trofei possibile. Sono certo, inoltre, che lo Juventus club di Cassino quest’anno avrà un motivo in più per seguire la squadra ed essere presente, ancor più della passata stagione, allo Juventus Stadium. Tuttavia al di là del ‘tifo’, credo che tutta Cassino sia orgogliosa di vedere un calciatore, proveniente dal settore giovanile della città, vestire una maglia così importante e soprattutto essere ormai in maniera costante nel giro della nazionale maggiore. Anche perché questo è una riprova di come in passato i settori giovanili delle squadre di Cassino siano stati capaci di esprimere talenti della portata di Fabio Pecchia, Giuliano Giannichedda e Mimmo Di Carlo. Ed in questa piccola lista, dopo Pecchia e Giannichedda, Angelo è il terzo calciatore a vestire la maglia bianconera. Conoscendo Angelo sono certo che manterrà anche in questa avventura la costanza, l’umiltà e la disponibilità che gli hanno consentito di raggiungere traguardi così importanti con merito. E visto che lui come calciatore, ma anche come uomo, è il frutto di questa terra, magari sarà anche l’occasione, attraverso la sua collaborazione, per portare avanti un progetto che restituisca a Cassino il palcoscenico calcistico che merita, partendo proprio da una programmazione che miri a valorizzare, come avveniva in passato, i settori giovanili delle squadre della nostra città.”

 

12 luglio 2013 0

Proseguono i lavori della Commissione servizi sociali per gli “Orti urbani”

Di redazionecassino1

“Stiamo procedendo alla definizione del regolamento con l’intento di modellare gli esempi provenienti da altre realtà, dove gli orti sono attivi da anni, a quella del nostro contesto territoriale.” A dichiararlo è stato il presidente della seconda commissione consiliare permanente, Andrea Velardocchia, a margine della seduta che si è svolta questa mattina presso la sala giunta del Municipio e che ha visto anche la partecipazione degli Assessori Consales e Di Russo. “Anche in data odierna – ha continuato Velardocchia – la commissione si è riunita insieme ai sindacati dei pensionati, nello specifico Cgil – Cisl – Uil, con i quali stiamo lavorando per definire sia la fase di studio che quella di attuazione del progetto, in un’ottica di compartecipazione e condivisione delle forze sociali del nostro territorio. L’iniziativa sarà, da quello che è emerso in commissione, rivolta ai pensionati, definendo i criteri di priorità in base alla situazione sociale, economica e familiare dei richiedenti. Sarà previsto, inoltre, un minimo punteggio ulteriore, assegnato a chi è iscritto ai centri anziani della città che, ricordiamo, hanno partecipato alla prima sessione dei lavori. Ciò per attribuire agli orti urbani quella funzione, non solo di recupero di terreni incolti al fine di valorizzarli, ma anche e soprattutto di sviluppo della socializzazione, riscoprendo quell’entusiasmo e quell’impegno che magari contribuiscono a superare le difficoltà dell’anziano dovute alla solitudine e all’alienazione, sempre più presenti nei contesti urbani. Infine la seduta di questa mattina è stata l’occasione per stabilire l’inserimento all’interno del regolamento una serie di punti che prevedono dei momenti di condivisione tra generazioni degli orti, attraverso la partecipazione di scuole, associazioni ed enti operanti nel campo dell’ambiente, della cultura e del sociale, con particolare attenzione nei confronti dei diversamente abili. A tal proposito contestualmente gli uffici comunali hanno intrapreso un’azione di monitoraggio dei terreni, presenti sul territorio cittadino, da destinare a tale finalità, con priorità a quelli più accessibili e prossimi all’area urbana.”

12 luglio 2013 0

Imprenditore rapinato del Rolex da 6mila euro, i carabinieri a caccia dei malviventi

Di redazionecassino1

Nella mattinata  in San Marcellino (CE), via ex Alifana, due individui a bordo di un motociclo Yamaha T-Max di colore scuro, con volto travisato da caschi integrali ed armati di pistola, hanno affiancato un’autovettura BMW serie 5, condotta da un 52enne di Casapesenna (CE), imprenditore edile, incensurato, e sotto la minaccia dell’arma si sono fatti consegnare un orologio Rolex del valore di euro 6.000 (seimila) che l’uomo aveva al polso. La vittima, nella circostanza, ha tentato comunque di reagire ma è stato attinto da un colpo d’arma da fuoco alla coscia sx. I Malviventi, subito dopo aver compiuto l’azione delittuosa si sono dileguati per le strade  circostanti dove hanno fatto perdere le loro tracce. L’uomo è stato trasportato dal dal 118 presso il pronto soccorso dell’Ospedale civile “G. Moscati” di Aversa (CE), dove si trova ricoverato, non in pericolo di vita. Lo stesso dovrà comunque subire un intervento chirurgico nel corso del quale i sanitari proveranno ad  asportare l’ogiva attualmente ritenuta nella gamba. Ora, è caccia ai rapinatori da parte delle Forze dell’Ordine. I carabinieri del Reparto Territoriale di Aversa e quelli della Stazione di Trentola Dugenta stanno, in queste ore, effettuando posti di blocco e controlli a tappeto in tutta l’area circostante.

12 luglio 2013 0

Denunciato, dalla Forestale, l’autore dell’incendio boschivo a Piedimonte S. Germano

Di redazionecassino1

Il Nucleo Investigativo Antincendio Boschivo (N.I.A.B.), costituito presso il Comando Provinciale di Frosinone del Corpo Forestale dello Stato, ha individuato il presunto responsabile dell’incendio verificatosi il 5 luglio 2013 nel Comune di Piedimonte San Germano a causa di un’attività di ripulitura del terreno dai residui vegetali mediante abbruciamento. Il soggetto è stato denunciato quindi sia per il reato di incendio boschivo, sia per aver posto in essere l’abbruciamento del materiale vegetale di risulta che è attività di gestione di rifiuti non autorizzata.