Giorno: 16 luglio 2013

16 luglio 2013 0

Palazzine occupate di via Vaglie, Della Corte: “Se avete anche un pacco di pasta, donatelo”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un appello al senso di responsabilità delle singole persone. Un appello che colpisce al cuore quello di Bruno Della Corte che dal giorno stesso dell’occupazione delle due palazzine di via Vaglie ha avviato una raccolta di viveri da destinare alle diciotto famiglie che si sono rinchiuse oltre i cancelli degli edifici demaniali. “Sono cinquanta persone di cui 14 bambini di tutte le età che non hanno niente. Non entro nel merito se la loro azione sia legale o meno, – ha detto Della Corte – il fatto è che sono persone, esseri umani che stanno vivendo un momento di grande difficoltà e devono essere aiutati. Ci sono anziani e tanti bambini che meritano attenzione e sostegno. Negli ultimi giorni la solidarietà sta diminuendo sempre di più e anche la quantità di cibo a disposizione degli occupanti. Dalla Caritas alla Croce Rossa ormai tutti mi stanno chiudendo la porta in faccia. Anche le persone comuni che inizialmente si erano dimostrate generose adesso evitando di aderire alla raccolta. Ma stiamo parlando di persone che non possono essere abbandonate a se stesse. Il mio è un appello a tutti i cassinati: se avete anche un pacco di pasta, donatelo”.

16 luglio 2013 0

Pesca subacquea, la Capitaneria di Porrto di Gaeta sorprende due uomini a Sant’Agostino

Di redazione

Senza sosta l’attività dell’operazione “Mare sicuro“ della Capitaneria di porto di Gaeta per garantire la sicurezza nella fascia di mare dedicata alla balneazione. La presenza di subacquei non autorizzati all’interno della riserva marina del Parco Riviera d’Ulisse di Sperlonga ha permesso agli uomini della guardia Costiera di Gaeta di evitare il compimento di scempi del mare. Sul posto è stato inviato il battello G.C. B30 della Guardia Costiera, che durante tale attività di pattugliamento non rinveniva alcun subacqueo all’interno della riserva marina ma sorprendeva invece, in località “Torre S.Agostino”, a qualche metro dalla costa a picco, destinata di norma alla balneazione, due subacquei in attività di pesca .E’ stato effettuato sequestro di parte dell’attrezzatura sportiva (due fucili, due retini per conservare il pescato, e una lenza) nonché di 9 kili di pescato vario, devoluto in beneficenza alla CARITAS di Formia dopo le analisi e la dichiarazione dei qualità dei medici veterinari dell’ASL di SS.Cosma e Damiano. Tale mirata attività proseguirà nei prossimi giorni. La Guardia Costiera, infine, ricorda il numero blu 1530, appositamente predisposto per le emergenze in mare, attraverso il quale viene fornito un servizio completamente gratuito, attivo 24 h su 24, in tutta Italia.

16 luglio 2013 0

Si trincea in casa con due cani morti, 51 enne di Itri salvato dai pompieri

Di redazione

Si era barricato in casa con i suoi due cani e da dieci giorni non usciva. Si tratta di un 51enne di Itri già noto per intemperanze dovute a problemi di mente. Oggi pomeriggio alle 15, la squadra di vigili del fuoco della “boschiva” di Fondi, é intervenuta insieme ai carabinieri, agli agenti della Municipale e agli operatori del 118 per verificare le condizioni fisiche dell’uomo. Alto, e pesante oltre cento chili, si temeva per una sua reazione. Una volta dentro l’appartamento in pieno centro, di fronte al palazzo Comune, i pompieri si sono trovati di fronte ad uno scenario di degrado totale. Le carcasse dei due cani morti da tempo appestavano l’aria e l’alloggio era pieno di immondizia. Con non poca fatica l’uomo, completamente fuori di se, é stato convinto a salire sull’ambulanza per essere ricoverato a Formia. Er. Am.

16 luglio 2013 0

Giorgio Tirabassi alla IV edizione del Festival Jazz Tradizionale di Lanciano

Di redazionecassino1

Non impugnerà la pistola del commissario Ardenzi né i mestoli dello chef Perrone, ma imbraccerà una chitarra manouche: Giorgio Tirabassi, noto attore della fiction italiana (Distretto di polizia, Paolo Borsellino, Benvenuti a tavola Nord vs Sud), sarà protagonista del nuovo progetto del Festival Jazz Tradizionale – Città di Lanciano: “Django Reinhardt, il fulmine a tre dita”.

Ideato dal chitarrista romano Gianfranco Malorgio dell’Hot Club Roma e dal direttore artistico del Festival Jazz Tradizionale di Lanciano Renato Gattone, lo spettacolo di musica e parole racconterà al pubblico la vita del più grande jazzista europeo, all’apice del successo negli anni Trenta e Quaranta.

Sul palco del Polo museale Santo Spirito, Tirabassi, grande appassionato di chitarra e del Gypsy Jazz, rivestirà il duplice ruolo di narratore e musicista, racconterà i passi e gli aneddoti più significativi della vita del jazzista belga, di etnia Rom. Tra momenti ironici e passaggi commoventi, lo spettatore si ritroverà proiettato nell’Europa delle sale da ballo dell’epoca, percependone le atmosfere come in un film in bianco e nero.

«Nuages (1940), scritto durante la seconda Guerra mondiale a Parigi, è il brano che rese popolare Django. Una melodia semplice – spiegano i musicisti Malorgio e Gattone – che seppe, però, conquistare il cuore dei francesi durante l’occupazione fino a diventare una sorta di inno per la resistenza: il disco vendette oltre 100 mila copie».

«Di facile ascolto, il Jazz Manouche alterna momenti ricchi di virtuosismi ad altri romantici e intrisi di malinconia – aggiungono gli ideatori dello spettacolo -; sentimenti e stati d’animo che solo la musica gitana sa evocare, riuscendo a toccare le corde più nascoste di ognuno di noi». 

In “Django Reinhardt, il fulmine a tre dita” la musica è affidata ad una band di musicisti professionisti del Gypsy Jazz – tre chitarre, un violino, due fiati, contrabbasso e batteria – per una potenza di suoni che si preannuncia coinvolgente e appassionante.

Mito senza tempo, anche il cinema gli ha tributato importanti omaggi: alla vita di Django si riferì Woody Allen con il film ‘Accordi e disaccordi’ nel 1999; l’anno dopo, Johnny Depp in ‘Chocolat’ interpretò Minor Swing, uno dei brani simbolo di Django e tema della colonna sonora candidata all’Oscar nel 2001.

L’anteprima nazionale della IV edizione del Festival Jazz Tradizionale di Lanciano si svolgerà nel chiostro del Polo museale Santo Spirito, a Lanciano. Inizio spettacolo ore 21, biglietto 10 euro.

Main sponsor del Festival si confermano Ferrovia Adriatico Sangritana e Citra Vini, con la partecipazione di FederDop Olio.

16 luglio 2013 0

Si schianta con l’auto, 30enne di Cassino perde la mano. Corsa contro il tempo per riattaccarla

Di redazione

Nello scontro tra una Polo e una Golf, questa mattina a Cassino in Via San Domenico Vertelle, una donna di trenta anni ha subito la recisione della mano. L’incidente è avvenuto poco dopo le 11.30 e sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, gli operatori del 118 e i carabinieri. La donna ferita viaggiava sulla Polo e le sue condizioni sono gravi. I soccorritori hanno recuperatoi l’arto reciso e conservato in una sacca di ghiaccio nella spernza di poterlo reimpiantare. Immediatamente la 30enne è stata trasportata all’elipporto del Santa Scolastica dove un elicottero del 118 l’ha trasportata al Gemelli di Roma dove sarà sottoposta ad un delicato intervento chirurgico. Er. Am. Foto Alberto Ceccon

16 luglio 2013 0

La Comunità Safina di San Biagio Saracinisco, domenica 21 l’inaugurazione della mostra archeologica permanente

Di admin

Una nuova vittoria dell’amministrazione comunale guidata dal Dott. Dario Iaconelli. Dopo 64 anni dal primo rinvenimento archeologico domenica 21 alle 18.00 verrà inaugurata la Mostra Archeologica dal titolo la Comunità Safina di San Biagio Saracinisco che ospita, con lo scopo di divenire un centro di documentazione archeologica e restauro, i reperti più rappresentativi rinvenuti sul vicino Monte Santa Croce e negli insediamenti sorti attorno al suo oppidum fortificato del IV–III secolo a. C.. Il Monte santa Croce comprende buona parte della patrimonio archeologico noto e forma un caposaldo topografico sul corso del fiume Rapido, importante via di penetrazione e collegamento tra il Molise, l’Abruzzo ed la Valle Latina e lungo il quale, fin dall´Età del Bronzo, si concentrò la maggior parte dei contatti umani. Sia gli scavi regolari della Soprintendenza Archeologica per il Lazio che la raccolta di superficie hanno fornito una grande quantità di reperti che vanno dalla protostoria alla romanizzazione. Lo spazio espositivo ha trovato sede nella Casa Comunale e raccoglie ed illustra, attraverso una scelta di reperti e fotografie delle montagne vicine, le caratteristiche degli insediamenti italici e poi romani del territorio. Tra i reperti esposti spiccano i corredi funerari, visibili in una fossa sepolcrale ricostruita nella sala espositiva, ed una statua fittile di Mefìtis divinità italica assimilabile alla greca Afrodite e alla latina Venere. Le recenti indagini archeologiche, di cui la mostra presenta in sintesi i primi risultati, hanno consentito di individuare resti di capanne della prima età del ferro e di un insediamento che dovete assistere alle vicende dei Sanniti prima e dopo la romanizzazione.

L’allestimento ha beneficiato di un finanziamento Europeo veicolato dal G.A.L. di Alvito ha visto la partecipazione, a più titoli, i archeologi, architetti, illustratori e restauratori con la supervisione della Soprintendenza Archeologica per il Lazio.

Info

Progetto Summa Ocre

www.summaocre.com

info@summaocre.com

16 luglio 2013 0

Droga per gli studenti degli istituti scolastici di Piedimonte Matese e Alife, smantellata dai Carabinieri una rete di spacciatori

Di admin

Ancora un blitz antidroga dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese che alle prime luci dell’alba hanno eseguito quattro arresti per spaccio di sostanze stupefacenti e una misura cautelare dell’ obbligo di presentazione giornaliera alla Polizia Giudiziaria. Le indagini durate alcuni mesi, tra la fine del 2012 e il 2013, condotte dai militari del Nucleo Operativo, hanno portato a smantellare una rete di spacciatori che si occupava di rifornire in prevalenza giovani studenti presso gli Istituti Scolastici di Piedimonte Matese e Alife. Le fasi di spaccio sono state attentamente monitorate giorno per giorno, con servizi di osservazione e pedinamento, supportati da una attività tecnica espletata attraverso intercettazioni telefoniche. Le risultanze investigative raccolte dai Carabinieri, sono state racchiuse in una informativa inviata alla competente Autorità Giudiziaria dalla quale sono scaturire le seguenti ordinanze di custodia cautelare: in carcere è finito Roman Luponio 22enne, di Piedimonte Matese, agli arresti domiciliari Fabio Mainolfi, 32enne di Piedimonte Matese, Mercedes Gonzalvo, 56enne di Alife e Veronica Gentile, 18enne di Alife, mentre un obbligo di presentazione giornaliera alla Polizia Giudiziaria è scattato nei confronti di Alessio Gentile, 21enne di Alife. Le persone arrestate, con ruoli diversi, si occupavano di rifornire gli acquirenti di “marijuana” e in qualche caso “eroina”. Sono state circa 20 le persone, per lo più giovani studenti, anche minorenni, identificate e segnalate quali assuntori, ma non si esclude che alcuni di loro fossero coinvolti anche nell’attività di spaccio. Per questi motivi le indagini non possono ritenersi concluse, ulteriori sviluppi infatti potrebbero emergere già nei prossimi giorni con altri arresti. Singolare il linguaggio utilizzato per l’acquisto delle dosi di stupefacenti, “portami i limoni o le cime”, voleva significare “marijuana”, “portami le uova”, significava “eroina”. Nel corso delle indagini sono stati sottoposti a sequestro circa un chilogrammo di stupefacenti per un totale di oltre milleduecento dosi, nonché bilancini di precisione e materiale per il confezionamento. Veronica Gentile, la più giovane del gruppo, iscritta ad un Istituto Scolastico di Piedimonte Matese, si occupava in particolare di portare la droga direttamente all’ interno della scuola e quotidianamente assicurava il suo fidanzato Roman Luponio, se “la giornata” di spaccio fosse andata in modo soddisfacente.

16 luglio 2013 0

Riaperta la zona di allenamento cani senza sparo “I Santi”

Di admin

Il 10 Luglio è stata riaperta la zona allenamento cani senza sparo denominata “I SANTI” nei territori dei comuni di San Giorgio a Liri – Sant’Apollinare – Cassino – Pignataro e Sant’Ambrogio .

All’interno della zona, sono stati collocati due recinti di pre/ambientamento, curati dai Federacciatori Sangiorgesi della Sezione di Cassino , con l’immissione di ottanta starne, di cui cinquanta in pre/ambientamento e trenta liberate in tutte le località insistenti nel perimetro della zona allenamento cani .

Grande soddisfazione è stata espressa dei tantissimi appassionati cinofili che con i loro ausiliari avranno la possibilità di allenare i propri cani, nel rispetto delle normative vigenti.

All’interno della zona , nei giorni a seguire avranno luogo delle manifestazioni cinofili senza sparo, con l’intento di attrarre i tanti appassionati provenienti da tutte le province circostanti, per condividere e trascorrere insieme momenti piacevoli, all’insegna del divertimento e della passione cinofila.

A riguardo il Presidente dell’ATCFR2 Filippi Alessandro e il membro dell’ATCFR2, Responsabile della zona, Guarracino Romeo, hanno rivolto un ringraziamento a tutti coloro che giornalmente si sono adoperati per la buona gestione della zona , rivolgendo una raccomandazione a tutti gli appassionati di allenare i propri cani nel massimo rispetto dei terreni, mantenendosi ad opportuna distanza da eventuali terreni con ancora presenza di coltivazioni in atto, onde evitare sanzioni .

L’ATCFR2 comunica che la zona allenamento cani rimarrà aperta fina al 15 del mese di Agosto, e i conduttori dei cani, previo tesserino autorizzativo , potranno allenare i cani nelle giornate di lunedi, mercoledi, giovedi, sabato e domenica, scegliendo due giorni fissi a settimana.

Il campo, nelle intenzioni dell’ATCFR2 , non è solo un luogo per l’attività cinofila, ma è soprattutto luogo d’incontro per i cacciatori /cinofili.