Giorno: 29 luglio 2013

29 luglio 2013 0

Una mascotte di 40 chili per il porto di Formia. Guendalina la tartaruga testarda

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

E’ diventata la mascotte del porto di Formia, ma affollato di ogni genere di barche come è, rischia la vita ogni giorno. Quaranta chili di peso, 80 centimetri di lunghezza, Guendalina e una tartaruga di una specie protetta: la Caretta Caretta. I primi suoi avvistamenti risalgono al luglio dello scorso anno, quando i pescatori di rientro dalle battute di pesca, la trovavano al molo ad attendere i pesci in avanzo. Gli uomini della Capitaneria di Porto di Formia, comandata dal Maresciallo Marco Vigliotti, la prese e la portarono in un centro specializzato di Napoli perché ne verificassero le condizioni. Nel porto transitano aliscafi e imbarcazioni di grossa stazza e il rischio che l’anfibio si ferisse era troppo alto. Venne liberata al largo di Palinuro ma dopo un mese, Guendalina era ancora a Formia a rallegrare i pescatori e ad aspettarli al rientro dalla pesca. Ancora una cattura, nuovamente rimessa in libertà, e nuovamente ritorna a Formia. Probabilmente, il suo attaccamento al porto pontino, potrebbe essere giustificato dal fatto che in qualche anfratto, ha deposto le sue uova e sta aspettando che schiudano. Per questo Vigliotti ha provveduto a scrivere una lettera ai comandanti delle piuù grosse imbarcazioni che transitano nel porto per chiedere loro di prestare attenzione all’animale e a segnalarne gli spostamenti. Qualche giorno fa, dopo un appostamento di circa due ore, gli uomini della Capitaneria hanno aspettato che la tartaruga riemergesse e l’hanno catturata nuovamente affidandola ancora una volta al centro napoletano. Tornerà in libertà a fine agosto quando il traffico nel porto sarà diminuito. Er. Amedei

29 luglio 2013 0

Tre nuotatori in difficoltà salvati dalla Capitaneria di fronte la spiaggia di Serapo a Gaeta

Di redazione

Tre giovani nuotatori, questa sera poco prima delle 20, sono stati soccorsi da una motovedetta della guardia Costiera di Gaeta ad un centinai di metri dalla riva della spiaggia di Serapo. I tre si erano avventurati in mare aperto e al ritorno hanno trovato difficoltà. Pare che uno, vinto dalla stanchezza, sembrava non ce la facesse a guadagnare la riva e gli altri due, per aiutarlo, hanno esaurito le ultime riserve di energia. Qualcuno dalla riva li ha visti sbracciarsi e ha lanciato l’allarme alla Guardia Costiera che ha inviato un battello il cui equipaggio ha recuperato i tre portandoli in salvo.

29 luglio 2013 0

Vive da solo in casa, pensionato ferito, viene trovato dopo un intero giorno

Di redazione

Questa mattina ad Arce, i carabinieri sono intervenuti in seguito ad una richiesta di soccorso formulata da un 55enne del posto che raccontava di un uomo ferito. Giunti a casa della persona indicata, un pensionato, hanno constatato che lo stesso era rimasto vittima di un incidente domestico avvenuto durante l’esecuzione di alcuni lavori domestici eseguiti sul tetto della propria abitazione. In particolare, la vittima, a seguito di un improvviso malore, era caduto all’interno del vano sottotetto, rimanendovi immobilizzato dalle ore 15,30 di ieri. Considerando le circostanze, nonostante l’immediato supporto alla vittima prestato dal varco sul tetto, al fine di agevolare le operazioni di soccorso da parte del personale medico del 118, i militari hanno infranto una finestra della sottostante abitazione, rimasta chiusa dall’interno, consentendo il raggiungimento dell’anziana vittima da parte dei Vigili del Fuoco di Frosinone, Sezione distaccata di Arce. Valutate le sue condizioni di salute, il pensionato, già affetto da pregresse patologie cardiache, veniva trasportato presso l’ospedale di Sora ove veniva ricoverato in osservazione.

29 luglio 2013 0

Abusava sessualmente in un campeggio di un bambino di otto anni, 45enne salvato dal linciaggio e arrestato

Di redazione

Violenza sessuale su minore, questo il reato contestato ad un 45enne di Fondi arrestato ieri dai carabinieri in un campeggio della zona. Secondo quanto riferito da alcuni vicini di tenda, l’uomo stava abusando sessualmente di un bimbo di otto anni affidatogli in quando amico di famiglia. Altri campeggiatori hanno sentito il bimbo lamentarsi e piangere nella tenda, hanno verificato e hanno scoperto l’inequivocabile situazione. Immediatamente sono stati chiamati i carabinieri che dopo i necessari riscontri, hanno tratto in arresto l’uomo che rischiava anche il linciaggio da parte degli altri campeggiatori. Il bimbo è stato affidato ai servizi sociali.

29 luglio 2013 0

Coltiva canapa indiana a Monte San Biagio, 24enne arrestato

Di redazione

Aveva scelto un terreno abbandonato a Monte San Biagio (Lt) e lo ha trasformato nel suo orto coltivando la canapa indiana. I carabinieri hanno a lungo seguito gli spostamenti di L. M. 24 anni del posto, fino a sorprenderlo mentre coltivava le sue 31 piante da cui avrebbe ricavato un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti. Le piantine erano alte circa un metro e pesavano complessivamente 15 chili. Tutto è stato estirpato e sequestrato mentre il giovane con precedenti di polizia, è stato arrestato.

29 luglio 2013 0

La raccolta differenziata a Cassino fa rimpiangere i vecchi cassonetti

Di redazione

La raccolta differenziata è partita a Cassino nel peggior modo possibile. La città per molte ore del giorno è invasa dai rifiuti e la popolazione rimpiange i vecchi ed utili cassonetti. Questo tipo di raccolta differenziata sembra essere stata studiata più per facilitare il lavoro della De Vizia, la società incaricata, che per venire incontro alle esigenze dalla popolazione. Molte famiglie sono ancora sprovviste dei contenitori, soprattutto nella zona di via Garigliano. Molti edifici non hanno ancora risolto il problema dei contenitori grandi, non avendo a disposizione un posto adeguato e così per almeno 12 ore ogni palazzo si ritrova dai 15 ai 20 contenitori nei pressi del portone o dei garages, in attesa della levata. I negozi ora hanno una serie di bidoni nei pressi dell’ ingresso, cosicchè i clienti devono passare davanti all’ immondizia prima di avervi accesso. La De Vizia ha stabilito che i contenitori pieni si debbano lasciare dopo le 21 per poi ritirarli vuoti alle 9 del mattino seguente. Ma in queste prime settimane la raccolta è terminata sistematicamente oltre le 11 del mattino, quindi l’ immondizia rimane anche per 14 ore in bella vista. Inoltre chi è impossibilitato ad adeguarsi agli orari della De Vizia non riesce a ritirarlo subito dopo l’avvenuta raccolta e quindi il contenitore rimane spesso tutto il giorno sul posto. Gli operatori ecologici che prima svuotavano tre grossi cassonetti ogni due-trecento metri, ora devono seguire a piedi passo passo un camion che raccatta qua e là migliaia di mini contenitori e buste.

Comune e De Vizia giocano a rimbalzarsi la palla sulle responsabilità di chi deve pulire i cumuli di immondizia indifferenziata che i cittadini si ostinano a sversare ove prima vi erano cassonetti, con il risultato che questi cumuli per giorni sono aumentati di volume con rischi per la salute dei cittadini. Alla fine vi è stato un intervento tampone ed in molte zone della città la situazione è tornata normale…fino al prossimo accumulo. I cestini destinati all’ immondizia spicciola vengono invece usati come pattumiera di sacchetti ordinari e traboccano. I saltuari visitatori della città, soprattutto quando c’è il mercato, non essendo titolari di contenitori personalizzati non sanno dove gettare la carta di un gelato, un pannolino o un fazzoletto. I prati sono pertanto divenuti lo sversatoio occasionale di chi non vuole mettersi l’ immondizia in borsa per portarsela a casa. Molti cassinati hanno in verità preso anche d’assalto i cassonetti dei comuni limitrofi. Così non è raro vedere chi si carica l’ immondizia in macchina e fa dieci chilometri per andarla a gettare altrove. E pensare che si vedranno pure triplicata la bolletta della Tarsu. Di Max Latempa

29 luglio 2013 0

Domani il ‘Gran Galà’ chiude i Campionati Nazionali Universitari 2013

Di redazionecassino1

Ultimo, importante appuntamento, prima che cali definitivamente il sipario sui Campionati Nazionali Universitari, che dal 16 al 26 maggio scorso hanno ‘infiammato’ la città di Cassino, invasa da circa 5 mila atleti, provenienti dai 52 atenei italiani. Con il ‘Gran Galà dei Cnu’, che si terrà martedì 30 luglio alle ore 20:30 presso l’Azzurra Sport Village in via Casilina Sud, il presidente del Cus Cassino, professor Carmine Calce, saluterà e ringrazierà tutti i partecipanti. Al fianco del numero uno del Centro Universitario Sportivo – che molto si è speso per la buona riuscita dell’evento – il rettore dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale Ciro Attaianese, il sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarrcone, il presidente del comitato organizzatore dei Cnu Alessandra Zanon, e le massime istituzioni politiche, e non solo, del territorio. «Sarà l’occasione – spiega il professor Carmine Calce – per ringraziare tutti i volontari che hanno collaborato con noi, i ragazzi che hanno lavorato durante i Cnu, il magnifico staff del Cus Cassino. E soprattutto – aggiunge – per ringraziare i partner che hanno reso possibile l’evento, in primis i main sponsor che da subito hanno creduto nell’iniziativa: Acea e Banca Popolare del Cassinate, senza dimenticare Enel, Unindustria e Regione Lazio». Ma la cerimonia finale dei Cnu, sarà anche e soprattutto l’occasione per tracciare un bilancio di cosa hanno lasciato in città e sull’intero territorio i Campionati. A partire dalle strutture sportive, e in primis dalla pista di atletica dello stadio ‘Salveti’ intitolata a ‘Mennea’. Quindi il Rettore, il presidente Zanon, e il professor Calce, provvederanno alla premiazione delle squadre che si sono maggiormente contraddistinte, in particolare quella di pallavolo che è approdata nel campionato di serie D. Infine un riconoscimenti agli atleti e alle squadre del Cus Cassino che, nei dieci giorni di gare, hanno regalato al presidente Carmine Calce ben nove medaglie. Saranno quindi premiati i 5 cussini che hanno conquistato l’oro: tra gli altri Prisco Casertano nel judo, Roberto Bertolini nel giavellotto e Marco Forcina nel taekwondoo, oltre che i 3 che hanno portato a casa il bronzo, ed Elena Ricci medaglia d’argento nelle gare di atletica, già medaglia d’oro ai Cnu di Messina nel 2012. Quindi, con la cerimonia di martedì sera, calerà ufficialmente il sipario sui Cnu. Ma da settembre, immediatamente dopo le ‘meritate’ ferie estive, il Cus Cassino è pronto per un’altra stagione sportiva da protagonista in tutte le discipline sportive.

29 luglio 2013 0

La magia del Folklore incanta il Castello Caetani

Di redazionecassino1

Grande successo per la serata mondiale del folklore, ieri sera al Castello Caetani. Il Latium World Folkloric Festival è infatti partito proprio con Sermonetae si protrarrà fino a tutta la prossima settimana in diversi Comuni tra Roma e Latina. I gruppi folk si sono in piazza D’Armi dopo aver sfilato per le vie del centro storico.

Ad esibirsi sono stati la Spagna con il Grupo Municipal de Danzas de Fuengirola ed i balli classici della loro terra, tra cui il Flamenco; Israele con la Compagnia Halleluya di Haifa, che ha presentato un’ampia selezione di danze tradizionali stilizzate, spesso con scene di umorismo e di vita quotidiana (divertentissima la rappresentazione del matrimonio); infine, la bellezza ed il fascino balcano della Serbia con il suo gruppo tradizionale State Folk Dance Ensemble AKUD “Ivo Lola Riber” .

Per Sermoneta è stato un onore aver ospitato per il terzo anno consecutivo una serata del Latium World Folkloric Festival, sostenuto dal CIOFF (Conseil International des Organisations de Festivals de Folklore et d´Arts Traditionnels), presso il suggestivo Castello, grazie anche alla collaborazione della Fondazione Caetani e della Fondazione Campus Musica. Dopo la magia del concerto di Gino Paoli, sabato 27 luglio, Sermoneta ha vissuto un altro momento “magico”. La manifestazione ha avuto un ottimo riscontro di pubblico e di critica, contribuendo a rinsaldare a Sermoneta un importante appuntamento di danze e di musiche della tradizione popolare di tutto il mondo, educando al rispetto ed a guardare al mondo come luogo ricco di popoli diversi che possono vivere in armonia.

Il cartellone del Sermoneta Estate 2013 prosegue il 1, 4 e 5 agosto con il Caroso Festival e, il 10 agosto, uno spettacolo teatrale al Belvedere ad ingresso gratuito. Il 2, 9 e 30 agosto, infine, appuntamento a Monticchio per il CinEstate, proiezione di film all’aperto nel parco di fronte il centro civico.

29 luglio 2013 0

Arrestato dai carabinieri un 60enne ubriaco, minaccia e aggredisce i passanti

Di redazionecassino1

Un uomo di 60 anni, ieri sera, è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Atessa con le accuse di resistenza a Pubblico Ufficiale e danneggiamento aggravato. Gli uomini dell’Arma, intervenuti a seguito delle chiamate pervenute al 112 da parte di alcuni cittadini, hanno dovuto faticare molto  prima di avere la meglio su l’uomo che, in evidente stato di ebbrezza, ha opposto una agguerrita resistenza per sottrarsi all’identificazione. Il 60enne, poco prima dell’arrivo dei militari, sotto l’effetto di bevande alcoliche che avevano alterato notevolmente il suo stato psicofisico, senza alcun apparente motivo aveva minacciato e tentato di aggredire alcuni passanti ed un tassista che si trovavano nella centralissima Piazza Oberdan di Atessa. All’arrivo dei carabinieri l’uomo si è scagliato contro l’auto dell’Arma danneggiandola lievemente e poi ha tentato in tutti i modi di sottrarsi all’identificazione da parte dei militari. Bloccato al termine di un animato parapiglia il 60enne è stato condotto presso il locale nosocomio dove è stato temporaneamente ricoverato per essere sottoposto ad una terapia farmacologica. Questa mattina l’uomo è stato processato con rito direttissimo e il suo arresto è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria.

29 luglio 2013 0

Al teatro romano “C’era una volta il cinema” concerto della Banda ‘Don Bosco Città di Cassino”

Di redazionecassino1

Torna la grande musica al teatro Romano di Cassino. Mercoledì 31 luglio, alle ore 21.00, la banda musicale Don Bosco – Città di Cassino, diretta dal Maestro Marcello Bruni, terrà il suo secondo concerto nell’ambito della rassegna estiva “CassinoArte”. “C’era una volta il cinema” è il titolo dello spettacolo, che accompagnerà il pubblico in un vero e proprio viaggio nella storia del Cinema. I presenti potranno riascoltare le colonne sonore più celebri rivedendo le immagini dei film più belli. Dopo il successo della prima edizione dello scorso anno, la Banda musicale “Don Bosco-Città di Cassino” torna ad esibirsi nel superbo gioiello di architettura romana, quale è il Teatro Romano. Nato nel 2010, grazie alla lungimiranza del Maestro Marcello Bruni, il complesso bandistico è composto da 60 elementi. Il filo conduttore del concerto di mercoledì sera, inserito nel cartellone di Cassino Arte, la rassegna di musica, danza, spettacolo, teatro e cabaret che ogni anno anima l’estate cassinate, sarà la musica da film. Le più celebri colonne sonore saranno accompagnate da innumerevoli immagini di veri e propri capolavori cinematografici. Si partirà con “La Vita è Bella” di Benigni con le musiche di Nicola Piovani per continuare con “Amarcord”, “C’era una volta il west”, “C’era una volta l’America” , “Ghost” e il grande kolossal di Michael Mann. La Banda Don Bosco riserverà poi un finale a sorpresa. A dirigere sarà il Maestro Marcello Bruni. Nel corso del concerto, presentato da Elena Pittiglio, si esibiranno al pianoforte il Maestro Saverio Coletta accompagnato alle percussioni dal Maestro Gabriele Canelli