Aquino: Percorso ad ostacoli per l’amministrazione Mazzaroppi, sanzioni e richieste di pagamento impegnano la Giunta

22 luglio 2013 0 Di redazionecassino1

La nuova amministrazione comunale di Aquino, guidata dal sindaco Libero Mazzaroppi, sta lavorando a ritmi spediti per costruire progetti che rilancino la città, ma ogni giorno si trova a fare i conti con problemi ereditati dal passato che rischiano di rallentare questa marcia. Solo qualche giorno fa la giunta comunale è stata costretta a nominare un avvocato che difenda l’ente: al centro della discussione ci sono tre ingiunzioni di pagamento arrivate dalla Regione e contro le quali il Comune ha deciso di opporsi. Si tratta di tre diversi provvedimenti, per un totale di oltre 11mila euro, che si riferiscono ad alcuni episodi compresi nel periodo che va dal 21/07/2011 al 13/04/2012. È l’Arpa Lazio, ovvero l’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, a contestare alcune violazioni al Comune e all’Acea Ato 5 in relazione al funzionamento del depuratore comunale che si trova in località La Forma: vengono sanzionati prima la mancanza di autorizzazione allo scarico, poi alcuni valori rilevati dopo il prelievo delle acque di scarico che, secondo l’agenzia, sarebbero stati superiori ai limiti prescritti dalla legge. Il comune di Aquino, stando alle ingiunzioni della Regione, non ha prodotto alcun documento difensivo ed in più l’ex sindaco non si è presentato per chiarire la posizione dell’ente benché, cita la nota, fosse stato convocato. Ecco perché dalla Direzione regionale “Programmazione economica, bilancio, demanio e patrimonio”, sono arrivate le tre ingiunzioni di pagamento, contro le quali la nuova amministrazione vuole opporsi.

Ma questo non è l’unico grattacapo ereditato: il sindaco ha dovuto fronteggiare anche una richiesta di pagamento di una fattura da oltre 46mila euro per lavori che una ditta asserisce di aver svolto sul territorio comunale. Ma dal municipio spiegano di non avere alcun documento che testimoni le decisioni prese dal Comune in tal senso: si tratta di interventi mai deliberati e per i quali non c’è alcun impegno di spesa. “Anzi – aggiunge il sindaco Mazzaroppi – vogliamo appurare anche se i lavori siano stati svolti nel rispetto delle normative in materia di appalti ed evidenza pubblica oppure no.”

“Pur essendosi la nuova amministrazione insediata con molto entusiasmo – spiega l’assessore al Bilancio Carlo Risi – siamo costretti giornalmente ad affrontare problematiche ereditate dalla passata gestione: procedimenti amministrativi che hanno comportato sanzioni, contenziosi per i quali l’ente è rimasto contumace, richieste di pagamento per lavori mai deliberati. Ovviamente ci stiamo impegnando per definirle con il minor costo per il Comune”.

 “Senza voler fare alcun tipo di polemica – spiega il sindaco – voglio solo informare i cittadini dei problemi che stiamo affrontando giorno dopo giorno e che dipendono da vecchie situazioni: ci stanno portando via molto tempo, ma ogni volta che sarà possibile difendere gli interessi del Comune, non esiteremo ad intraprendere ogni azione necessaria per la tutela della collettività.”