Giorno: 17 agosto 2013

17 agosto 2013 0

Un folgorato e un traumatizzato da caduta, due feriti in incidenti domestici in provincia di Frosinone

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Due incidenti domestici hanno causato, oggi, il ferimento di due 50enni della provincia di Frosinone. Il primo episodio é accaduto questa mattina dopo le 11 a Villa Santa Lucia dove un uomo del posto stava tinteggiando casa quando é caduto dalla scala. Un volo di circa tre metri gli ha causato un trauma alla colonna vertebrale. Il ferito non aveva piú sensibilità alle gambe. Soccorso dagli operatori del 118, é stato elitrasportato a Roma. Stesso percorso per un coetaneo di Ceprano che dopo le 15 é rimasto folgorato da una scarica elettrica mentre faceva una riparazione all’impianto elettrico della sua abitazione. In arresto cardiaco, poi ripreso, é stato elitrasportato a Roma.

17 agosto 2013 0

Nel cimitero di Grazzanise profanate le tombe dei parenti dei politici

Di redazione

La notte fra venerdì 16 e sabato 17 agosto 2013 è destinata al più lugubre dei ricordi per l’intera popolazione grazzanisana. Ignoti balordi, forse prezzolati, hanno fatto scempio di quattro tombe. Asportata la lapide del loculo ove riposa Italo Petrella, maresciallo dei CC; scoperchiata la bara; addirittura divelto l’involucro di zinco; i resti del defunto lasciati alla luce del sole. Spezzata la lastra marmorea di Marta M. Maddalena Petrella morta il 16 marzo del 2000. Ridotto in frantumi il granito del sepolcro dello studente di architettura Franco Parente. Violata perfino la sepoltura di F. Antonio Aurelio, autista 51enne folgorato sul posto di lavoro dai fili dell’alta tensione il 29 ottobre 1998. Ad accorgersi dell’orrendo plurisacrilegio il custode del vecchio camposanto, Giovanni Vitolo, che ha presto avvertito carabinieri e vigili urbani. Gli uomini del m.llo De Santis -comandante della locale stazione CC che rientra nel comprensorio affidato alla Compagnia di S.Maria C.V. agli ordini del cap. Vincenzo Càrpino- e il ten. della Polizia municipale Gaudiano insieme con l’operatore Caianiello, subito accorsi, hanno svolto i rilievi del caso, ma pare che sia stato difficile acquisire impronte digitali. Diffusasi la tremenda notizia dell’abissale gesto, una folla sgomenta s’è precipitata al cimitero …anche per verificare la scampata profanazione dei tumuli di altri cari estinti. In paese non si parla d’altro. ** Grave l’atto. “Gravissimo!” ha corretto rapidi altri. E’ ripiombato all’improvviso, proprio nei giorni di scìa del Ferragosto, un inimmaginabile “medioevo di formidabile attualità”. E, benché qualche leader storico si sia ostinato a negar l’evidenza, tutti a Grazzanise hanno immediatamente còlto i mirati obiettivi del macabro vandalismo perpetrato: le tombe profanate, infatti, sono state quelle dei familiari di primo, secondo o terzo grado di esponenti della politica locale. Italo, padre di Franco Petrella del comitato Senso Civico. Franco, cognato dell’ex sindaco Marcello Vaio, ora nello stato maggiore di Nuovi Orizzonti. Marta M. Maddalena, zia, e F. Antonio (cugino acquisito) di Mimì D’Elena fondatore della civica Campi Stellati. Profondi legami presto ricostruiti dalla gente. Ora ovviamente al vaglio degli inquirenti. Se tutto (o quasi) fosse confermato nel tempo, si potrebbe individuare nella data del 17 agosto 2013 un agghiacciante spartiacque nella cronaca-storia politico-amministrativa di un Comune adesso guidato dalla Commissione straordinaria Migliorelli-Quaranta-Auricchio subentrata alla dott.ssa Ciaramella inviata dal prefetto di Caserta, Pagano, subito dopo il crollo del civico consesso, a maggioranza svoltista, nel maggio 2012. E come si può pensare che un simile inqualificabile gesto concorra a determinare i destini, prossimi e remoti, della municipalità? Qui sta il nodo cruciale. Da qui potrebbero derivare inquietanti risvolti e, comunque, le più adeguate ponderazioni istituzionali (altrimenti detto, del Ministero dell’Interno nella sua articolazione periferica e perfino centrale). Certo, davanti ad un tale disastro assumono rilevanza anche i precedenti che, nella fattispecie, risalgono agli anni Ottanta, quando il cranio di Enrico Parente, primo sindaco eletto nel dopoguerra, fu scaraventato, in quel periodo di piombo, fra i viali del cimitero: c’erano allora molti cipressi, oggi ridotti a tre. Altra motivazione (il furto di rame e d’ottone) all’origine degli scempi nel camposanto della frazione Brezza, qualche mese fa, o di altri centri in date più lontane. Chi e perché sta barando con le bare? Il tempo risponderà! Uno dei curiosi, decidendo d’andare anch’egli a vedere gli orripilanti esiti del raid era esitante giacché indossava le bermuda. Indossa alfine scuri pantaloni e va. Allora c’è qualche speranza, se questo accade a Grazzanise. Raffaele Raimondo

17 agosto 2013 0

San Giorgio a Liri – Migliorelli, Buschini, Spilabotte, De Angelis: Insieme per cambiare il PD

Di admin

Dal Pd di San Giorgio a Liri riceviamo e pubblichiamo: Lunedì 19 Agosto, alle ore 21,00, all’interno della Festa Democratica del PD di San Giorgio a Liri, in Piazza Dante, si svolgerà il dibattito politico: “Oltre le correnti e le larghe intese: la realtà del governo della Regione Lazio come prospettiva per il Paese”. Interverranno il dirigente provinciale Lucio Migliorelli, già segretario del PD di Frosinone, il consigliere regionale Mauro Buschini, la Senatrice Maria Spilabotte e l’europarlamentare Francesco De Angelis. I relatori all’unisono condividono l’importanza del prossimo congresso del PD che sarà una tappa decisiva e lavoreranno ad un percorso condiviso per far si che prevalga l’idea di un partito che sia davvero utile alla comunità di cui fa parte, superando la logica correntizia che ha frenato la spinta innovatrice del PD e si proponga di superare la fase politica attuale. In questo senso è molto utile l’esperienza di governo della Giunta Zingaretti che può rappresentare la vera prospettiva per il PD: occorre un Partito che faccia dell’equità il proprio principio cardine e che abbia un programma che punti alla redistribuzione delle risorse materiali e delle opportunità attraverso un nuovo sistema di regole per garantire le stesse condizioni di partenza. Così come un contributo importante potrà arrivare dall’esperienza del comune di Roma guidato dal Sindaco Ignazio Marino. Cambiare il PD in modo che il PD cambi l’Italia. Un lavoro che parte dall’unità del centrosinistra, dialogando con i movimenti e le realtà civiche che guardano a noi con interesse ed attenzione, per andare oltre le larghe intese ed in modo da assicurare un vero governo riformista all’Italia. Dopo il dibattito seguiranno sul palco della festa i S.O.N. Cover ufficiale dei Nomadi.

17 agosto 2013 0

Cade dalla scala mentre tinteggia casa, 50enne di Villa S. Lucia elitrasportato a Roma

Di redazione

Stava tinteggiando la casa usando una scala alta tre metri. Qualcosa è andato storto ed è caduto battendo la schiena. Lo sfortunato protagonista della vicenda è un 50enne di Villa Santa Lucia che aveva scelto il dopo Ferragosto per effettuare alcuni lavori domestici. Un piede in fallo, un volo di tre metri, la sensibilità alle gambe che manca, l’elicottero del 118 che atterra e lui che viene trasportato all’Umberto I di Roma. Questa la sintesi di ciò che è accaduto. Er. Am.

17 agosto 2013 0

Emergenza incendi a Tecchiena, rogo incenerisce 40 ettari di vegetazione e minaccia abitazioni

Di redazione

Sono circa 40 gli ettari di vegetazione, tra sterpaglia, macchia e uliveti, ridotti in cenere da un incendio divampato ieri pomeriggio a Tecchiena su Monte Reo nella zona di Castello. Sul posto sono stati impegnati vigili del fuoco, protezione civile, forestali e mezzi aerei ma il rogo non è stato ancora domato. Questa notte si è temuto per alcune abitazioni che sono state lambite dalle fiamme e, a loro protezione, sono stati impiegate diverse squadre di pompieri. Da questa mattina all’alba sono ricominciati i lanci acqua dai mezzi aerei ma anche quella di oggi si preannuncia una dura giornata di fuoco.

17 agosto 2013 0

Si schiantano a San Donato e l’auto si spacca in due. Trentatrenne in condizioni disperate

Di redazione

Sono usciti di strada schiantandosi contro un muro in cemento armato. La Fiat Punto sulla quale viaggiavano si è letteralmente spezzata in due e uno degli occupanti, un 33enne di Caserta, è stato sbalzato fuori dall’abitacolo. E’ lo scenario che i soccorritori si sono trovati davanti questa notte, poco dopo le due, sulla strada Statale 666 che da San Donato Valcomino conduce in Abruzzo passando per Forca D’Acero. La vettura aveva da poco superato San Donato quando hanno perso il controllo della vettura per cause ancora al vaglio dei carabinieri di Sora e del loro comandante il capitano Laudonia. Gli occupanti del veicolo, entrambi di Caserta, uno di appena 15 anni sono rimasti feriti. Le condizioni del 33enne, però sono disperate e, questa mattina, a bordo di un elicottero, è stato trasportato in un ospedale di Roma. Il 15enne ne avrà per pochi giorni.