Giorno: 26 agosto 2013

26 agosto 2013 0

Allarme stalking a Latina, tre arresti in meno di due settimane

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Tre gli arresti per stalking verso donne nelle ultime due settimane hanno fatto salire il livello di allarme nella provincia di Latina sui reati persecutori. Il 14 agosto, i carabinieri di Latina hanno arrestato un 38enne che ha pestato la moglie, colpendola con calci e pugni davanti ai figli procurandole ferite che l’hanno costretta al ricovero in ospedale. Le manette sono scattate anche per un 20enne di Sonnino diventato l’incubo della sua ex fidanzata. Il giovane la molestava con minacce telefoniche ad ogni ora fino a quando, il 17 agosto, i carabinieri non hanno ritenuto necessario arrestarlo per evitare che potesse passare dalle parole ai fatti. Il 23 agosto a Terracina, invece, un 34enne napoletano ha seguito la sua ex compagna a Terracina per continuare, anche in vacanza, la sua attività da stalker. La donna se lo è ritrovato, più molestatore che mai, sotto l’ombrellone in uno stabilimento balneare. Anche in questo caso, dopo ingiurie e minacce, è scattato l’arresto.

26 agosto 2013 0

Investita a Cassino, migliorano le condizioni della 60enne

Di redazione

Sta meglio la donna investita questa mattina in via Garigliano a Cassino. Inizialmente si temeva per un’auto pirata ma soprattutto per le sue condizioni. L’uomo che l’aveva soccorsa ha raccontato di averla trovata già in terra con la ferita al capo. Poi, invece, il mistero è stato svelato: l’automobilista ha riferito di non poter escludere che possa essere stata la sua auto a urtare, anche se lievemente la donna e provocarle la caduta. Per fortuna, anche le condizioni della ferita sono andate via via migliorando. er Am.

26 agosto 2013 0

Pestata dal marito, giovane donna in ospedale a Cassino. Non lo denuncia ma lo lascia

Di redazione

Pestata in casa dal marito in piena notte. Per questo, una giovane donna straniera residente a Cassino sulla strada provinciale per la frazione di Caira, è stata costretta a ricorrere prima alle cure degli operatori del 118 giunti a bordo di una ambulanza, e poi a quelle del pronto soccorso di Cassino. Erano le due circa quando il personale dell’emergenza sanitaria ha soccorso la donna il cui volto era completamente tumefatto dalle percosse del coniuge. Trasportata in ospedale, la donna è stata medicata per i vari traumi riportati ma ai carabinieri subito allertati, comandati dal maresciallo Dell’Omo, non ha voluto presentare denuncia; ha preferito, una volta dimessa, lasciare la sua casa e il marito e trovare una nuova sistemazione.

26 agosto 2013 0

Nuovo regolamento UE sugli sbiancanti dentali: solo dal dentista quelli potenti

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: L’UE interviene per tutelare la salute dei consumatori contro i rischi degli sbiancanti dentali. A segnalarlo è Giovanni D’AGATA, presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti” che rileva come con due regolamenti le istituzioni europee hanno introdotto, a partire dall’11 luglio 2013, alcune modifiche riguardanti i prodotti per lo sbiancamento o lo schiarimento dei denti (sbiancanti dentali) con concentrazione > 0,1 % e ≤ 6 % di perossido di idrogeno.

Data la natura vincolante dei due regolamenti in questione, gli stessi sono obbligatori in tutti i loro elementi e direttamente applicabili in ciascuno degli stati membri dell’Unione europea.

In particolare, a far data dall’11 luglio scorso i prodotti cosmetici a base di perossido di idrogeno (H2O2), devono essere conformi alle disposizioni delle due disposizione di seguito citate:

– Regolamento (CE) N. 1223/2009 sui prodotti cosmetici, del Parlamento europeo e del Consiglio del 30 novembre 2009, che sostituisce la direttiva 76/768/CEE del Consiglio del 27 luglio 1976, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative ai prodotti cosmetici, e tutte le sue successive direttive di modifica per adeguamento degli allegati al progresso tecnico.

– Regolamento (UE) N. 344/2013 della Commissione del 4 aprile 2013, che modifica gli allegati II, III, V e VI del Regolamento (CE) n. 1223/2009.

Per ciò che concerne le modifiche essenziali alla normativa precedente bisogna fare particolare riferimento all’allegato III, numero d’ordine 12, del Regolamento (UE) N. 344/2013, che prevede che a partire dall’11 luglio 2013:

1. In primo luogo che i prodotti per lo sbiancamento o lo schiarimento dei denti (sbiancanti dentali) con concentrazione > 0,1 % e ≤ 6 % di perossido di idrogeno, presente o liberato, attualmente classificati come dispositivi medici e marcati CE ai sensi della Direttiva 93/42/CEE, non possono più essere immessi sul mercato come tali ma solo come cosmetici in conformità ai due regolamenti.

2. I prodotti sbiancanti dentali con concentrazione > 0,1 % ≤ 6 % di perossido di idrogeno, presente o liberato, classificati come dispositivi medici e marcati CE già presenti sul mercato non possono essere venduti o distribuiti al consumatore finale.

3. I prodotti con una concentrazione > 0,1 % ≤ 6 % possono essere venduti esclusivamente dai dentisti a cui viene riservata, sotto la loro diretta supervisione, la prima utilizzazione. In seguito, il prodotto deve essere fornito al consumatore per completare il ciclo di utilizzo.

4. I prodotti per lo sbiancamento dei denti con una concentrazione di perossido di idrogeno inferiore allo 0,1% possono invece continuare ad essere venduti in farmacia.

26 agosto 2013 0

Gioco d’azzardo, la Lega Consumatori contro gli spot pubblicitari

Di redazione

Il gioco d’azzardo patologico è un fenomeno crescente. Si stima che le persone affette da gioco d’azzardo patologico siano già circa 800.000, mentre 3 milioni sono quelle a rischio. Per la Lega Consumatori si tratta di dati preoccupanti, destinati a crescere se non si attua un’efficace azione contro la pubblicità irresponsabile, infatti la pubblicità del gioco d’azzardo, sostiene l’avv. Isabella Marziale, Presidente provinciale della Lega Consumatori, anziché promuovere una giusta cultura del gioco che ne valorizzi le potenzialità senza sottovalutarne le componenti di rischio, trasmette ai consumatori messaggi subdoli e fuorvianti, inneggianti al gioco, con la promessa di grosse e facili vincite. Le attuali pubblicità pongono enfasi solo ed esclusivamente sulla vincita e il gioco perde così la sua eventualità e acquisisce certezza. Inoltre, aumentano sempre di più da parte degli esercizi commerciali gli inviti espliciti all’acquisto di gratta e vinci per “tentare la fortuna”; segnalazioni, a tal riguardo, qualche tempo fa, erano arrivate da parte di cittadini che, alle casse di un noto centro commerciale della città martire, venivano invitati ad acquistare i biglietti del “gratta e vinci” e, recentemente, anche i banconi di un ufficio postale della città sono stati tappezzati da volantini riportanti la seguente dicitura: “Oggi sarà il tuo giorno fortunato? Scoprilo qui”. La Dott.ssa Ivana Baldassarre, psicologa responsabile dello sportello GAP di Cassino, sottolinea come la pubblicità sul gioco d’azzardo stia ormai invadendo con messaggi accattivanti e fuorvianti la vita quotidiana delle persone attraverso tutti i canali di comunicazione: internet, tv, radio, manifesti, volantini ecc. Tale coinvolgimento non risparmia neppure i giovanissimi che, sempre di più, si avvicinano al gioco d’azzardo, anche grazie alle nuove tecnologie che permettono di scaricare da internet, sui cellulari, delle applicazioni gratuite che facilitano l’accesso al gioco d’azzardo. Nel passato le persone dovevano attivarsi per trovare il tempo e un luogo per il gioco d’azzardo, mentre al giorno d’oggi è il gioco d’azzardo che cerca ognuno di noi ed è dietro l’angolo. La mancata conoscenza dei rischi effettivi connessi al gioco d’azzardo unita al messaggio di facili vincite veicolato dalla pubblicità rende il problema del gioco d’azzardo una bomba ad orologeria pronta ad esplodere da un momento all’altro. Proviamo ad osservare con occhi diversi il fenomeno: giocare d’azzardo grattando biglietti, pigiando il dito sui pulsanti delle slot-machine o aspettando con biglietti alla mano risultati di partite o estrazioni di numeri, non significa tentare la fortuna, ma mettere a rischio il proprio benessere economico e psicofisico e quello delle persone che ci circondano. In tutto il Lazio sono attivi degli sportelli di consulenza GAP (Gioco d’Azzardo Patologico), promossi dalla Lega Consumatori e finanziati dalla Regione Lazio. Presso gli sportelli è presente uno psicologo che, gratuitamente, presta la propria assistenza alle vittime del gioco d’azzardo ed ai loro familiari per un numero massimo di tre incontri. Dopo i primi tre incontri, se necessario, lo psicologo indirizzerà gli utenti presso altri centri specializzati, facendo rete con le strutture territoriali che già si occupano di questo problema. Ricordiamo che lo sportello GAP di Cassino è aperto tutti i venerdì dalle ore 9 alle 13, presso la sede della Lega Consumatori sita in via Appia Nuova, 39, tel. 0776.1930227.

26 agosto 2013 0

Maltempo, allerta temporali al centro-nord

Di admin

La bassa pressione presente sull’Europa centrale continuerà a determinare maltempo sulle nostre regioni settentrionali e sarà responsabile di forti temporali sulle regioni centro-meridionali peninsulari.

Sulla base delle previsioni disponibili e di concerto con tutte le Regioni coinvolte, cui spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse.

L’avviso prevede dalla serata di oggi, lunedì 26 agosto, precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale su Piemonte e Lombardia.

Già dalle prime ore della giornata di domani, inoltre, si prevedono rovesci e temporali anche su Lazio, Abruzzo, Molise, Campania e sui settori centro-settentrionali di Puglia e Basilicata.

Le precipitazioni – che localmente avranno carattere molto intenso – saranno accompagnate da grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Il Dipartimento della Protezione Civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile. Sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it) sono consultabili alcune norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo.

26 agosto 2013 0

Rimborso Irpef: per la Prefettura la questione è chiusa, per i poliziotti, purtroppo, no

Di admin

Dal Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia per la CGIL riceviamo e pubblichiamo: A differenza di ciò che dichiarano alla stampa i rappresentanti della Prefettura, ossia, che la situazione è risolta perché il rimborso avverrà a settembre anziché ad agosto come previsto, questa O.S. ritiene che il problema non solo non è chiuso, ma che ci siano aspetti critici che ricadranno sulle spalle dei lavoratori di polizia. Premesso, che è ingiustificabile che il rimborso non sia stato erogato come previsto per le inefficienze del Palazzo del Governo, così come è superficiale dichiarare chiuso il caso, il problema resta grave per quei poliziotti che sono in debito con lo Stato e che, grazie alla rateizzazione, avrebbero dovuto versare la prima tranche ad agosto ed invece, a causa della Prefettura, dovranno versare due rate a settembre più la sanzione per il ritardo! Ci saranno situazioni per cui, alcuni, vedranno pesantemente decurtato il proprio stipendio, senza contare poi la beffa della sanzione per il ritardo nel pagamento per la responsabilità di “altri”. Resta il fatto che non sono più ammissibili differimenti continui nell’erogazione mensile degli straordinari e delle competenze, o le disfunzioni sull’erogazione delle pensioni, così come non è possibile che i poliziotti di Frosinone siano sempre gli ultimi a percepire qualsiasi competenza che non sia lo stipendio. Una vergogna non più tollerabile e la questione Irpef è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Ci dica la Prefettura come intende risolvere questi problemi, non a chiacchiere ma con i fatti, perché il rischio concreto è che a protestare sotto il Palazzo del Governo ci si ritrovino anche poliziotti vittime delle disfunzioni prefettizie.

26 agosto 2013 0

Attimi di terrore a Roseto degli Abruzzi: si barrica in casa e minaccia di far esplodere l’abitazione

Di admin

P.L. 51enne del luogo, alle ore 8 di questa mattina, in preda ad uno stato di grave agitazione psicomotoria, dopo essersi barricato all’interno della propria abitazione danneggiando mobili e suppellettili. I familiari di fronte a tale improvvisa follia abbandonavano immediatamente l’abitazione ed una volta in strada chiedevano l’intervento delle Forze dell’Ordine. Al sopraggiungere di una gazzella dei Carabinieri del Radiomobile di Giulianova, l’individuo, esplodeva la propria violenza nei loro confronti minacciandoli ripetutamente di morte, nonché scagliando dal balcone di casa [ubicata al 2° piano] oggetti d’arredo ed un grosso coltello da cucina [senza colpire nessuno]. Evidentemente non soddisfatto del trambusto procurato, dopo alcuni minuti appiccava il fuoco al materasso della camera da letto col chiaro intento di far saltare in aria l’intera palazzina. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile, a tal punto, temendo il peggio, senza alcun indugio, dopo aver fatto evacuare rapidamente tutte le abitazioni insistenti nello stabile, sfondavano a spallate la porta d’ingresso, una volta dentro, si avventavano sull’uomo che nonostante armato di grosse forbici veniva placcato, immobilizzato e disarmato. L’incendio veniva quindi spento dai Vigili del Fuoco di Roseto degli Abruzzi, nel frattempo intervenuti sul posto, scongiurando conseguenze ben più gravi per l’intera palazzina. A seguito del grave episodio, P.L. è stato sottoposto a Trattamento Sanitario Obbligatorio e trasportato all’Ospedale Civile di Giulianova, ove, è stato immediatamente ricoverato nel reparto di Psichiatria. Il coltello da cucina e le forbici sono state sottoposte a sequestro. Il responsabile è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Teramo per minaccia e resistenza a pubblico ufficiale nonché danneggiamento seguito da incendio. I due giovani Carabinieri dopo aver dato prova di grande coraggio e risolutezza, nell’approvazione generale dei presenti riprendevano il loro normale servizio di controllo del territorio.

26 agosto 2013 0

Nave Palinuro e WWF a Venezia per la campagna “Il mare deve vivere”

Di admin

Nave Palinuro e WWF a Venezia per la campagna di sensibilizzazione “Il mare deve vivere”. Iniziata risalendo l’Adriatico, ha toccato i porti di Taranto, Crotone e Trieste. L’obiettivo è svelare ai visitatori che saliranno a bordo le meraviglie del nostro mare e le azioni necessarie per viverlo nel rispetto delle sue straordinarie ricchezze naturali, per garantire un Mediterraneo di qualità oggi e per le generazioni future. Durante le visite a bordo, quindi, l’equipaggio sarà affiancato dal personale volontario del WWF per sensibilizzare i visitatori sull’importanza della tutela del Mediterraneo e per parlare di tartarughe marine, biologia marina e fruizione sostenibile del mare. A distanza di 5 anni dall’ultima sosta, Nave Palinuro, la nave scuola della Marina Militare, sosterà a Venezia da mercoledì 28 agosto a lunedì 2 settembre nell’ambito della Campagna Addestrativa 2013 degli allievi marescialli della Scuola Sottufficiali di Taranto. Il Palinuro sarà ormeggiato alla boa di fronte piazza San Marco e da venerdì 30 agosto, presso la banchina San Basilio. Mercoledì 28 agosto Nave Palinuro, ormeggiata alla boa di fronte a piazza San Marco, ospiterà a bordo un incontro con i media durante il quale il Comandante dell’unità, capitano di fregata Mauro Panarello e il personale del WWF illustreranno, le caratteristiche e i compiti del Palinuro, l’attività svolta e quella in programma. Partiti da Taranto il 29 luglio la nave imbarca 130 marinai, tra i quali 43 Allievi Sottufficiali che stanno vivendo il loro “battesimo del mare”, affrontando un’importante fase formativo-addestrativa della loro carriera.

NOTA PER LE REDAZIONI: Gli operatori dei media potranno raggiungere la nave in maniera autonoma o su un mezzo della Marina Militare con partenza dall’Istituto di Studi Militari Marittimi (ingresso storico dell’Arsenale – Castello 2409) alle 14:30 con rientro alle 1630. Gli accrediti dovranno pervenire entro le ore 10:30 del giorno 28 agosto al seguente indirizzo di posta elettronica: carlo.loy@marina.difesa.it. Per ulteriori informazioni contattare il numero 3385966794 (Nave Palinuro). Nave Palinuro, ormeggiata alla banchina San Basilio, potrà essere visitata dalla popolazione civile i giorni: venerdì 30, sabato 31 agosto e domenica 1 settembre dalle 15:00 alle 19:00 e dalle 21:00 alle 23:00.