Giorno: 21 settembre 2013

21 settembre 2013 0

Si schianto con la moto ad Alatri, centauro di Frosinone rischia di perdere una gamba

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un uomo di 33 anni rischia di perdere una gamba a causa di un incidente stradale avvenuto nel pomeriggio di oggi in via Lacuccio ad Alatri. L’uomo, di Frosinone, era in sella alla sua moto quando, per cause ancora al vaglio dei carabinieri, si è scontrato con una macchina. Nell’impatto l’uomo ha riportato varie ferite ma quella più preoccupante è quella che gli sta facendo rischiare la perdita di una gamba. L’uomo è stato trasportato in ospedale a Frosinone dove resta ricoverato in prognosi riservata.

21 settembre 2013 0

Spara per amore e picchia per tentare l’estorsione. 43enne in manette ad Aprilia

Di redazione

Spara contro lo scooter e l’auto del rivale in amore e tenta l’estorsione pestando un 30enne. Sono vari i reati contestati a C.S. 42 anni di Aprilia dai carabinieri che, questa notte, lo hanno arrestato in esecuzione di una ordinanza detentiva emessa dal tribunale di Latina. Le indagini svolte dai militari hanno accertato che l’uomo, nella notte tra il 4 e 5 agosto, ha sparato 17 colpi di pistola contro lo scooter e la macchina di un giovane di Latina reo di aver tentato di riconquistare la ex fidanzata divenuta, nel frattempo, l’amante del 42enne. Un tentativo di intimidazione per convincerlo a rinunciare definitivamente alla donna. Nei suoi confronti,però, pende anche un tentativo di estorsione ai danni di un altro giovane di Latina, un 30enne che a causa del pesataggio subito dal 42enne, ha riportato la frattura di ossa nasali e altre tumefazioni al viso. Per questo la lista di reati che comprende l’estorsione, le lesioni, lo stalking ed altro.

21 settembre 2013 0

Si schianta contro la cuspide dell guardrail a Minturno, 37enne in prognosi riservata

Di redazione

Si schianta contro la cuspide di un guardrail e rimane gravemente ferito e incastrato tra le lamiere. E’ accaduto questa mattina sulla via Appia allo svincolo per Marina di Minturno ad un 37enne di Formia alla guida di una Peugeot 206. L’uomo era diretto verso Formia quando, per cause ancora al vaglio della polizia stradale si è schiantato contro la struttura in ferro. E’ stato necessario l’intervento della squadra di vigili del fuoco di Castelforte per liberarlo dal groviglio di lamiere dell’auto e del guardrail. Le sue condizioni sono apparse subito disperate. L’uomo era privo di sensi ed è stato trasportato in ospedale a Formia dove è ricoverato in prognosi riservata.

21 settembre 2013 0

Il rilancio del turismo del territorio passibile solo con il contributo di Acqua e Terme di Fiuggi

Di redazione

A quasi un anno dal ritorno nel controllo diretto del Comune del comparto industriale di Acqua Fiuggi – attraverso la controllata ATF (Acqua e Terme Fiuggi Spa) – viaggia a pieno ritmo il rilancio dell’azienda e il suo supporto al comparto turistico.

Pur tra le note difficoltà ereditate dalla gestione precedente, Fiuggi ha esordito nella prestigiosa rassegna internazionale Vinitaly di Verona, quale acqua ufficiale. Un’occasione per presentare agli operatori italiani e internazionali anche la città, e coincisa con il lancio del nuovo formato da 75cl destinato alla fascia alta del segmento della ristorazione e con la nuova campagna pubblicitaria sui grandi quotidiani italiani, seguita dagli spot radiofonici trasmessi da Radio Rai.

Dal punto di vista promozionale a questa campagna sono state affiancate altre iniziative, quali quella all’interno dei treni Frecciarossa e Frecciargento, dove le scorse settimane sono stati distribuiti degli opuscoli che, oltre ad illustrare le caratteristiche dell’acqua, hanno presentato al passeggero (300.000 contatti nelle due settimane di promozione) la città e le sue bellezze. Inoltre è stata rafforzata la presenza del marchio nel mondo dello sport (il seguitissimo ritiro della Lazio, le sponsorizzazioni della squadra ciclistica Bardiani Pro Cycling, dell’Unione Rugby Capitolina, (Campionato Rugby Eccellenza) e del team di Pallacanestro Virtus Roma, che disputa il campionato di Basket Serie A1) e dell’arte, con la prestigiosa mostra “L’acqua, la luce e la Pietra”, curata da Vittorio Sgarbi.

Importante anche il sostegno dell’azienda al cartellone delle manifestazioni estive della città termale, sicuramente un segnale positivamente in controtendenza rispetto agli anni scorsi.

Strategico anche il rapporto con la classe medica, il cui contributo, viste le proprietà terapeutiche del prodotto, è fondamentale per restituire prestigio e forza allo storico marchio. In questo senso è in programma una serie di iniziative, partite con il convegno dell’associazione UrOP – Urologi Ospedalità Gestione Privata, tenuto a Fiuggi la scorsa settimana.

“La strada da fare per il rilancio dell’acqua e della città è ancora lunga – ha detto il sindaco Fabrizio Martini – ma abbiamo ripreso a camminare, e non è certamente poco. La nostra intenzione è quella di farlo sempre più velocemente, fino a riprendere la ‘corsa’ che un prodotto come Fiuggi merita. Le difficoltà sono tante e per superarle occorre che tutti spingano nella stessa direzione.”

21 settembre 2013 0

Inaugurato a Sant’Ambrogio sul Garigliano il Palazzo Comunale “De Vendictis”

Di admin

Si è tenuta sabato scorso 14 settembre alle 18 presso il Comune di Sant’Ambrogio sul Garigliano l’inaugurazione del Palazzo Comunale “DE VENDICTIS” alla presenza del Commissario Straordinario della Provincia di Frosinone Giuseppe PATRIZI e numerose personalità politiche, civili e militari. Il palazzo, quattro piani posti al centro del paese, è stato donato al Comune di S.Ambrogio da parte della famiglia De Vendictis, per essere utilizzato a scopi di utilità sociale, l’edificio era in avanzato decadimento ed è stato oggetto di importanti lavori di ristrutturazione e adeguamento. Finalmente, dopo anni di duro lavoro serviti per il totale recupero del Palazzo, il Sindaco Biagio Del Greco, il Vice Sindaco Franco Messore e la giunta tutta, orgogliosi hanno fatto gli “onori di casa” a una tanto desiderata apertura delle porte del Palazzo a tutta la cittadinanza. Nel discorso di apertura e di benvenuto tenuto dal Sindaco Biagio Del Greco, è stato dato un pubblico ringraziamento alla famiglia De Vendictis, presente alla cerimonia, con la scoperta della epigrafe commemorativa, posta proprio all’ingesso dello stabile, riportante uno stralcio dell’atto ufficiale della donazione. Il Sindaco Biagio ha dichiarato: “rimarco la volontà dell’Amministrazione di aver sempre voluto e desiderato la destinazione ad uso socio-assistenziale di questa struttura, tanto che già da qualche mese il Palazzo è stato destinato a struttura di accoglienza residenziale per minori senza genitori. Infatti la struttura è stata affidata alla Coop. Sociale “La Casa di Tom” la quale ospita circa 10 minori”. Anche il Vice Sindaco Dr. Franco Messore, prendendo la parola, ha espresso la soddisfazione dell’opera ultimata con il “fine nobile” tanto desiderato dalla famiglia “De Vendictis” donatrice del Palazzo e ha aggiunto che è ferma volontà dell’Amministrazione il voler portare a compimento altri 2 progetti: “Stiamo ultimando, ha affermato Franco Messore, i lavori del progetto del laboratorio naturalistico in collaborazione con la coop. La Casa di Tom della presidente Dr.ssa Katia Risi e l’associazione Sylvatica curata dal Dr. Aldo Terranova. Questo laboratorio, diventerà nel giro di 2 mesi un’attrazione unica per tutte le scolaresche della provincia di Frosinone e dell’alto Casertano e, che vedranno caratterizzare in un ambiente fantastico e sapientemente curato, la crescita per tutti i bambini e ragazzi della coscienza naturalistica legata al mondo delle tradizioni popolari. Il secondo progetto, vedrà gli inizi nel mese di gennaio-febbraio del nuovo anno e riguarderà la rivalutazione di tutti quei fondi agricoli abbandonati con colture che rivalutino le oramai perse antiche tradizioni popolari”. Il momento più toccante ed emozionante della cerimonia si è toccato quando la Presidente della Coop. La Casa di Tom, Dr.ssa Katia Risi, ha dato voce ad alcune testimonianze di immigrati ora maggiorenni, transitati all’interno delle strutture di accoglienza. Questi ragazzi, hanno voluto raccontare alla numerosa cittadinanza accorsa per l’evento, la loro storia. Lacrime qua e là…, ma scroscianti gli applausi soprattutto quando un immigrato ha iniziato un ringraziamento per essere stato salvato, aiutato e inserito lavorativamente nella società, cantando e ballando una danza tribale nella propria lingua. La serata si è conclusa con un buffet sulla terrazza panoramica del Palazzo davanti ad una vista mozzafiato su tutta la valle.

21 settembre 2013 0

Enogastronomia, botteghe artigianali, artisti di strada e tanta musica popolare “Per i Vicoli di Castrocielo”

Di admin

Il paese si prepara a salutare l’estate con l’attesissimo percorso enogastronomico “Per i Vicoli di Castrocielo” e con le note della musica tradizionale popolare della “Notte Bianca”. Enogastronomia, botteghe artigianali nel centro storico, tanti espositori, artisti di strada e tanta musica popolare saranno le attrazioni che questa sera a partire dalle ore 19.30 riempiranno le vie del centro storico e il centro del paese. Il doppio evento, organizzato dalla Pro Loco di Castrocielo in collaborazione con il comune di Castrocielo, è diventato una tappa fissa nel panorama delle feste tradizionali del Basso Lazio: la scorsa edizione ha contato la partecipazione di oltre tremila persone.

Si torna al passato: nei vicoli di ogni paese, lì dove scorre la quotidianità della vita, fatta di piccole e grandi cose, si colgono i gusti, i sapori e la tipicità del luogo. E proprio i gusti e i sapori della cucina locale castrocielese, saranno al centro della serata, grazie al percorso enogastronomico, predisposto nel centro storico del paese. Cantine aperte, punti di degustazione nei vicoli più suggestivi, per assaporare cibi, vini e prodotti tipici del territorio: un ricco menù che si rifà alla tradizione culinaria locale con 12 portate.

Nella “Notte Bianca” rivivono le antiche tradizioni Castrocielesi La “Pantasema”, una vecchia e caratteristica maschera di Castrocielo rassomigliante a una giovane popolana prosperosa ed esuberante, era un fantoccio di grosse dimensioni tutto ricoperto di carta multicolore che lasciava trasparire la luce artificiale dei bengala che lo illuminavano all’interno. La Pantasema, attesa e a gran voce invocata, appariva florida e comicamente maestosa, a conclusione delle feste patronali e la sera del martedì grasso quando si decretava l’apoteosi e la fine del carnevale, il suo arrivo suscitava meraviglia e stupore tra la gente. Danzando al ritmo di una famosa tarantella napoletana, la “Pantasema” avanzava fendendo la folla che si apriva al suo passaggio unendosi al saltarello e battendo ritmicamente le mani. Mentre il fantoccio eseguiva le sue buffe piroette, dal suo corpo e soprattutto dalle sue braccia si incendiavano e scoppiettavano i bengala. La distruzione della “Pantasema” voleva significare come la spensieratezza, l’allegria, la felicità sono, purtroppo, momenti limitati, a volte irripetibili, fuggevoli, effimeri, della vita. La realizzazione dell’evento è stato curato da Silvano Martini, Armando Velardo e Lucio Di Rollo insieme per conto della Pro Loco.

A fare da cornice numerosi laboratori artigianali e spazi dedicati a coloro che portano avanti con passione, lavori tipici dell’artigianato locale. Infatti nell’ambito del percorso enogastronomico, saranno riaperte antiche botteghe, laboratori artigianali e sarà allestita una mostra fotografica che ripercorre la storia di Castrocielo dall’Unità d’Italia ad oggi. Accanto al percorso enogastronomico la “Notte Bianca”: si inizia alle 22 all’interno della chiesa patronale Santa Lucia con “Musica e Canzoni” concerto di musica classica, spiritual e colonne sonore con la partecipazione del Coro comunale di Supino, di Eva Boni, flauto e violino, e Pompeo Vernile, pianoforte e direzione artistica. In contemporanea altri momenti di musica popolare con il gruppo “Antica Arte Esperia”, folk e teatro di strada.

Non solo musica, gastronomia ma soprattutto tradizione al centro della serata: anche quest’anno nel corso della “Notte Bianca” si ripeterà l’antico rito della “Pantasema”, previsto alle 24 nello spazio antistante il largario della Chiesa di San Rocco. Un rito che appariva a conclusione delle feste patronali e la sera del martedì grasso quando si decretava l’apoteosi e la fine del carnevale, usanza del paese fino ad una quarantina di anni e ripreso da alcuni anni dalla Pro Loco. A chiudere la serata, alle 24.30 il concerto finale, che quest’anno è affidato al gruppo di musica popolare ciociara “I Compari delle Cantine”, con il quale allieterà le ultime ore della serata. Antonio Renzi

Programma “Per i Vicoli di Castrocielo e La Notte Bianca” 2013 Una serata ricca di sorprese con aree anche per il divertimento dei più piccoli. Nelle piazze principali del centro ci sarà un area con stand espositori, l’area con strutture gonfiabili per i bambini con animazione, l’area adibita a pista da ballo. Inoltre sarà possibile visitare la chiesa San Rocco con i sui affreschi del ‘300 e la chiesa Santa Lucia nel centro storico.

Ore 19.30 PER I VICOLI DI CASTROCIELO Percorso enogastronomico per le vie del centro storico

Ore 19.30 ARTE IN STRADA Spettacoli con Artisti di Strada Centro storico-P.zza Umberto I°- P.zza San Rocco Ore 19.30 SUONI, CANTI e BALLI Artisti vari nel centro storico

Ore 19.30 Animazione per Bambini Animazione e gonfiabili. Area nuovo parcheggio

Ore 22.00 MUSICA e CANZONI Chiesa Santa Lucia con il Coro Comunale di Supino e la partecipazione di Eva Boni al flauto e Pompeo Vernile al pianoforte

Ore 22.30 ABBALLA ABBALLA, Balli moderni e tradizionali Piazza Umberto I° con il Maestro Maurizio Pistilli

Ore 24.00 RITO DELLA “PANTASEMA” in Piazza San Rocco

Ore 24.30 “I Compari delle Cantine” con la Musica popolare ciociara in Piazza San Rocco

Un menù che si rifà alla classica cucina ciociara di un tempo

1 Tante p’ gradì – salsicce e olive 2 Vine delle otte bona – vino 3 Pane cull’oglj a cannata – bruschetta 4 Minestra a pane révutate – minestra a pane sotto 5 Maccarune agliu sughe nostre – penne al sugo 6 Vine ammotta ammotta – vino 7 Mulagname paesane – melanzane con crostino 8 Spezzatine cu’ le patane – spezzatino con le patate 9 Vine ammotta ammotta – vino 10 Càse culle mèle – formaggio con il miele 11 Pizzelle palazzurèse – pizzelle fritte 12 Ciammellétte assuga n’ganne – dolci tipici

21 settembre 2013 0

Nuova urbanistica nella zona alta di Frosinone, parte la zona B

Di admin

Il consiglio comunale, nell’ultima seduta, ha approvato lo studio di congruità tecnica per la zona B del Piano Regolatore Generale della parte alta della città, un provvedimento che permetterà l’edificazione diretta in un’ampia fascia all’interno del perimetro urbano. Lo studio di congruità tecnica si è reso necessario per garantire la sicurezza idrogeologica dell’area interessata, anche alla luce dei dissesti verificatisi negli ultimi periodi. Un provvedimento che ha una duplice finalità: garantire l’edificabilità in questa zona della città, venendo incontro alle esigenze di quanti hanno mostrato interesse a costruire, e nello stesso tempo garantire le opportune condizioni di sicurezza idrogeologica. Gli interventi di edificazione diretta in zona B del Piano Regolatore Generale, ove ricadenti nelle aree perimetrale come C1 nel vigente Psai (Piano di assetto idrogeologico), dovranno essere corredati da uno studio di compatibilità idrogeologica, commisurato all’importanza, alla dimensione dell’intervento, nel quale si dovrà dimostrare che le nuove opere non appesantiranno le condizioni di stabilità globale del versante.

Il consiglio comunale ha previsto, inoltre, l’obbligo da parte dei proponenti di garantire l’autosufficienza in relazione agli standard necessari e la contestuale cessione gratuita di una superficie pari al 22,50% del lotto fondiario, per destinarlo al soddisfacimento delle quote di standard necessarie per insediare i nuovi abitati. L’attuazione diretta del Piano regolatore Generale nelle zone B, con la disposizione della contestuale cessione compensativa, costituisce, al di là della pur necessaria spinta alla ripresa del settore edilizio, settore da sempre trainante dell’economia cittadina, un’occasione per una stagione urbanistica rinnovata basata sul superamento dell’esproprio come mezzo esclusivo per reperire aree per i servizi pubblici.

Gli interventi, una volta ultimata la procedura di verifica urbanistica, andranno a ricadere, in particolare, in viale dell’America Latina (circa 22.000 mc), via Cosenza (3.800 mc), via del Rifugio (4.000 mc), via del Cipresso (5.500 mc), viale Napoli (2.800 mc), con la creazione di nuove volumetrie destinate ad abitazioni e servizi. Sono già state individuate anche alcune soluzioni tecniche, per l’utilizzo delle aree cedute all’amministrazione comunale. In viale dell’America Latina, ad esempio, le due proposte prevedono la costruzione di due distinti parcheggi, uno interrato di fruibilità pubblica di 1.200 mq, e l’altro a raso di circa 900 mq, mentre si sta lavorando per arrivare all’assunzione, sempre da parte dei privati, dell’onere di realizzazione anche dei relativi sistemi di collegamento, consistenti in ascensori verticali o scale mobili.

“Con la delibera adottata in consiglio comunale” ha dichiarato con grande soddisfazione il Sindaco Nicola Ottaviani “vengono liberate nuove energie urbanistiche nella zona alta, dove, dopo le procedure similari adottate similari per via Aldo Moro e via Marittima lo scorso anno, i privati potranno riqualificare il territorio. Abbiamo previsto, infatti, che, a fronte degli interventi dei privati, questi debbano destinare un quarto circa del lotto alla realizzazione di verde, strade, piazze, parcheggi ed altri standard di fruibilità collettiva, migliorando sensibilmente la qualità della vita di tutti i cittadini e nei quartieri interessati dagli interventi”.

21 settembre 2013 0

“Satan Boys”, scritte inquietanti sui muri a Lecce

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Ce lo hanno segnalato alcuni cittadini, per la verità, un po’ inquietati: campeggiano in periferia, in particolare sui rondò che portano a San Cataldo, in punti diversi sui muri di contenimento dei tornanti, scritte realizzate con spray viola di chiaro carattere esoterico con la dicitura “Satan Boys”. Burla di giovani graffitari o qualcos’altro? Per Giovanni D’Agata, presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti” più che a veri e propri movimenti dediti all’occulto, questi episodi sembrano tuttavia riconducibili a vandali dell’ultim’ora che lasciano spesso spazio a improvvisazioni goffe e banali. Il fenomeno, però, non va sottovalutato se dietro tali episodi ci sono dei giovani, come sembrerebbe al momento, è testimonianza di un problema da non sottovalutare.

21 settembre 2013 0

Made in Italy, Forestale sequestra funghi porcini secchi provenienti dalla Macedonia

Di admin

Il personale del Comando Provinciale di Frosinone ha posto sotto sequestro diverse confezioni di funghi porcini secchi (Boletus Edulis e relativo gruppo) provenienti dalla Macedonia ma commercializzati come prodotto italiano. Le confezioni di funghi porcini venivano commercializzate in alcuni supermercati della zona sud della provincia di Frosinone con etichette riportanti riferimenti in modo esplicito al nostro Paese quale origine del prodotto, ingannando palesemente il consumatore. L’operazione è scaturita a seguito di verifiche amministrative in alcuni supermercati. A seguito della verifica sulla tracciabilità del prodotto ed a quanto riportato in etichetta circa l’origine italiana dello stesso, è stato appurato che i funghi porcini secchi, oggetto del sequestro, venivano semplicemente confezionati e smistati da una ditta italiana, essendo in realtà di origine macedone. Si conferma, ancora una volta, l’attenzione rivolta dal Corpo forestale dello Stato nel perseguimento delle sempre più numerose frodi alimentari, a garanzia del vero Made in Italy, ma soprattutto nella tutela dell’ignaro consumatore.