Giorno: 26 settembre 2013

26 settembre 2013 0

Ciak, si gira… in pieno centro a Cassino con Micol Olivieri

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Corso della Repubblica a Cassino si trasforma in set cinematografico. Già da questa mattina sono iniziate le riprese di Life in Mind girate nella città martire che proseguiranno anche nella giornata di domani. Per questo la polizia municipale ha disposto il divieto di sosta fino alle ore 16 su Corso della Repubblica. La regia porta la firma di un cassinate, nome noto nell’ambiente artistico: Renzo Cerbo. A richiamare l’attenzione tra i tanti curiosi che hanno assistito alle riprese anche l’attrice Micol Olivieri meglio conosciuta come Alice dei Cesaroni.

26 settembre 2013 0

Il giudice dice no a gratuito patrocinio. Spese legali con provento di delitti, l’avvocato: “Sono ricettatore?”

Di admin

“Ma se accetto come pagamento per la difesa legale il provento di attività criminali non divento un ricettatore?” E’ la domanda che si pone l’avvocato Armando Caporicci del foro di Cassino interrogandosi sulla vicenda che oggi ha visto assolto il suo assistito dal reato di rapina per semi infermità mentale. “Avevo proposto, nell’interesse del Volpe, istanza di ammissione al gratuito patrocinio. D’altronde il Volpe veramente privo di reddito a differenza di tanti casi della cronaca recente che lo sono solo formalmente, ma il Giudice non ha concesso il beneficio, considerato che il Volpe “commettendo reati” a suo giudizio aveva un modo per pagarmi. A questo punto però mi chiedo, io dovrei essere pagato con il provento dei delitti di Volpe? E così non risponderei del reato di ricettazione per aver ricevuto il frutto di altro reato ben sapendolo tale?”. Ma il problema, in realtà, almeno in questo caso non esiste. Stefano Volpe, infatti, è noto per la commissione di reati necessari a sfamarsi. “Figuriamoci se possa avere della liquidità per farsi assistere in sede giudiziaria, e quindi conseguentemente mi ritrovo ad assisterlo da anni spesso gratuitamente. Ma mi chiedo: posto che condivido la decisione del Giudice di imporre la misura cautelare al Volpe che commette in assenza di capacità di intendere e volere fatti ingiusti, come posso qualificare come giuste le determinazioni che negano al Volpe il sacrosanto diritto a poter avere un difensore remunerato?”

26 settembre 2013 0

Furto di cellulari, denunciate 14 persone

Di admin

A Caserta e Napoli, i Carabinieri della Stazione di Caiazzo, a termine di complessa e prolungata attività d’indagine, hanno deferito, in stato di libertà, 14 persone, di cui 13 residenti in Campania, ed una residente in provincia di Savona, tutte resesi responsabili del reato di ricettazione. Nella circostanza a seguito di una denuncia di furto di telefoni cellulari sporta in data 1° marzo 2013, da un commerciante di Caiazzo, i militari dell’Arma hanno dato inizio alle indagini che hanno permesso di scoprire l’autore del furto, nonché di identificare gli utilizzatori dei cellulari oggetto di furto. Nel corso dell’attività sono anche state eseguite perquisizioni domiciliari delegate dall’Autorità Giudiziaria che hanno consentito di rinvenire e sequestrare complessivamente nr 6 telefoni.

26 settembre 2013 0

Rubano merce per 1500 euro al supermercato, arrestati due rumeni

Di admin

Nella tarda serata di ieri a Frosinone, i carabinieri della Stazione di Frosinone Scalo e quelli del NORM della locale Compagnia, hanno arrestato in flagranza di reato di “furto aggravato” C.R.C., 19enne e T.M., 20enne già censita per resti specifici, entrambi cittadini rumeni domiciliati a Frosinone. Alle ore 20,45 di ieri i dipendenti di supermercato del posto avevano segnalato che quattro persone, due uomini e due donne, dopo aver perpetrato un furto asportando merce (liquori, abbigliamento, oggetti di profumeria e altro) abilmente nascosta in borse e zaini per un valore di euro 1.500 (millecinquecento), si erano dati a precipitosa fuga. Le immediate ricerche poste in essere dalle pattuglie permettevano di rintracciare immediatamente i due arrestati e di rinvenire, a seguito di perquisizione domiciliare, l’intera refurtiva riconsegnata agli aventi diritto. Le indagine proseguite nella notte consentivano di identificare anche la seconda donna, una ragazza rumena di anni 25, che a causa della trascorsa flagranza veniva solamente deferita in stato di libertà. Sono in corso ulteriori investigazioni per l’individuazione del quarto malvivente. Al termine delle formalità di rito i due arrestati venivano posti agli arresti domiciliari

26 settembre 2013 0

La battaglia di un avvocato di Cassino, dieci anni per dimostrare la seminfermità mentale del suo assistito

Di admin

Dieci anni per dimostrare la seminfermità mentale del suo assistito. Quella di Armando Caporicci, avvocato del foro di Cassino, è stata una battaglia lunga ma che, alla fine, è servita per raggiungere l’obiettivo. Stefano Volpe è un 31enne di Cassino appartenente ad una famiglia duramente colpita da problemi di natura psichica e in città è noto per stranezze di ogni tipo che spesso sono sfociate in atti criminali come l’incendio di una scuola, i danneggiamenti di auto, ma anche di furti e rapine. L’ultima avvenuta 8 mesi fa ha visto come sfortunata protagonista la commessa di un negozio di oggettistica in viale Dante dove il 31enne si è presentato armato di coltello e dopo aver rinchiuso la ragazza in uno sgabuzzino, ha rubato i 15 euro contenuti nella cassa e un telefonino. Appena uscito dal negozio, però, ha telefonato alla polizia confessando di aver fatto una rapina ma di essersi pentito e chiedeva di essere arrestato. Ovviamente le manette sono scattate. Difronte al Gip il suo legale, l’avvocato Caporicci ha chiesto ciò che chiede ormai da quando, dieci anni fa, ha iniziato ad assistere quello che è il suo caso più complicato: l’infermità mentale. “Per otto mesi però Stefano è rimasto in carcere in attesa del processo con rito abbreviato che si è svolto oggi e dove il Gip ha finalmente accolto una perizia medico legale che ho fatto redigere da uno specialista, venuto da fuori, che ha descritto il Volpe come un bord-line ma che, sotto lo stress di fame o altre esigenze, supera ampiamente il limite della ragione; ma di fatti, non è in grado di intendere e di volere. Oggi finalmente dopo anni che assisto il Volpe ho avuto la magra ed in parte amara soddisfazione di essere riuscito ad attestare e certificare ciò che ritengo sia agli occhi di tutti da ormai troppo tempo un fatto noto, che solo per il complesso strumento giudiziario non era ancora provato. All’esito della odierna udienza Volpe è stata assolto per incapacità di intendere e volere e gli è stata applicata la conseguente giusta applicazione della misura di sicurezza in casa di cura”.

26 settembre 2013 0

Truffa all’Inps per circa 300mila euro scoperta dalla Guardia di Finanza a Fondi

Di admin

Nell’ambito di un articolato servizio in materia di spesa pubblica nazionale, i finanzieri del comando provinciale di Latina hanno individuato quattro persone che, nonostante si fossero stabilmente trasferite all’estero (venezuela, australia e brasile) da diversi anni, continuavano a figurare nelle liste della popolazione residente nel comune di fondi e che, a causa delle dichiarate condizioni di disagio economico, percepivano il cosiddetto “assegno sociale” erogato dall’inps.

Tale prestazione assistenziale viene erogata dall’inps ai soli cittadini (italiani, comunitari ed extracomunitari) di almeno 65 anni di età che risultino effettivamente ed abitualmente residenti nel territorio dello stato e che versino in condizioni di difficoltà.

I militari della compagnia di Fondi hanno passato al setaccio le liste dei cittadini fondani iscritti all’a.I.R.E. (anagrafe degli italiani residenti all’estero), analizzando oltre 500 posizioni, incrociandole con gli elenchi forniti dall’inps relativi ai percettori di contributi assistenziali, e nonche’ mediante l’uso delle banche dati del corpo.

In due casi si è addirittura constatato che i familiari degli indebiti percettori avevano omesso di comunicare il decesso del loro caro, avvenuto all’estero, continuando a riscuotere le somme erogate dall’i.N.P.S.

L’indagine ha consentito di accertare che, dal 2003 ad oggi, i soggetti denunciati hanno indebitamente riscosso una somma complessiva di circa 300 mila euro.

I responsabili, oltre ad essere stati deferiti alla procura della repubblica di latina per i reati di truffa, indebita percezione di erogazioni da parte dello stato e falsità ideologica, sono stati destinatari immediatamente del provvedimento di sospensione inps dall’erogazione del contributo ed e’ stata avanzata nei loro confronti la richiesta di sequestro ai fini della confisca dei conti correnti bancari e postali per la restituzione dell’importo indebitamente percepito.

26 settembre 2013 0

Inaugurata la fiera, Sermoneta protagonista dell’economia pontina

Di admin

Un parterre di autorità questa mattina alle 10.30 ha dato il via all’edizione 2013 della Secolare Fiera di San Michele, un appuntamento ormai consolidato nel panorama fieristico provinciale. Al taglio del nastro, insieme al Sindaco Giuseppina Giovannoli e l’Amministrazione Comunale, anche i Sindaci o i delegati dei comuni di Latina, Cisterna, Norma, Aprilia, Bassiano e Pontinia, il consigliere regionale Giuseppe Simeone, l’Assessore provinciale alle attività produttive Silvio D’Arco, i comandanti provinciali di Carabinieri e Guardia di Finanza, il Corpo Forestale dello Stato, l’Aeronautica ed i rappresentanti delle associazioni di categoria, le associazioni locali, i parroci, i bambini della scuola media di Sermoneta. Nel suo saluto, il Sindaco Giovannoli ha ricordato che “nonostante il periodo di difficoltà economica che stiamo attraversando, è grazie alla collaborazione e sinergia tra Enti se siamo riusciti anche quest’anno a tagliare questo nastro”. “Questa fiera è la dimostrazione che il nostro territorio è vivo, dinamico, caratterizzato non solo dalla grande industria, ma anche dalle realtà medio piccole, vera spina dorsale della nostra economia. Gente laboriosa, che ha deciso anche quest’anno di essere presente in Fiera nonostante le difficoltà del momento. Non si può parlare solo di crisi aziendali e chiusure, perché c’è un’economia in grado di accogliere le sfide, di affrontarle e superarle. Per questo ho il dovere di ringraziare tutti gli espositori”. Il Sindaco ha sottolineato anche il taglio didattico della fiera. “Questa manifestazione vuole riscoprire le nostre origini, perché non c’è futuro senza la memoria del passato. I tanti rimandi alle nostre origini contadine presenti in Fiera puntano a far conoscere la storia di questo territorio, un ottimo stimolo anche per le nuove generazioni”. Ora la Secolare Fiera di San Michele entra nel vivo: ad accogliere i visitatori, un padiglione enogastronomico con i prodotti tipici delle varie Regioni, un’area espositiva di circa 2 ettari, un settore riservato al mondo dello sport (c’è anche una parete di arrampicata sportiva), uno dedicato al mondo agricolo con gli animali della fattoria e le esibizioni quotidiane dei Butteri delle Paludi Pontine, macchinari agricoli, un’area ludica, mostre di oggetti ed abiti d’epoca e tante occasioni di svago. Domani sera appuntamento con il cabaret di Alessandro Serra da Colorado Cafè e la musica di Lorenzo Band. Sabato il palcoscenico sarà per Demo Morselli e la sua band, Marcello Cirillo e l’ospite d’onore Giancarlo Magalli. Info e programma su www.comunedisermoneta.it.

26 settembre 2013 0

Costa Concordia, trovati i resti di uno dei due dispersi. In corso l’esame del dna

Di redazione

La struttura del commissario delegato comunica che nella mattina di oggi, giovedì 26 settembre, nel corso delle attività di ricerca svolte in mare in corrispondenza della zona centrale della nave, i sommozzatori della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza hanno individuato alcuni resti la cui natura deve essere ancora definita attraverso il test del DNA. A breve, infatti, inizieranno le attività di repertazione a opera degli specialisti dei Carabinieri. Sono stati informati i familiari dei due dispersi oltre al Procuratore della Repubblica. Come sempre, ogni informazione appena disponibile verrà tempestivamente comunicata.

26 settembre 2013 0

Iniziate questa mattina nelle nuova sede le udienze del Giudice di Pace di Cassino

Di redazione

“Questa mattina sono iniziate le udienze del Giudici di Pace presso la sede di via San Marco; un risultato importante per la città, raggiunto grazie all’impegno di questa Amministrazione ed alla determinazione della Dottoressa Primiceri ed al Presidente del Tribunale Ghionni che hanno mantenuto fede a quanto annunciato nei giorni scorsi, iniziando i lavori giudiziari presso i nuovi uffici della Diamare.” A dare l’annuncio dell’inizio delle attività giudiziaria nella nuova sede di via San Marco è stato il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone. È toccato invece all’assessore ai lavori pubblici, Antimo Pietroluongo, spiegare il percorso che ha portato all’apertura dei nuovi uffici. “I lavori – ha sottolineato Pietroluongo – hanno interessato la manutenzione straordinaria e funzionale dell’edificio ex Diamare per dotare lo stesso delle opere edili e degli impianti necessari allo scopo. I progetti esecutivi di manutenzione straordinaria hanno interessato la porzione di fabbricato destinata a nuova sede del Tribunale per una superficie complessiva di circa 3 mila metri quadrati ripartita su tre livelli. Nel dettaglio: al piano terra per circa 800 metri quadrati in cui hanno trovato sede 3 stanze, un archivio ed un blocco servizi igienici; al piano primo per circa 1350 metri quadrati articolati in 13 stanze e 4 blocchi servizi igienici oltre ai corridoi; al secondo piano per circa mille metri quadrati articolato in 10 stanze con due blocchi per i servizi igienici. Tecnicamente si è provveduto a rifare integralmente tutto l’impianto elettrico (concepito in maniera tale da essere implementato in prospettiva futura, senza ulteriori interventi strutturali, con le altre aree in cui non si è intervenuti, nello specifico la ex mensa e CFP), realizzazione degli impianti di prevenzione incendi, manutenzione dell’impianto idrico antincendio, realizzazione di una scala esterna di emergenza, adeguamento igienico – funzionale degli ambienti interni consistenti nella tinteggiatura, sostituzione delle porte interne e rifacimento dei servizi igienici, senza tralasciare la manutenzione a tratti della copertura. Inoltre sono in opera la posa in opera dell’ascensore, mentre è stata ultimata la pavimentazione esterna in marmo di Coreno adiacente all’ingresso principale. Tutto questo impegnando fondi comunali per un ammontare complessivo di 400 mila euro ed al netto delle opere di manutenzione esterne eseguite in questi giorni dalle maestranze interne all’Ente. Ciò non toglie che i lavori portati a termine rappresentano il primo lotto di un progetto più generale che riguarderà, anche di concerto con i responsabili del Tribunale di Cassino, la fruizione dell’intera struttura immobiliare presente in via San Marco e comprensiva degli ulteriori volumi edilizi già adibiti a mensa, ad auditorium, a palestra e a CFP.”

26 settembre 2013 0

Sabato ricorre il 70esimo anno dalla costituzione dell’associazione nazionale vittime civili e di guerra

Di admin

“Alle ore 12.30 di sabato 28 settembre il cielo di Cassino si colorerà del tricolore con gli aerei dell’Areoclub di Latina e di Frosinone che sorvoleranno la città martire e l’Abbazia di Montecassino.” A dichiararlo è stato il consigliere Antoine Tortolano a margine della conferenza stampa di presentazione della seconda giornata regionale dedicata alle vittime civili di guerra. “Sabato – ha continuato Tortolano – Cassino si appresta a ricordare un momento importante della sua storia. Una giornata densa di manifestazioni a cura dell’Associazione vittime civili di guerra di Cassino che proprio il 28 compie 70 anni. Credo che il ricordo sia un elemento fondamentale nella vita di ognuno di noi. È indispensabile, in particolar modo, far conoscere, soprattutto alle giovani generazioni, gli avvenimenti del passato in modo che gli stessi possano fare da monito ed evitare che simili errori si ripetano in futuro. La manifestazione di sabato ha proprio questo obiettivo e sono certo che saranno in tanti a partecipare e a ricordare le tante vittime di guerra. Per questo mi fa particolarmente piacere aver ricevuto in una manifestazione così importante la disponibilità dell’Archeoclub di Latina e di Frosinone a prendere parte a questa giornata di ricordo.” È stato poi il Maresciallo dei Carabinieri Enzo Cestra a presentare nel dettaglio l’esibizione degli aerei nella mattina di sabato. “In qualità di Presidente della 1* Squadra aerea della Associazione Nazionale Carabinieri Nucleo Sabaudia147 – ha sottolineato Cestra – è un onore aver dato la disponibilità del nostro Nucleo, incaricato dalla Presidenza della Associazione Vittime civili di guerra, all’Areoclub di Latina, nella persona del presidente Giovanni Deserti, e di quello di Frosinone, rappresentato dal Presidente Gilberto Dello Russo, a prendere parte alla manifestazione di sabato prossimo in occasione della Commemorazione Storica Vittime Civili di Guerra. I nostri piloti effettueranno un passaggio in formazione con tre velivoli (di cui uno con fumogeni tricolori) con gli aerei tipo Cesna 152 e Cesna 172. La formazione verrà preceduta da altri tre velivoli: Bimotore Piper PA 34, Cesna 182 e un Beechraft BE35. Noi tutti siamo orgogliosi di partecipare a tale evento storico che ricorda quante vittime civili abbiamo subito durante l’ultima guerra ed in particolare a Cassino. Infine, mi concedo una digressione su quella che è l’attività dei nostri club che sono anche scuola di volo per il conseguimento del brevetto da pilota privato PPL e che hanno dato la loro adesione a missioni umanitarie, collaborando anche con la Provincia di Latina, in particolare nel periodo estivo, per l’attività di avvistamento incendi e controllo dell’inquinamento atmosferico.”