Giorno: 28 settembre 2013

28 settembre 2013 0

Aeroporto Frosinone, Legambiente: “Progetto sciagurato, indagine procura conferma timori nostro esposto del 2011”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dall’ufficio stampa Legambiente Lazio riceviamo e pubblichiamo: Con l’apertura dell’inchiesta da parte della Procura della Repubblica, si profilerebbero anche danni alla pubblica amministrazione per lo sciagurato progetto dell’aeroporto di Frosinone. I sospetti che Legambiente aveva avanzato nel 2011 ora sono anche nelle ipotesi degli inquirenti. Con un esposto alla Corte dei Conti l’associazione aveva avanzato responsabilità delle società Aeroporto di Frosinone SpA e S.I.F. SpA per danno erariale, ora l’ipotesi è quella non molto lontana di peculato.

“Saremmo di fronte ad uno spreco di denaro pubblico per un progetto risultato infattibile secondo il parere tecnico già dai primi passaggi e che noi più volte avevamo denunciato come privo di utilità pubblica anche per ragioni ambientali ed economiche -ha dichiarato Valentina Romoli, vice presidente di Legambiente Lazio-. C’è un forte intreccio tra delitti contro la cosa pubblica e la speculazione ai danni del nostro territorio, come questi casi dimostrano. Oltre ad inquinare i territori, il rischio è quello di compromettere e alterare anche il buon funzionamento della pubblica amministrazione con un evidente doppio danno per la collettività.”

Le società S.I.F. S.p.A e Aeroporto di Frosinone SpA erano già stati sotto i riflettori della Corte dei Conti nel 2011 quando era stata riscontrata l’inattività delle aziende dalla data di loro costituzione fino al 31 dicembre 2009. Più di 1.300.000 euro di perdite che non avevano fermato le due società che avviavano imperterrite l’iter amministrativo per ottenere l’impattante variante urbanistica al Pianto Territoriale Regolatore. Il Comune di Frosinone ed il Comune di Ferentino di fatto proseguivano la loro partecipazione all’interno della stessa società, non prendendo atto in alcun modo di quanto deliberato dalle autorità competenti.

28 settembre 2013 0

Cavendish Road, le polemiche di Paolo Di Cicco: “Dietro ci sono anni di studi e lavoro”

Di redazione

Da Paolo di Cicco – Progettista e D.L. “Realizzazione del Sistema Sentieristico del Parco Naturale dei Monti Aurunci” riceviamo e pubblichiamo una nota polemica sulla Cavendish Road. “Spettabile Redazione de “il Punto a Mezzogiorno” si legge nella nota – Scorrendo le notizie della vostra pagina web, aggiornata in data 25.09.2013, mi sono imbattuto in un articolo da titolo: “Domenica alla riscoperta della Cavendish Road, tutti a piedi da Caira a Montecassino tra storia e natura”. E’ lodevole che vengano organizzate e pubblicizzate iniziative come questa ma è doveroso, quando si da una notizia, essere il più documentati possibile su quanto si da, poi, in pasto al lettore”. In risposta al signor Paolo Di Cicco gli diciamo che sull’argomento non lui si è mai preoccupato, come ha fatto adesso, di contattarci per illustrare il suo operato. Neanche può dire di averci mai inviato notizie che abbiamo volutamente ignorato. Evidentemente ha scoperto adesso che qualcuno sta promuovendo l’argomento e si sente defraudato. Può starci. Ma che colpe abbiamo noi? Tornando alla sua lettera, scrive: “Vengo ai fatti esponendo un lungo percorso di progettazione, di documentazione, di studio e di realizzazione che hanno a che fare direttamente con la Cavendish Road. Nell’ambito del Piano Operativo Regionale FESR 2007-2013 Attività 4 “Valorizzazione delle strutture fruizione delle aree protette”, l’ENTE REGIONALE PARCO DEI MONTI AURUNCI ha, nell’ottobre del 2009, affidato un incarico di progettazione per la “Realizzazione del Sistema Sentieristico del Parco Naturale dei Monti Aurunci”. Come è ben noto L’Ente Parco ha indirizzo di tutela e di competenza per l’area del Monumento Naturale di Montecassino. Nell’ambito del progetto sopra citato per l’area del Monumento Naturale di Montecassino sono stati individuati, progettati ed in corso avanzato di realizzazione, essendo stati i lavori appaltati e consegnati per la realizzazione in data 14 dicembre 2012, 5 itinerari sentieristici, tra cui la tanto citata, ultimamente, Cavendish Road. Questo sentiero sconosciuto ai più è stato oggetto di studio e di confronto con realtà istituzionali ed associative del luogo che hanno collaborato con i progettisti e con il personale tecnico ed i Guardia Parco dell’Ente Parco Naturale dei Monti Aurunci che peraltro ha una sede distaccata proprio a Cassino. Dopo gli studi di archivio e le proposte progettuali si è passati alla fase operativa. Molto utili in questo frangente sono risultati i componenti dell’Associazione Linea Gustav che da decenni operano nel campo degli avvenimenti accaduti durante gli eventi bellici lungo questa famigerata fortificazione e che vantano esperienza e competenza di notevole spessore. Così come è stato utile il confronto con la locale sezione CAI anche in considerazione di un protocollo d’intesa con il CAI regionale del Lazio per omogeneizzare i sentieri al nuovo catasto in approntamento da parte di quest’ultimo. Con l’aiuto dell’Associazione si è provveduto a rimuovere gli ordigni bellici, ancora copiosamente presenti lungo gli itinerari, fatti poi brillare lo scorso anno dal genio militare, ma questa è cronaca nota. L’Ente Parco ha poi proceduto alla ricognizione delle proprietà attraversate promuovendo protocolli d’intesa con i proprietari ed ha proceduto di concerto con il locale Consorzio di Bonifica prima e della Ditta appaltatrice, Acos-Srl, in questi giorni alla sfalciatura e al decespugliamento dei sentieri di Santa Scolastica, della Cavendish e del Sentiero che da Caira sale verso Colle Maggio. Il sottoscritto in quattro anni ha incontrato persone ed associazioni presenti nel territorio e non mi risulta che tra esse fossero attive quelle nominate nell’articolo. Forse una mia svista o forse scarsa attenzione da parte loro? Pertanto, come è evidente, il tentativo da parte di qualcuno, che fino a questo momento è stato perfettamente spettatore, di appropriarsi di questa “scoperta” appare strumentale e inopportuno. Tanto più se poi si tende ad occultare i reali meriti di chi in questa opera ha creduto da sempre, e non soltanto nell’imminenza del 70 anniversario della battaglia di Cassino, ed in modo disinteressato impiegando studio, passione, competenza e soprattutto finanziamenti”.

28 settembre 2013 0

Teatro – rassegna “Salviamo i talenti” – “Riccardo e Lucia” di Claudia Lerro

Di redazione

(Recensione di Paolo Leone)

Salvate i talenti, salvate il teatro, salvate la poesia. Quel che abbiamo ammirato stasera è un’assicurazione sul futuro. La certezza che esiste il talento vero, che il teatro ha un avvenire e che la poesia può ancora toccare il cuore del pubblico. Terzo e penultimo spettacolo in gara nella rassegna “salviamo i talenti – premio Attilio Corsini 2013” al teatro Vittoria: “Riccardo e Lucia” scritto e diretto da Claudia Lerro, giovane autrice pugliese. I due attori sul palco, Ivana Lotito e Pio Stellaccio danno vita e corpo ad una storia lieve e tragica, semplice e dolorosa allo stesso tempo, come sa esserlo la vita. Un testo struggente, poetico, delicato, che viene esaltato da una regia meravigliosa e da una scena spoglia che lascia spazio alle capacità recitative dei due. Un’intensità rara, che commuove profondamente gli spettatori. Una storia d’amore d’altri tempi, ambientata in una Puglia del dopoguerra, quando ancora si chiedeva il permesso di poter parlare con l’amata al fratello di lei. Il personaggio di Riccardo, interpretato da Stellaccio, riesce ad infondere un’aura poetica a tutta la rappresentazione, mentre quello di Lucia, portato in scena dalla Lotito, è il contraltare agli slanci ed agli entusiasmi di lui e sembra quasi materializzare sulle tavole del palco il senso drammaticamente pragmatico delle donne raccontate da Gabriel Garcia Marquez. L’amore, anche quando sembra aver perso, vince sempre. Anche quando tutto sembra tramare contro, dalle difficoltà economiche alle vite prematuramente spezzate. Se c’è poesia. Se c’è il Teatro. Quel che abbiamo ritrovato in questa pièce sorprendente.

28 settembre 2013 0

Taccheggio seriale, arrestate tre donne rom a Frosinone

Di redazione

Erano diventate l’incubo di un noto supermercato del capoluogo le tre donne bloccate ieri pomeriggio dagli agenti delle Volanti. Dopo l’ennesima denuncia di furto presentata dal titolare dell’attività commerciale, dalla Questura è stato predisposto un servizio mirato per cogliere sul fatto le recidive ladre. A dare l’allarme che all’interno del supermercato era in atto un nuovo tentativo di furto lo stesso titolare, informato a sua volta da un dipendente, mentre era negli uffici di Polizia per sporgere denuncia per gli ultimi due subiti il 23 ed il 24 settembre scorsi. Una pattuglia delle Volanti, intervenuta immediatamente sul posto, ha bloccato all’interno del negozio le tre, una delle quali, la più anziana con il ruolo di “palo”, entrata qualche istante prima dei poliziotti per avvisare le complici della presenza della Polizia e dare così loro il tempo di riporre la merce precedentemente nascosta nel proprio vestiario. Ad incastrare le donne di etnia Rom, rispettivamente di 67, 34 e 26 anni, residenti nel capoluogo, anche le riprese del sistema di videosorveglianza dell’attività, grazie alle quali gli agenti hanno potuto accertare la sottrazione e l’occultamento in alcune sacche, cucite ad arte nelle ampie sottogonne indossate dalle stesse. Per quanto accaduto le tre dovranno rispondere davanti all’Autorità Giudiziaria di furto aggravato continuato.

28 settembre 2013 0

I Cassinati insultano la Municipale su Facebook, il comandante li denuncia. Ma l’assessore non lo sa

Di redazione

Dieci “cittadini di Cassino” sarebbero stati denunciati alla Procura della Repubblica per aver diffamato il corpo dei vigili urbani di Cassino tramite un social network. Alla notizia è stato dato ampio risalto dalla stampa locale secondo la quale la denuncia sarebbe stata sporta dallo stesso comandante dei vigili urbani per difendere il buon nome del corpo. Cosa fosse scritto nei post non lo si sa perché questa mattina tutto era sparito. Sicuramente frasi ingiuriose e offensive che “cittadini di Cassino” anche, probabilmente, con cattivo gusto, hanno rivoto al corpo dei vigili urbani i quali, grazie ad una indagine svolta su Facebook, sono arrivati agli autori di quelle offese e alla denuncia. Purtroppo non possiamo testimoniare se si trattasse di offese o di critiche, oppure di offese finalizzate alla critica. “Io non ne so niente, quello che so, l’ho appreso dalla stampa – dichiara l’assessore alla polizia Municipale Emiliano Venturi – Se una iniziativa del genere è stata presa, è stato fatto di iniziativa e non ne sono stato informato anche se, va detto, informarmi non è un atto dovuto. Intendo però accertarmi e solo dopo farò le mie valutazioni”. Un fatto è certo, pur prendendo le distanze da eventuali offese di cattivo gusto, con queste denunce (ben dieci, un record per la Municipale di Cassino) è stato certificato che il “corpo”, almeno su Facebook (visto che ormai, anche i vigili urbani di Cassino ne tengono particolarmente conto) non godono particolari simpatie. Al di la di ciò che è stato scritto e fotografato e che non conosciamo, va detto che a Cassino il problema della sosta selvaggia, l’abusivismo al mercato, l’occupazione del suolo pubblico, non è stato risolto neanche con il cambio al vertice della polizia municipale avvenuto ormai già qualche anno fa. Chissà se almeno denunciando i cassinati, si riesca ad educarli a non offendere la municipale con parole ingiuriose. Ermanno Amedei

28 settembre 2013 0

Entra nel cortine e tenta di violentare una ragazza, 34enne in manette

Di redazione

E’ entrato, all’improvviso, in un cortile condominiale dove tre ragazze parlavano tranquillamente tra di loro, ne ha afferrata una alle spalle, tenendola bloccata da dietro, e con una mano l’ha palpeggiata insistentemente nelle parti intime. Attimi di paura quelli vissuti, nelle tarda serata di ieri, da una ragazza di 21 anni che grazie alle sue urla e all’intervento delle sue amiche, è riuscita ad evitare il peggio e a mettere in fuga l’aggressore poi arrestato dai Carabinieri. L’allarme, scattato subito dopo le telefonate pervenute al 112 da parte delle persone accorse, nel frattempo, in aiuto della giovane, ha messo in movimento i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e quelli della Stazione di Chieti Scalo che, dopo aver pattugliato la zona, sono riusciti ad individuare l’auto con la quale il malvivente era fuggito. Le tre ragazze, seppur spaventate, erano riuscite a dare una importante indicazione ai militari, ovvero il colore grigio dell’auto con la quale l’uomo si era allontanato. Una Opel corsa dello stesso colore, con a bordo un uomo, è stata notata, dai Carabinieri, poco più tardi, parcheggiata nel piazzale di un distributore di carburanti dello Scalo. All’interno vi era D.P.P., 34enne residente in un paesino nelle vicinanze di Chieti, in evidente stato di ebbrezza. L’uomo, che è stato poi riconosciuto dalle tre ragazze, è stato tratto in arresto con l’accusa di violenza sessuale. Il suo tasso alcolemico superiore al limite consentito dalla legge gli ha inoltre comportato il ritiro di patente e il sequestro dell’auto. Sono ora in corso ulteriori indagini, da parte dei Carabinieri, per verificare eventuali responsabilità dell’arrestato relativamente ad analoghi episodi accaduti allo Scalo negli ultimi mesi.

28 settembre 2013 0

Green Mobility in esposizione a Gaeta

Di redazione

Dalle 17.00 di oggi 24.00 di domenica 29 settembre 2013, Largo Caserta a Gaeta Medievale ospiterà un’interessante esposizione di veicoli elettrici organizzata dalla Ekò Green Mobility, azienda leader in Italia nel settore delle energie rinnovabili e delle 2 e 4 ruote da oltre 15 anni. Obiettivo: sensibilizzare alla mobilità sostenibile. Tecnici esperti di veicoli elettrici saranno a disposizione per eventuali informazioni. La Ekò collabora con onlus impegnate in materia ambientale, quali Legambiente e partecipa ai più importanti eventi organizzati dal Comune di Roma sotto il patrocinio dell’assessorato alla mobilità e l’assessorato all’ambiente.

28 settembre 2013 0

La trasmissione della Capitaneria di Porto Navigare informati saluta da Gaeta

Di redazione

L’ultima puntata della trasmissione “navigare informati” è stata registrata mercoledí scorso proprio a Gaeta, sotto lo strapiombo di Monte Orlando e davanti alla prestigiosa sede della Capitaneria di Porto di Gaeta. Il bollettino nautico trasmesso dalle reti Mediaset e curato direttamente dalla Capitaneria di Porto si é svolta per tutta l’estate e si interrompe nel periodo invernale anche se su web, all’indirizzo www.navigareinformati.com continua ad dare informazioni agli appassionati del mare. Sul sito anche l’ultima puntata registrata a Gaeta. Www.navigareinformati.com

28 settembre 2013 0

A scuola di lingua araba a Cassino, corsi organizzati da “La Luce”

Di redazione

Il Centro Islamico Culturale “La Luce” di Cassino organizza un corso di lingua araba livello principianti. Il corso, che sarà tenuto da madrelingua arabi, si svolgerà presso la sede dell’associazione in Via Virgilio n° 12 a Cassino(FR) il Sabato pomeriggio e la Domenica pomeriggio, avrà inizio il 12 Ottobre 2013 e terminerà il 22 Dicembre 2013. La data di chiusura delle iscrizioni è il 5 Ottobre p.v. E’ prevista una quota minima di partecipazione e per informazioni è possibile rivolgersi presso i locali dell’associazione o presso la macelleria che si trova sempre in via Virgilio, oppure inviando una e-mail all’indirizzo info@centroislamicocassino.it, oppure mediante il form di contatto presente sul sito web dell’associazione: http://www.centroislamicocassino.it