Giorno: 30 settembre 2013

30 settembre 2013 0

Nuova frana su viadotto Biondi, vertice con la Regione

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nella notte tra domenica 29 settembre 2013 e lunedì 30 settembre 2013, la città di Frosinone è stata investita da una perturbazione che ha prodotto piogge di carattere monsonico che hanno raggiunto livelli di precipitazione fino a 151 mm in appena 9 ore. Un evento atmosferico, che ha una ciclicità di 50 anni, di carattere eccezionale se si considera che la media delle precipitazioni piovose degli ultimi 30 anni, considerato l’arco temporale dell’intero mese di settembre, è di 102 mm. La Protezione Civile ha dovuto effettuare più di 40 interventi per i sottopassi, gli scantinati e alcune abitazioni che si sono allagate. L’opera di pulizia delle caditoie, compiuta nei giorni passati, ha attenuato gli effetti dirompenti della enorme quantità di acqua piovana caduta sulla città di Frosinone, anche se in alcune situazioni si sono registrati particolari disagi, vista proprio l’eccezionalità dell’evento atmosferico. Gli effetti della pioggia hanno fatto riemergere le ben note criticità di dissesto idrogeologico in via Sant’Angelo, viale Napoli, via Casilina Sud, via Championnet e via san Liberatore che sono sotto costante monitoraggio da parte della Protezione Civile comunale e dei tecnici comunali.

Nella giornata odierna il Sindaco Nicola Ottaviani ha effettuato diversi sopralluoghi sul viadotto Biondi e nelle zone del fiume Cosa, interessate dagli smottamenti. In particolare il sindaco Ottaviani ha coordinato una riunione operativa con i tecnici comunali e della Regione, nella zona della stazione di valle dell’ascensore inclinato. Alla riunione hanno partecipato il dirigente comunale del settore pianificazione territoriale e ambiente l’architetto Elio Noce, il geologo comunale Marco Spaziani, il disaster manager Ruggero Marazzi, l’ing. Dante Novello e il dott. Claudio Di Cocchi dell’Area di Difesa del Suolo della Regione Lazio, unitamente al prof. Francesco Federico del Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Università Tor Vergata, consulente della Pisana.

“L’incontro è stato molto proficuo, poiché, oltre a constatare le ulteriori emergenze causate dalle piogge della notte scorsa – ha dichiarato il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani – abbiamo individuato una tempistica di interventi infrastrutturali sicuramente stringente. I tecnici regionali, grazie all’intervento dell’assessore Fabio Refrigeri, su delega del presidente Zingaretti, lavoreranno a stretto contatto di gomito con i nostri tecnici, per ripristinare la viabilità del viadotto entro pochi mesi, riattivando una circolazione stradale che sembra ormai paralizzata. Diverso discorso dovrà farsi per la riqualificazione dell’intero alveo del fiume Cosa che attraversa il perimetro urbano dalla zona di Maniano fino al Vignale, poiché il tal caso dovrà intervenire necessariamente il commissario straordinario per il dissesto idrogeologico per il Lazio, che ha la dotazione finanziaria necessaria per gli interventi strutturale”.

30 settembre 2013 0

Si opera alla colecisti e muore in ospedale a Cassino. La procura indaga sul decesso di una 65enne di Mignano

Di redazione

La procura di Cassino ha aperto un fascicolo sulla morte in ospedale, al Santa Scolastica di Cassino, di una donna di 65 anni di Mignano Montelungo (Ce). Adelina Tollo, giovedì è stata sottoposta ad un intervento chirurgico in laparoscopia per l’asportazione della colecisti. Un intervento di routine che, però, dopo il quale devono essere sopraggiunti probloemi dato che la donna si è sentita male ed è tornata sotto i ferri. Domenica mattina la 65nne è deceduta e i familiari hanno sporto denuncia per capire per quale motivo la donna è morta. La procura ha disposto, quindi, il sequestro della salma e mercoledì è prevista l’autopsia.

30 settembre 2013 0

Caira saluta il suo istrione, enorme folla per l’addio a Gianni Di Luzio

Di redazione

Caira, la popolosa frazione di Cassino, si è stretta oggi pomeriggio alla chiesa di San Basilio dove si sono celebrati i funerali di Gianni Di Luzio, l’istrionico 55enne che animava la zona con manifestazioni di ogni tipo; attore, comico, imitatore, Gianni era conosciuto per tutto questo e ancor di più per il suo sorriso e per la sua voglia di far socializzare la gente creando iniziative dal nulla. Era un catalizzatore di simpatia ed energia positiva, caratteristiche che adoperava rendere migliore e più serena Caira. Al funerle di oggi gli si sono stretti i parenti ma anche tanti amici o semplici conoscenti, cioè una enorme folla. Alberto Ceccon

30 settembre 2013 0

Vanno in cerca di funghi a Formia ma perdono l’orientamento a causa della nebbia e del maltempo, rintracciati e salvati dai carabinieri ad Esperia

Di admin

Nella mattinata di ieri, un 73enne ed un 46enne residenti entrambi a Formia (LT), si inoltravano nell’area boschiva sita in località Canale, area montana del comune di Formia, alla ricerca di funghi, sorpresi dalla nebbia e dalle successive avverse condizioni meteorologiche, perdevano l’orientamento tra i sentieri boschivi e tramite telefono cellulare di uno dei due, alle ore 16,00, allertavano la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Formia.

Le immediate ricerche dei dispersi, attivate da personale della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo e Formia, nonché della Protezione Civile e Vigili del Fuoco di Formia, consentiva successivamente ai militari della Stazione CC di Esperia attraverso un servizio di battuta a piedi nel territorio montano a confine con la Provincia di Latina di rintracciare, alle ore 19,00, i malcapitati in località Polleca, area montana del comune di Esperia.

I due uomini, godendo di buona salute, venivano accompagnati presso il Comando Stazione CC di Esperia dove erano attesi dai propri familiari.

30 settembre 2013 0

CIV INPS, approvato il bilancio consuntivo 2012

Di admin

Il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza (CIV) dell’INPS nella riunione di oggi, 30 settembre 2013, ha approvato, con il voto contrario dei rappresentanti della UIL, il bilancio consuntivo dell’anno 2012, che ora viene trasmesso ai Ministeri vigilanti ai sensi di legge.

I principali risultati del consuntivo 2012, che tiene conto degli effetti della confluenza nell’INPS dell’ex INPDAP e dell’ex ENPALS soppressi con decorrenza 1° gennaio 2012 dall’art. 21 della legge 214/2011, si riassumono in:

9.786 milioni di euro di disavanzo finanziario di competenza con un incremento di 11.083 milioni di euro rispetto all’avanzo di 1.297 mln del 2011;

208.076 milioni di euro di entrate contributive, con un incremento di 57.252 milioni (+38,0%) rispetto a 150.824 milioni dell’esercizio 2011;

295.742 milioni di euro di prestazioni istituzionali, con un incremento di 76.113 milioni (+34,7%) rispetto ai 219.629 milioni del consuntivo 2011. In particolare la spesa per prestazioni pensionistiche è risultata pari a 261.487 milioni di euro (194.466 milioni nel 2011), con un incremento di 67.021 milioni di euro (+34,4%);

12.216 milioni di euro di disavanzo economico di esercizio con un incremento di 9.955 milioni rispetto al disavanzo economico del 2011 (2.261 milioni).

Per effetto del risultato economico di esercizio, il patrimonio netto dell’INPS al 31 dicembre 2012 risulta pari a 21.875 milioni di euro.

In fase di approvazione del bilancio, il CIV ha ribadito la necessità di effettuare una verifica della sostenibilità del sistema previdenziale e della tutela degli equilibri di bilancio, da attuarsi con un costante monitoraggio della evoluzione delle Gestioni amministrate dall’INPS e con la redazione di bilanci tecnici aggiornati.

Inoltre, con riferimento alla riduzione delle spese di funzionamento previste da diversi provvedimenti legislativi che impongono all’INPS di riversare al bilancio dello Stato i risparmi realizzati, il CIV ha confermato quanto già espresso in più Ordini del Giorno, ossia che l’Istituto ha già contribuito al risanamento dei conti pubblici e non può più subire ulteriori tagli alle proprie spese di funzionamento senza compromettere la propria funzionalità e la qualità dei servizi resi.

Infine, il linea con le predette considerazioni, il CIV ha ribadito la necessità che le Istituzioni predispongano un intervento normativo diretto a realizzare in futuro una consistente riduzione degli oneri che attualmente sono posti a carico dell’INPS dalle norme sulla riduzione delle spese di funzionamento al fine di ripristinare, a tutela della previdenza ed assistenza pubblica, la piena funzionalità dell’Istituto.

30 settembre 2013 0

Inaugurazione di un parco cittadino dedicato alla M.O.V.M. Vicebrigadiere dei Carabinieri Salvo D’Acquisto a Cercepiccola

Di admin

Questa mattina si è svolto un importante evento in Cercepiccola (CB), fortemente voluto dalla locale amministrazione comunale in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri: l’inaugurazione di un parco cittadino intitolato alla Medaglia D’Oro al Valor Militare “alla memoria” Vicebrigadiere Salvo D’ACQUISTO e il successivo convegno sul tema “La figura di Salvo D’Acquisto nell’Italia del terzo millennio”. La cerimonia, cui hanno partecipato il Prefetto di Campobasso, dott. Francescopaolo DI MENNA, il Sindaco del Comune di Cercepiccola, Michele SIMIELE, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Campobasso Col. Andrea BERTOZZI della ZONCA in rappresentanza del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, nonché Monsignor Gabriele TETI, cappellano militare in Campobasso per la Guardia di Finanza e l’Esercito, i Sindaci dei Comuni viciniori ed altre autorità civili e militari, ha avuto inizio con la deposizione di una corona al monumento ai caduti in piazza della Repubblica per poi proseguire con l’inaugurazione del “Parco Salvo D’Acquisto” e lo scoprimento di una lapide commemorativa realizzata in pietra locale dal sig. Franco Antonio di Sepino; successivamente ha avuto luogo il convegno che ha visto gli interventi del Colonnello BERTOZZI della ZONCA e di Mons. TETI, postulatore presso la Santa Sede della causa di beatificazione del Carabiniere napoletano, del quale sacrificio quest’anno ricorre il 70° anniversario. L’evento si è concluso con l’apprezzata esecuzione di alcuni brani musicali da parte della Fanfara del 10° Battaglione Carabinieri “Campania” di Napoli.

30 settembre 2013 0

In quattrocento sulla Cavendish Road, successo per la camminata dell’associazione Cassino città per la Pace

Di admin

Quattrocento persone in più da oggi conoscono la Cavendish Road, il sentiero che da Caira porta a Montecassino costruito durante la seconda guerra mondiale dai neozelandesi. Tanti infatti sono stati i partecipanti della camminata organizzata dall’associazione Cassino città per la pace, che, formando un lungo serpentone, sono partiti dalla località Monacato, nonostante le condizioni del tempo non ottimali, arrivando fino all’Abbazia. Una partenza con il messaggio augurale del Presidente della Provincia Patrizi, del sindaco di Cassino Petrarcone e del consigliere regionale Marino Fardelli promotore dell’iniziativa che al taglio del nastro ha dedicato la giornata a Gianni Di Luzio, lo zio prematuramente scomparso che era tra i partecipanti entusiasti dell’organizzazione della giornata e al quale saranno dedicate tutte le edizioni che seguiranno. L’intenzione dell’associazione, che con questa iniziativa ha organizzato una giornata tra storia e natura, è infatti quella di promuovere i sentieri, i siti e le aree del territorio che al momento sono in condizioni di abbandono e che rappresentano luoghi storici di notevole valore: “Attraverso la sinergia di tutti gli enti preposti come il Consorzio di Bonifica, il Parco Monti Aurunci e le associazioni, oltre che con il Cai, il Corpo Forestale e i comuni interessati, possiamo rendere fruibili percorsi d’interesse storico e naturalistico per i turisti e per i cittadini – ha detto l’on.le Marino Fardelli- La prima iniziativa è stata un successo non solo per il numero dei partecipanti, ma soprattutto per il loro interesse alle spiegazioni storiche e ad altre iniziative che verranno”. A raccontare storia e aneddoti della Cavendish Road, l’avv.to Roberto Molle, appassionato e conoscitore di tutte le vicende del conflitto mondiale. Un momento molto emozionante è stato vissuto dai partecipanti quando sono state salutate e applaudite le figlie di due reduci neozelandesi presenti alla camminata e visibilmente commosse per l’accoglienza ricevuta. I quattrocento partecipanti, all’arrivo a Montecassino, hanno ricevuto la benedizione del Priore Augusto Ricci, reggente dell’Abbazia di Montecassino, unendosi in preghiera per tutte le vittime del conflitto mondiale. Premiati, dopo il pranzo offerto dall’associazione e preparato da volontari con una cucina da campo, il partecipante più anziano, Pietro e quello più giovane, il piccolo Lorenzo, “a dimostrazione che con un pò di fiato e di buona volontà, tutti possono percorrere la Cavendish Road” ha affermato il presidente dell’associazione Angelo Fardelli.

30 settembre 2013 0

Fa il furbo e con magnete tarocca il tachigrafo del tir, patente ritirata ad un camionista

Di admin

Nell’ambito dei servizi di controllo della legalità nel settore dell’autotrasporto, disposti dal Dirigente Provinciale della Polstrada V.Q.A., Giovanni Consoli, verso le ore 14,00 odierne una pattuglia del Distaccamento di Sora procedeva al fermo di un autoarticolato condotto da un 50enne della provincia di Padova . Dal controllo inizialmente non sembravano emergere irregolarità ma quando gli Agenti, al fine di verificare i tempi di guida e di riposo dell’autista, procedevano allo scarico dei dati dal tachigrafo digitale montato sul tir , si accorgevano che c’era qualcosa che non quadrava . Infatti, lo scrupoloso e professionale incrocio dei dati , evidenziava incongruenze che l’autista non era in grado di spiegare . Troppa strada percorsa per poche ore di guida. Quindi, la pattuglia scortava il TIR presso una officina specializzata ove si aveva la conferma del fatto che il tachigrafo era stato manomesso con l’apposizione di un magnete che sostanzialmente impediva all’apparecchio di registrare le reali ore di guida. Non e’ la prima volta che gli uomini del Distaccamento di Sora, comandati dall’Ispettore Tommaso Genovesi, accertano simili stratagemmi posti in essere dagli autisti di TIR per guidare per periodi di tempo ben superiori a quelli consentiti , con il conseguente grave pericolo per la sicurezza stradale . Questa volta all’autista padovano e’ andata male, l’attenzione e la preparazione degli agenti, gli e’ costato il ritiro della patente per tre mesi, una multa di € 1682 oltre alla decurtazione di 10 punti dalla patente.

30 settembre 2013 0

Sabato 5 ottobre a Colle San Magno l’inaugurazione del museo vivo della memoria

Di admin

Nell’anno in cui ricorre il settantesimo anniversario delle battaglie di Montecassino, dopo due anni di ricerca sul campo, sabato 5 ottobre 2013, alle ore 16.00, apre i battenti il Museo vivo della memoria di Colle San Magno, un piccolo comune del Cassinate, alle pendici del Monte Cairo. I testimoni diretti di quegli eventi raccontano in prima persone nel museo i nove mesi in cui questo piccolo centro fu la principale retrovia tedesca del fronte sulla “linea Gustav”. In questo piccolo paese, originariamente centro agricolo di montagna, furono concentrati i depositi di munizioni, i posti di pronto soccorso, le cucine da campo, le antenne di comunicazione dei tedeschi sul fronte di Cassino. Lo stesso comando strategico del generale Frido Von Senger era a pochi passi dal paese. Ogni sera le colonne di muli partivano per il fronte, con il rancio e le munizioni, e tornavano cariche di feriti e di caduti. La narrazione del Museo, che ricostruisce gli eventi bellici nell’area, ruota attorno al punto di vista della popolazione civile, assunto come base per una ricostruzione di una delle pagine più emblematiche della Seconda guerra mondiale in Italia. Sul fronte di Cassino, perno centrale della Linea Gustav, l’esercito tedesco e le forze alleate si fronteggiarono per un lungo e sanguinoso inverno; le quattro battaglie di Monte Cassino costarono la vita a decine di migliaia di soldati provenienti da ogni continente. Le popolazioni civili si trovarono schiacciate tra due fuochi e subirono le privazioni di una guerra in casa: la deportazione, le distruzioni dei bombardamenti e i danni dovuti all’occupazione tedesca integrale del paese rivivono nelle memorie raccolte in video di chi allora era giovane, assieme alla paura, alla memoria della fame e delle angherie subite. Il ricordo di quelle emozioni è espresso anche in alcuni oggetti conservati per decenni e in documenti originali spontaneamente donati dalle famiglie del paese. Il Comune di Colle San Magno ha voluto e realizzato questo Museo, con un piccolo finanziamento europeo, per conservare la memoria di quegli eventi e rileggerli a distanza e per comunicare alle nuove generazioni gli orrori e la tragedia della guerra. L’ALLESTIMENTO: Il Museo si articola in cinque sale all’interno di una palazzo storico e presenta, accanto alle testimonianze video, oggetti d’epoca donati dalle famiglie, un ricco corredo di documenti, reperti bellici, ricostruzioni accurate degli eventi più importanti, compresa la riproduzione delle foto aree scattate dalla RAF – l’aviazione militare inglese su tutta l’area del Monte Cairo, messe gratuitamente a disposizione dall’Aereofototeca nazionale. MUSEO VIVO DELLA MEMORIA – Informazioni pratiche: Indirizzo: Via Roma – Colle San Magno (FR) Orari di apertura: Venerdi ore 15,00 – 18,00 Sabato ore 10,00 – 18,00 Domenica ore 10,00- 13,00 Su prenotazioni, durante la settimana, per scuole e gruppi superiori alle 10 persone

Costo del biglietto: 2 euro. Gratuito per i cittadini europei sotto i 18 anni e sopra i 65.

COLLE SAN MAGNO Colle San Magno è un piccolo centro in provincia di Frosinone di fondazione medievale a pochi passi dal castello dei conti di Aquino, immerso fra le cime del Monte Cairo. Situato a 600 metri d’altezza è circondato da boschi di lecci, faggi, querce e punto di passaggio dell’itinerario di trekking “via Benedicti “. Meta di turismo escursionistico legato alla montagna, ospita produttori di tartufi e formaggi di pecore e capra. PER INFORMAZIONI più dettagliate: Ufficio stampa: Pompeo Di Fazio, 333 4704529 stampa.collesanmagno@yahoo.it ; pompeodott@yahoo.it Cecilia Mastrantonio (direttore scientifico del Museo) tel. 335 5654853 Comune di Colle San Magno, tel. 0776 6560144

Come arrivare: Colle San Magno si trova a circa un’ora e mezzo di macchina da Roma, a 20 chilometri da Cassino. Autostrada A1 direzione Napoli – Uscita Pontecorvo Castrocielo – Seguire le frecce per Castrocielo – Roccasecca. Da quest’ultimo paese prendere la strada per Colle San Magno (5 km). In treno: stazione ferroviaria di Roccasecca.

30 settembre 2013 0

Equitalia Sud, da domani 1° Ottobre lo sportello di Fondi si trasferisce presso il Centro Direzionale del Mercato Ortofrutticolo

Di admin

A partire da domani 1° Ottobre Equitalia Sud trasferisce lo sportello di Fondi presso il Centro Direzionale del Mercato Ortofrutticolo. I nuovi uffici di viale Piemonte,1 rimarranno aperti al pubblico dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 13.30. I contribuenti potranno rivolgersi allo sportello di Equitalia Sud per effettuare pagamenti no cash (assegni e bancomat), ricevere informazioni e assistenza.

«In considerazione della riconosciuta utilità del servizio svolto da Equitalia Sud per l’utenza di Fondi ma anche per quella dei Comuni di Itri, Monte San Biagio, Lenola, Terracina, San Felice Circeo – afferma il Sindaco Salvatore De Meo – abbiamo chiesto alla MOF SpA di condividere l’opportunità di mantenere operativo uno sportello decentrato nella nostra città, ospitandolo presso i locali siti presso il Centro Agroalimentare all’Ingrosso. Desidero pertanto ringraziare la MOF SpA, e in particolare l’Amministratore delegato Enzo Addessi, per la piena disponibilità dimostrata che permetterà ai cittadini di evitare disagi e garantirà ai cittadini del comprensorio che hanno necessità di entrare in contatto con Equitalia di poter ottenere assistenza, adeguate informazioni e di poter provvedere ai pagamenti».

«Lo sportello di Fondi – dichiara Alessandro Migliaccio, Direttore regionale Lazio di Equitalia Sud – sarà a disposizione dei cittadini fino a Maggio 2016, nel rispetto della pre-esistente convenzione stipulata con il Comune a Maggio 2011. L’accordo raggiunto va nella direzione del percorso di collaborazione e ascolto intrapreso dal Gruppo Equitalia. Allo sportello, dotato di due postazioni, i cittadini potranno ricevere tutte le informazioni utili, presentare istanze di rateazione e sarà possibile effettuare pagamenti con bancomat e assegni».