pubblicato il25 settembre 2013 alle 10:15

Il Lungomare Cordella di Vasto rischia di scomparire a causa delle frane

Adesso la situazione si fa preoccupante, soprattutto per le tre ville a ridosso del fronte della frana. Parliamo di uno dei tratti più belli di Vasto Marina, la passeggiata del lungomare nord Ernesto Cordella che dalla Bagnante conduce, passando sotto l’ex depuratore, al primo trabocco sud della città, in località Trave. Quel tratto di lungomare, transennato e vistato alla circolazione anche pedonale dalle autorità amministrative della città, è abbandonato a se stesso e quel che è peggio, giorno dopo giorno, sta scivolando in mare. Qualche tempo fa a commentare questa situazione è stato l’ex assessore alla cultura Francescopaolo d’Adamo, il quale sul suo bolg con una frase dialettale sintetizzava quanto sta accadendo: Lu Uaste se ne va all’aceto!”. Questa foto, ripresa su Facebook, mostra l’attuale stato di degrado e di pericolosità di questa zona che doveva essere il fiore all’occhiello della marina di Vasto, ed invece sta rischiando di sparire per sempre alla vista dei vastesi e dei turisti. “La situazione è drammatica – commentano i consiglieri comunali Nicola Del Prete e Davide D’Alessandro- , al prossimo Consiglio comunale porteremo una mozione con la quale intendiamo impegnare l’amministrazione comunale a porre rimedio a questa grave situazione. Ma non basta il Comune a far fronte all’emergenza che sta interessando anche la strada Istonia, tra Vasto e San Salvo passando per il Villaggio Siv. E’ evidente che anche la Provincia e la Regione devono dire la loro. Il lungomare Cordella, uno dei posti più meravigliosi del nostra litorale, rischia di scomparire definitivamente. Non possiamo permetterlo!”.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07