Giorno: 11 ottobre 2013

11 ottobre 2013 0

Ancora un ordigno bellico a Cassino, il rinvenimento sul ciglio di via Mezzanotte

Di admin

Un ordigno bellico di medie proporzioni è stato rinvenuto oggi pomeriggio a Cassino in via Mezzanotte, la strada che porta alla popolosa frazione di Sant’Angelo in Theodice. Si tratta, con tutta probabilità, di una bomba di aereo lasciata da qualcuno che l’ha precedentemente trovata, sul ciglio della strada. Sul posto sono arrivati i carabinieri, i vigili urbani di Cassino e i i vigili del fuoco che hanno provveduto a mettere in sicurezza la zona in attesa dell’intervento degli artificieri per la rimozione. Er. Am. Foto A. Nardelli

11 ottobre 2013 0

Kayak Cassino, Sandra Iemma fa poker sulle acque del Ticino

Di admin

Domenica scorsa in una gara massacrante di quaranta km durata quasi tre ore sotto un pioggia insistente sul fiume Ticino, Sandra Iemma conquista allo sprint il titolo di campionessa italiana maratona.Ha regolato per soli 18 secondi l’avversaria di sempre Sabina Valbusa che l’anno scorso la beffo’ negli ultimi cento metri dopo una gara che l’atleta cassinate aveva condotto sempre in testa. Per capire l’impresa della fortissima ed eclettica “mamma volante ” di Cassino che si e’ laureata Campionessa Italiana in quattro differenti specialita’ della canoa fluviale(sprint,discesa classica, slalom,maratona) possiamo pensare ad un atleta della atletica leggera che vinca sia nella maratona, nei 100 metri, nei 5000 e nel cross country. Sandra e’ un esempio per quanti, alle prime avversita’, appendono la canoa al chiodo.Allenarsi almeno due ore al giorno ,seguire nella crescita tre splendidi figli e lavorare non e’ affatto semplice. Sandra ama a tal punto lo sport della canoa da impegnarsi ques’anno anche nella attivita’ dirigenziale alla guida del glorioso rinato Kayak Club Cassino.”Sandra, che ho visto piccolissima dare le prime timide pagaiate, e’ l’orgoglio sportivo di Cassino.Impersona i valori dello sport ai livelli piu’ altie puri in tutti i fiumi Italiani.Per suo merito si parla positivamente della nostra citta’ in tutta Italia.Spero sia ritenuta meritevole di un premio da parte della amministrazione comunale di Cassino” afferma il suo direttore sportivo di sempre il dott. Angelo Spallino.Ma la stagione non e’ ancora finita: Sandra partecipera’ con altri forti atleti di Cassino come Sergio Amato,Andrea Pontone, Francesco Marchetti, Pasquale ed Giovanni Polverino, Claudia e Lorenzo Marcelli alla maratona internazionale di Verona sulle acque dell’Adige.Forza Ragazzi!

11 ottobre 2013 0

Task force a Isola Liri per controllare il settore dell’ortofrutta

Di admin

Dopo i brillanti risultati conseguiti nella scorsa settimana, sono proseguiti anche nella giornata odierna i controlli interforze alle rivendite di ortofrutta della provincia. Nel comune di Isola del Liri la Polizia di Stato, la Polizia Locale e personale della ASL hanno messo in campo una vera e propria task force con l’obiettivo di assicurare ai cittadini sicurezza e diritto alla salute. Nelle rivendite controllate gli uomini delle Volanti della Questura di Frosinone hanno rintracciato un clandestino inottemperante al Decreto di espulsione emesso dal Questore: per l’uomo è scattata la relativa denuncia, mentre il datore di lavoro è stato deferito per favoreggiamento all’immigrazione. Con il qualificato concorso della Polizia Locale gli uomini della Polizia di Stato hanno, inoltre, segnalato lo stesso gestore per occupazione abusiva, abuso edilizio ed espansione dell’attività commerciale. La preziosa collaborazione del personale della ASL ha consentito ai poliziotti di documentare le gravi carenze igienico sanitarie presenti nei locali dove la merce viene esposta e conservata: per tali motivi sarà presentata una proposta per la sospensione dell’attività commerciale.

11 ottobre 2013 0

Cassino, crisi industriale ed economica, Fardelli incontra Zanonato

Di admin

“L’attuale vulnerabilità delle imprese e la crisi del settore industriale hanno portato le famiglie della provincia di Frosinone ad un reddito al di sotto di tutti gli altri territori laziali”. Dati alla mano, il consigliere regionale Fardelli e l’on.le Anna Teresa Formisano, hanno incontrato il Ministro per lo sviluppo economico Flavio Zanonato e la dott.ssa Maria Ludovica Agrò, direttore generale per la politica industriale, per esporre una situazione economica “per la quale non si possono più rinviare interventi”. In particolare Fardelli e Formisano hanno richiesto la presenza del Ministro a Cassino, dove la realtà economica di tutte le Aziende risente fortemente della crisi attuale. “La presenza del Ministro Zanonato a Cassino sarà occasione per un confronto con gli imprenditori con i quali aprire un dialogo che evidenzi le criticità e analizzi le proposte” ha detto il consigliere regionale Marino Fardelli. L’on.le Anna Teresa Formisano, ha espresso “grande soddisfazione per la disponibilità del Ministro ad esaminare la nostra realtà economica e quindi la realtà di un territorio, il cassinate, per il quale non sono più rinviabili interventi a tutti i livelli e ad accettare l’invito a venire in città per un confronto con gli imprenditori”. E sulla visita del Ministro per lo sviluppo economico a Cassino l’on.le Fardelli ha commentato: “La presenza del Ministro Zanonato sarà molto significativa per gli imprenditori ai quali giungerà chiaro il segnale che non sono stati abbandonati a se stessi e che s’intende lavorare per l’economia del cassinate”. Il consigliere Fardelli, che anche in Regione Lazio ha richiesto in più occasioni interventi urgenti per il sud della provincia, ha concluso: “Dalla Regione al Governo, ognuno deve fare la sua parte con interventi immediati che tamponino la grave situazione e che mettano in campo strategie che possano attrarre nuovamente gli investitori. E’ a rischio la tenuta del tessuto sociale di un intero territorio, di questo bisogna tener conto” ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli.

11 ottobre 2013 0

Il segretario Cesa il 22 ottobre ad Anagni, Marino Fardelli: “Dalla città dei Papi l’Udc taglia il nastro della ripartenza”

Di admin

Il segretario Lorenzo Cesa il 22 ottobre sarà ad Anagni da dove darà il via ufficiale alla ripartenza dell’Unione di Centro anche in provincia di Frosinone. Una riorganizzazione di cui si è tornato a parlare insistentemente nelle ultime settimane e della quale è fervido sostenitore il consigliere regionale Marino Fardelli: “La presenza del segretario nazionale in provincia è la riprova che il partito c’è, è presente nel territorio ed intende ripartire. Da Anagni il segretario Cesa taglierà simbolicamente quel nastro che decreterà il via ad un nuovo percorso nel quale chiamiamo tutti gli amici dell’Udc, gli iscritti, i sostenitori, i rappresentanti delle amministrazioni comunali”. Il consigliere regionale Fardelli afferma anche che “l’Udc viene da mesi molto difficili, ma questi sono stati superati ed ora il fermento in provincia è tangibile” riferendosi ad un primo importante avvenimento che è stato la costituzione di un comitato-direttivo provinciale allo scopo di creare eventi ed iniziative locali volte al coinvolgimento dei cittadini e a rendere sempre più capillare la presenza del partito nel territorio. Ne è entusiasta il segretario provinciale Michele Mele che nella riunione del partito ha trasmesso quell’enfasi e quella volontà di organizzazione e di presenza a tutti i presenti. Quella stessa volontà che anche il consigliere regionale Marino Fardelli ha manifestato in più occasioni e attraverso la stampa: “A livello nazionale ci avviamo verso il congresso con un progetto politico chiaro, mentre nel provinciale ci riorganizziamo per avere un peso ed un ruolo importante nelle prossime elezioni comunali. E’ il tempo del confronto e della partecipazione. E su queste basi invito tutti al taglio del nastro, simbolico, da Anagni”. Ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli.

11 ottobre 2013 0

Maltempo, ancora allerta temporali al centro-sud

Di admin

La perturbazione proveniente dalla Francia che sta interessando dai giorni scorsi il nostro Paese, continuerà a determinare una fase di maltempo sulle regioni del medio versante tirrenico.

Sulla base delle previsioni disponibili e di concerto con le Regioni coinvolte, cui spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L’avviso prevede dalla mattina di domani, sabato 12 ottobre, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Lazio centro-meridionale e sulla Campania, specie sui settori tirrenici. I fenomeni potranno dare luogo a rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Il Dipartimento della Protezione Civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile. Sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it) sono consultabili alcune norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo.

11 ottobre 2013 0

Tentatarono una rapina aggredendo a calci e pugni un 30enne a Ferrazzano, 4 giovani arrestati dai carabinieri

Di admin

I Carabinieri della Compagnia di Campobasso hanno tratto in arresto G.R. ventiquattrenne, C.M. ventenne, N.N. ventitreenne e M.L. ventunenne in esecuzione della misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Campobasso che ha disposto la custodia cautelare in carcere per i primi due e agli arresti domiciliari per gli altri, tutti ritenuti responsabili di tentata rapina, percosse, lesioni, danneggiamento e minaccia aggravata. Lo scorso 13 giugno un trentenne di Ferrazzano mentre si accingeva a salire sulla propria autovettura, veniva colpito da un pugno in pieno volto che lo faceva vacillare e, mentre uno degli arrestati fungeva da palo gli altri tre lo percuotevano con calci e pugni. Finalità del pestaggio la consegna del denaro in possesso dell’uomo che, approfittando di un attimo di distrazione degli aggressori, riusciva a salire a bordo dell’autoveicolo e scappare. L’aggredito, soccorso presso l’Ospedale Caldarelli, veniva dimesso con una prognosi di 15 giorni per le contusioni refertate. Immediato l’intervento dei Carabinieri della Stazione di Mirabello Sannitico i quali hanno raccolto la denuncia del trentenne che ha dato indicazioni per l’identificazione di uno degli aggressori, gli altri sono stati individuati a seguito delle indagini svolte dai militari del predetto Comando Stazione Carabinieri. La Procura della Repubblica di Campobasso che ha diretto le indagini ha condiviso le risultanze investigative dei Carabinieri e richiesto l’emissione del provvedimento cautelare al GIP che, concordando, ha emesso le misure eseguite. Ulteriori dettagli saranno forniti in sede di conferenza stampa che si terrà domani 12 ottobre alle ore 11,00, presso gli Uffici del Comando Provinciale Carabinieri siti in Via Mazzini n.97.

11 ottobre 2013 7

Migliaia di multe dell’autovelox di Pignataro a rischio, l’Astral boccia l’abbassamento del limite di velocità

Di admin

“E adesso che cosa succede” è ciò che viene da chiedersi scoprendo che il Comune di Pignataro Interamna, questa mattina, ha dovuto revocare l’ordinanza con la quale l’11 dicembre 2012, ha istituito come tratto urbano in entrambi i sensi di marcia, circa 900 metri della Superstrada Cassino-Formia che attraversa il Comune. Ciò aveva comportato che, solo in quel tratto, il limite di velocità era sceso da 70 chilometri orari, ai 50 con il divieto di effettuare i sorpassi. Una iniziativa che, ben presto, è stata segnalata con la necessaria cartellonistica e l’immancabile autovelox il cui simbolo potrebbe trovare posto addirittura nel gonfalone del piccolo centro del Cassinate. Un anno di fotografie alle auto che superavano i 50 all’ora con relativa sanzione. Con una nota del primo ottobre di quest’anno, consegnata al comune appena ieri, l’Astral, l’Ente che ha competenze sulle strade extracomunali, dopo un sopralluogo effettuato da un funzionario del Ministero delle Infrastrutture, ha comunicato che il Verbale di sopralluogo e delimitazione del Centro Abitato dal chilometro 6+800 al chilometro 7+700 della S.R. 630 è da considerarsi nullo. Quasi un anno di attività di autovelox il quel punto, quindi, di fatti sarebbe nullo dato che le sanzioni sono state elevate considerando il tratto di strada in questione vincolato al limite di velocità di 50 chilometri orari e non 70. Qualche migliaio di multe a rischio legittimità e la possibilità tutt’altro che remota che chi le ha pagate possa chiederne il rimborso. “E’ una situazione molto più grave di quanto sembri”. dichiara Marcello Cavaliere, consigliere comunale di minoranza. “Bisogna accertare se tutti gli automobilisti sanzionati possono chiedere il rimborso. In tal caso, il comune che già non versa in buone condizioni economiche per via degli 8 milioni di mutuo da rimborsare entro fino al 2040, si troverà a rimborsare anche qualche milione di euro per via delle multe illegittime. Questa è il prezzo da pagare per una gestione dell’amministrazione comunale basata sulle speranze di introiti contabilizzati sulla carta ma non incassati”. Er. Am.

11 ottobre 2013 0

Trovate nel Lazio 96mila “case fantasma”, L’agenzia delle Entrate recupera 86milioni di euro di rendite catastali

Di admin

Si è chiusa l’operazione “case fantasma” con l’attribuzione a 96.541 unità immobiliari non censite nella base-dati catastale di una rendita complessiva di oltre 86 milioni di euro. L’operazione di regolarizzazione delle case sconosciute al Catasto è stata realizzata grazie all’incrocio delle mappe catastali con le immagini aeree rese disponibili dall’Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), per “avvistare” così i fabbricati presenti sul territorio ma non nelle banche dati catastali.

Rendite catastali presunte per più di 28 milioni di euro – Degli 86 milioni di euro di rendite accertate, sono 28 milioni di euro le rendite presunte, cioè quelle relative a immobili non accatastati volontariamente alla data del 30 novembre 2012 e attribuite d’ufficio sulla base di precisi parametri e sopralluoghi esterni. Sono invece 58 milioni di euro le rendite definitive, cioè attribuite dopo che gli interessati hanno provveduto spontaneamente a presentare gli atti di aggiornamento del Catasto.

Le “case fantasma” per provincia – Delle 96.541 unità immobiliari emerse nel Lazio, il 40% riguarda la provincia di Roma, con una rendita catastale accertata di oltre 32 milioni di euro. Dalla lettura della tabella spicca il dato relativo alla provincia di Frosinone: a fronte di 15.136 unità immobiliari emerse la rendita catastale complessiva accertata ammonta a quasi 30 milioni di euro. In particolare, influiscono gli oltre 26 milioni di euro di rendita catastale definitiva, cioè attribuita dopo che gli interessati hanno provveduto spontaneamente ad aggiornare i dati del Catasto. Le due province contribuiscono da sole al 72% della rendita catastale accertata nella regione.

Se consideriamo a livello provinciale “l’apporto” che ogni unità immobiliare emersa ha fornito in termini di rendita catastale accertata, al primo posto troviamo Frosinone con 1968 euro per immobile emerso, seguita da Roma (840 euro), Viterbo (705 euro), Latina (610 euro) e Rieti (321 euro).