Giorno: 27 ottobre 2013

27 ottobre 2013 0

A sei anni schiacciato da una pesante trave. Grave bimbo di Cassino

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Stava giocando nel giardino di casa quando è stato travolto da una pesantissima trave in legno. E’ accaduto oggi pomeriggio ad un bambino di sei anni di Cassino, che abita nella zona periferica della città, al confine con San Vittore del Lazio. Erano da poco passate le 17 e il piccolo stava giocando con lo scivolo vicino ad una panchina artigianale realizzata con pesanti traverse da ferrovia. Forse il bimbo si è aggrappato ad una di queste in bilico che è caduta e schiacciando il torace del bimbo. Immediati i soccorsi. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, è atterrata anche una eliambulanza del 118 che ha trasportato il piccolo, in condizioni gravi, al Bambino Gesù di Roma. Er. Am.

27 ottobre 2013 0

Nascondeva la cocaina nella camera della nonna, uomo arrestato a Latina

Di redazione

Nascondeva la cocaina dentro l’armadio della nonna ma lo stratagemma non è servito agli agenti della squadra mobile di Latina di arrestare Fabrizio Sibili, un 35enne di Latina. Nel corso di una indagine svolta dagli agenti che sono arrivati a perquisire la sua abitazione e estendendola anche alla stanza dove dormiva l’anziana nonna. In un armadio, infatti, sono stati trovati due panetti da complessivi 70 grammi di cocaina purissima. L’uomo, quindi, è stato arrestato.

27 ottobre 2013 0

Auto nel burrone, muore un 89enne, ferita grave la parente 60enne

Di redazione

Incidente mortale, questa mattina nel comune di Rocca Massima. Erano le 11.10 circa quando una Nissan Micra sulla quale viaggiavano un 89enne del posto ed una sua parente 60enne, è uscita di strada finendo in un burrone. Nulla da fare per l’anziano che è morto sul colpo. Ferita grave anche la donna che è stata liberata dalle lamiere ed affidata alle cure degli operatori del 118. De Caso se ne stanno occupando i carabinieri. Spetterà a loro stabilire le cause dell’incidente. er am

27 ottobre 2013 0

il volto dell’onestà, la vicenda dei soldi trovati e restituiti a Cassino attira le tv nazionali

Di redazione

Si chiama Vera Vero la donna di 43 anni di Cassino salita agli onori della cronaca, quella positiva una volta tanto, che ha trovato e restituito alla proprietaria una borsa contenente 172.500 euro. Questa mattina a Cassino, per intervistarla sono arrivate le telecamere delle reti nazionali, tutte interessate da questo gesto che lei, ci ha assicurato, aver fatto con la massima naturalezza. Le telecamere l’hanno immortalata mentre usciva dalla caserma dei carabinieri di Cassino dove, questa mattina, si è recata per sbrigare le ultime formalità e per salutare il maresciallo Dell’Omo e il tenente Massimo Esposito. Er. Amedei Foto Alberto Ceccon

27 ottobre 2013 0

Fermi con il furgone in panne, tamponati sull’A1 a San Vittore. Coniugi rischiano la vita

Di redazione

Il furgone in panne li ha costretti a fermarsi sulla corsia di emergenza sul tratto autostradale San Vittore Caianello e lì, hanno rischiato di morire. È accaduto a due commercianti napoletani, moglie e marito, che ieri sera, alle 21 circa, di ritorno da un mercato dove avevano venduto prodotti caseari, sono stati costretti ad accostare sulla corsia di emergenza quando, un’Alfa, il cui conducente probabilmente è stato colto da un colpo di sonno, li ha tamponati con una violenza tale da far ribaltare il mezzo. Immediatamente sono stati soccorsi dagli agenti della polizia stradale e dagli operatori del 118. Tutti feriti, anche l’uomo alla guida dell’Alfa, e trasportati in ospedale per medicare lievi ferite. Er Am

27 ottobre 2013 0

Ordigno artigianale esploso sul davanzale di un appartamento in centro a Cassino. Travolti due 20enni che dormivano

Di redazione

Un ordigno artigianale è stato fatto esplodere sul davanzale della finestra di un appartamento al primo piano all’incrocio tra via XX Settembre e via Grosso a Cassino, e ha completamente sfondato gli infissi e mandando in frantumi intonaco e muro. All’interno della stanza dormivano due ragazzi che sono stati investiti dall’onda d’urto e dai detriti. Lo scoppio che ha fatto svegliare di soprassalto Cassino è avvenuto poco prima delle sei e, al momento, si ignorano i motivi di quello che sembra essere un vero attentato. Voluto o non voluto, il gesto ha messo in pericolo, infatti, le vite dei due 20enni che, se non fossero stati distesi, le conseguenze per loro sarebbero state certamente più gravi. Sulle pareti e sulla porta o sul mobilio, ci sono i segni dei detriti scagliati come proiettili. Uno giovane è stato costretto comunque alla visita in ospedale. Del caso se ne stanno occupando le forze di polizia ma al momento non si ha una pista precisa da battere ne si sa se il gesto era diretto ai due giovani. Ermanno Amedei Foto Alberto Ceccon

27 ottobre 2013 0

Soldi trovati in strada, la lezione di onestà dell’insegnante che li ha resi: “Non erano miei e li ho restituiti”

Di redazione

Era tra quattro buste della spesa nei pressi di via Tychy a Cassino la busta di tela che conteneva soldi per un valore di 170 mila euro. Un tesoro lasciato lì, incustodito, lasciato da una anziana su una strada tra tanta gente che passava. Ma questo lo si scoprirà solo dopo. L’insegnante 43enne che si è lasciata incuriosire da quelle buste, se si fosse lasciata anche corrompere dall’idea di fare sua quella somma, sicuramente avrebbe avuto una vita economica “migliorata” da 170 mila euro. Di questo mondo, evidentemente, c’è ancora molto da salvare dato che lei, trovando all’interno della borsa anche il documento di quella che sarebbe potuta essere la proprietaria, non ci ha pensato su e ha chiamato i carabinieri. “L’idea di tenerla per me non mi è passata per la testa neanche per un secondo – ci ha raccontato – Lì c’era un nome e se non avessi restituito tutto sarebbe stato come rubare. Faccio l’insegnante da 16 anni e ai miei alunni insegno anche l’onestà”. E di insegnamento si tratta, quello che la 43enne ha dato non solo ai suoi alunni. Er. Amedei