pubblicato il11 ottobre 2013 alle 12:13

Il Sermoneta Calcio si presenta

È ripartita la stagione sportiva della ASD Sermoneta Calcio, che in pochi anni è riuscita a conquistare prestigio e importanza su tutti i campi del Lazio. La società, nata nel nel 1992, ha esordito dalla terza categoria fino ad arrivare oggi in Promozione. In questi ultimi sei anni il trend del Sermoneta Calcio grazie alla presidenza di Antonio Aprile è stato in grande crescita sia nei risultati calcistici che nelle strutture realizzate. La società ha investito nell’ammodernamento e miglioramento dell’impianto di Le Prata e delle strutture a servizio, fino a renderlo un fiore all’occhiello e un punto di riferimento per tutto lo sport locale, non solo calcio. Importante anche l’investimento della società presso il campo sportivo Caetani del centro storico, dove è stato realizzato un campo in erba.
“Nella stagione passata siamo riusciti conquistare tutte le categorie regionali, cosa mai successa credo nella storia del Sermoneta”, ha spiegato il direttore generale organizzativo della società Paolo Cargnelutti ieri pomeriggio, presentando al pubblico la nuova stagione. La Struttura Societaria dell’ASD Sermoneta Calcio vede la conferma di Antonio Aprile presidente, Giuseppina Giovannoli presidente onorario, vice presidenti Giovanni Russo e Roberto Massicci, Marino Musolino e Roberto Cargnelutti soci direttivo, Segretario Gelasio Gnessi.Vice Segretario Giorgio Musolino, Direttore generale organizzativo Paolo Cargnelutti, Direttore Sportivo prima squadra Walter Pelle, Direttore Sportivo settore giovanile Massimo Zanella e Franco Biasi e tutti coloro che collaborano alla gestione dei campi. Si conferma alla guida della prima squadra l’allenatore Stefano Rossi.
A dimostrazione di come lo sport sia fondamentale nella crescita di bambini e ragazzi, la Asd Sermoneta Calcio ha voluto sottoscrivere la Dichiarazione del Panathlon sull’etica nello sport giovanile.
Gli obiettivi della stagione sono stati elencati dal Presidente Antonio Aprile: ottenere come società la coppa disciplina, salvare tutte le categorie regionali, collaborazione con altre società limitrofe, verifiche periodiche sull’andamento delle squadre, ma soprattutto ampliare la rosa delle discipline presenti presso l’impianto di Le Prata. Una attenzione a tutto il mondo dello sport, che non escluda nessuno.
Importante anche l’attaccamento ai colori di Sermoneta: le maglie da gioco avranno i colori del nostro Comune giallo-blù colori carichi di significato per mantenere il legame col territorio.
“Da quando Antonio Aprile ha messo a disposizione la sua esperienza e la sua passione al servizio del calcio, la nostra squadra ha saputo fare passi da gigante ed ora il nome della nostra città è associato ad una squadra forte e temuta”, ha spiegato il delegato allo sport Giuseppe Corelli. “Questo ci fa onore, ma vi impone anche maggiore responsabilità: siete il biglietto da visita della nostra città e come tali siete sotto i riflettori. Sappiate sempre essere orgogliosi del nome che rappresentate, sappiate essere ottimi sponsor di voi stessi e di Sermoneta”.
“Lo sport è una scuola di vita – ha concluso il Sindaco nel suo intervento: “il vostro comportamento dentro e fuori dal campo può influire positivamente o negativamente sulla crescita dei nostri piccoli calciatori. Ecco perché dovrete sempre prestare attenzione al rispetto per il compagno e per l’avversario, rispetto delle regole, dedizione ed impegno. Saprete così trasmettere un messaggio positivo ai più piccoli”.
I prossimi appuntamenti saranno la festa della società il prossimo 6 dicembre, i tornei di Natale e Pasqua, le amichevoli per il settore giovanili con le Società professionistiche.
sermoneta-calcio01

sermoneta-calcio02

sermoneta-calcio03

sermoneta-calcio04

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07