Il Tar reintegra Vicano ai vertici della Als di Frosinone. Il sindaco di Ceprano: “In pochi mesi smantellato l’ospedale”

2 ottobre 2013 0 Di redazione

Il Tar ha fatto le valigie al commissario Asl, Vincenzo Suppa, reintegrando Mauro Vicano ai vertici della sanità ciociara, e subito si sono alzate le prime voci di vicinanza, i primi appelli, ebbene a parlare poche ore dopo il reintegro è il sindaco di Ceprano, Giovanni Sorge.
“Sono felice del ritorno di Mauro Vicano, al quale auguro buon lavoro, ma al di la dei dovuti convenevoli mi preme soprattutto lanciargli un appello per la sanità a Ceprano. In questi mesi abbiamo fatto incontri, inviato lettere, ma nessuno ci ha dato ascolto. Il nostro ospedale è stato smantellato, la cittadinanza è stata privata dei servizi assistenziali necessari. Con rammarico abbiamo appreso proprio nelle ultime settimane che l’ex ospedale di Ceprano, non è stato individuato quale Casa della Salute, questo fatto ci ha profondamente rammaricato. Ma non ha certamente affossato la voglia e la determinazione nel voler difende la salute di tutti i cittadini di Ceprano. Per questo ci auguriamo che a breve ci sia un incontro con il dottor Mauro Vicano, dove poter chiarire molti aspetti. Quello che purtroppo in questi mesi sta mancando e la vicinanza dei rappresentanti politici vicini al governo regionale, in campagna elettorale, ma ancor prima sono state fatte promesse, lancianti strali contro chi era al guida in precedenza, ma per i cittadini di Ceprano la situazione non è cambiata, anzi è peggiora, visto che siamo stati esclusi anche dal progetto Casa della Salute”, lo afferma il sindaco di Ceprano Giovanni Sorge