L’odissea dei Ciociari per raggiungere Roma, tre treni guasti in pochi minuti. Mattinata da panico

1 ottobre 2013 0 Di redazione

Una mattinata da incubi per i pendolari della tratta Frosinone Roma. Chi è arrivato in stazione q Frosinone, per prendere uno dei due convogli Regionali in partenza alle 6.37 e alle 6.44 ben presto hanno che sarebbe stata una mattinata nera. “I due treni, infatti, non sono partiti a causa di guasti meccanici – ha dichiarato uno dei pendolari – Abbiamo dovuto aspettare il regioanle da Caserta alle 7.08 ma quando è arrivato c’era già gente in piedi e noi ad aspettarlo eravamo a centinai. Siamo partiti ma a Sgurgola, una stazione ormai dismessa da anni, il treno si è fermato e per almeno un quarto d’ora siamo rimasti chiusi come sardine nei vagoni senza che nessuno ci desse informazioni. Qualcuno ha quindi forzato le porte e siamo usciti diretti asl locomotore. Lì il capotreno, è stato aggredito verbalmente dalla gente esasperata, ci ha detto che aveva un’avaria ai freni e che non se la sentiva di andare avanti. Per questo ci ha fatto scendere e siamo rimasti lì sulle banchine di una stazione chiusa in attesa che qualcuno si ricordasse di noi. Solo alle 8.30 è passato un primo treno stracolmo l’attesa è proseguita per altra mezz’ora, quando è passato il primo treno utile, sono arrivato a Colleferro, ma a quel punto sono sceso e ho deciso di tornare a casa. Sarei arrivato al lavoro dopo le 11”.
fermi sul binario a sgurgola1