Per eludere le tasse “svuotano” le aziende, due imprenditori arrestati ad Alatri

21 ottobre 2013 0 Di redazione

La Tenenza della Guardia di Finanza di Fiuggi ha concluso un’importante operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Frosinone e diretta a fare luce su alcuni fallimenti di aziende aventi sede ad Alatri.
Sono state eseguite 2 ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di due imprenditori di Alatri, operanti nel settore dell’edilizia e sono stati sequestrati, nei loro confronti, beni riferibili alle aziende fallite.
Complessivamente sono state indagate 7 persone, ritenute responsabili di aver posto in essere condotte finalizzate alla sistematica spoliazione delle imprese da essi gestite, che venivano “svuotate” dei loro beni e portate al fallimento, accumulando ingenti debiti, soprattutto nei confronti dello Stato.
Tra le condotte incriminate sono emerse numerose distrazioni di beni aziendali (mezzi, materiali e attrezzature), prelevamento di ingenti somme di denaro contante, artifizi contabili e di bilancio (in particolare mediante l’iscrizione di crediti fittizi) e l’annotazione di fatture per operazioni inesistenti.
Il dissesto cagionato alle due società investigate ammonta complessivamente a poco più di 3 milioni di euro.
Naturalmente tali distrazioni venivano eseguite a vantaggio di imprese create ad hoc dagli stessi indagati per continuare ad operare nel medesimo settore imprenditoriale evitando di assolvere gli adempimenti fiscali e di onorare i debiti delle società portate al fallimento.
Contestualmente alle misure cautelari sono stati sequestrati alcuni automezzi commerciali ritenuti corpo del reato ed in procinto di essere trasferiti ad altri soggetti facendone perdere le tracce.