Giorno: 22 novembre 2013

22 novembre 2013 0

Maxi truffa per 330 capi di abbigliamento a Sora, la polizia li recupera e li sequestra

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una informazione raccolta dagli investigatori della Squadra Mobile sul commercio di importanti capi di abbigliamento di dubbia provenienza fa scattare le indagini della Polizia di Stato. Pattugliamenti e servizi di osservazione consentono ai poliziotti di individuare un capannone nella parte bassa della città in prossimità del quale è stato registrato un insolito movimento di mezzi. L’accesso nel locale conferma il sospetto degli investigatori. Sono stati infatti rinvenuti accatastati 330 capi di abbigliamento maschile di note griffe. Il proprietario del capannone fornisce una documentazione per giustificare il possesso dei capi sulla quale da subito gli operatori di Polizia mostrano perplessità. L’ulteriore corso dell’attività investigativa consente di appurare che quella merce era stata, con abile truffa, prelevata da un’azienda di Sora. Qualche giorno fa infatti un quarantaseienne in compagnia di una donna di trentanove anni, entrambi di Frosinone, si sono recati presso una società di Sora simulando l’acquisto dei capi in questione. Dopo una trattativa sul prezzo convincono l’imprenditore a caricare la merce sul loro furgone ed a farsi seguire per raggiungere la località stabilita per il saldo dei capi. I due truffatori però portano a compimento il loro piano e così l’abile autista riesce a seminare l’ignaro imprenditore che realizza subito dopo di aver perso merce e denaro. La scrupolosa riscostruzione dei fatti della Polizia di Stato si conclude con una denuncia per ricettazione nei confronti del proprietario del capannone ed una per truffa nei confronti dei due complici.

22 novembre 2013 0

La Provincia Quotidiano torna in edicola ma senza stipendi ai dipendenti

Di admin

L’assemblea dei giornalisti, grafici e poligrafici dell’unità produttiva di Frosinone de La Provincia Quotidiano diffonde il seguente Comunicato sindacale: Torniamo in edicola. Per rispetto dei lettori ma anche dei nostri diritti, del nostro lavoro, della nostra sofferenza economica e psicologica, della nostra dignità. I lavoratori de La Provincia Quotidiano edizione di Frosinone (giornalisti, grafici e poligrafici) hanno deciso, non senza profondo travaglio, di interrompere lo sciopero, pur confermando ovviamente lo stato di agitazione. Le ragioni dello sciopero le abbiamo spiegate ma è utile riproporle: il perdurare di una situazione di mancanza di stipendio dei mesi di maggio (per cui è stato corrisposto l’ottanta per cento del totale), giugno, luglio, agosto, settembre e ottobre (e ormai anche novembre), dell’indennità redazionale, del rimborso 730 e degli assegni familiari. In tutto questo tempo il lavoro è stato svolto quotidianamente, con professionalità, con abnegazione, stringendo i denti e andando ben oltre i rigidi criteri della competenza e degli orari. Fatti nuovi non sono sopravvenuti, né dalla proprietà della testata né dalla presidenza della cooperativa che edita questo giornale. Il lavoro, lo stipendio, le spettanze sono diritti che vanno rispettati. Non ci sono margini di interpretazione su questo. E lavoratori che hanno dimostrato quello che abbiamo dimostrato noi meritano rispetto. Su una cosa non intendiamo derogare: il rispetto (ci scusiamo per l’inevitabile ripetizione) dei nostri diritti. Ad ogni modo, risposte non sono arrivate. I lavoratori annunciano cinque giornate di sciopero (revocabili solo in presenza di fatti nuovi e concreti) a partire da mercoledì 27 novembre 2013 (fino a domenica 1 dicembre) riservandosi ulteriori forme di protesta, anche clamorose. Nella giornata di martedì sarà chiesto un incontro al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti (a Frosinone nel pomeriggio presso il Palazzo dell’Amministrazione Provinciale), al quale sarà rappresentata una situazione insostenibile. I lavoratori ringraziano tutti coloro che hanno voluto esternare la loro solidarietà e che continuano a farlo. Non era una cosa scontata per chi da anni, quotidianamente, ha raccontato drammi occupazionali enormi. Adesso che ’tocca’ a noi, siamo qui a sottolineare che siamo lavoratori come tutti gli altri. E che anche dietro ognuno di noi ci sono delle famiglie. Non si può fare e dare di più che rimanere al proprio posto di lavoro nonostante ci siano sette mensilità da avere, non si può fare e dare di più che ’combattere’ ogni giorno nella speranza che la situazione si sblocchi. Non si può accettare però di essere ’invisibili’. E neppure si può accettare la logica che siamo in una notte buia nella quale tutti i gatti sono neri. Non è così. Se nessuno vuole vedere le differenze, allora l’unica alternativa è quella di essere noi a farle vedere queste differenze.

22 novembre 2013 0

Filippine, operativo ospedale da campo della Protezione Civile. Visitati 70 pazienti

Di admin

È operativo da oggi il Posto Medico Avanzato (PMA) della Protezione Civile della Regione Marche inviato nella periferia di Burauen, a circa 50 km da Tacloban, nella provincia di Leyte, dal Dipartimento nazionale nell’ambito del Meccanismo Europeo di protezione civile per rispondere alle esigenze di soccorso e assistenza alla popolazione filippina duramente colpita dal tifone Hayan. Il team sanitario specializzato dell’Ares-Associazione Regionale di Emergenza Sanitaria e Sociale delle Marche, composto da sette medici, undici infermieri e uno psicologo, in questo primo pomeriggio di lavoro ha visitato circa 70 pazienti, di cui circa la metà erano bambini. Il sistema italiano di protezione civile, oltre all’ospedale da campo allestito dove sorgeva un ambulatorio medico, ora privo di strutture sanitarie di riferimento, ha mobilitato anche un modulo per il supporto tecnico-operativo (TAST) alla squadra di coordinamento della protezione civile europea che collabora con il personale del Centro di Coordinamento delle operazioni (OSOCC-On Site Operational Coordination Center), allestito dalle Nazioni Unite nello stadio di Tacloban.

22 novembre 2013 0

Presentazione del libro Parliamone Ancora di Palma Lavecchia

Di redazione

É in corso la presentazione ufficiale del libro “Parliamone ancora” di Palma Lavecchia edito da C’era una Volta. La manifestazione é in corso di svolgimento nella sede Unitalsi di Barletta. Presentato da Giuseppe Di Miccoli, giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno. Racconti toccanti di Anna Rizzi Francabandiera, vice sindaco di Barletta.

22 novembre 2013 0

Virgo Fidelis, i carabinieri festeggiano la loro patrona e la “Giornata dell’Orfano”

Di admin

Questa mattina, in Alatri, presso la Chiesa “Santa Famiglia”, si è svolta la celebrazione Eucaristica in onore della VIRGO FIDELIS, Patrona dell’Arma dei Carabinieri e nella ricorrenza “della Battaglia di CULQUALBER” nonchè della “giornata dell’Orfano”. Al rito religioso, officiato dal Mons. Lorenzo LOPPA, Vescovo della diocesi di Anagni Alatri, hanno partecipato, oltre ai militari della Compagnia CC di Alatri, anche tutti i sindaci della giurisdizione, autorità militari e religiose nonché i rappresentanti dell’Associazione Nazionale Carabinieri e delle altre Forze/Corpi Armati, i responsabili della Polizia Locale nonché le scolaresche e le componenti Parrocchiali di Alatri.

La celebrazione della VIRGO FIDELIS risale al 1949, quando Papa Pio XII° proclamò ufficialmente “MARIA VIRGO FIDELIS” Patrona dei Carabinieri, fissandone la ricorrenza al 21 novembre, data in cui la Cristianità celebra la festa liturgica della Presentazione di Maria Vergine al Tempio.

Il 21 novembre ricorre anche l’anniversario della “Battaglia di CULQUALBER”, data che rievoca uno dei fatti d’armi più cruenti in terra d’Africa durante il secondo conflitto mondiale, in cui un intero Battaglione di Carabinieri si sacrificò nella strenua difesa, protrattasi per tre mesi, del caposaldo di CULQUALBER. Quei caduti sono entrati a far parte della folta schiera di Carabinieri che, in pace ed in guerra, hanno saputo tener fede al giuramento prestato fino all’estremo sacrificio.

Per quella battaglia, alla gloriosa bandiera dell’Arma dei Carabinieri fu conferita, alla memoria, la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare, dopo quella ottenuta in occasione della partecipazione alla Prima Guerra Mondiale.

Con la VIRGO FIDELIS, l’Arma celebra anche la “Giornata dell’Orfano”, istituita nel 1996, che rappresenta per i Carabinieri e per l’O.N.A.O.M.A.C. (Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri) un sentito momento di vicinanza alle famiglie dei colleghi scomparsi.

22 novembre 2013 0

Sanità, il sindaco di Ceccano Maliziola: “Le Case della Salute rappresentano una partita importante da vincere su Ceccano per ridare linfa alla nostra tradizione ospedaliera”

Di admin

Con questo intervento il sindaco Manuela Maliziola risponde all’attuale movimento sollevato per la riapertura del pronto soccorso di Ceccano.

L’Amministrazione comunale invita alla riflessione sui tagli inferti dalla giunta Poverini alla Sanità. Tagli che hanno gravemente penalizzato la città di Ceccano con lo smantellamento del Santa Maria della Pietà con conseguenze disastrose per gli utenti. Un fatto che ha gettato nello sconforto la comunità dando inizio a veri e propri pellegrinaggi per risolvere in altre strutture ospedaliere, spesso lontane, problematiche di salute.

A questo disagio l’Amministrazione comunale vuole rispondere in modo adeguato e con proposte concrete da avanzare in sede Regionale per riaprire il Santa Maria della Pietà “Ospedale riunito Ceccano – Frosinone”; Ottenere un punto di primo soccorso h24,l’abbattimento delle liste di attesa, oltre alla specializzazione per le malattie legate all’inquinamento ambientale, la nutrizione assistita e la specializzazione in medicina dello sport.

22 novembre 2013 0

Maltempo, nuova allerta temporali

Di admin

Continua il maltempo sulla penisola italiana: a causa dell’area depressionaria centrata sul Tirreno persistono precipitazioni diffuse su gran parte delle regioni centro-meridionali e sulle isole maggiori, mentre per domani sono previsti nuovi fenomeni sul Triveneto e nevicate a quote collinari sull’Emilia Romagna. Sulla base delle previsioni disponibili e di concerto con tutte le Regioni coinvolte, cui spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse che estende ed integra quello diffuso nella giornata di mercoledì. L’avviso prevede dalla serata di oggi, venerdì 22 novembre, precipitazioni a carattere di rovescio o temporale sulla Puglia meridionale. Inoltre dalle prime ore della giornata di domani, sabato 23 novembre, è previsto il persistere delle precipitazioni a carattere di rovescio o temporale già in corso su Lazio, Campania, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia. Si prevedono ancora, dal mattino di domani, precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Veneto e Friuli Venezia Giulia. I fenomeni potranno dare luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Sempre dalla serata di oggi sono previste nevicate, al di sopra dei 500/800 metri, sull’Emilia Romagna, con apporti al suolo generalmente moderati, fino a puntualmente elevati sul settore appenninico occidentale. Il Dipartimento della Protezione Civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile. Sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it) sono consultabili alcune norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo.

22 novembre 2013 0

Ceccano, seduta fiume su AceaAto5. Maliziola: “Ho sempre agito nell’interesse dei cittadini”

Di admin

Il sindaco Manuela Maliziola è stata attaccata dai banchi dell’opposizione durante una seduta fiume del consiglio comunale convocato a partire dalle 10 di questa mattina presso l’aula consiliare di Palazzo Antonelli. Dopo la richiesta di inversione dei punti all’ordine del giorno da parte dei consiglieri comunali del gruppo “Fratelli d’Italia” la seduta ha avuto inizio con alcune interrogazioni presentate dall’opposizione in merito alle tariffe della mensa e la nomina dell’Addetto Stampa. Il Sindaco ha ribadito le scelte fatte nell’interesse dei cittadini nell’ottica di quella politica partecipata che ha consentito al primo cittadino di rimodulare le fasce coniugando le esigenze dei cittadini con quelle di bilancio. La seduta è entrata nel vivo con il punto all’ordine del giorno relativo alla convenzione con Acea Ato 5. Due le mozioni presentate. Una da parte della minoranza ed una da parte della maggioranza. Entrambe puntano alla scissione del contratto con Acea. Mentre l’opposizione detta una linea drastica che non contempla la richiesta di documentazione tecnico – giuridica alla STO secondo una linea già battuta dall’amministrazione provinciale guidata da Iannarilli e che non ha prodotto risultato. La maggioranza invece ribadisce l’importanza di interpellare la segreteria tecnica operativa, che è l’organo di controllo dell’Acea, per produrre la documentazione di tutte le inadempienze di Acea sia per le tariffe alte che per i disservizi ed i mancati investimenti. E’ quanto ribadito in aula consiliare dal primo cittadino duramente attaccato dai banchi dell’opposizione. Il sindaco Manuela Maliziola ha specificato che In quanto membro dell’Assemblea dei Sindaci e non della Consulta D’ambito, come erroneamente detto in aula. dall’opposizione, il primo cittadino ha sempre riferito le istanze dei cittadini di Ceccano vessati da una gestione idrica inadempiente, senza fare sconti a nessuno. A riprova di questo il primo cittadino ha dato lettura in aula della mozione presentata dalla maggioranza per togliere la gestione ad Acea e alla fine della seduta è stata approvato l’ordine del giorno presentato dalla maggioranza con il voto favorevole del consigliere di opposizione Umberto Terenzi che si è astenuto invece su quella presentata dal consigliere Caligiore.

22 novembre 2013 0

Altre sanzioni per abbandono di rifiuti. La Polizia locale multa due persone di Cervaro

Di redazionecassino1

“La Polizia Locale continua il monitoraggio dell’intero territorio comunale per mancato rispetto delle regole della raccolta differenziata porta a porta. Controlli che, anche questa mattina, hanno visto sanzionare residenti del comune di Cervaro, rei di aver abbandonato una serie di rifiuti alle spalle della tribuna dello Stadio Comunale Salveti.” A dichiararlo è stato l’assessore alla Polizia Locale del Comune di Cassino, Emiliano Venturi, che oltre a sottolineare i continui controlli per le strade della città ha anche riferito della già avvenuta bonifica della mini discarica che si era venuta a creare nei pressi dello stadio cittadino. “Solo – ha continuato Venturi – per la natura dei rifiuti trovati nel corso dell’accertamento, domestici e non speciali, non si è proceduto alla trasmissione dell’informativa alla Procura della Repubblica, ma esclusivamente alla sanzione pecuniaria di oltre 500 euro. In questi casi, infatti, l’Amministrazione comunale ha dato come atto di indirizzo la costituzione di parte civile nei reati ambientali in presenza di abbandono di rifiuti speciali. Nel caso specifico, come detto in precedenza, si è provveduto alla sola sanzione perché i rifiuti rinvenuti erano di natura domestica. Sanzioni che, è bene ricordarlo, vanno da 500 fino a 3000 euro, in base alla tipologie di reato, per chi abbandona rifiuti lungo le strade, nei fossi e sui terreni presenti sul territorio comunale. Purtroppo questi episodi si ripetono con una certa frequenza e, da quando è partito il servizio di raccolta differenziata, diversi sono stati gli abbandoni incontrollati e non conformi all’ordinanza N. 97 del 28 maggio 2013 emessa dal sindaco. Proprio per questo l’attività di controllo da parte della Polizia Locale, che ringrazio per l’impegno che sta dimostrando, coordinata dal Comandante Giuseppe Acquaro sta fornendo un contributo fondamentale con il pattugliamento dell’intero territorio comunale che nei prossimi giorni verrà ulteriormente intensificato al fine di evitare il ripetersi di episodi simili. Nessuno pensi che con l’inciviltà sia possibile boicottare la vera e propria rivoluzione della raccolta differenziata porta a porta.”

 

22 novembre 2013 0

Centro antiviolenza e progetto Astrid, prevenzione e tutela delle fasce deboli

Di redazionecassino1

“Da ieri il Centro Antiviolenza del Comune di Cassino, con relativa attivazione del numero verde h24, è una realtà e per questo ringrazio il sindaco, l’Amministrazione Comunale, l’assessore Di Russo e le professioniste che volontariamente si sono messe a disposizione per far partire un servizio importantissimo non solo per la città, ma per l’intero territorio.” A dichiararlo è stato il consigliere Maria Iannone che due anni fa relazionò, in occasione della giornata internazionale contro la violenza delle donne, la mozione, firmata dall’intera maggioranza, con la quale si chiedeva l’impegno nel contrastare, ma soprattutto nel prevenire il divagante fenomeno. “Un altro risultato importante – ha continuato la Iannone – raggiunto dall’Amministrazione che fornisce l’opportunità per ampliare ulteriormente la sinergia tra tutti i soggetti del terzo settore. A tal proposito trovo interessante ed anche innovativa la proposta della Asl di Frosinone che attraverso il progetto ASTRID, contro la violenza sulle donne, vuole sensibilizzare anche la rete sanitaria ed ospedaliera ad una più complessa azione rivolta al territorio, attraverso azioni congiunte con tutti i soggetti interessati. I referenti dell’iniziativa sono il Dottor Mostarda e la Professoressa Taricone che avrò il piacere, in qualità di delegata del Comune, di coadiuvare nell’attivazione del progetto ASTRID che ha come obiettivo quello di conoscere meglio il fenomeno, raffinare le competenze, produrre uno strumento di monitoraggio quali – quantitativo che consenta di avere dati ponderati, compresi e condivisi che consentano anche di fare prevenzione all’interno delle scuole. Un impegno sempre più importante che grazie al Centro Antiviolenza del Comune di Cassino sono certa possa essere un validissimo strumento per contrastare un fenomeno pericoloso e tutelare le fasce più deboli e le tante donne che purtroppo subiscono violenza. Infine voglio ricordare l’appuntamento di domenica 24 novembre, quando a partire dalle 15 le vie del centro saranno lo scenario di una serie di manifestazioni culturali, teatrale e musicali organizzate dal Comune in collaborazione col le principali Associazioni di Volontariato e con gli Istituti scolastici del territorio.”