Giorno: 6 dicembre 2013

6 dicembre 2013 1

Imprenditore cassinate nel vortice della crisi, da proprietario di 13 camion e 500 pecore… alla baracca

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Da imprenditore a disadattato. Bruno Tomassi di Cassino incarna l’esempio più classico e, purtroppo, tutt’altro che unico, della vittima della crisi. Il 61enne vive oggi in una baracca costituita da quattro pali che sorreggono una copertura di lamiera mentre le pareti sono costituite da frigoriferi dismessi e tessuti. Il pavimento, uno strato di cartone e qualche tavola di legno, sollevare dalla nuda terra un branda con un materasso. Su un tavolo i farmaci che deve assumere per via dei due interventi subiti per asportare il cancro dal bacino. Eppure le cose, appena qualche anno fa, andavano diversamente. Dopo una parentesi lavorativa in Germania e in Canada negli anni ’70, torna in Italia con la moglie nel 1976. Dall’edilizia all’autotrasporto, Tomassi mette su un’azienda intestandola alla moglie, che conta 13 camion con cui effettua trasporti nazionali ed internazionali. Ma non solo, ha anche un gregge di pecore di 500 capi e decine di capre. Negli anni ottanta il top, poi con l’inizio degli anni ’90 comincia il declino, che diventa precipizio con la separazione. La famiglia della moglie, sostiene lui, gli toglie l’azienda mentre il gregge lo ha svenduto capo per capo dato, osteggiato dal vicinato e dal Comune gli aveva imposto prescrizioni impossibili da realizzare. Nel 2001 inizia a lavorare da esterno, per conto delle Poste. Con il suo mezzo raccoglie la posta dagli uffici postali e la porta alla sede centrale. Riesce così a tirare avanti ma nel 2006 comincia la malattia alla quale pone rimedio con due interventi. Nel frattempo il servizio postale viene affidato ad una azienda terziarizzata di cui diventa dipendente ma, nel 2012, quando gli stipendi cominciano a saltare e lui si ritrova a non poter pagare più l’affitto di casa. A settembre di quest’anno, invitato da i carabinieri, ha dovuto lasciare casa e trovare riparo in quella baracca che aveva cominciato a costruire su uno specchio di terra demaniale sotto il terrapieno sopra cui scorre la superstrada Cassino Sora. Niente energia elettrica o acqua corrente, il bagno è la natura e per lavarsi adopera il sistema irriguo della Bonifica. Beve ad una fontana pubblica, mangia alla Caritas ma solo quando riesce a raggiungere la sede a cinque chilometri.

“Quando non me la sento, perché ho dolore alle gambe, preferisco digiunare”. Non avendo soldi per l’assicurazione alla macchina, deve muoversi a piedi o al massimo in bicicletta e questo non è sempre congeniale con la sua situazione di salute. “Ho provato a chiedere una casa popolare – ha detto – ma mi è stato risposto che non ce ne sono libere e che c’è una graduatoria ma sicuramente c’è qualcuno che sta peggio di me”. Ad onor del vero gli è stato offerto un posto nella Casa della Carità, un centro di accoglienza per poveri, tra cui molti stranieri. Le tante scale, da fare, però e quello che lui dice affollamento, gli hanno fatto respingere l’offerta e, a quel punto, gli resta solo la baracca. Foto Nardelli

6 dicembre 2013 0

Cus Cassino scherma: Lischetti nel weekend porta colori della regione al “Trofeo delle Regioni Master”

Di redazionecassino1

Il Cus Cassino sugli scudi con Maurizo Lischetti che nel prossimo weekend sarà impegnato a rappresentare i colori della Regione Lazio al Trofeo delle Regioni Master che si svolgerà quest’anno ad Ariccia. L’atleta cassinate ha ricevuto la convocazione dal Comitato Regionale Laziale della FIS sia per la squadra del fioretto che della spada. Seppure il Lazio è tra le regioni col più alto numero di praticanti la Scherma Lischetti si è conquistato il posto ben figurando alle due prove del Circuito Nazionale Master, soprattutto alla seconda prova che si è svolta a Nocera Umbra, l’allievo del Cus Cassino Scherma, ha conquistando un’ottima ottava posizione nella gara di fioretto e ha perso per i 16 nella spada. Maurizio Lischetti, 47 anni, da tre anni, si allena sotto la direzione tecnica del Maestro d’armi Francesco Leonardi, nella compagine di Aldo Terranova che dall’anno scorso può usufruire di una sala all’avanguardia all’interno della palestra al Campus Folcara dove ogni giorno si allenano decine di ragazzi di tutte le età oltre a un notevole numero di studenti universitari dell’UNICLAM che stanno dando tante soddisfazioni al coach Terranova e al presidente del Cus Cassino, il professor Carmine Calce.  Questa settimana il Cus Cassino scherma sarà presente anche alla prova nazionale cadetti di qualificazione per i campionati italiani, che si terrà a Napoli, con Benedetta Attaianese e Vincenzo D’Ettorre nella spada. «Entrambi frequentano la sala cassinate da circa tre anni: ci aspettiamo, a fronte del loro costante impegno per questo sport, ottimi risultati. Anche se, la vera conquista, per un giovane è il miglioramento della persona, il valore aggiunto di praticare uno sport agonistico risiede proprio in questa capacità i risultati spesso sono solo una cartina tornasole» dice Aldo Terranova.  Il presidente Carmine Calce, entusiasta per la convocazione di Lischetti, è fiducioso per l’appuntamento dei prossimi giorni: «Così come nel volley, nel calcio a 5, nella pallamano e nell’atletica i nostri atleti brillano anche nella scherma perché tutti gli istruttori stanno compiendo un gran lavoro e negli ultimi anni, in sinergia con l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale – anche e soprattutto dopo i Cnu – abbiamo avvicinato tanti ragazzi allo sport. Per questo abbiamo siamo entusiasti di organizzare una latro importante evento sportivo al quale stiamo già lavorando: i mondiali di corsa campestre del 2016».

6 dicembre 2013 0

Incidente sull’A16 tra Cerignola e Candela, un morto

Di admin

Alle 16.30 circa, sulla A16 Napoli-Canosa, nel tratto tra Cerignola e Candela in direzione di Napoli, all’altezza del km 132,900 è avvenuto un incidente autonomo. Nel sinistro, che ha visto il coinvolgimento di un mezzo pesante, il conducente è deceduto. Non si segnalano problemi alla circolazione. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti gli operatori della Direzione VIII Tronco di Bari, i soccorsi sanitari e meccanici, e le pattuglie della Polizia Stradale. Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità sono diramati su RTL 102.5 FM, ISORADIO 103.3 FM, attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV INFOMOVING in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21.

6 dicembre 2013 0

Asl Frosinone: Malattie rare e medicina generale, se ne discute in un convegno a Ferentino

Di redazionecassino1

Tutti i giorni vengono alla ribalta malattie ignote e, proprio  per questo, definite “rare”. Spesso, però, il nostro ordinamento tarda a mettersi in moto per avere consapevolezza di quanti cittadini ne sono colpiti e, soprattutto, di cosa si può fare per curarle. Argomento quanto mai d’attualità se l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha identificato 6.000 malattie rare (quelle che riguardano 1 paziente ogni 10.000 abitanti) di cui 4.000 causate da un anomalia genetica.

                In Europa sono considerate rare quelle patologie che hanno incidenza non oltre 5 abitanti su 10.000.

                Richiedono un’alta complessità assistenziale ed in Italia si contano circa 2 milioni di malati rari. Numeri questi che la dicono lunga su questa nuova consapevolezza epidemiologica e spiegano meglio  il perché di tante manifestazioni pubbliche registrate dalle  cronache quotidiane.

                Ebbene nella nostra ASL i professionisti dei mondi coinvolti per fronteggiare questi problemi hanno organizzato – Sabato prossimo 7 dicembre 2013, dalle ore 9,00 presso l’Hotel Bassetto di Ferentino – il Convegno “Le malattie rare e la medicina generale: due mondi da mettere in contatto con la collaborazione di tutte le figure sanitarie; percorsi e criticità nella Regione Lazio”.

                Organizzato con il contributo sinergico del Dipartimento Misto dei Servizi, Diretto dal Dr. Giovanni Cirillo, l’Area Farmaceutica Dipartimentale Coordinata dal Dr.  Fulvio Ferrante e la Scuola di Formazione Medici di Medicina Generale Regionale presieduta dalla Dott.ssa Caterina Pizzutelli, l’Evento metterà a confronto Esperti Nazionali e Regionali, coinvolgerà direttamente l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e la Regione Lazio, Direzione Area Politiche del Farmaco e avrà la partecipazione dei Medici di Medicina  Generale e le Associazioni di Volontariato e di Rappresentanza dei  cittadini affetti da tali particolari patologie.

<<Le malattie rare – spiega il Direttore Generale Vincenzo Suppa – hanno ormai raggiunto numeri considerevoli. I bisogni assistenziali dei  “malati rari” sono spesso più comuni rispetto alle  rarità delle loro condizioni ed esigono, quindi, una nuova consapevolezza assistenziale. Ma una buona assistenza concreta richiede un’alleanza stretta tra diverse figure specialistiche, centri di eccellenza e figure mediche e socio assistenziali. Sono, infatti, le problematiche assistenziali “trasversali” quelle che  condizionano pesantemente la qualità della vita di malati e famiglie, medici e pediatri. Ed è con questa consapevolezza che abbiamo voluto patrocinare questo Evento formativo, frutto della sinergia tra i diversi  attori coinvolti>>.

 

6 dicembre 2013 0

Atletica Leggera: tutto pronto per la nona edizione del trofeo dell’Epifania

Di redazionecassino1
Anno nuovo, vecchie tradizioni. L’imminente 2014 sarà, infatti, foriero di una importante novità nel panorama sportivo aquinate. Il riferimento è alla gara podistica dell’Epifania, appuntamento importante per gli appassionati del genere, che torna (dopo quattro anni di assenza) nella cittadina di San Tommaso . Il prossimo 6 gennaio, infatti, avrà luogo la nona edizione della manifestazione, che si snoderà, come di consueto, lungo le vie del centro storico aquinate. Un  trofeo particolarmente appetito, che in passato ha visto misurarsi atleti di caratura nazionale.

Un percorso suggestivo, ripetuto tre volte, per una distanza complessiva di dieci chilometri. L’agone podistico (suddiviso per categorie e organizzato con l’ausilio  della Asd Polisportiva  “A. Fava”)  torna in grande stile in città, come testimonia il ricco carnet che scandirà questa nona edizione. I numerosi atleti (che giungeranno da tutta la Regione Lazio) si daranno convegno, di primo mattino (ore 8 circa), nella centralissima piazza San Tommaso: l’inizio della corsa è previsto per le ore 10.

Il sipario sulla gara calerà per ora di pranzo, quando avrà luogo la premiazione degli atleti cui seguirà un simpatica parentesi culinaria curata dalla “Pro Loco” di Aquino: l’Associazione aquinate confezionerà per tutti gli “abbotta pezzent”, piatto tipico della tradizione gastronomica cittadina. Un gustoso e meritato ristoro per tutti i partecipanti, dopo le tante energie profuse. La giornata ludica proseguirà con il raduno delle società sportive aquinati curato dall’Asd Aquino. L’appendice si consumerà intorno alle 16 e 30 con l’arrivo della Befana, che dispenserà regali ai più piccoli.

6 dicembre 2013 0

Il sarcofago delle quadrighe è tornato al Museo di Aquino

Di redazionecassino1

 Dopo essere stato alla ribalta di Castel Sant’Angelo a Roma, ieri il sarcofago delle quadrighe di epoca romana (II-III secolo d.C.) è stato riconsegnato al Museo della Città di Aquino alla presenza del Sindaco Dott. Libero Mazzaroppi e dell’Assessore alla Cultura, Avv. Carlo Risi e dell’Ass. Federica Di Sotto. Il pregevole manufatto, che presenta una realistica corsa delle quadrighe nel Circo Massimo, è stato esposto alla Mostra: “Capolavori dell’archeologia. Recuperi, Ritrovamenti, Confronti”, allestita nelle sontuose sale di Castel Sant’Angelo a Roma, inaugurata il 20 maggio e terminata lo scorso 27 novembre, dopo una proroga dovuta alla grande affluenza di pubblico.

L’evento, curato da un comitato scientifico prestigioso, è stato dedicato ai vent’anni di collaborazione tra le Forze dell’Ordine con il Centro Europeo per il Turismo, in sinergia con la Soprintendenza Speciale di Roma e con il patrocinio del MiBAC: ai numerosi visitatori, italiani e stranieri, che quotidianamente affollano la suggestiva fortezza dei papi (già mausoleo dell’imperatore Adriano) è stata così presentata la fondamentale azione svolta dalle Forze dell’Ordine per la tutela e il recupero dei beni archeologici e artistici italiani.

Tra le opere recuperate si deve annoverare anche il sarcofago aquinate che – trafugato nel 1991 quando era utilizzato come altare nella chiesa di S. Maria della Libera – è stato ritrovato a Londra dalla G. di F. e finalmente restituito alla cittadinanza di Aquino nel 2012, dopo 21 anni dal furto.

“Il ritorno del Sarcofago in Città – sottolineano il Sindaco e l’Ass. Risi – costituisce un’occasione anche per rilanciare il Museo Civico e la sua funzione propulsiva di sviluppo della cultura del turismo nel territorio ed a tal riguardo preannunciamo a giorni grandi novità, esigenza non ulteriormente procrastinabile”.

6 dicembre 2013 0

Vandali in cerca di documenti ai servizi sociali di Cassino, minacce al funzionario del settore

Di admin

Misteriosa visita notturna negli uffici dei servizi sociali del comune di Cassino. Questa notte, dopo aver forzato il portone di ingresso, ignoti si sono introdotti nei locali al secondo piano di via Tommaso Piano. Armadi , cassettiere, scaffali e persino computer, tutto è stato passato al setaccio come se i ladri non cercassero da rubare, ma documenti o informazioni. Anche i computer sono stati accesi, gli archivi consultati, ma tutto sembra essere rimasto nelle stanze. Prima di andare via, però, i malviventi hanno lasciato un biglietto con minacce al funzionario del settore. Su questo episodio indaga la polizia del commissariato di Cassino.

6 dicembre 2013 0

Scoperti dai finanzieri due depositi abusivi di lubrificanti, sequstrati 2mila litri di olio e denunciati due imprenditori

Di admin

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Frosinone, ha eseguito controlli finalizzati a verificare la regolarità della commercializzazione di prodotti petroliferi da parte di distributori e depositi ubicati nella città di Frosinone scoprendo che 2 soggetti gestivano depositi di olio lubrificante completamente abusivi. I depositi, facenti capo a due distinte società utilizzatrici dei medesimi locali adibiti a magazzino ed officina meccanica, sono risultati privi della prescritta certificazione di prevenzione incendi e completamente sconosciuti alle Autorità preposte al rilascio delle autorizzazioni all’esercizio del deposito stesso, in violazione anche alle recenti norme contemplate nel T.U. sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro. All’interno degli stessi sono stati rinvenuti circa 2.000 litri di olio lubrificante che sono stati sottoposti a sequestro, in quanto corpo dei reati di omessa denuncia di materie infiammabili e violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni e degli incendi. L’azione intrapresa dalle Fiamme Gialle sul territorio frusinate si è resa necessaria non solo per contrastare l’evasione nel settore dei carburanti, ma soprattutto per scongiurare gravi pericoli d’incendio e/o fenomeni di rischio ambientale, a tutela della sicurezza dei lavoratori e dei cittadini, anche in considerazione dell’alta concentrazione del liquido infiammabile giacente nelle immediate vicinanze di civili abitazioni. I 2 imprenditori responsabili sono stati deferiti alla locale Procura della Repubblica nonché segnalati all’Ufficio delle Dogane di Frosinone ed al Comando dei Vigili del Fuoco, per i profili di competenza.

6 dicembre 2013 0

Primarie Pd, votiamo Renzi per aprire una nuova fase politica

Di admin

“Crediamo che adesso sia veramente giunto il momento di fare discorsi semplici e parlare direttamente alla gente, senza inutili argomentazioni che spesso creano confusione e dubbi. Domenica 8 dicembre c’è l’occasione per iniziare un nuovo percorso della politica; di quella politica che non si fa nei salotti e non parla ad un pubblico di nicchia, ma alla maggioranza delle persone di questo Paese. Per intraprendere questo percorso nuovo che miri non semplicemente a conservare quello che di certo si ha, ma a far crescere politicamente il centrosinistra, servono uomini che non appartengano ad alcun apparato, che parlino di riforme serie e strutturali senza nascondersi dietro lo scudo del politichese. L’unico che in questo momento è in grado di dare nuova linfa al Partito Democratico ed al centrosinistra italiano è Matteo Renzi. Domenica, in occasione delle primarie per la scelta del nuovo Segretario Nazionale del Pd, si potrebbe aprire una nuova fase per il centrosinistra con l’elezione di Matteo Renzi. Subito dopo aver subito, alle scorse politiche, lo smacco di non aver raggiunto una vittoria che sembrava scontata per il centrosinistra, in tanti, per non dire tutti, ci siamo rimproverati di non aver votato Renzi alle primarie. Quello che è successo in seguito è storia e lo sappiamo. Domenica, però, abbiamo l’occasione per recuperare; per dare forza al Pd con un volto nuovo che ostacoli le finte innovazioni della destra il cui unico scopo è quello di raccattare voti da una parte e dell’altra. Una figura che rappresenti veramente questa voglia di cambiamento che ha l’Italia e che si diversifichi da figure totalizzanti come Berlusconi e Grillo, i quali non garantiranno mai una reale condivisione politica e saranno perennemente distratti dagli interessi privati dei propri leader. Il Pd, al contrario, seppur con qualche problema, è un partito dibattuto al cui interno ci si confronta per trovare le migliori soluzioni. Non esistono leader assoluti, ma c’è una base viva che ha bisogno di un progetto serio e di rinnovamento. Renzi può fare tutto questo: può dare forza al partito, addirittura può riuscire a ricompattarlo e, soprattutto, è l’unico che può sottrarre voti alla destra determinando finalmente una vittoria non più risicata e favorendo una vera maggioranza di governo e una migliore conseguente governabilità. È arrivato il momento che il centrosinistra abbandoni la vecchia logica delle battaglie di retroguardia ma prenda in mano le redini di questo paese con scelte nette, ridonando agli Italiani la voglia di sognare! Ancora meglio, dopo il pronunciamento della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittimo il porcellum, con una riforma elettorale che consenta nuovamente ai cittadini di esprimere il proprio voto in maniera democratica scegliendo il proprio candidato. La giornata di domenica, quindi, non rappresenta un punto d’arrivo, ma l’inizio di un nuovo percorso che può contribuire ad elevare il livello di confronto politico e sociale nel Paese anche nelle realtà locali. Perché come evidenziato da Renzi nei suoi punti programmatici, oggi più che mai, c’è l’esigenza di tornare ad ascoltare le richieste provenienti dalle popolazioni e dai territori per iniziare a creare un’Italia diversa e migliore.” È quanto emerge in una nota congiunta a firma del capogruppo de I Democratici Danilo Picano e dei consiglieri Danilo Salvucci e Gennaro Fiorentino.