Giorno: 12 dicembre 2013

12 dicembre 2013 0

Cocaina per Natale, a Frosinone sequestro da un chilo e mezzo. Fratelli in manette

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un chilo e mezzo di cocaina pietrificata, oltre a 92 dosi di crack sono stati sequestrati nel pomeriggio di oggi nel corso di una operazione congiunta tra carabinieri e polizia a Frosinone. Il controllo è scattato nel quartiere popolare di viale Grecia e ha riguardato gli appartamenti di diversi soggetti noti alle forze dell’ordine per l’attività di spaccio dello stupefacente. Tra questi, quello in cui vivono due fratelli di cui uno minorenne. Gli uomini in divisa sono arrivati proprio mentre i due confezionavano dosi dedicate allo spaccio locale. Il primo stupefacente ritrovato è stato il crack. Sotto un mobile, nella camera da letto, è stata trovata la borsa che conteneva 6 involucri per un peso di 410 grammi, e un panetto da un chilo e cento grammi di cocaina. Sostanza che, secondo le forze dell’ordine, sarebbe servita per soddisfare l’aumento delle richieste di cocaina in vista del natale e, sul mercato, avrebbe fruttato circa 400mila euro. Sequestrati anche 5mila euro in contanti frutto dello spaccio. I due fratelli sono stati ovviamente arrestati. Il maggiorenne in carcere a Frosinone, il minorenne nella casa d’accoglienza di Roma.

12 dicembre 2013 0

Ciclista falciato ed ucciso sulla Pontina a Terracina, straniero senza documenti indosso

Di admin

Un uomo, quasi certamente straniero, oggi pomeriggio é stato investito da una vettura sulla via Pontina in localitá San Vito a Terracina, mentre era in sella ad una bicicletta. Il primo a soccorrerlo é stato il conducente dell’auto che si é fermato e ha lanciato l’allarme. Sul posto é arrivata l’ambulanza del 118 di Terracina e gli agenti della polizia stradale. Le condizioni del ciclista erano gravissime, per questo é stato chiesto l’intervento di un elicottero del 118. Neanche il trasporto aereo presso un ospedale della Capitale é servito dato che l’uomo é deceduto prima che i medici potessero intervenire. Indosso non aveva documenti, per questo di lui non si conosce nulla, si ipotizza solo la provenienza, forse indiana.

12 dicembre 2013 0

Chiusura temporanea della discarica di Penitro a Formia

Di admin

Da domani venerdì 13 dicembre chiude temporaneamente la discarica di Penitro. Scade infatti l’ordinanza n. 61 con la quale lo scorso settembre, incassata la revoca del sequestro, il sindaco Bartolomeo aveva autorizzato la prosecuzione temporanea delle attività. L’impianto resterà chiuso il tempo necessario alla conclusione dell’iter amministrativo. Il Comune attende le autorizzazioni che servono per passare alla gestione ordinaria. E’ in via di rilascio quella riguardante gli scarichi. I nuovi esami sulle acque effettuati dall’Arpa Lazio e da un laboratorio specializzato hanno restituito valori perfettamente nella norma. Ulteriori esami saranno effettuati dopo le feste e serviranno ad avere un quadro definitivo della situazione. Gli esiti saranno aggiunti al dossier sulla discarica che l’amministrazione ha già depositato agli atti della Procura di Cassino. Sarà inoltre necessario il rinnovo di alcune autorizzazioni urbanistiche già concesse dalla Regione. Per questo a gennaio saranno effettuate due conferenze dei servizi. Il confronto con i vari Enti coinvolti fornirà le prescrizioni necessarie a garantire una gestione sicura e moderna della discarica ed un’estensione dei codici, condizione per un potenziamento della redditività dell’impianto. Sarà l’occasione anche per disporre un più efficace piano di monitoraggio, attraverso indagini magnetometriche volte a verificare l’eventuale presenza di materiali ferrosi non consentiti. In questo senso è stato già chiesto l’intervento dell’Istituto Nazionale di Vulcanologia e Geofisica che si è detto disponibile a condurre gli esami entro gennaio. Durante il periodo di chiusura, il Comune si impegnerà, in collaborazione con la Guardia Forestale e gli altri Enti, a vigilare sul sito perché non venga usato in modo improprio. “Ci impegneremo perché la chiusura duri poco – commenta l’assessore alla Sostenibilità Urbana Claudio Marciano – ed è assolutamente necessario effettuare i controlli ed evitare lo scarico incontrollato di materiali potenzialmente dannosi per la salute dei cittadini. E’ questo che rende la discarica di Penitro un presidio fondamentale e strategico per la tutela dell’ambiente”.

12 dicembre 2013 0

Appia a Formia, l’autovelox torna in servizio

Di admin

Notizia importante per gli automobilisti. Da domani 13 dicembre torna operativo l’autovelox posto in via Appia lato Roma a Formia, all’altezza della tomba di Cicerone. Il sistema di rilevazione elettronica della velocità sarà attivo nella sola direzione Roma-Napoli. A darne notizia è il comando della Polizia Muncipiale che raccomanda agli utenti della strada di rispettare il limite dei 50 chilometri orari.

12 dicembre 2013 0

Una giornata all’insegna della pace in un convegno all’Itcg “Medaglia d’oro”

Di redazionecassino1

Si è svolto questa mattina, in occasione delle manifestazioni in programma per il 70° anniversario della distruzione di  Cassino, presso l’ITCG “Medaglia d’oro “, un convegno-dibattito avente come tema “La costruzione della pace”.

L’Incontro ha rappresentato una delle fasi del progetto realizzato e proposto   dai docenti Calabrese Marialuisa , Fabio Miele, Vettese Vittoria, Danella  Daniela, Di Nallo Marilena e Iannone Maria che condurrà i giovani alla  maturazione di una coscienza storica e al senso di appartenenza alla comunità locale. Il preside, prof Graziuccio Di Traglia ha dato il benvenuto agli   ospiti: il sindaco Dr Giuseppe Golini Petrarcone, Dr Danilo Salvucci delegato  del comune per il settantennale, il prof. Trojano e il Dr Antonio Ferraro  testimoni di guerra. Per i discenti ascoltare le testimonianze di coloro che in  prima persona hanno vissuto gli orrori della guerra, è stata una preziosa  occasione. I racconti del Dr Ferraro dei mesi di deportazione hanno toccato il  cuore di tutti. Il momento più commovente è stato ricordare la notte di Natale  del 1943 quando chiuso in una grotta intonò insieme ad altri 13 prigionieri, il  canto: “Tu scendi dalle stelle (…)”.Sembrava, che quella notte Gesù Bambino non  dovesse nascere e, invece, probabilmente si è salvato proprio perché in quell’atmosfera mistica scese tra loro. Non meno interessante i ricordi del prof. Trojano, al quale i ragazzi hanno rivolto domande per avere delucidazioni sulle  quattro battaglie di Cassino. Ancor più toccante è stato l’intervento del sig.  Mario Di Giorgio ispettore antincendi dei Vigili del Fuoco di Cassino, che ha  ricordato la sua tragica esperienza.

A chiusura della giornata è stato letto l’accorato  radiomessaggio che il primo sindaco di Cassino, l’allora Gaetano Di  Biasio, inviò al Presidente americano Truman alle 21.20 del 6 ottobre del 1945, contenente il motto “succisa virescit” (dopo essere stata abbattuta è  risorta).

Il successo di quest’incontro è stato testimoniato dall’entusiasmo dei numerosi presenti.

Foto A. Ceccon

12 dicembre 2013 0

Frosinone, da Unindustrie un progetto per rilanciare il distretto tessile Valle del Liri

Di admin

Vivienne Westwood, Gucci, John Richmond, Gattinoni, Energie, G-Star si rivolgono ai confezionisti del Distretto della Valle del Liri per la realizzazione dei loro capi di abbigliamento, in un mondo della moda che non conosce crisi. Eppure il distretto che si localizza attorno al bacino idrografico del fiume Liri e che comprende 20 comuni della provincia di Frosinone, vive in grande affanno. Un progetto per il rilancio e la valorizzazione del settore tessile provinciale è stato approntato da Unindustria che tramite il suo Presidente, Davide Papa, lo ha presentato al consigliere regionale Marino Fardelli per una collaborazione che dia seguito all’idea progettuale. “Ho trovato il progetto molto aperto nella visione di un settore che in provincia di Frosinone incontra tra le criticità proprio le scarse politiche di commercializzazione – ha detto il consigliere regionale Marino Fardelli – E’ un piano ambizioso ma realizzabile con il sostegno delle istituzioni a tutti i livelli a partire dalla Regione Lazio dalla quale lavorerò affinchè arrivi il giusto apporto alla realizzazione del progetto”. L’on.le Fardelli dunque si dice pronto ad appoggiare il piano di Unindustria che nel documento descrive l’area industriale caratterizzata da imprese piccole e piccolissime. 79 in tutto con 900 addetti per un fatturato di circa 40 milioni di euro ed una esportazione assolutamente limitata con tre sole aziende che destinano merci sul mercato estero. “Certamente la crisi del settore moda è legata alla concorrenza internazionale così come si evince dalle indagini riportate da Unindustria – ha commentato il consigliere regionale Marino Fardelli – Ma al settore tessile provinciale credo sia da sempre mancata una visione meno localizzata. Questo ha inciso sulla mancanza di innovazione e su quella spinta necessaria a guardare oltre i confini locali pur essendo un settore che ha da sempre rappresentato un vanto per la provincia di Frosinone ”. Nel piano di Unindustria si vuole dare slancio al segmento dell’artigianalità attraverso i giovani e le micro e piccole aziende attraverso una collaborazione diretta dei neo laureati del settore e con la promozione della commercializzazione attraverso la presenza al salone White di Milano e a quello del Pret e Porter di Parigi e ovviamente a Roma durante la sfilata di Alta moda in apposite sezioni con missioni all’estero. “Un plauso ad Unindustria e al Presidente Papa per aver progettato un intervento fattibile e coinvolgente nell’ambito di un più vasto impegno a favore della valorizzazione delle vocazioni industriali della provincia di Frosinone – ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli – Ora l’impegno delle istituzioni dovrà rendere il progetto realizzabile e sono certo, incontrerà il parere favorevole della Regione Lazio date la fattibilità e la concretezza del piano. Al Presidente Papa ho chiesto un incontro con tutti gli attori interessati per avviare un lavoro di concerto”.

12 dicembre 2013 0

Un chilo di hashish sequestrato a Terracina, 31enne in manette

Di admin

Maxi sequestro di hashish a Terracina. Lo hanno fatto gli agenti della questurae del locale Commissariato nel corso di un controllo mirato ma contrastare lo spaccio della droga. A finire nella loro rete è stato Elvio Valenti di Terracina, sorpreso dagli agenti della questura che già da tempo lo conoscevano, mentre rientrava a casa. Quando ha capito che stava per scattare il controllo, l’uomo ha tentato la fuga su via delle Arene senza andare lontano dato che gli agenti lo hanno ben presto immobilizzato non prima, però, che l’uomo gettasse nei cespugli due panetti. Recuperata la droga è scattato il controllo nella sua abitazione dove sono stati rinvenuti altri 8 panetti di hashish, comunemente chiamato tra gli spacciatori “cioccolato”, per il colore marrone scuro con cui si presenta. In tutto è stato sequestrato un chilo di hashish suddiviso in 10 panetti da 100 grammi l’uno. A quel punto per il 31enne non c’è stata altra via che quella del carcere.

12 dicembre 2013 0

Via Vertelle: Rifiuti abbandonati, i cittadini fanno da soli!

Di redazionecassino1

“Chi fa da sé fa per tre” recita un vecchio proverbio. La saggezza popolare, si sa, ha sempre un buon fondo di verità e lo ha ancor di più quando riguarda il rapporto tra pubblico e privato. Parliamo (purtroppo ancora una volta) della questione “rifiuti a Cassino”. La raccolta differenziata ha preso il via ormai da diverso tempo nella città, portando però con se numerosi lati oscuri mai risolti dall’amministrazione comunale. 

Se durante la bella stagione a soffrire di più è il Centro di Cassino a causa della presenza dei numerosi contenitori esalanti cattivi odori, durante l’inverno la preoccupazione riguarda in maggior modo le periferie.

Molte zone di Cassino, in prossimità spesso di terreni non recintati e confinanti con le strade, stanno diventando delle vere e proprie discariche a cielo aperto a causa di sconsiderati gesti di inciviltà: in tanti purtroppo abbandonano la propria spazzatura deturpando gravemente l’ambiente circostante e mettendolo in serio pericolo per l’infiltramento dei liquidi di scarto nel sottosuolo.

E il Comune cosa sta facendo per correre ai ripari? Nessuno risponde!

Uno dei tanti casi è quello che ci racconta un abitante della zona limitrofa all’ospedale Santa Scolastica, Alessandro Persichini: “il 26 Settembre scorso ho fatto un esposto all’ufficio ambiente per denunciare il degrado di Via Vertelle nei pressi del Nuovo Ospedale. In particolare ho segnalato la presenza di rifiuti ingombranti e numerosi sacchi di spazzatura abbandonati sul ciglio della strada. Dopo avere atteso invano per più di un mese che il comune facesse qualcosa, ho deciso di attivarmi da solo: mi sono messo in contatto direttamente con la società De Vizia e raggruppando l’immondizia in un luogo concordato, i camion della società stessa hanno raccolto prima il materiale ingombrante e poi il resto.  Adesso la zona è bonificata ma va costantemente monitorata, magari videosorvegliata, perché purtroppo chi ha buttato fino ad oggi la spazzatura potrebbe farlo anche in futuro e da cittadino privato posso fare ben poco. Mi chiedo a questo punto quale sia il lavoro quotidiano dell’assessorato all’Ambiente e perché continua ad ignorare che la raccolta differenziata così com’è fatta non può andar bene.

Ad ogni modo va un plauso alla De Vizia per l’intervento fatto e un sincero ringraziamento all’associazione Meritocrazia Italiana per l’aiuto ricevuto nella sistemazione dei rifiuti”.

12 dicembre 2013 0

Operazione della Finanza “China Christmas”, sequestrati oltre 2100 prodotti

Di redazionecassino1

 Circa 2100 articoli natalizi di natura elettrica ed elettronica sono stati sequestrati dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Chieti lo scorso fine settimana, al termine di una serie di interventi ispettivi, perché non rispondenti agli standard qualitativi della sicurezza, e come tali potenzialmente nocivi.

Luci e luminarie natalizie, esposti negli scaffali degli esercizi commerciali controllati, ubicati nei comuni di San Giovanni Teatino, Francavilla al Mare, Lanciano e Vasto, sono risultati privi delle istruzioni e prescrizioni in lingua italiana oltre che della marcatura CE.

I responsabili – 5 soggetti di nazionalità cinese – sono stati segnalati alle competenti Autorità Amministrative.

I militari operanti, nel contesto, si sono avvalsi del sistema europeo di allerta rapida per i prodotti di consumo pericolosi così denominato “RAPEX”, grazie al quale le Autorità nazionali notificano alla Commissione europea i prodotti che rappresentano un grave rischio per la salute e la sicurezza dei consumatori. Successivamente le informazioni ricevute ai punti di contatto nazionali degli altri Stati membri vengono pubblicate su internet in appositi riepiloghi settimanali, permettendo un’identificazione tempestiva e un rapido ritiro dal mercato dei prodotti a rischio, come ad esempio giocattoli per l’infanzia, prodotti tessili, prodotti elettrici ed articoli di moda che non rispettano le norme di sicurezza.

Le attività di controllo, svolte secondo il consueto approccio “trasversale” al servizio, hanno riguardato anche il contrasto al lavoro nero/irregolare.

Allo stato, è in corso la verifica della posizione contributiva, presso l’Ente previdenziale provinciale, di 20 soggetti di nazionalità cinese, identificati nel corso della suddetta azione ispettiva.

La vigilanza nello specifico settore continuerà incessante anche durante le festività di fine anno in modo da eliminare dai mercati locali tutti quei prodotti potenzialmente pregiudizievoli per la sicurezza dei consumatori.

Il Comando Provinciale di Chieti nel corso del 2013 ha eseguito 12 controlli in materia di sicurezza prodotti, sequestrando complessivamente oltre 3.600 articoli di varia natura e segnalando alle Autorità competenti 8 persone.

12 dicembre 2013 0

Mauro Vicano torna alla guida della Asl di Frosinone

Di redazionecassino1

In attuazione dell’ordinanza emessa lo scorso 4 novembre dal Tribunale di Frosinone, Sezione Lavoro, il Dr. Mauro Vicano, attuale Direttore Sanitario aziendale, è da oggi nuovamente alla guida dell’Azienda Sanitaria Locale di Via A. Fabi, in qualità di Direttore Generale facente funzioni.

            Si conclude così, dopo ben cinque diversi pronunciamenti dell’Autorità Giudiziaria (di cui tre sono entrati nel “merito” della questione), tutti dall’univoco tenore e fondamento, la ormai nota vicenda che ha riguardato la guida della ASL negli ultimi mesi.

« Specifico – ci tiene a precisare Vicano – che tutte le azioni giudiziarie intraprese sono state finalizzate alla tutela dei miei diritti e, soprattutto, di quelli di questo territorio. Mi metterò subito all’opera per fare il massimo pur nel breve orizzonte di questa nuova avventura, rimanendo a completa disposizione della Regione Lazio e del Presidente Zingaretti ».