Giorno: 29 dicembre 2013

29 dicembre 2013 0

Ucciso dal macigno, con i colori della sua squdra del cuore l’addio a Maurizio Gaglione – LE FOTO

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il giallo e il rosso, oltre alla presenza di tanti giovani e lo strazio, hanno caratterizzato il funerale che oggi pomeriggio si è svolto alla chiesa Madre di Cassino per dare l’addio a Maurizio Domenico Gaglione. Il 21enne è morto nella notte tra venerdì e sabato a Sant’Elia Fiumerapido, schiacciato da una pesante trave in marmo che sormontava il cancello della villa in cui aveva trascorso la serata in compagnia di amici. Amici e parenti hanno detto, ciascuno a modo loro, addio a Maurizio chi con messaggi, chi mostrando i colori della sua squadra del cuore, la Roma. Intanto continua l’inchiesta dei carabinieri per fare luce sulle cause della tragedia. Er. Am. Foto Alberto ceccon

29 dicembre 2013 0

Terremoto di magnitudo 4.9 tra la provincia di Caserta e Isernia

Di admin

Tanta paura e verifiche in corso in particolare nella zona del Matese, al confine tra Molise e Campania. A Campobasso, dal comando dei vigili del fuoco riferiscono di non avere noitizie in merito a danni o richieste di Intervento ma solo tanta paura tra la gente. Nel casertano, e nel Beneventano sono in corso verifiche, ma al momento è stato riscontrato solo qualche distacco di intonaco. La prima scossa è stata registrata dai sismohgrafi dell’Istituto di Geofisica e VUlcanologia alle 18 e 3 minuti con un manitudo pari a 2.7 della scala Richter. Alle 18 e 8 minuti la terra ha tremato di nuovo con una scossa di 4.9 gradi ad una profondità di 10,5 chilometri che è stata avvertita dal pontino alle coste pugliesi. Successivamente ci sono state altre scosse di minore intensità: 2.7 gradi alle 18.14 e alle 18.18, 2.3 alle 18.21, 2.8 alle 18.26 e alle 18.29. Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel distretto sismico Monti del Matese. I comuni interessati dal terremoto sono ALife (Ce), Alvignano (Ce), Castel Campagnano (Ce), Dragoni (Ce), Raviscanina (Ce), Ruviano (Ce), Sant’Angelo D’Alife (Ce), Valle Agricola (Ce), Amorosi (Bn), Castelvenere (Bn), Cerreto Sannita (Bn), Faicchio (Bn), Guardia Sanframondi (Bn), Pietraroja (Bn), Puglianello (Bn), San Lorenzello (Bn), San Salvatore Telesino (Bn), Telese Terme (Bn), Baranello (Cb), Bojano (Cb), Campochiaro (Cb), Colle D’Anchise (Cb), Guardiaregia (Cb), San Massimo (Cb), San Polo Matese (Cb), Sepino (Cb), Spinete (Cb), Vinchiaturo (Cb), Cantalupo Nel Sannio (Is), Macchiagodena (Is), Roccamandolfi (Is), Santa Maria Del Molise (Is). Al momento non si hanno notizie di danni a cose o persone e sono in corso le verifiche della protezione civile.

29 dicembre 2013 0

Il terremoto scuote il centrosud Italia

Di admin

Il terremoto scuote il centro Italia. Da Cassino a Gaeta fino a Napoli. La Sciame sismico, però, avrebbe origine al confine tra la Campania e il Molise. Due scosse in pochi minuti, quella più forte di magnitudo 4.9 ad una profondità di 10,5 chilometri con epicentro tra San Potito Sannitico, Casetello del Matese e Piedimonte Matese alle 18.08 che è stato avvertito in un raggio di diverse centinaia di chilometri fino al centro Puglia.

29 dicembre 2013 0

Ucciso dal blocco di marmo, oggi i funerali di Maurizio Domenico Gaglione

Di admin

Si svolgeranno oggi pomeriggio alle 15.30 nella chiesa Madre di Cassino, i funerali di Maurizio Domenico Gaglione, il 21enne morto nella notte tra ieri e venerdì a Sant’Elia Fiumerapido, uscendo da una villa in via Tascitara, dove aveva trascorso la serata con degli amici. Non è chiaro cosa sia accaduto una volta arrivato davanti al cancello pedonale che da accesso alla villa. La prima ipotesi è che il giovane lo abbia trovato chiuso e, per non infastidire i padroni di casa, abbia tentato di scavalcarlo trascinandosi dietro la grossa e pesante pietra che faceva da trave, rimanendone schiacciato. L’altra ipotesi è che, pur trovando il cancello aperto, si sia aggrappato a quella pietra che univa le estremità superiori delle due colonne che, spezzandosi, lo hanno travolto e ucciso. Qualunque sia vera delle due ipotesi, comunque non fa differenza. Purtroppo gli esiti sono stati tragici e la serata di festa iniziata venerdì sera finirà con il funerale di oggi. Ermanno Amedei