Il comune di Ceccano offre uno spazio per una nuova attività degli ex dipendenti Videocon

22 dicembre 2013 0 Di admin

Gli ex lavoratori Videocon, costituitesi nella nuova cooperativa denominata “Videocoop Società Cooperativa” per l’attività di riciclaggio di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, hanno chiesto al comune di Ceccano la concessione dei locali comunali di via San Francesco per avviare l’attività in tempi veloci e potersi così ricollocare dal punto di vista professionale. I locali del comune infatti sono già omologati e registrati come centro di raccolta RAEE.
L’Amministrazione Maliziola ha risposto positivamente con deliberazione di giunta comunale n 360 del 19 Dicembre 2013. Immediatamente esecutivo l’atto, firmato dal sindaco Maliziola, dal vicesindaco Maurizio Cerroni, e dagli assessori Pasquale Casalese, Irene Giovannone e Camillo Maura, permette ai lavoratori in difficoltà di avviare fin da subito l’iter per far decollare la nuova realtà imprenditoriale al fine di poter accedere alle opportunità di intervento previste dall’Accordo di programma.

“L’attività scelta dagli ex lavoratori Videocon – afferma il sindaco Maliziola- potrà essere esercitata esclusivamente in strutture opportunatamente adeguate e autorizzate, le cui pratiche burocratiche richiederebbero tempi troppo lunghi rispetto alle contingenze rappresentante dall’attuale congiuntura economica. Ho personalmente seguito la vertenza Videocon sia a livello Provinciale che Regionale. Non potevamo, come Amministrazione, restare indifferenti alla richiesta di collaborazione di questi lavoratori, molti dei quali sono di Ceccano, in un momento di grave crisi economica e di difficile ricollocazione del mondo del lavoro.”

A Settembre del 2012, l’Amministrazione appena insediata, ha convocato infatti un Consiglio Comunale aperto alla presenza dei lavoratori stessi per ascoltare le loro esigenze e dare anche un supporto alle loro iniziative cercando di essere propositivi e trovare una soluzione al problema occupazionale. “Siamo stati uno dei primi Comuni – continua il primo cittadino- ad approvare la deliberazione di Consiglio Comunale n. 17 del 8.04.2013 con la quale il Comune di Ceccano ha aderito al Protocollo d’Intesa, predisposto dal Comitato Provinciale per il Lavoro e lo Sviluppo della Provincia di Frosinone, sottoscritto il 12 novembre 2012 e volto al rilancio dell’area di crisi del Sistema Locale del Lavoro Frosinone – Anagni”.
L’impegno come Amministrazione è stato quello di mettere a disposizione una parte di locali comunali di via San Francesco a canone agevolato ed incentivare chi, come i lavoratori Videocoop, volevano riattivarsi e rimettersi in gioco con l’auspicio che altri lavoratori possano trovare stimolo ed esempio in questa iniziativa imprenditoriale senza soccombere passivamente alla crisi economica.

L’impegno profuso in primis dalla Regione Lazio va sostenuto anche dai trentuno comuni della provincia di Frosinone coinvolti nell’Accordo Di Programma. La giunta Zingaretti ha dato l’input stanziando fondi per accesso al credito e garanzie, star up e creazione di “plafond Lazio” nel fondo centrale garanzia, destinati all’erogazione di finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese localizzate nel sistema Locale del lavoro di Frosinone Anagni e del comune di Fiuggi. Il tutto per la realizzazione di un percorso integrato di riqualificazione e reinserimento lavorativo dei lavoratori ex Videocon.
Motivo per il quale l’Amministrazione Maliziola, da sempre sensibile alle tematiche sociali ed occupazionali, ha deciso di concedere la struttura richiesta alla Videocoop Società Cooperativa in modo eccezionale e provvisorio.

In questo modo i lavoratori, ex Videocon, saranno agevolati e potranno dare rapidamente avvio alle attività e superare le difficoltà burocratiche richiedendo quanto prima il necessario accreditamento nel settore del trattamento RAEE presso il CdC RAEE conformemente alla specifica tecnica prevista.
“Si tratta di un gesto concreto di vicinanza ai lavoratori in difficoltà che l’Amministrazione ha realizzato credendo fortemente nel loro impegno e desiderio di ripartire – conclude il sindaco Maliziola- Si tratta di un modo coraggioso per rilanciarsi e rispondere alla crisi economica ed occupazionale attraversata dalla Ciociaria. Il Comune è vicino a questi lavoratori non con le chiacchiere ma con atti concreti e oggettivi.”