pubblicato il11 dicembre 2013 alle 20:40

Liberato dalla morsa dei fratelli terribili, commerciante di Anagni costretto a pagare per evitare botte

I carabinieri di Anagni, hanno arrestato due fratelli residenti nella “Citta Dei Papi” poiché responsabili, a vario titolo, di “rapina ed estorsione continuata in concorso”.
Le indagini, avviate nel mese di ottobre 2013, hanno consentito di accertare che i due responsabili, con violenza e minaccia, in concorso tra loro e con più azioni criminose, si facevano consegnare somme di denaro ammontanti a 8mila euro, in cambio di promesse di protezione da parte di un commerciante della zona. In una circostanza, a seguito dell’ennesima richiesta estorsiva di 500 euro, al rifiuto del commerciante, è stato picchiato e gli è stato asportato il portafogli.
Espletate le formalità di rito, i due fratelli, rispettivamente di 26 e 22 anni sono stati ristretti presso le rispettive abitazioni, in regime di arresti domiciliari.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07