pubblicato il10 dicembre 2013 alle 10:25

L’uso improprio di smartphone e tablet può incoraggiare il bullismo

 

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo.

Un uso inappropriato di smartphone, tablet o applicazioni come Whatsapp può diventare uno strumento pericoloso che favorisce il bullismo, come indicato dalla polizia nazionale spagnola in un comunicato stampa apparso nei giorni scorsi sui media iberici.

La polizia del paese europeo ha, infatti, lanciato una campagna dall’eloquente titolo “Tutti contro il bullismo”, per cercare di affrontare questo problema che per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non dovrebbe essere sottovalutata anche nel Nostro Paese per le modalità d’intervento adottate.

Secondo l’autorità di pubblica sicurezza spagnola, infatti, le nuove applicazioni di comunicazione possono consentire che le molestie in classe siano trasferite agli ambienti digitali, diventando un pericoloso strumento di bullismo. Ciò riguarda la Spagna ma anche in Italia dove tali strumenti stanno conoscendo una diffusione che conta pochi eguali anche nel resto d’Europa e dove il cyberbullismo è stato oggetto di molteplici episodi, alcuni dei quali finiti sulla ribalta delle cronache nazionali.

La polizia raccomanda a tutti i bambini che soffrono di questa situazione di comunicare con un adulto (genitori, insegnanti o tutori) e di cercare di porre fine al conflitto in aula.

L’iniziativa è stata completata con diverse azioni sui social network, video e interviste rivolte a studenti, genitori e insegnanti con l’obiettivo di coinvolgere tutti i soggetti interessati alla tutela, sviluppo, ed educazione dei bambini.

Significativa è stata anche la scelta di attivare un account email seguridadescolar@policia.es, che è stato aperto soprattutto per denunciare tale tipo di violenza.

 

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07