pubblicato il2 dicembre 2013 alle 16:26

Patto dei pendolari per chiedere più soldi per i treni. Fardelli: “Richieste più che leggittime”

Frosinone, Sabaudia, San Felice Circeo, Priverno, Formia, Norma, Bassiano, Aprilia, Velletri. Sono queste le amministrazioni comunali che hanno risposto all’appello di Legambiente e firmato il “Patto dei Pendolari” che ha richiesto più soldi e più treni. “I pendolari sono esasperati – ha commentato il consigliere regionale Marino Fardelli – Sono stati preannunciati nuovi treni per il Lazio e questo ci fa ben sperare per i prossimi anni, ma ad oggi la situazione resta insostenibile”. Il consigliere regionale Marino Fardelli primo firmatario di una mozione sui disagi della tratta ferroviaria Roma-Frosinone-Cassino, si è fatto promotore di una serie di tavoli di lavoro e di confronto con le associazioni dei pendolari presso l’assessorato ai Trasporti della Regione Lazio facendosi portavoce in più occasioni non solo della tratta Roma-Frosinone-Cassino, ma anche dei pendolari della Roccasecca-Avezzano, sollevando le difficoltà di più di mezzo milione di pendolari di tutto il Lazio. “Il confronto avviato tra Trenitalia, Regione e pendolari, è la strada verso il miglioramento dei servizi, degli orari e delle condizioni di viaggio – ha aggiunto l’on.le Fardelli – L’aumento degli investimenti per il trasporto pubblico e un nuovo contratto che preveda i miglioramenti delle condizioni di viaggio, sono le giuste richieste degli amministratori e dei pendolari. Vigileremo affinchè la Regione Lazio passi ai fatti prima possibile. Migliaia di pendolari sono in difficoltà ogni giorno, le loro richieste sono sacrosante e a loro bisogna dare una risposta celere” ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07