Giorno: 31 gennaio 2014

31 gennaio 2014 0

Maltempo, nel week end piogge e venti forti su buona parte del Paese

Di admin

La perturbazione che oggi ha duramente colpito diverse zone dell’Italia, continuerà a determinare una spiccata fase di maltempo su buona parte del Paese, con piogge diffuse sulle regioni centrali e fenomeni più persistenti e intensi sull’area ionica e sulle regioni nord-orientali. Sulla base delle previsioni disponibili il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso, infatti, un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra e estende quelli diffusi nei giorni scorsi.

I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it). L’avviso meteo prevede, dalla sera di oggi, venerdì 31 gennaio, precipitazioni a carattere di rovescio o temporale sulla Campania. Dal mattino di domani, sabato 1° febbraio, persisteranno precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Veneto e Friuli Venezia Giulia, con quantitativi cumulati fino a molto elevati, mentre sparsi potranno essere i temporali su Toscana e Lazio. I fenomeni saranno accompagnati da frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Infine, sempre dalle prime ore di domani si prevede il persistere di venti di provenienza sud-orientale forti o di burrasca su Calabria e Basilicata, specie sui settori ionici, su Abruzzo e Molise, specie sui settori adriatici, e sulla Puglia, con raffiche fino a burrasca forte sulle regioni meridionali e possibili mareggiate lungo le coste esposte. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la restante parte di oggi una criticità rossa per rischio idraulico e idrogeologico per le pianure emiliane di Modena e Reggio Emilia, per il Friuli Venezia Giulia, per buona parte del Veneto, della Basilicata e per la Calabria ionica e meridionale tirrenica. La criticità è invece arancione per la provincia autonoma di Bolzano, per le restanti parti di Veneto, Emilia Romagna, per buona parte della Toscana, dell’Umbria, del Lazio, per la Campania, per le restanti parti di Basilicata e Calabria, per la Sicilia orientale e buona parte della Sardegna. Tutte le altre Regioni interessate dal maltempo sono indicate in criticità gialla.

Per domani, invece, è stata valutata una criticità rossa per le pianure emiliane di Modena, Reggio Emilia, Ferrara e Bologna, per il Friuli Venezia Giulia, per buona parte del Veneto, della Basilicata, per la Calabria ionica e meridionale tirrenica e per la zona del tarantino. La criticità è invece arancione per la provincia autonoma di Bolzano, per le restanti parti di Veneto, Emilia Romagna, per il versante tirrenico della Toscana, per l’Umbria occidentale, per buona parte del Lazio, per la Campania, per le restanti parti di Basilicata e Calabria, per buona parte della Puglia e per la Sicilia orientale. Tutte le altre Regioni interessate dal maltempo sono indicate in criticità gialla. È utile ricordare che le valutazioni di criticità idrogeologica (su tre livelli: rossa, arancione e gialla) possono includere una serie di danni sul territorio riportati sul sito del Dipartimento. Alla luce di queste previsioni, è importante ricordare alcuni comportamenti utili da seguire, consultabili in modo più approfondito sul sito del Dipartimento della Protezione Civile per non trovarsi in situazioni di pericolo:

• usare la massima prudenza nella guida, informandosi sulle condizioni della viabilità per il percorso che si intende seguire, riducendo la velocità e aumentando le distanze di sicurezza;

• evitare di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d’acqua sopra ponti o passerelle;

• fare attenzione prima di percorrere sottopassaggi e non cercare di spostare le autovetture se investite da masse d’acqua;

• durante intensi scrosci di pioggia prestare attenzione quando ci si reca o ci si sofferma in ambienti come scantinati, piani bassi o garage, a forte rischio allagamento.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it) insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo.

Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

31 gennaio 2014 0

Furto di sanpietrini a Cassino, denunciata una 60enne

Di admin

Stava portando via sanpietrini in piazza San Giovanni a Cassino quando sono arrivati gli agenti della polizia del commissariato cittadino. Si tratta di una 60enne del posto che avrebbe raccontato di aver bisogno di quelle pietre per abbellire il giardino condominiale di casa. La donna aveva raccolto 360 pezzi e sistemati nel bagagliaio della sua auto. Per questo ha rimediato una denuncia. Foto Alberto Ceccon

31 gennaio 2014 0

Ristoranti e pescherie di Viterbo nel mirino della Capitaneria di Porto

Di admin

Nel mirino dei controlli della Capitaneria di Porto di Civitavecchia sono finiti ristoranti e pescherie di Viterbo, all’interno dei quali sono state analizzate le specie ittiche detenute, ponendo particolare attenzione alla freschezza, alle modalità di conservazione, alla corrispondenza delle specie somministrate con quelle proposte nei menù, nonché alla provenienza delle stesse. Sette le sanzioni amministrative elevate nei confronti dei proprietari di quattro ristoranti, tre dei quali di cucina orientale (cinese e giapponese), per un totale di 7.498 euro. Le irregolarità riscontrate hanno riguardato, in particolare, la mancanza di tracciabilità nonché l’errata conservazione dei prodotti ittici (conservati in modo promiscuo con altri generi alimentari), che sarebbero stati destinati al consumo da parte dei clienti di detti locali.

31 gennaio 2014 0

Vicenda quotidiano La Provincia, il presidente: In crisi per colpa dei ritardi dei contributi. Appello agli imprenditori

Di admin

Da Davide Rea, Presidente della Effe cooperativa, società editrice del quotidiano La Provincia (Frosinone e Latina) riceviamo e pubblichiamo. “La Effe cooperativa nasce il 30/10/1998 e dal 15/04/1999 ha iniziato ad editare la testata “La Provincia Quotidiano” in forza di un contratto di affitto sottoscritto con la società proprietaria della testata giornalistica. La cooperativa matura il primo contributo nell’anno 2002, ma ci sono voluti altri tre anni successivi per poterlo incassare. Ecco quindi che nel periodo compreso tra il 1999 e il 2005 i dipendenti soci della cooperativa hanno sostenuto innumerevoli sforzi e sacrifici per poter editare e pubblicare il quotidiano. È in questi anni che matura l’idea di editare un’altra edizione del giornale e nel 2004 la cooperativa inizia ad editare l’edizione di Latina completamente dedicata agli avvenimenti della provincia di Latina. L’edizione di Latina è sempre stata connotata dal carattere dell’autonomia ed indipendenza rispetto a quella di Frosinone. Alla guida dell’edizione c’è sempre stato un caporedattore, si sono infatti succeduti nel tempo: Mauro Benedetti, Giovanni Del Giaccio, Luigi Cardarelli ed infine Daniele Vicario. Malgrado la sua autonomia da Frosinone e la presenza fisica nel territorio di Latina il giornale non si è mai affermato anzi è andato sempre a traino di altre testate. Eppure numerose sono state le iniziative messe in atto per promuoverne la vendita. Si è arrivati perfino a diffonderlo lungo le spiagge ed ai semafori pur di farlo conoscere. Il risultato è stata una sconfitta totale. Di pari passo con le copie vendute sono stati gli introiti pubblicitari talmente scarsi che non arrivavano nemmeno a remunerare il lavoro delle persone addette alla raccolta ed alla gestione delle inserzioni e degli inserzionisti. A fronte di tali situazioni la cooperativa si è trovata davanti l’unica strada da percorrere quella relativa alla sospensione dell’edizione di Latina comunicata con la lettera del 30/12/2013. A tale scelta si è arrivati anche e soprattutto per il mancato incasso del contributo all’editoria a causa di un’inchiesta della magistratura. La cooperativa fin da subito poteva avviare una procedura di mobilità ovvero il licenziamento collettivo ma, la strategia non andava a beneficiare entrambe le parti. Quindi la scelta è caduta sulla Cassa integrazione straordinaria per crisi senza rotazione. Oggi dopo diverso tempo di trattative le rappresentanti sindacali rispondono con la richiesta di Cigs con rotazione. La rotazione quindi è il punto della discordia dal momento che la cooperativa sostiene che in un giornale locale il lavoro giornalistico comprende anche la raccolta della notizia sul territorio e quindi una simbiosi con il territorio stesso. In un giornale locale le notizie vengono raccolte attraverso i collegamenti sul territorio e non grazie alle agenzie giornalistiche. Per quanto concerne le mensilità arretrate fino a tutto l’anno 2012 la cooperativa ha sempre regolarmente corrisposto gli stipendi. L’arretratezza nell’erogazione delle mensilità è iniziata quando non si è avuta l’erogazione del contributo relativo all’anno 2011. A fronte della mancata erogazione la cooperativa ha presentato ricorso al TAR Lazio il quale si dovrà esprimere nuovamente il 12 febbraio 2014 dopo essersi già pronunciato favorevolmente accogliendo la nostra istanza al solo fine del riesame. La cooperativa attualmente non ha i mezzi finanziari per poter adempiere alla richiesta di pagamento delle mensilità arretrate sia dei dipendenti di Latina che di Frosinone. Solo infatti con l’incasso del suddetto contributo si potranno ristabilire le condizioni necessarie per il risanamento della stessa. A tal fine colgo l’occasione di invitare gli imprenditori della provincia di Frosinone e Latina a farsi avanti ed avviare un percorso insieme per mantenere sempre alto il livello informativo del giornale e non privare le due province del pluralismo informativo. In ultimo voglio anche sottolineare che il sottoscritto, nel suo ruolo di Presidente della Effe, non si è mai sottratto al confronto. Neanche con le istituzioni laddove è stato invitato. Non per polemica, ma per rispetto della verità e quella chiarezza per la quale ritengo, dopo essere rimasto in silenzio, intervenire”.

31 gennaio 2014 0

Scandalo rifiuti a Frosinone, il Comune revoca l’appalto e la Sangalli ricorre al Tar

Di admin

La ditta Giancarlo Sangalli&Co. ha impugnato davanti alla sezione distaccata di Latina del TAR di Roma la determinazione dirigenziale n. 3287/2013 con cui il Comune di Frosinone aveva deciso, a seguito dell’indagine giudiziaria portata avanti dalla Procura della Repubblica di Monza, di non confermare l’aggiudicazione provvisoria all’impresa Sangalli della gara di affidamento dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani ed assimilati, nettezza urbana ed affini per la durata di cinque anni. La decisione del dirigente era stata originata dalla richiesta avanzata dal sindaco Nicola Ottaviani di revocare l’aggiudicazione all’impresa lombarda, dopo l’attivazione dei sequestri e del relativo procedimento penale che aveva coinvolto, tra gli altri, i vertici dell’impresa Sangalli e l’ex assessore all’ambiente De Santis..

La ditta Sangalli, nel ricorso depositato, ha chiesto al TAR l’annullamento della determinazione dirigenziale ritenendo che l’indagine penale non ha coinvolto “alcun membro della commissione giudicatrice ovvero il rup (responsabile del procedimento), sicché non è dato comprendere come l’indagine de qua possa aver influito sulla sequenza procedimentale in disamina, visto che da un punto di vista della regolarità delle operazioni di gara alcun profilo viene nemmeno adombrato nell’atto gravato e, vieppiù, alcuna irregolarità/inammissibilità è prospettata con riferimento all’offerta presentata” dalla Sangalli. In altri termini, il legale del nuovo amministratore unico, nominato dall’azienda nella quale il socio di maggioranza è rappresentato dalla custodia giudiziaria, deduce nel ricorso che la gara si sarebbe svolta con regolarità e che quindi, l’impresa di Monza meriterebbe l’aggiudicazione definitiva dell’appalto sulla raccolta dei rifiuti solidi urbani. In particolare, si legge nel ricorso di notifica al comune che “la comparazione fra il vecchio appalto (in atto nel 2005, cfr. ai numeri 6 e 7) e l’odierno, appalesa l’esistenza dei medesimi requisiti di partecipazione, laddove da un punto di vista gestionale oggi viene richiesta l’attivazione della raccolta differenziata porta a porta su tutto il territorio comunale”. “La vicenda appare paradossale e quasi kafkiana – dichiara il sindaco Nicola Ottaviani – dopo aver letto il ricorso depositato dall’impresa. Dopo i provvedimenti dell’autorità giudiziaria ritenevo e ritengo ancora oggi doverosa la revoca dell’aggiudicazione dell’appalto. Rispetteremo comunque quelle che saranno adottate dal Tar di Latina”.

31 gennaio 2014 0

Da eroe a ladro, arrestato per furto a Gaeta, 5 anni prima aveva salvato ragazza da stupro

Di admin

Eroe ed anche ladro di rame. È il destino di C.A .P. 24enne rumeno arrestato ieri dai carabinieri del nucleo operativo di Gaeta insieme a quattro connazionali e un moldavo per furto aggravato. Il gruppo, tutti di età compresa tra i 22 e i 25 anni, è stato fermato per controllo stradale dai militari che, perquisendo l’auto hanno trovato circa 60 chili di rame, 10 segnali luminosi, 2 motoseghe e un decespugliatore, tutto materiale rubato in due cantieri della zona. Il bottino, è stato restituito agli aventi diritto e il gruppo arrestato. La particolarità della vicenda sta nel fatto che il 24enne, nel marzo del 2009, quando di anni ne aveva appena 19, intervenne insieme al padre per salvare una ragazza italiana di 25 anni dal tentativo di stupro di un marocchino. Nell’occasione venne ricevuto dal sindaco che lo definì, insieme al padre “eroe per caso”. L’episodio dell’arresto, seppur da condannare, qualora fosse accertata la sua responsabilità, comunque nulla toglie al nobile gesto di cinque anni fa. rmd

31 gennaio 2014 0

Incendio al 25esimo piano della grattacielo di Latina, uffici distrutti

Di admin

Fiamme al 25esimo piano questa notte, della Torre Pontina, in grattacielo in via Ufente a Latina. L’allarme è arrivato ai vigili del fuoco poco prima delle 22 quando il rossore dell’incendio era ben visibile anche a molta distanza dal grattacielo. All’arrivo dei pompieri, il rogo era ormai diffuso su quasi tutti gli uffici del piano e minacciava di estendersi anche ai piani superiori. I pompieri hanno raggiunto a piedi il 25esimo livello e utilizzando l’impianto antincendio hanno domato le fiamme. L’intervento è terminato alle tre del mattino. Le cause sono ancora al vaglio delle forze dell’ordine.

31 gennaio 2014 0

Bambino nato negli uffici della Polfer a Formia, si chiama Enzo e pesa 3,3 chili

Di admin

Si chiama Enzo e pesa 3,3 chili il bimbo nato questa mattina negli uffici della Polizia Ferroviaria di Formia. La madre, una 30enne cinese, era d poco scesa dal treno proveniente da Napoli diretta, con il marito a Gaeta dove l’attendevano alcuni connazionali. Le acque le si sono rotte sul treno e quando è scesa sulla banchina del terzo binario, vinta dai dolori si è accasciata a terra. A lanciare l’allarme è stato il capotreno e sul posto sono arrivati tre agenti della polizia ferroviaria di Formia diretta dall’ispettore capo Pasquale Tedesco. All’arrivo dell’ambulanza gli operatori sanitari hanno provato a portarla verso il mezzo ma si sono accorti che il bimbo ormai era in parte uscito e, per questo, insieme agli agenti, hanno deciso di accompagnarla negli uffici della Polfer dove, spostate sedie e tavoli, è stata allestita una improvvisata sala parto dove Enzo è venuto alla luce in buona salute e, insieme alla madre, sfinita ma in buona salute, è stato accompagnata in ospedale a Formia per una visita completa e approfondita. “E’ stato molto emozionante – hanno detto i due Assistente capo, Luigi Napoleone e Gianfranco Nicolao che hanno assistito la donna insieme agli operatori del 118 – In servizio non ci era mai capitata una cosa del genere”. ermadei@libero.it

31 gennaio 2014 0

Bimbo nasce negli uffici della polizia ferroviaria di Formia

Di admin

L’hanno vista accasciata a terra che piangeva con al fianco il marito. La donna cinese aveva un giubbotto pesante e non lasciva intravedere il pancione: “Non parlava italiano – hanno detto gli agenti della Polfer di Formia – diceva solo ‘Bambino bambino’. Abbiamo chiamato l’ambulanza e quando l’hanno messa sulla lettiga abbiamo capito che il bimbo stava per nascere. L’abbiamo portata quindi nel nostro ufficio, abbiamo fatto spazio tra le nostre scrivanie e, poco dopo è nato”. La straniera di circa 30 anni, era scesa dal treno proveniente da Napoli alle 8.25. Er. Am. Foto Giuseppe Miele