pubblicato il15 gennaio 2014 alle 17:34

Addio all’amica dei poveri, si è spenta Antonella Rosato

Antonella Rosato ci ha lasciati. Abbiamo appreso la notizia solo questa mattina, alcune ore prima del funerale che si è celebrato oggi pomeriggio. La dipendente comunale di Cassino si è spenta ieri dopo aver combattuto per mesi contro un terribile male. Ricordiamo e ricorderemo la dipendete comunale di Cassino, per il suo impegno professionale e per la sua vicina alla gente, in particolare a quella più povera. Per 37 anni dipendente del Comune e per decenni in uno dei settori più critici: quello dei servizi sociali. Lì, sono pochi quelli che resistono. Serve passione, fermezza, umanità e disponibilità; tutte doti di cui Antonella era ricca. Amministrare le sempre più scarse risorse destinate ai più poveri della città è un compito difficile, spesso ingrato che porta più inimicizie che amicizie. La gente che a lei si rivolgevano per affrontare problematiche di ogni genere, però, ottenevano le giuste risposte e le indicazioni più convenienti. Noi stessi, decine di volte, l’abbiamo incontrata, abbiamo ascoltato i suoi sfoghi per un lavoro difficile che la rendeva quasi un termometro sociale importante capace di registrare la giusta misura della povertà nel cassinate. Ieri Antonella si è spenta vinta da una accelerazione improvvisa del suo male che l’ha strappata al marito Pio Attardi e ai due figli oltre che… a tutti noi.
LA REDAZIONE

faccedivita.it
© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07