pubblicato il17 gennaio 2014 alle 15:37

Contromano sulla Pontina, causò un morto e tre feriti. Dopo due mesi scattano le manette

Contromano sulla Pontina sotto effetto di droga e alcool, un morto e quattro feriti: dopo due mesi scattano le manette
Alla guida di una Ford Mondeo, ubriaco e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, imboccò contromano la Pontina causando un incidente che costò la vita ad un 63enne e al grave ferimento di tre giovani. Per questo, gli agenti della polizia stradale di Aprilia, su disposizione del tribunale di Latina, hanno eseguito l’ordine di carcerazione per Roberto Polimadei. L’uomo è lo stesso che all’alba del 17 novembre scorso, dopo aver assunto sostanze alcoliche per valori oltre 5 volte i consentiti e dopo aver fatto uso di cocaina, ha imboccato contro mano la carreggiata sud della Strada Regionale 148 pontina all’altezza per lo svincolo di via del Tufetto sciantandosi prima frontalmente con una Honda Civic con a bordo tre giovani rimasti feriti, proseguendo la corsa ed impattando dopo alcune centinaia di metri con una Fiat 600 guidata da Roberto Luzio. Per l’uomo non ci fu nulla da fare e morì sul colpo. Ferito in maniera seria anche Polimadei è rimasto ferito gravemente. In questi giorni una commissione medica ha stabilito che il suo stato di salute, in piena fase riabilitativa, è compatibile con il carcere di Rebibbia dove esiste un reparto ospedaliero ed è lì che è stato portato. Nell’ordinanza il gip evidenzia la “condotta inosservante e sprezzante di fondamentali precetti di legge in materia di circolazione e sicurezza stradale” dell’indagato individuando la “spiccata capacita’ a deliquere” del medesimo, il quale e’ risultato recidivo per il reato di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

faccedivita.it
© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07