Da stasera allerta neve a quote di pianura sulle regioni nordorientali

27 gennaio 2014 0 Di admin

Una vasta perturbazione proveniente dall’Europa centro-occidentale determinerà un peggioramento delle condizioni meteorologiche anche sul nostro paese. La fase di maltempo sarà caratterizzata da forti venti e da precipitazioni sparse, che assumeranno carattere nevoso, con quota neve in graduale abbassamento, sulle regioni centro-settentrionali.
Sulla base delle previsioni disponibili il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso, pertanto, un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche, che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).
L’avviso prevede dalla serata di oggi, lunedì 27 gennaio, nevicate su Veneto, Emilia Romagna e Marche, con quota neve in abbassamento fino a livello di pianura e apporti al suolo generalmente moderati, localmente abbondanti sui settori montuosi.
Si prevedono nevicate anche su Abruzzo e Molise, con quota neve in abbassamento fino a 300-500 metri e apporti al suolo generalmente deboli o localmente moderati.

Inoltre, sempre dalla tarda serata di oggi si prevedono precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio di forte intensità o temporale con raffiche di vento, su Marche, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Sempre dalla tarda serata si prevedono venti forti o di burrasca di origine occidentale sulla Sardegna, in estensione a Sicilia e Calabria, di origine meridionale sulla Puglia centro-meridionale, con mareggiate su tutte le coste esposte.
Infine, dalla prime ore di domani, martedì 28 gennaio, si prevedono venti forti o di burrasca da nord su Marche, Puglia settentrionale e settori costieri di Abruzzo e Molise, con possibili mareggiate sulle coste esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la restante parte della giornata di oggi una criticità arancione per rischio idrogeologico su gran parte delle Marche, mentre criticità gialla è indicata sull’Appennino Marchigiano meridionale, su buona parte dell’Emilia Romagna, di Campania, Basilicata e Sicilia.

Per la giornata di domani, invece, è prevista criticità arancione per rischio idrogeologico ancora sulle Marche, mentre criticità gialla è prevista sull’Emilia Romagna, sull’Appennino marchigiano meridionale, sulla Puglia centro-meridionale, sulla Basilicata, sulla Calabria e sulla Sicilia tirrenica e occidentale.

È utile ricordare che le valutazioni di criticità idrogeologica (su tre livelli: rossa, arancione e gialla) possono includere una serie di danni sul territorio, in particolare.

– Criticità arancione: frane superficiali e colate rapide detritiche o di fango; possibili attivazione o riattivazione di fenomeni di instabilità dei versanti, anche profonde, in contesti geologici particolarmente critici; possibile caduta massi. Diffusi danni e allagamenti a singoli edifici o piccoli centri abitati, cantieri e infrastrutture, interessati da frane o da colate rapide o situati in aree inondabili. Diffuse interruzioni della viabilità in prossimità di impluvi o in zone depresse vicine a corsi d’acqua. Pericolo per la pubblica incolumità.

– Criticità gialla: danni localizzati a infrastrutture ed edifici interessati da frane o dallo scorrimento superficiale delle acque; localizzati allagamenti di locali interrati e al piano terreno; localizzate e temporanee interruzioni della viabilità in prossimità di piccoli impluvi, canali, sottopassi, tunnel, avvallamenti stradali; possibili danni alle coperture a causa di forti raffiche di vento o possibili trombe d’aria; rottura di rami, caduta di alberi e abbattimento di pali, segnaletica e impalcature.
È utile ricordare − a quanti si trovassero in viaggio nelle zone interessate dal maltempo − di informarsi preventivamente sulle condizioni della viabilità per il percorso che si intende seguire, prevedendo la necessità di dotarsi di catene o pneumatici da neve dove obbligatori o comunque se comprende tratti stradali dove si prevedono nevicate. In caso di neve o ghiaccio è inoltre consigliabile moderare la velocità, aumentare le distanze di sicurezza e fare particolare attenzione alle improvvise deviazioni di traiettoria.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it) insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento continuerà a seguire l’evolversi della situazione.