Inseguito dalla polizia getta dal finestrino un chilo di hashish, 40enne arrestato a Caserta

15 gennaio 2014 0 Di admin

Nella serata di ieri, la Squadra Mobile di Caserta, diretta dal Vice Questore Alessandro TOCCO, in S. Marco Evangelista, ha arrestato il pregiudicato LIBERATO Giuseppe, nato a Capodrise (CE) il 31.01.1974, ivi res., sorpreso in flagranza del reato di detenzione di 1 kg. di hashish.
L’operazione è frutto di strategie operative attuate dalla Questura di Caserta, finalizzate a contrastare il dilagante fenomeno dello spaccio di stupefacenti, che negli ultimi mesi hanno portato la Squadra Mobile ad eseguire numerosissimi arresti e sequestri in questa provincia, che confermano come il mercato della droga si stia rapidamente evolvendo al di fuori del “rigido controllo” che in passato le organizzazioni criminali di stampo camorristico mantenevano sullo stesso.
In particolare, pattuglie della Squadra Mobile, impegnate in servizio nei pressi dell’uscita autostradale di Caserta Sud, crocevia obbligato dei trafficanti che si riforniscono nel napoletano, notavano LIBERATO Giuseppe lungo il viale Carlo III° che, a bordo di una Fiat Panda, con andatura spregiudicata, si dirigeva verso S. Marco Evangelista (CE).
In considerazione della sua personalità criminale, essendo pregiudicato noto agli investigatori per i suoi precedenti in materia stupefacenti, gli veniva intimato l’alt, ma l’uomo, con una brusca accelerata, tentava di sottrarsi al controllo.
Però, dopo uno spericolato inseguimento, durante il quale LIBERATO Giuseppe lanciava dal finestrino un involucro, lo stesso veniva bloccato dalle pattuglie della Squadra Mobile che, immediatamente, recuperavano anche l’oggetto di cui si era disfatto, accertando così che si trattava di 10 panetti di hascisc, ciascuno del peso di 100 gr., avvolti in nastro per pacchi, formando un blocco solido e compatto di forma cubica.
Pertanto, LIBERATO Giuseppe, che risultava gravato da precedenti penali specifici ed attualmente era sottoposto alla misura di prevenzione dell’Avviso orale del Questore di Caserta e della misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di residenza, proprio in relazione a reati inerenti gli stupefacenti. Pertanto, veniva arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio della descritta sostanza psicotropa e, dopo le formalità di rito, associato alla Casa Circondariale di S. Maria C. V. (CE) a disposizione dell’A. G. competente.