pubblicato il5 gennaio 2014 alle 17:51

Lite tra cognati finisce a coltellate, 37enne arrestato a Guardiagrele per tentato omicidio

Vecchi dissapori e questioni familiari irrisolte sono, probabilmente, la causa di una violenta lite scoppiata tra due cognati, nella tarda serata di ieri, in un’abitazione di Guardiagrele. La discussione animata in breve tempo e’ degenerata e, in un momento di follia, il proprietario di casa, 37enne noto alle forze dell’ordine, dopo aver afferrato un coltello da cucina, ha sferrato dei fendenti al cognato di 26 anni, anche lui noto alle forze dell’ordine, ferendolo dapprima alle mani e poi alla schiena, all’altezza della scapola destra. A ricostruire la vicenda, le cui cause sono ancora da chiarire, ci hanno pensato i Carabinieri della Stazione di Guardiagrele e i colleghi del Nucleo Radiomobile della compagnia di Chieti e della stazione di Casacanditella che, una volta raggiunta l’abitazione dove era avvenuta la lite, hanno tratto in arresto il proprietario di casa con l’accusa di tentato omicidio. La vittima, infatti, dopo essere stata aggredita, seppur ferita, e’ riuscita a fuggire tentando di raggiungere la sua abitazione ubicata sempre a Guardiagrele. Una volta in strada, però, ha incontrato una pattuglia di Carabinieri della locale Stazione, che vedendolo ferito lo ha soccorso chiedendo l’intervento del 118. L’uomo è’ stato dapprima portato all’ospedale di Guardiagrele e poi trasferito a quello di Chieti dove, anche se non in pericolo di vita, è stato ricoverato e sottoposto ad un intervento chirurgico. Il cognato, invece, su disposizione dell’ A.G., e’ stato associato al carcere di Chieti.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07