Giorno: 15 febbraio 2014

15 febbraio 2014 0

Cane miracolato, investito da un’auto, si ricava una “cuccia” nella carrozzeria

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

C’avrà messo le mani Sant’Antonio Abate, protettore degli animali, o forse è solo nato sotto il segno della buona stella, fatto sta che oggi è la giornata fortunata di un cagnetto che, a Sant’Elia Fiumerapido, ha avuto una sorte diversa da quella di migliaia di altri suoi simili. La chiamata ai vigili del fuoco di Frosinone è arrivata dalla supersdtrada Cassino Sora e l’automobilista diceva: “Ho investito un cane che si è incastrato nella mia auto” ma i vigili del fuoco hanno capito cosa volesse dire quella frase solo quando sono arrivati sul posto. Il corpo dell’animale, un meticcio marroncino di taglia media, nell’impatto aveva sfondato la mascherina del radiatore rimanendo incastrato, come in un apposito alloggio, proprio in quella mascherina. Certamente malconcio, probabilmente aveva una zampa fratturata e una ferita al labbro, i pompieri, prima di estrarlo da quella insolita “cuccia” che si era ricavato nella carrozzeria dell’auto, hanno aspettato l’arrivo di un veterinario. Lui si è fatto soccorrere e poi medicare, prima di essere trasportato in un ambulatorio a Sora. A salvargli la vita, probabilmente, anche la velocità moderata della vettura al momento dell’impatto. Er. Am.

15 febbraio 2014 0

Fardelli: “Da 70 anni Cassino e Montecassino si interrogano. Oggi monito a favore della pace”

Di admin

In occasione delle celebrazioni del 15 febbraio a Cassino nella commemorazione della distruzione dell’Abbazia di Montecassino, il consigliere regionale Marino Fardelli, capogruppo Udc, partecipando alle celebrazioni ha dichiarato: “Non è ben chiaro cosa avvenne nel quartier generale di Caserta, è però certo che fu un bombardamento che distrusse non solo le mura, ma anche il cuore di un territorio, insieme al simbolo religioso, faro della civiltà occidentale. Una ferita che sarà permanente per Cassino come per l’Europa intera e, nonostante siano trascorsi 70 anni, portiamo in tutte le nostre famiglie un segno tangibile di quanto avvenne. Un prezzo troppo alto che la città di Cassino e la sua millenaria Abbazia hanno pagato per decenni. Oggi Cassino e Montecassino rappresentano un monito a favore della pace per le future generazioni”.

15 febbraio 2014 4

Sradicano una cassaforte dal muro del Poliambulatorio ASL di Minturno, arrestati a Mondragone

Di admin

Nel corso di un servizio di pattugliamento del territorio, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Mondragone, hanno intimato l’alt ad un’autovettura sulla SS Domitiana. Il mezzo alla vista dei Carabinieri ha eluso il controllo dandosi a precipitosa fuga che dopo un breve ma serrato inseguimento i militari dell’Arma riuscivano a bloccare. A bordo dell’autovettura viaggiavano tre persone, di cui una, approfittando della confusione, riusciva a scappare e far perdere le proprie tracce. Gli altri due venivano identificati in P. V. cl.1980 e P. R. cl. 1951, entrambi di Giugliano in Campania (NA). La successiva perquisizione, del mezzo, ha permesso di rinvenire una piccola cassaforte ancora chiusa e priva di chiave. I primi accertamenti hanno permesso di appurare che la stessa, dopo essere stata letteralmente “sradicata” dal muro del Poliambulatorio ASL di Minturno. Una volta aperta si è avuto modo di constatare che al suo interno vi era custodita la somma di euro 300, successivamente riconsegnata al responsabile del citato poliambulatorio. Nella circostanza i malviventi per potere accedere all’interno degli uffici avevano divelto un’inferriata posta a protezione di una finestra e rotto il vetro della stessa, quindi, una volta all’interno hanno forzato la porta dell’ufficio cassa” ove era situata la cassaforte. In tale contesto, i ladri, hanno cercato anche di asportare un’altra cassaforte, di maggiori dimensioni, poi abbandonata nel cortile antistante il poliambulatorio. Quindi, sulla base degli elementi raccolti i due, per il momento, venivano sottoposti a fermo di indiziato di delitto per i reati di ricettazione e resistenza a Pubblico Ufficiale, in concorso e tradotti presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere in attesa delle ulteriori determinazioni della competente Autorità Giudiziaria. Nel contempo sono in corso ulteriori indagini tese alla identificazione del complice datosi alla fuga.

15 febbraio 2014 0

Ancora una donna vittima di violenza a Frosinone, la polizia arresta il compagno

Di admin

Lui quarantenne, lei trentasettenne con una figlia, entrambi con alle spalle precedenti storie sentimentali fallite si incontrano sul posto di lavoro e scoppia la scintilla. Passa poco tempo ed i due decidono di iniziare una convivenza ma è proprio tra le mura domestiche che l’uomo rivela la sua vera natura. All’esterno apparentemente amorevole si trasforma in casa in uomo violento costringendo la propria compagna a dover ricorrere troppo spesso alle cure del pronto soccorso.

Gli investigatori della Squadra Mobile proprio dalla direzione aziendale dell’ambiente di lavoro della coppia ricevono le prime segnalazioni. La donna infatti si era lasciata andare a qualche confidenza con colleghe che chiedevano spiegazioni sui lividi che presentava in viso, sul corpo e sul polso rotto. La Polizia di Stato avvia le indagini, recupera i referti medici della donna che confermano diverse lesioni, frattura del polso, trauma cranico, trauma toracico, succedutesi in un lasso di tempo troppo breve ma tutte ricondotte falsamente a cause accidentali.

La causale dei referti non convince gli investigatori che decidono di sentire la donna. Lei nega ogni violenza da parte del convivente e lo descrive come una persona meravigliosa cercando anzi la complicità dei parenti dell’uomo per rafforzare la sua tesi e continuare a coprirlo. Partono le intercettazioni che consentono di far emergere il vero dramma della donna vittima del suo compagno e della paura di denunciarlo. La giovane ha subito in silenzio le violenze del convivente, sottomessa dal terrore di reazioni ancor più forti dell’uomo, capace di tutto anche in presenza della minore.

Questa mattina personale specializzato della Squadra Mobile ha messo fine alle angherie dell’uomo dalla doppia personalità che, ora costretto agli arresti domiciliari presso l’abitazione dei genitori, dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia. Fondamentale nella rapida risoluzione del caso la determinazione dell’Autorità Giudiziaria. Il Procuratore Capo Dr. De Falco ha seguito in prima persona le indagini, autorizzando immediatamente tutti gli strumenti investigativi necessari che hanno poi consentito al G.I.P., D.ssa Marzano, di emettere il provvedimento restrittivo.

15 febbraio 2014 0

Investita e travolta sulla Casilina a Castrocielo, muore straniera di 35 anni

Di admin

Una donna di circa 35 anni, straniera, è stata investita ed uccisa, ieri sera su via Casilina nel territorio di Castrocielo. La tragedia si è consumata poco dopo la mezzanotte quando la doinna, senza documenti, stava percorrendo la strada in un tratto particolarmente buio. La vettura guidata da un giovane del posto l’ha presa in pieno senza lasciarle speranza di sopravvivenza. Trasportata in ambulanza in ospedale a Cassino vi è giunta cadavere. Poco dopo in ospedale, a bordo di una seconda ambulanza, è arrivato anche il giovane investitore in stato di shock. Del caso se ne stanno occupando i carabinieri della compagnia di Pontecorvo.

15 febbraio 2014 0

Giro d’Italia, la tappa di Cassino presentata alla Bit di Milano

Di admin

Presentata nel pomeriggio di ieri alla Bit di Milano la sesta tappa del Giro d’Italia che da Sassano, dopo 247 km di percorso, arriverà a Cassino il prossimo 15 maggio. E proprio oggi l’assessore al turismo e sport del Comune di Cassino, Danilo Grossi, è stato presente alla conferenza stampa organizzata presso l’elegante stand della Regione Lazio alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano. Insieme a Grossi, Giuseppe Patrizi, Presidente della Provincia di Frosinone, Don Antonio Potenza in rappresentanza dell’Abbazia di Montecassino, il Presidente della Camera di Commercio di Frosinone, Marcello Pigliacelli ed il direttore dell’Agenzia Regionale Turismo Bastianelli. A fare gli onori di casa il direttore del Giro d’Italia Stefano Allocchio che ha preso parte alla presentazione sotto lo stand della Regione Lazio allestito per l’occasione ed in cui la meravigliosa gigantografia di Cassino e dell’Abbazia di Montecassino era sicuramente la più imponente ed importante. Fari puntati, quindi, sulla sesta tappa che promette spettacolo e che rappresenta una grande vetrina a livello internazionale per Cassino e per tutta la Regione Lazio. La seconda tappa più lunga del giro con arrivo sotto la Bellissima abbazia di Montecassino, e che sicuramente verrà seguita da tantissimi appassionati che in quel giorno si recheranno a Cassino da tante Regioni e Province limitrofe. “Abbiamo aderito con grande entusiasmo a questo evento. – ha evidenziato l’assessore Grossi – Avremo la possibilità unica di mostrare la cartolina di Cassino, la nostra abbazia, il verde del nostro monte, le bellezze archeologiche a tutto il mondo. Con convinzione abbiamo raggiunto questo obiettivo e siamo attrezzati per potere ospitare una manifestazione di questa portata, anche grazie alla nostra ricettività che è fondamentale per dare risposta alle tante richieste che già sono pervenute presso le strutture cittadine da ogni parte del centro Italia. È un onore per tutta Cassino ospitare la carovana del Giro, sarà una grande festa del ciclismo e dello sport che avrà una visibilità unica con quasi 100 tv collegate da tutto il globo (ben 174 paesi) ed oltre 250 giornalisti accreditati. Il Giro d’Italia è la manifestazione popolare per eccellenza perché entra nelle case di tutti gli italiani. Infine, il nostro comitato organizzatore degli eventi collaterali, ‘Cassino in Rosa’, sta facendo un importante lavoro di coordinamento coinvolgendo anche le associazioni sportive, di volontariato e dei privati”