Giorno: 21 febbraio 2014

21 febbraio 2014 0

Cassino War Theatre # 1944, la guerra in vetrina. Mostra fotografica “diffusa”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il Comitato 70° Anniversario Commercianti San Benedetto in collaborazione con l’Associazione Culturale Cantieri Etnici ed il Progetto Summa Ocre, a seguito di un incontro di verifica sulle attività di promozione commerciale durante i giorni delle celebrazioni della ricorrenza della caduta della Linea Gustav con il conseguente sacrificio di Montecassino e Cassino, hanno deciso di proporre una esperimento di museo diffuso nella e per la città portando “la guerra in vetrina” con la mostra Cassino War Theatre # 1944. Si tratta di una mostra itinerante di foto di guerra esposte in numerose vetrine esistenti nel tessuto urbano di Cassino. Passeggiando nel Centro Commerciale Naturale San Benedetto sarà possibile ammirare questa esposizione di foto del conflitto, della distruzione, della fuga degli sfollati ed infine dei primi momenti della ricostruzione. In tal modo Cassino mostrerà a cittadini e visitatori la parte più tragica della propria storia, quella di una città in cui i volti e gli scorci della guerra e del dopoguerra si riproporranno nella quotidianità delle strade del commercio che cambia volto. Questa mostra itinerante, diffusa in spazi espositivi inusuali, esprime al meglio il connubio tra memoria e commercio e consente a tutti di conoscere quella parte di città meno nota ai turisti, ma sicuramente più autentica. Il progetto è promosso dal Presidente Maurizio Coletta di concerto con il presidente dell’Associazione culturale Cantieri Etnici Gianluca Terenzi, il rappresentante del Progetto Summa Ocre Dante Sacco, i responsabili della comunicazione del Centro Commerciale Naturale San Benedetto Giampaolo Verrecchia ed Enrico Palombo. Questa rete organizzativa proporrà nei prossimi mesi altre iniziative di sinergia tra commercio e cultura in modo da ampliare la qualità e l’offerta turistica della città e del suo comprensorio.

21 febbraio 2014 0

Pesca a strascico in zona vietata a Fondi, maxi multa per peschereccio

Di admin

La notte scorsa, la capitaneria di Porto di Gaeta ha identificato e fermato un peschereccio di circa 15 metri, intenta a pescare “a strascico” in zone vietate perché troppo vicine alla costa, nelle acque antistanti il litorale di Fondi (LT). Il Comandante, oltre ad incorrere in una sanzione pecuniaria di 4000 euro, è stato sospeso dall’esercizio della professione per 15 giorni. Importante ausilio per l’attività di controllo è stato l’impiego delle moderne strumentazioni, a disposizione della Guardia Costiera, che consentono l’acquisizione, in tempo reale, delle principali informazioni dinamiche delle unità da pesca. Nell’ultimo periodo le unità navali del Corpo, in sinergia con personale militare specializzato nel settore pesca, hanno proceduto a monitorare, da mare e da terra, il litorale di giurisdizione. Per la tutela della risorsa ittica e dell’ambiente marino è infatti essenziale monitorare l’attività di pesca, in quanto le condotte illecite possono distruggere e compromettere l’ecosistema marino, con danni su tutto il comparto. L’intensa attività di controllo in mare ha consentito ai militari della Guardia Costiera, da settembre ad oggi, di procedere all’elevazione di sanzioni amministrative per circa 20.000 euro ed al sequestro di reti – per un totale di circa 2 chilometri – posizionate in zone ove vige il divieto assoluto, sia per ragioni di tutela dell’ambiente marino e delle risorse ittiche, che di sicurezza della navigazione. Le reti posizionare irregolarmente diventano, infatti, una minaccia anche per le unità in transito.

21 febbraio 2014 0

Si masturba in centro davanti ad una 34enne di Fondi, i carabinieri “non gradiscono” e lo arrestano

Di admin

Ha avvicinato una commerciante di Fondi e ha tentato di convincerla ad avere un rapporto sessuale con un sistema quantomeno indiscreto. Si tratta din un 37enne indiano Ram Mehar; ha atteso che la 34enne arrivasse davanti al suo negozio e prendendole una mano, ha tentato di spingerla verso le sue parti basse. La donna è riuscita a divincolarsi nascondendosi nel suo negozio, e dall’interno, ha assistito alla scena che vedeva il focoso indiano denudarsi e masturbarsi in strada. Ha visto anche l’espressione sorpresa ed imbarazzata quando sono arrivati i carabinieri che lo hanno costretto a rivestirsi arrestandolo per tentata violenza sessuale e atti osceni.

21 febbraio 2014 0

Piazza De Gasperi, primo di una serie di interventi sulle strade della città

Di redazionecassino1

“Con il rifacimento di Piazza De Gasperi il piano di interventi dell’Amministrazione Comunale per risistemare il manto stradale della città, riparte con lavori che mirano a risolvere in maniera definitiva e non temporanea le criticità che si sono venute a creare.”A dichiararlo, a seguito dei lavori che in questi giorni hanno interessato piazza De Gasperi e le strade adiacenti alla stessa l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Cassino Antimo Pietroluongo. “Questi lavori – ha continuato Pietroluongo – non è stato possibile iniziarli prima perché si tratta di interventi, vista anche la chiusura fino alla fine del mese degli impianti di produzione del materiale bituminoso, che richiedono condizioni climatiche buone per essere effettuati. Tuttavia non appena è stato possibile, come da calendario, sono ripartiti gli interventi sulle strade di Cassino, mantenendo fede, nonostante le difficoltà economiche, a quello che è un preciso punto della nostra azione amministrativa. Come è possibile constatare su Piazza De Gasperi è stato fatto un lavoro completo. Non solo, quindi, la semplice stesura di asfalto, ma un vero e proprio intervento radicale che ha restituito all’intera area piena sicurezza e funzionalità. Ed è proprio proseguendo su questo percorso che sono stati pianificati anche gli interventi futuri su altre zone delle città su cui verranno realizzati lavori di rifacimento. Proprio in questi giorni, infatti, si sta iniziando una ricognizione degli interventi da effettuare per eseguire immediatamente dopo un computo metrico per ogni strada cittadina affinché, presa coscienza dei costi, ed impegnandoci a reperire ulteriori fondi si procederà gradualmente al rifacimento delle stesse nel pieno rispetto di un calendario delle priorità in funzione dello stato manutentivo.”

21 febbraio 2014 0

A breve il via ai lavori per ridare decoro e funzionalità a piazza Garibaldi

Di redazionecassino1

“Piazza Garibaldi è il prossimo intervento calendarizzato per restituire decoro e soprattutto funzionalità ad un luogo che rappresenta uno dei punti nevralgici della città.” A dichiararlo il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, che ha annunciato, condizioni climatiche permettendo, l’imminente avvio dei lavori che riguarderà la piazza antistante la stazione ferroviaria. “In questi mesi – ha continuato il sindaco – abbiamo preso in esame diverse soluzioni di interventi da mettere in atto su Piazza Garibaldi che presenta, purtroppo, una serie di criticità dovute ad un rifacimento, risalente a diversi anni fa, a dir poco approssimativo. Un problema che ben conosciamo e che siamo riusciti a risolvere grazie ad un progetto, messo a punto dall’ufficio lavori pubblici, che prevede una serie di interventi strutturali di riqualificazione, i quali restituiranno a Piazza Garibaldi piena fruibilità, nonché il decoro che compete a quello che possiamo considerare, data la posizione, uno dei biglietti da visita della nostra città.” Sull’argomento è intervenuto anche il consigliere Gennaro Fiorentino, presidente della commissione lavori pubblici e promotore del progetto di restyling. “L’amministrazione – ha sottolineato Fiorentino – è certamente attenta alle condizioni in cui versa la città, soprattutto in alcune zone dove la mancata manutenzione del passato innanzitutto e le piogge degli ultimi tempi hanno determinato non pochi problemi in termini di viabilità. Tra queste rientra Piazza Garibaldi su cui già un anno fa si è proceduto all’elaborazione di un’idea per riqualificare l’area come è noto dal momento che la stessa a suo tempo fu presentata alla stampa. In questo arco di tempo, purtroppo, gli intervenuti adempimenti economici a copertura di debiti ereditati (ad esempio Il Forum della Ricerca per un costo complessivo di 1 milione di euro; la pista di atletica per circa 300 mila euro; il nuovo tribunale per circa 400 mila euro tanto per citarne qualcuno) hanno ostacolato il reperimento delle risorse necessarie all’esecuzione di tale opera. Ciò nonostante questa Amministrazione con soddisfazione è riuscita a materializzare l’idea, ricercando assiduamente ditte che potessero formulare un preventivo con costi ridotti al minimo in modo da eseguire il tanto sospirato restyling tanto è vero che, nel giro di due/quattro settimane, si darà inizio ai lavori su Piazza Garibaldi. Nel pomeriggio nel corso di un incontro con il fornitore della pavimentazione abbiamo avuto modo di visionare dei campioni di lastre di Coreno per verificarne consistenza e qualità. Pertanto si anticipa che l’area verrà pavimentata con Perlato Royal Coreno e pietra lavica dell’Etna, il tutto lavorato con bocciardatura effetto anticato, al fine di rendere la superficie antiscivolo. La piazza verrà arredata mediante l’istallazione del chiosco, attualmente depositato presso la sede della protezione civile di via Ausonia, che sarà posizionato al centro di una piccola area sistemata a giardino. Un chiosco che, secondo le intenzioni dell’amministrazione, dovrebbe divenire un punto di informazione per i turisti che arrivano a Cassino. In occasione di questi lavori si procederà, inoltre, a porre rimedio ad una singolare posa in opera di un palo dell’illuminazione che, nel passato, è stato posto al centro del piazzale e conficcato nel solaio senza alcun criterio tecnico – logico; ovvero forando il solaio portante ed ignorando completamente la necessaria applicazione di materiale impermeabilizzante con conseguenziali ed ovvie infiltrazioni di acqua. In conclusione voglio segnalare che a partire da lunedì inizieranno i lavori su viale Dante per il rifacimento della linea elettrica con relativa sostituzione dei pali della luce con altri nuovi di tipo artistico a doppio braccio. Contestualmente anche su via Virgilio verrà rifatta la linea elettrica con l’istallazione di nuovi pali in acciaio ad un solo braccio.” I dettagli del progetto relativo al restyling di Piazza Garibaldi verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà martedì 25 febbraio alle ore 11 presso la sala Restagno del Comune di Cassino.

21 febbraio 2014 0

Approvato il piano per le indagini sulla discarica di Panaccioni

Di redazionecassino1

APPROVATO IL PIANO PER LE INDAGINI SULLA DISCARICA PANACCIONI

“Approvato il piano per le indagini relativo alla discarica Panaccioni.” Ad annunciarlo l’assessore all’ambiente del Comune di Cassino, Riccardo Consales, a margine della conferenza dei servizi che si è tenuta questa mattina presso la sala Giunta del Municipio cui hanno preso parte anche i rappresentanti della Regione Lazio, della Provincia di Frosinone, della Saf e del proprietario della discarica Panaccioni. “La seduta di oggi – ha continuato Consales – segue la conferenza dei servizi dello scorso mese di novembre nel corso della quale era stato richiesto l’aggiornamento di alcuni dati del piano di caratterizzazione del sito Panaccioni; dati che sono stati completati ed ai quali si è aggiunto, nella giornata di oggi, il parere positivo dell’Arpa Lazio. Un parere che ha trovato il riscontro positivo anche della Regione Lazio e della Provincia di Frosinone chiudendo l’iter autorizzativo e aprendo di fatto la fase successiva che consisterà nelle indagini da effettuare sul sito per la verifica delle eventuali contaminazioni di falde e terreno circostanti all’area. Da questo momento in poi gli uffici comunali si dedicheranno esclusivamente all’affidamento dei lavori necessari per l’esecuzione del piano delle indagini approvato nella giornata di oggi. Un passaggio necessario per fare piena luce sulla discarica Panaccioni attraverso sondaggi geognostici, con prelievo di campioni del suolo e delle acque e con successiva analisi di laboratorio. La conferenza dei servizi di oggi è stata l’occasione per affrontare anche la questione relativa al sito nocione e alle altre problematiche ambientali presenti sul territorio comunale (palazzina di via Zamosc, via Varlese deposito vernici ecc.). Sono stati illustrati i dati contenuti nel fascicolo che la Procura della Repubblica di Cassino ha consegnato al comune e sia la Regione Lazio che la Provincia di Frosinone hanno mostrano piena disponibilità nel supportare l’ente comunale in ogni azione volta alla risoluzione del problema. A seguito di questa importante riunione, quindi, si è chiusa anche la fase di raccolta dati per affrontare in maniera completa il problema di rifiuti interrati. Fatto questo nei prossimi giorni verrà stilata una relazione dettagliata sulla questione per affrontare la problematica in sede di Consiglio Comunale.” Alla conferenza dei servizi hanno preso parte anche i consiglieri Igor Fonte ed Antonio Giannandrea. “L’incontro – ha sottolineato Fonte – è stato molto positivo perché è servito ad affrontare una serie di questioni importanti per la salute dei cittadini con un’analisi dettagliata sulla possibile connessione tra rifiuti interrati nel territorio comunale e la crescente percentuale, purtroppo, di persone che si ammalano di tumore di cui si occuperà, attraverso uno studio epidemiologico, la Regione Lazio. Per quanto concerne la questione relativa al sito Nocione, terminata la raccolta dei documenti, gli uffici comunali provvederanno alla stesura di una relazione dettagliata discutere nel corso di un Consiglio Comunale ad hoc di cui farò immediatamente richiesta come stabilito di concerto con l’assessore competente Riccardo Consales ed i funzionari della Regione Lazio e della Provincia di Frosinone. Dato che si sta parlando della salute dei cittadini, è importante, visti anche i risultati delle indagini effettuate dalle Forze dell’Ordine, procedere con fermezza e celerità nel far chiarezza in modo definitivo sul Nocione.” Infine grande soddisfazione espressa dal consigliere Antonio Giannadrea che ha aggiunto: oggi si è giunti alla fase finale di un percorso che ci consentirà di raggiungere un obiettivo importante con la messa in sicurezza della discarica Panaccioni. Questo è stato possibile grazie al lavoro portato avanti da questa Amministrazione ed in particolare dagli uffici del settore ambiente guidati dall’assessore Riccardo Consales. Una risposta che tanti cittadini attendevano da tempo e che dimostra l’attenzione che l’amministrazione Petrarcone ha su temi che riguardano la salute pubblica.”

21 febbraio 2014 0

Omicidio a Ceccano, botte dopo le avance. Il reo confesso racconta

Di admin

Sarebbe stato oggetto di avance l’indiano arrestato ieri per l’omicidio di Aldo Santodonato, il 68enne trovato morto e semi carbonizzato, martedì scorso in un maneggio a Ceccano. I dettagli di quanto accaduto sono stati forniti nel corso di una conferenza stampa che si è svolta questa mattina al comando provinciale di Frosinone. Lo straniero 34enne avrebbe ammesso di aver colpito l’anziano e di aver inscenato una morte accidentale. Agli investigatori che lo hanno messo sottopressione, l’uomo, che tra l’atro lavorava nel maneggio, avrebbe raccontato che l’anziano, arrivato nella struttura per accudire il suo cavallo, sarebbe entrato nella stanza con la scusa di scaldarsi e che avrebbe tentato, invece, un approccio. Il reo confesso si sarebbe difeso scagliandogli almeno due roncolate sulla nuca facendogli perdere i sensi. Credendolo morto lo ha trascinato all’esterno, accendendo un fuoco per inscenare l’incidente. Secondo gli investigatori il 34enne avrebbe voluto far credere che l’anziano si fosse avvicinato al fuoco per riscaldarsi e che, colto da malore, sarebbe finito per caderci sopra. Un tentativo di depistaggio riuscito solo in parte dato che ci si è accorti di una versione diversa solamente all’esame esterno del corpo, quando sono stati trovati i colpi dietro la nuca che non sono stati cancellati interamente dal fuoco. L’indiano, quindi, è strato arrestato e condotto in carcere.

21 febbraio 2014 0

Tenta di fuggire alla polizia nascondendosi nel cassonetto dei rifiuti, arrestato topo d’appartamento

Di admin

Sono circa le dieci di sera quando un agente di polizia, residente in una zona periferica del capoluogo, mentre sta trascorrendo una tranquilla serata fuori casa, viene avvisato da una cugina, che abita nella adiacenze della sua abitazione, di strani rumori provenienti proprio dall’interno della stessa. L’uomo immediatamente allerta la sala operativa della Questura e fa ritorno presso la sua residenza dove ad attenderlo vi è suo fratello, anche lui appartenente alla Polizia di Stato. E’ proprio in quel momento che escono da una porta finestra della casa due uomini, uno dei quali con in mano un grosso borsone contenente la refurtiva, fuggendo in direzione del proprietario. Il poliziotto cerca di bloccarne uno ma viene spintonato violentemente contro un muretto esterno, mentre il ladro, nella fuga, cade rovinosamente a terra; è in quel momento che l’agente riesce a fermarlo e a consegnarlo ai colleghi sopraggiunti poco dopo. Sul posto pattuglie della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, nel frattempo sopraggiunte, dando vita ad una vera caccia all’uomo. Le ricerche si concludono poco dopo quando poliziotti e carabinieri stanano il fuggitivo in un insolito nascondiglio: il cassonetto dell’immondizia adiacente ad un’attività commerciale, non lontana dal luogo del misfatto. Il proprietario di casa, insieme ai colleghi, da un primo sopralluogo, ha modo di constatare che i ladri sono entrati forzando una finestra dell’abitazione e che, approfittando della sua assenza, ne hanno messo a soqquadro tutte le stanze. Tra le cose che i malviventi hanno tentato di portare via anche tre biciclette, del valore di 5.000 euro, custodite all’interno della cantina, un clarinetto, coltelli da collezione, nr. 3 catane e carne asportata dal congelatore. Colpo sfortunato, dunque, per i due pregiudicati di nazionalità rumena, di 53 e 39 anni, che hanno trovato, questa volta, sulla loro strada a fermarli un appartenete della Polizia di Stato ed un piano vincente di coordinamento delle forze di polizia presenti sul territorio: il cinquantatreenne è stato arrestato per tentata rapina ed il trentanovenne denunciato in stato di libertà.

21 febbraio 2014 0

Si schianta con l’auto a Scerni, grave anziano soccorso con eliambulanza

Di admin

E’ uscito di strada andando a schiantarsi contro un albero. In questa maniera, a Scerni, questa mattina alle 10, un anziano si è gravemente ferito. L’uomo era alla guida di una Fiat Panda quando ha perso il controllo del mezzo finendo la corsa contro un albero. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco e gli operatori del 118 ma, date le gravi condizioni dell’uomo, è stato chiesto l’ausilio di una eliambulanza per trasportare il ferito a Chieti. I rilievi per accertare la dinamica del sinistro sono al vaglio dei carabinieri di Scerni . Er. Am.

21 febbraio 2014 0

Evasione da 33milioni in Ciociaria, denunciati quattro responsabili di due società

Di admin

Dati fiscali non coerenti con l’attività hanno innescato una indagine condotta dalla guardia di Finanza di Ceprano con cui è stata svelata una maxi evasione fiscale da 35 milioni di euro nel settore dei videogiochi. Sono in tutto quattro le persone denunciate dai finanzieri responsabili di due società. Quella che gestiva i videogiochi, negli ultimi tre anni non ha presentato le dichiarazioni dei redditi pur avendo effettuato operazioni tassabili di rilevante importo. Durante le indagini patrimoniali i finanzieri hanno accertato che detta società operava con procedure identiche anche una seconda società, anch’essa di Frosinone, operante nel commercio all’ingrosso di prodotti alimentari: anche in questo caso le Fiamme Gialle hanno rilevato che la società aveva omesso di presentare le dichiarazioni fiscali per gli anni 2010, 2011 e 2012. Alla fine dei conti i finanzieri hanno calcolato che le due aziende avevano sottratto alla tassazione 33 milioni di euro e avevano evaso iva per due milioni di euro. Dei quattro denunciati, tre sono ciociari e uno è romano. Er. amedei