Giorno: 26 febbraio 2014

26 febbraio 2014 0

Nocione e i rifiuti interrati, pozzo con acqua gialla, la Fiab chiama l’Arpa e chiede il divieto di pascolo

Di admin

“Questa mattina c’è stato l’intervento dell’ARPA Lazio, in Via Sferracavalli,124, località Nocione, per prelevare l’acqua di un pozzo che fuoriesce di colore giallastro e con residui metallici di colore rosso”. Edoardo Grossi, di FIAB Cassino, componente la Consulta dell’Ambiente del comune di Cassino continua la sua battaglia per la verità e la salute pubblica. “L’intervento è stato richiesto dalla FIAB Cassino sabato scorso quando il proprietario ci ha chiamati, allarmato per questa colorazione strana dell’acqua del suo pozzo profondo circa 41 metri. Il pozzo si trova a 551 metri, in linea d’aria, dal terreno contaminato per l’interramento di rifiuti sanitari, solidi urbani e ignoti. Ricordiamo che la Procura della Repubblica di Cassino, proprio qualche giorno fa ha reso noto l’archiviazione per sopraggiunta prescrizione. L’intervento dell’ARPA è stato coadiuvato dalla presenza della Polizia di Stato di Cassino. Erano presenti anche l’avv. Giuseppe Martini, che segue la vicenda Nocione, dal punto di vista legale per la FIAB Cassino e l’assessore all’ambiente a cui è stato chiesto con forza, di fare un atto concreto immediato, come quello di transennare il sito contaminato e vietarne il pascolo al bestiame di aziende agricole della zona, che hanno in fitto il terreno”.

26 febbraio 2014 0

Domenica 2 marzo da Norcia inizierà il percorso della Fiaccola Benedettina 2014

Di admin

Inizierà domenica 2 marzo da Norcia, il percorso della Fiaccola Benedettina 2014. La sua accensione nella cattedrale della cittadina umbra, avverrà anche nell’ambito delle celebrazioni per il 50mo anniversario della proclamazione di San Benedetto Patrono d’Europa da parte di Papa Paolo VI. Il 16 marzo la Fiaccola Benedettina giungerà poi a Cassino, nella ricorrenza dei 70 anni del bombardamento dell’Abbazia di Monte Cassino, per essere spenta il 22 marzo a Subiaco con la suggestiva cornice dei cortei storici di Norcia e Cassino, che sfileranno per le vie della città e la solenne cerimonia al Sacro Speco di San Benedetto. Ma prima di questi ultimi due appuntamenti, la Fiaccola Benedettina e le delegazioni delle tre città benedettine, Norcia, Cassino e Subiaco, che l’accompagneranno, sarà accolta a Zagabria, essendosi la Croazia, ultimo Stato entrato in Unione Europea, candidata per ricevere il simbolo di pace e fratellanza fra i popoli europei. Come sempre, anche quest’anno, saranno i ragazzi del Centro Universitario Sportivo del professor Carmine Calce all’accensione del tripode all’interno della Cattedrale. Gli atleti del Cus Cassino, insieme ad una delegazione dell’Amministrazione comunale, partiranno alla volta della città croata il 6 marzo. Venerdì 7 e sabato 8 marzo gli atleti del professor Calce, unitamente alle delegazioni delle città benedettine, saranno accolti presso i Municipio e la sala diocesi della città. Nella serata di sabato 8 marzo, presso il Palazzo presidenziale Del Bano ci sarà l’ accoglienza della Fiaccola e delle delegazioni delle tre città da parte del Presidente della Repubblica di Croazia, S.E. Ivo Josipović e quindi l’omaggio alla Repubblica di Croazia della medaglia celebrativa del 50esimo anniversario della proclamazione di San Benedetto Patrono d’Europa da parte dei sindaci delle Città benedettine e la “consegna” del Messaggio di Pace. Quindi domenica 9 marzo all’interno della Cattedrale la Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta dall’Arcivescovo di Zagabria, S.Em. il Cardinal Josip Bozanic, con la partecipazione di S.E. Mons. Renato Boccardo, Arcivescovo di Spoleto – Norcia e di S.E. Dom Mauro Meacci, OSB, Abate Ordinario di Subiaco. La fiaccola arriverà in città domenica 16 marzo – dopo che mercoledì 12 marzo avrà fatto tappa in piazza San Pietro a Città del Vaticano – e nella celebrazione in piazza De Gasperi saranno sempre i ragazzi del Cus a far “brillare” il tripode. «Per noi –spiega il presidente del sodalizio, professor Carmine Calce, alla vigilia della partenza – è un grande onore partecipare a queste cerimonie. Il Cus è legato da un profondo legame con la Diocesi di Montecassino. Sia la maratona di Primavera, che quest’anno giunge alla sua 24esima edizione, sia i Campionati Nazionali Universitari che abbiamo organizzato lo scorso anno, sono eventi realizzati in stretta sinergia con la nostra Diocesi, per questo abbiamo sempre partecipato con convinzione e con entusiasmo a tutte le tappe dell’accensione della fiaccola benedettina da Norcia a Subiaco, l’anno scorso a Parigi e quest’anno a Zagabria. È per noi – conclude il presidente – un onere e un onore partecipare a queste cerimonie». Il Cus sarà presente a tutti gli appuntamenti dei giorni di San Benedetto, ivi compreso, ovviamente, quello del 16 marzo, quando la fiaccola tornerà nella città martire, in occasione dei festeggiamenti di San Benedetto.

26 febbraio 2014 0

Animali maltrattati e in gravi condizioni igienico sanitarie, la forestale sequestra un’azienda agricola a Priverno

Di admin

Oggi in agro del Comune di Priverno (LT), il Corpo forestale dello Stato con lo specifico nucleo investigativo per i reati danno agli animali (NIRDA), congiuntamente al locale Comando Stazione e al personale del Comando provinciale ha messo in atto una impegnativa attività operativa a tutela degli animali. In particolare è stato operato il sequestro di una azienda agricola in località Ceriara, dove degli animali erano tenuti in gravi condizioni igienico sanitarie e più in generale in ambienti inidonei alle loro caratteristiche fisiologiche ed etologiche, riscontrando situazioni di grave maltrattamento animale. Presso l’Azienda zootecnica, è stata accertata la presenza di 6 equidi, 34 ovi-caprini, 6 suini, 12 cani e 2 bufalini tutti posti sotto sequestro giudiziario. In particolare veniva riscontrato che i cavalli erano tenuti in 30/40 cm di fango e letame, alimentati con scarti vegetali contaminati da deiezioni; gli altri animali, denutriti, erano immersi anch’essi in una lettiera di escrementi e fango, mentre i cani erano legati con corde molte corte che limitavano, in modo significativo, la libertà di movimento. Il personale del Corpo Forestale accertava, inoltre, la presenza di rifiuti di vario genere per cui procedeva al sequestro dell’area, oltre al sequestro degli animali. Il personale del C.F.S. ha provveduto alla denuncia all’Autorità giudiziaria dei due titolari dell’azienda contestando i reati di maltrattamento animale (artt. 544 ter e 727, II^ comma, del Codice penale) e il reato di abbandono di rifiuti (D.L.vo 152/06). Tutti gli animali, fatta eccezione degli ovi-caprini, sono stati trasferiti con la collaborazione degli Uffici della Biodiversità del Corpo presso strutture pubbliche e private. L’intera operazione si è svolta con la costante e fattiva collaborazione del personale dei Servizi veterinari dell’Azienda sanitaria locale di Latina.

26 febbraio 2014 0

Associazione “Peppino Impastato”: Su Nocione subito un Consiglio comunale ad hoc

Di redazionecassino1

A seguito di una riunione molto partecipata ed intensa, l’associazione Peppino Impastato di Cassino esce con una linea ben precisa: subito il consiglio comunale straordinario ad hoc ed aperto alla città sul caso Nocione e sulla problematica generale dei rifiuti interrati nel cassinate. E’ intollerabile il mutismo e la leggerezza con cui parte della politica cassinate ha voluto affrontare, o meglio non affrontare, fino ad oggi, il problema nazionale dei rifiuti interrati nel nostro territorio. Il nostro presidente onorario, nonché rappresentante in Consiglio Comunale, Igor Fonte aveva già ben sei mesi fa protocollato una richiesta di convocazione di consiglio straordinario sulla questione. Per varie ragioni e motivazioni, a nostro parere immotivate, il Consiglio non è ancora stato convocato. Da un lato ciò ha permesso al nostro rappresentante in Consiglio Comunale e agli assessori Di Russo e Consales (a cui va il nostro plauso) di aver raccolto documentazione molto importante ma dall’altro si sono persi diversi mesi … a questo punto se il Consiglio avesse già deliberato sulla questione si sarebbe fatto un bel passo in avanti. Ci ritroviamo a sei mesi di distanza dal settembre 2013 a richiedere nuovamente alla politica cassinate la convocazione di un consiglio comunale ad hoc sui rifiuti interrati e sul caso Nocione. Ci piacerebbe, e siamo sicuri che così sarà, che il Consiglio Comunale sarà aperto alla città perché mentre siamo sicuri della presa di posizione del nostro consigliere Igor Fonte e di chi gli è stato vicino in questa battaglia, siamo curiosi di osservare i comportamenti di altri. L’associazione Peppino Impastato già nella giornata di domani consegnerà al consigliere Igor Fonte una nuova bozza di documento per richiedere il Consiglio Comunale ad hoc, che ci si auspica, non essendovi più scuse (non vi sono mai state) venga convocato nel più breve tempo possibile. Si abbandonino gli asti infantili e personalistici e si faccia il Bene Comune dei cittadini, pensando alla loro salute.