Giorno: 6 marzo 2014

6 marzo 2014 0

Tensione tra i rifugiati politici a Ceprano, i carabinieri ne arrestano otto

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Momenti di tensione, questa mattina a Ceprano, sono stati causati da un gruppo di stranieri che godono dello status di “rifugiati politici richiedenti asilo politico in Italia”, originari dell’Etiopia, Senegal, Mali e Gambia. In tutto otto si sono resi responsabili in concorso dei reati di “resistenza e violenza a pubblico ufficiale, lesioni, minacce e porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere”. Tutto è cominciato quando gli operatori della cooperativa che si occupa del loro sostentamento si sono recati nel loro appartamento per elargire la somma che spetta loro settimanalmente. E’ scoppiato quindi un litigiuo per presunti ritardi che è andato via via degenerando in minacce fino all’aggressione fisica. All’arrivo dei carabinieri della stazione di Ceprano gli animi erano molto esagitati e gli stranieri si rifiutavano fornire i documenti, per questo sono arrivati rinforzi dalle stazioni vicine. Nonostante i tentativi di abbonimento, il gruppo, e due in particolare che avevano l’obbligo di soggiorno nel comune di Cassino, si sono armati di pietre e di un taglia capelli elettrico al fine di intimorire i militari. Tentativo vano dato che in poco tempo, i carabinieri hanno vinto la resistenza degli stranieri, sequestrando gli oggetti di cui si erano amati e arrestando tutti ed otto i rifugiati politici.

6 marzo 2014 0

Il prefetto di Frosinone intrappolata nell’ascensore in abbazia a Montecassino, salvata dai pompieri

Di admin

Insolita esperienza per il prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli che, durante il sopralluogo al monastero di Montecassino in vista della visita del presidente Napolitano il 15 marzo, è rimasta prigioniera dell’ascensore. Poco prima delle 14 di ieri, la squadra dei vigili del fuoco di Cassino è intervenuta per disincagliare l’ascensore che manteneva prigioniera, oltre al prefetto anche l’abate reggente del monastero. Nel corso della cerimonia di oggi ai vigili del fuoco di Cassino per il cinquantenario del distaccamento, il commissario di Governo ha detto di aver provato lei stessa l’efficacia dei pompieri nella circostanza di ieri. Probabilmente, però, sarebbe consigliabile che il presidente Napolitano non usasse quell’ascensore.

6 marzo 2014 0

Traffico di cociaina dal Nicaragua, i carabinieri di Roma arrestano 20 persone tra Lazio, Calabria e Puglia

Di admin

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma, dalle prime luci dell’alba, in provincia di Roma, Reggio Calabria e Bari, coadiuvati dai militari dei comandi Arma territorialmente competenti, stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Roma, su richiesta della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, a carico di 20 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere, transnazionale, finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio. La misura cautelare è stata emessa a conclusione dell’indagine convenzionalmente denominata “Bate”, sviluppata dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma su un gruppo criminale romano che importava, occultandoli all’interno di container di merce provenienti dal Nicaragua e che giungevano in diversi porti italiani, carichi di cocaina destinati a gruppi criminali operanti in Puglia e in Calabria. Decine di arresti e perquisizioni nel Lazio, in Puglia, nonché a Platì, nella locride, nei confronti di soggetti vicini a cosche della ‘ndrangheta. Nell’ambito della stessa operazione sono stati arrestati un gruppo di cittadini romeni che operavano per conto dell’organizzazione criminale ed erano anche dediti a furti di rame, di materiale edile e in abitazioni, nella zona dei Castelli romani.

6 marzo 2014 0

Carnevale a Frosinone, domenica 9 marzo la sfilata dei carri e del Generale Championnet

Di admin

Domenica prossima, 9 marzo, la giornata conclusiva per il Carnevale frusinate con la sfilata dei carri allegorici per le vie della città e della carrozza del Generale Championnet. Una sfilata rinviata a domenica prossima per il maltempo di martedì scorso che ha visto soltanto andare in scena la tradizionale e suggestiva festa della Radeca, con una folta presenza di pubblico Quindi a partire dalle ore 11 e 30, sfilata di carri allegorici nella parte bassa della città, a partire dal quartiere Scalo per proseguire poi per via Marittima e via Moro, e per finire nella parte alta della città, dove dal rione Giardino partirà il corteo storico. Il corteo storico, curato come sempre nei mini dettagli dagli amici del Giardino, sarà preceduto quindi dalla sfilata dei carri allegorici e dai figuranti della Pro Loco, dalla gloriosa banda comunale “Romagnoli” e gli sbandieratori di Cori. Poi a seguire il processo al Generale Championnet in piazza VI Dicembre e il falò finale dello stesso generale sempre nel quartiere Giardino. Da ricordare che quest’anno il Carnevale ha avuto un ricco programma di festeggiamenti andati in scena nell’arco temporale di oltre una settimana. Tante le iniziative che si sono succedute con grande successo di pubblico e di critica. Come si ricorderà i festeggiamenti hanno avuto inizio giovedì 27 febbraio, con l’innovativa cerimonia di apertura tenutasi in piazza Cairoli, con il sindaco Nicola Ottaviani che dal campanile della Cattedrale ha salutato la città in festa con l’immancabile simbolo del carnevale frusinate, la “radeca”. Una cerimonia molto suggestiva che ha visto la partecipazione di un folto pubblico che ha salutato con un caloroso applauso l’apertura dei festeggiamenti carnevaleschi ufficializzata dal sindaco dall’alto del campanile, mentre la banda musicale eseguiva brani dal tono gioioso ed allegro. I festeggiamenti poi sono proseguiti con un doppio appuntamento nella giornata di venerdì 28 febbraio. Il convegno organizzato dagli amici del Rione Giardino, nella sala convegni della Villa comunale, dal titolo “A Radeca libera”: curiosità, storia e aneddoti del nostro Carnevale e poi la serata dialettale all’auditorium comunale per una divertentissima iniziativa a cura della compagnia tutta al femminile “Atto I” con l’opera “Du’ ova d’ fettucin”. Sabato 1 marzo l’evento per eccellenza. Rispolverando le tradizioni di un tempo la Pro Loco, il “Rione Giardino” e il Comune di Frosinone hanno tenuto il “Gran Ballo del Generale”, una festa in maschera, alla Villa comunale con l’incasso della serata devoluto in beneficienza all’Unitalsi provinciale. Una festa in maschera molto partecipata dove tantissime persone hanno ballato sino a tarda notte. Domenica 2 marzo la giornata dedicata ai più piccoli con la sfilata delle mascherine, per bimbi da 0 a 12 anni, sul palco del Teatro Comunale “Nestor”. Una mattinata in allegria tra coriandoli e stelle filanti.

6 marzo 2014 0

“Tutti in classe A”: nel Lazio edifici caldi d’estate e freddi d’inverno anche sulle costruzioni recenti

Di admin

Dall’Ufficio Stampa Legambiente Lazio riceviamo e pubblichiamo: A Bufalotta e all’Eur due edifici “nuovi ma vecchi” non passano l’esame dell’ultima radiografia energetica di “Tutti in classe A”, l’indagine di Legambiente sulla qualità del patrimonio edilizio italiano. Pur essendo stati costruiti rispettivamente nel 2009 e 2004, non seguono criteri di efficienza energetica, mostrando nelle termografie evidenti fuoriuscite di calore dall’interno verso l’esterno con forti conseguenze in termini economici, di comfort e di impatto ambientale. A Monterotondo (Rm) si colloca, invece, l’interessante sperimentazione bioclimatica di 18 alloggi di edilizia residenziale pubblica in classe energetica A+, mentre nel caso della riqualificazione di un complesso residenziale a Via Vigne Nuove emergono evidenti vantaggi.

Sul fronte normativo, nel Lazio da diversi anni esiste un obbligo di produzione minima del 50% di acqua calda sanitaria e di 1 kW per energia elettrica da rinnovabili per le nuove costruzioni o se viene rinnovato l’impianto termico e nel caso di ristrutturazioni che riguardino almeno il 20% del volume complessivo dell’edificio. Manca però una normativa prescrittiva sull’edilizia sostenibile, a partire da rendimento ed efficienza energetica, che stabilisca anche limiti e sanzioni in caso di inadempienza.

“Nel Lazio serve subito una normativa che punti sull’edilizia sostenibile, su risparmio ed efficienza energetica, l’unico sbocco per migliaia di lavoratori del settore edile che oggi non può più puntare su nuove inutili costruzioni quanto piuttosto sulla riqualificazione e manutenzione –ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. Nella nostra regione è debole la normativa su rendimento ed efficienza degli edifici, mancano obblighi e limiti, così come per lo strumento di certificazione energetica, che non può decollare se non prevede anche controlli e sanzioni. Serve una strategia regionale su queste materia, un programma concreto per il risparmio energetico e idrico e per l’uso di materiali innovativi, linee guida per i regolamenti edilizi comunali, criteri regionali per la certificazione degli edifici, la riqualificazione urbana e l’individuazione di interventi del patrimonio pubblico e privato da finanziare e realizzare. Una via da imboccare subito, anche in vista del nuovo piano energetico che dovrà essere approvato e per sfruttare i fondi europei della nuova programmazione 2014-2020, che sulla base della Direttiva europea 2012/27 prevedono impegni chiari e vincolanti per fare dell’efficienza energetica la chiave per una riqualificazione diffusa e ambiziosa del patrimonio edilizio.”

Allargando l’analisi dai singoli edifici ai quartieri, i termogrammi di Legambiente hanno analizzato “Parco Leonardo” a Fiumicino, dove sono state evidenziate criticità in termini di discontinuità nell’andamento delle temperature o la presenza di caloriferi posti sotto le finestre. Poca attenzione alle prestazioni energetiche di isolamento anche in un complesso residenziale privato nel quartiere Talenti che porta la firma illustre dell’architetto Paolo Portoghesi.

Anche una scuola in Via Mascagni a Roma e una a Santa Maria delle Mole nel Comune di Marino (Rm) sono fra gli edifici esaminati e mostrano numerose lacune sulle performance di efficienza energetica. D’altronde, in tutto il Lazio la situazione degli edifici scolastici versa in pessime condizioni, solo il 14% possiede un impianto di energie rinnovabili, come rilevato nei mesi scorsi da Ecosistema Scuola di Legambiente. Su queste materie, dal 30 aprile del 2014 scatteranno obblighi importanti derivanti dalla Direttiva 2012/27: ogni anno dovranno essere realizzati interventi di ristrutturazione in almeno il 3% delle superfici coperte utili totali degli edifici riscaldati e/o raffreddati di proprietà pubblica per rispettare almeno i requisiti minimi di prestazione energetica della precedente Direttiva 2010/31 con l’obiettivo di svolgere “un ruolo esemplare degli edifici degli Enti pubblici”.

6 marzo 2014 0

Fiaccola benedettina, la delegazione di Cassino è arrivata a Zagabria

Di admin

“Voglio rivolgere un ringraziamento a quanti ci hanno accolto a Zagabria, esprimendo loro tutta la mia gratitudine per la calorosa ospitalità che hanno inteso riservarci in questo mese di marzo così importante che vede Cassino e la sua comunità prepararsi ai festeggiamenti di San Benedetto ed alle celebrazioni per il settantesimo anniversario della distruzione della città; con particolare emozione per la giornata del 15 in cui avremo l’onore di ospitare il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.” A dichiararlo è il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, che in giornata è giunto nella capitale Croata insieme alla Fiaccola Benedettina che domenica 9 marzo riceverà la benedizione nella meravigliosa cornice della cattedrale di Zagabria. “Quest’anno – ha continuato il sindaco – la fiaccola benedettina ha voluto raggiungere Zagabria; una scelta non casuale, ma ragionata. Come è noto nel 2014 ricorre il 50° anniversario dalla proclamazione di San Benedetto patrono d’Europa e la Croazia di recente è divenuta il ventottesimo Stato membro dell’Unione Europea. Croazia ed Italia, quindi, due civiltà tra loro molto vicine e bagnate dallo stesso mare, unite sotto la stessa bandiera dell’Europa. Due nazioni che hanno conosciuto, in epoche diverse, l’orrore della guerra da cui sono rimaste fortemente segnate, ma che hanno saputo con grande forza rialzarsi dimostrando quella voglia di rinascita e di pace culminata con l’ingresso in Europa. Ed è proprio qui da Zagabria, capitale di una terra rinata, che quest’anno la Fiaccola Benedettina, portata dai giovani tedofori, inizia il suo viaggio che la riporterà il 21 marzo, in occasione dei festeggiamenti di San Benedetto nella sua casa naturale: la meravigliosa Abbazia di Montecassino. Un viaggio ogni volta emozionante perché porta con sé quel messaggio di Pace che San Benedetto ha fatto conoscere al mondo intero. Credo di parlare a nome di tutti coloro sono qui a Zagabria nell’affermare che per noi, e mi riferisco non solo alla a Cassino ma anche a Norcia e Subiaco, è un vero e proprio vanto essere i rappresentanti delle comunità in cui Benedetto da Norcia ha passato la sua vita.”

6 marzo 2014 0

Fiamme all’Alberghiero di Cassino, scuola evacuata per precauzione

Di admin

Paura, nel primo pomeriggio di oggi, nell’istituto Alberghiero di Cassino. Alle 13.30, circa, i circa 600 studenti sono stati fatti evacuare per precauzione a causa di un incendio che si è sviluppato all’ultimo piano dello stabile a causa, probabilmente del surriscaldamento di un aeratore. L’intervento dei vigili del fuoco di Cassino ha evitato che l’incendio, che si è alimentato da alcuni materassi del vecchio convitto, non si propagasse ad altri locali.

6 marzo 2014 0

Senza lavoro da otto mesi, falegname di Alatri si toglie la vita

Di admin

Disoccupato da otto mesi si è tolto la vita, questa mattina, impiccandosi in un rudere. Quello che sembra essere l’ultima vittima della crisi, è un 42enne di Alatri. L’uomo, falegname, restauratore di mobili antichi, non aveva commesse da oltre otto mesi ed era caduto in una profonda crisi depressiva. A ritrovare il suo corpo è stata la madre. Lascia moglie e una figlia.

6 marzo 2014 0

Si mette alla guida ubriaco e provoca incidente, denunciato un 24enne a Terracina

Di admin

Il 06 marzo 2014, in Terracina (LT), i Carabinieri del dipendente N.O.R.M. – aliquota radiomobile, hanno deferito in stato di libertà per il reato di “guida in stato di ebrezza alcoolica” un 24enne del luogo poiché, nella serata precedente, si poneva alla guida della propria autovettura sotto l’effetto di sostanze alcoliche, rimanendo coinvolto in un sinistro stradale con feriti lievi.

6 marzo 2014 0

Frosinone, Pulciani(Ugl): “Bene provincia a proseguire confronto su ex lsu”

Di admin

Dall’Ugl riceviamo e pubblichiamo: “Apprezziamo la disponibilità del commissario straordinario della Provincia di Frosinone, Giuseppe Patrizi, nel proseguire il confronto durante tutto l’iter che porterà alla fine del 2015 alla stabilizzazione degli ex lavoratori socialmente utili dell’amministrazione provinciale”. Lo dichiara in una nota il segretario provinciale dell’Ugl Autonomie di Frosinone, Antonella Pulciani, all’indomani dell’incontro con il Commissario.

“Ci sono state aperture alle richieste avanzate dall’Ugl – conclude – in particolare in merito alla stabilizzazione economica, al passaggio da part-time a full time e per quanto riguarda il passaggio di livello, con inquadramenti che rispecchieranno le mansioni svolte. Dalla Provincia sono arrivate rassicurazioni anche in merito all’impegno della Regione Lazio a risolvere il contenzioso per il pagamento degli stipendi. Da parte nostra continueremo a batterci per tutelare al meglio tutti i lavoratori e assicurare loro un futuro”.