Giorno: 27 marzo 2014

27 marzo 2014 0

Andrea Bartali, figlio del grande Gino, all’Itgc per rievocare il coraggio del “No alla barbarie nazista”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Importante e significativo incontro questa mattina per i ragazzi dell’Itgc “Medaglia d’oro” di Cassino. Gli allievi dell’Istituto, presenti il sindaco Petrarcone e l’assessore alla cultura Grossi, nell’auditorium hanno incontrato Andrea Bartali, figlio del grande campione Gino. L’evento che rientra nelle celebrazioni per il 70°Anniversario della distruzione di Cassino e dell’Abbazia è la conclusione del “Progetto per la Pace”, è stato un momento di riflessione sugli orrori della guerra e sulla barbarie delle deportazioni degli ebrei ad opera dei nazi-fascisti nei campi di sterminio di tutta Europa durante la seconda guerra mondiale. In questo ambito particolarmente significativa è stata la testimonianza di Andrea Bartali, figlio del ‘Campionissimo’ che in quegli anni salvò la vita ad ottocento ebrei, nascondendo nella canna della bicicletta documenti falsi preparati dalla curia di Firenze. I lavori sono stati aperti dal Dirigente Scolastico dell’Itgc, prof. Graziuccio Di Traglia, che ha portato il saluto agli ospiti ed ha presentato agli studenti lo scrittore Andrea Bartali, figlio del campione Gino Bartali. Uomo riservato, schivo e dal gran cuore è stato un campione non solo sulla bici, ma forse ancor di più nella vita. Andrea, con orgoglio e commozione, ha raccontato la storia del suo papà, emozionando tutti i presenti. Il nome di Gino Bartali, dopo la medaglia d’oro al valor civile assegnatagli dal presidente della repubblica Carlo Azeglio Ciampi nel 2006 per la sua attività durante la guerra, da oggi è scritto fra i “ Giusti delle Nazioni” allo YadVaschem, il sacrario della memoria a Gerusalemme insieme con altri italiani, tutti non ebrei, che ebbero il coraggio di dire di no alla barbarie nazista. Gino Bartali ha riscattato in parte l’onore dell’Italia fascista alleata dei tedeschi, segnata dalle leggi razziali e dalle persecuzioni. Tra gli ospiti anche Bertario Pittiglio, sopravvissuto alla distruzione di Montecassino e il dott. Donato Formisano, presidente della Banca Popolare del Cassinate simbolo della rinascita della nostra città. Proprio il dott. Formisano, testimone dell’apertura del primo istituto superiore di Cassino l’I.T.C.G ”Medaglia d’Oro”, ha raccontato gli duri anni da studente e le peculiarità dei giovani di quei tempi: tenacia e perseveranza, elementi fondamentali per raggiungere gli importanti obiettivi della ricostruzione e la tenacia nel non abbattersi nello scenario poco edificante di quel periodo. La prof.ssa Calabrese, referente del progetto,ha ringraziato i collaboratori i professori. Gemma Pellecchia, Maria Iannone, Marilena Di Nallo, Mario Borrelli, Angela Fasulo sintetizzando il lavoro svolto attraverso immagini inedite e le interviste realizzate. L’obiettivo del progetto è stato quello di trasmettere agli studenti un messaggio di pace e convincerli che essa non può nascere sulla discriminazione e sul pregiudizio, ma sull’accoglienza, sulla solidarietà, sentendoci “Tutti responsabili di Tutti”. F. Pensabene Foto A. Ceccon

27 marzo 2014 0

La Regione finanzia con 160mila euro la ristrutturazione della materna di via Mazzaroppi

Di redazionecassino1

La graduatoria adesso è definitiva ed assegna al Comune di Aquino ben 160 mila euro per gli interventi nella scuola materna di Via Mazzaroppi. Il progetto presentato dall’amministrazione comunale nell’ambito del Bando Europeo sulle Energie Sostenibili si è piazzato 14esimo tra tutti i comuni laziali. I fondi serviranno per migliorare l’efficienza energetica della struttura: nello specifico verranno utilizzati per sostituire gli infissi, intervenire sugli impianti di riscaldamento, eseguire lavori di coibentatura sia sulla copertura dell’edificio che sulle pareti esterne. Tutto nell’ottica di un notevole risparmio energetico e quindi di un maggiore rispetto per l’ambiente. Il sindaco Libero Mazzaroppi sottolinea come il progetto presentato dalla sua amministrazione sia stato apprezzato, piazzandosi in una posizione molto alta tra tutti i comuni della regione che hanno partecipato al bando. “Stiamo facendo tutto il possibile – afferma il sindaco – per rendere più accoglienti e più sicuri i plessi scolastici della città. È evidente che stiamo puntando anche sulla sostenibilità ambientale e questo finanziamento si inserisce proprio in quest’ottica, consentendoci allo stesso tempo di ottimizzare i costi. Questo nuovo successo premia la progettualità di questa amministrazione e l’attenzione alle tematiche ambientali”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche l’Assessore ai Lavori Pubblici Luca Di Ruzza: “Questo finanziamento ci permetterà di eseguire lavori su una struttura scolastica che da tempo necessitava di interventi. Ma è solo il primo passo: l’obiettivo dell’amministrazione è di realizzare progetti che interessino tutte le scuole della città, per migliorare le condizioni di vita dei piccoli studenti e di tutti gli operatori.”

27 marzo 2014 0

Spending review, il sindaco di Cassino interviene a sostegno della polizia stradale

Di admin

“Ritengo che l’apporto quotidiano che il personale del distaccamento della Polizia Stradale, composto da circa 20 dipendenti, sia importantissimo ed incida in maniera molto positiva nell’azione di controllo del territorio cassinate e non solo.” A dichiararlo è il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, a sostegno della sede distaccata della Polizia Stradale di Cassino che nell’ottica della spending review rischia di essere accorpata alla sottosezione di Polizia Stradale. Senza tralasciare, come sottolineato sempre dal sindaco, che il risparmio sulla sicurezza comporterebbe anche la soppressione della sezione della Polizia Posta e delle Comunicazioni di Frosinone, un altro aspetto con ripercussioni negative sul territorio cassinate per quanto concerne le denunce sul cyber crime, fenomeno questo sempre più dilagante e dannoso. “Su questa situazione – ha continuato il sindaco – ci sono stati diversi incontri in Comune alla presenza delle sigle sindacali ed sempre emerso, l’ottimo lavoro svolto dal personale ogni giorno sulle nostre strade e l’importanza di mantenere il distaccamento della Polizia Stradale di Cassino. D’altronde a dimostrare l’efficacia di questo importante specialità di polizia ci sono i numeri sull’attività svolta dal distaccamento di Cassino che ha ottenuto ottimi risultati sia in termini di controllo che di soccorsi effettuati ad automobilisti in difficoltà. Tutto questo con 80 pattuglie che costantemente sono presenti sul territorio e che controllano due importanti arterie stradali, una che attraversa l’Italia dal Tirreno all’Adriatico (S.R. 509 + S.R. 630) e l’altra, la Casilina, che dall’alto casertano giunge direttamente nella nostra città, nonché la S.P. 149 (strada per Montecassino) nota meta ogni anno di centinaia di migliaia di devoti e fedeli. A questo si aggiunga l’attività di controllo negli autosaloni del territorio, uno dei settori del commercio più sensibili alle infiltrazioni ed è proprio in questo ambito che il personale della Polizia Stradale è altamente specializzato. Per tutte le ragioni elencate noi siamo accanto al personale della Polizia Stradale di Cassino, non solo per scongiurare l’ipotesi di accorpamento dello stesso alla Sottosezione Autostradale (provvedimento che con ogni probabilità rappresenterebbe soltanto l’anticamera della chiusura del distaccamento), ma soprattutto per mantenere nella nostra città quello che, senza ombra di dubbio, è un presidio di legalità importantissimo. Condivido, quindi, la forte preoccupazione emersa durante il Congresso del Silp-Cgil, che si è tenuto nella giornata di martedì nella città di Cassino, riguardo i tagli sulla sicurezza che si vorrebbero perpetrare sul nostro territorio. Proprio per questo mi associo a quanto già espresso in quella circostanza, ribadendo la netta contrarietà all’accorpamento del Distaccamento alla Sottosezione della stradale e alla soppressione della Sezione di Polizia Postale e delle Comunicazioni”

27 marzo 2014 0

Migliaia di casse di legno con marchio fitock contraffatto sequestrate ad Aprilia

Di admin

Quasi 7.000 materiali da imballaggio sequestrati riportanti il marchio contraffatto fitosanitario, destinati a trasportare merci di ogni genere (tra cui alimentari) in tutto il mondo. Il comando provinciale di Latina, in collaborazione con il servizio fitosanitario della regione Lazio, ha portato a termine nei giorni scorsi un’operazione, durata quasi 5 mesi, in materia di prevenzione e illecito utilizzo delle autorizzazioni fitosanitarie da parte di imprese operanti nel settore di vendita e commercializzazione di imballaggi di legno che applicano il marchio ippc/fao fitok. Questo tipo di materiale, grazie alle sue caratteristiche di alta resistenza agli agenti esterni, alla facile adattabilità alle esigenze di imballo e trasporto, alla relativa economicità e alla possibilità di riutilizzo, è infatti il più utilizzato in tutto il mondo per imballare qualsiasi tipo di prodotto e trasportarlo. Tuttavia, poiché il legno grezzo costituisce un “habitat” ideale per organismi nocivi per le piante, sono state definite, a livello internazionale, misure fitosanitarie standardizzate e previsti sistemi specifici di certificazione, al fine di ridurre il rischio di introduzione e/o diffusione di questo tipo di parassiti caratteristici di determinate zone geografiche in territorio di altri stati. In base a queste disposizioni, gli imballaggi in legno destinati ad esportazione (come pallet, casse, gabbie, bobine e pianali di carico) devono essere sottoposti al trattamento fitosanitario termico ad alta temperatura, allo scopo di eliminare gli eventuali parassiti presenti. L’avvenuto trattamento termico è certificato da un marchio fitock la cui apposizione è autorizzata da organismi ufficiali (per l’italia, è il consorzio servizi legno-sughero – comitato tecnico fitok). I militari delle fiamme gialle di Aprilia, al termine di attivita’ info-investigativa, hanno individuato una ditta con sede in Aprilia, operante nel settore della fabbricazione di imballaggi in legno, che commercializzava ad imprese dislocate su tutto il territorio nazionale casse e altro materiale ligneo apponendovi senza autorizzazione un marchio fitock contraffatto, certificandone in tal modo l’avvenuto trattamento ad alte temperature, che in realta’ non veniva mai effettuato. I sopradescritti comportamenti permettavano inoltre ai responsabili di ottenere un illecito vantaggio economico sui propri competitori, in quanto il materiale, venduto come trattato, era commercializzato a prezzi al di sotto di quelli di mercato. Le perquisizioni effettuate presso la sede della ditta hanno permesso di rinvenire, oltre ad ulteriori casse di legno non ancora movimentate, anche due timbri fitok illecitamente detenuti e riportanti il marchio contraffatto. A seguito di tali rinvenimenti, i finanzieri di Aprilia, hanno provveduto alla disamina della documentazione contabile acquisita presso la sede. Tale analisi permetteva di appurare che la ditta aveva venduto migliaia di imballaggi marchiati illecitamente a varie imprese operanti in tutto il territorio nazionale che, a loro volta, li avevano movimentati fuori dal territorio nazionale, sia in ambito comunitario che in ambito extra-ue. Attraverso il supporto dei reparti del corpo dislocati su tutto il territorio italiano (in particolare nelle province di bologna, firenze, Latina, rieti, roma e terni), venivano quindi sequestrati, su disposizione della procura della repubblica di Latina, complessivamente nr. 408 imballaggi di legno. Veniva infatti riscontrato che un’alta percentuale di imballaggi era già stata utilizzata ed il materiale è risultato essere commercializzato al di fuori del territorio nazionale. Nello specifico, una minima parte della merce è stata movimentata all’interno del mercato intra ue (danimarca, francia, germania, olanda, regno unito, svezia), mentre la maggior parte nel mercato extra ue (algeria, argentina, brasile, canada, cile, cina, corea, emirati arabi uniti, giappone, india, iraq, israele, libano, libia, malesia, marocco, repubblica dominicana, russia, stati uniti d’america, sud africa, svizzera, tunisia, turchia, venezuela). Relativamente alla movimentazione degli imballaggi fuori del territorio nazionale, veniva effettuata una segnaLazione al ministero per le politiche agricole, alimentari e forestali – servizio fitosanitario centrale, affinché l’organo centrale si attivasse per le successive comunicazioni agli organi collaterali esteri, al fine di bloccare il transito delle casse contraffatte nei suddetti paesi esteri. In caso di diffusione di organismi nocivi per i vegetali, i danni ambientali, nonché economici (perdita di materia prima, colture, risarcimento danni, immagine commerciale, etc.) sarebbero ingenti. LatinaTale attività, oltre ad aver portato al sequestro dei materiali utilizzati per la commissione dei reati nonche’ dei macchinari aziendali per un valore complessivo di circa 600.000 euro e alla denuncia del titolare della ditta e di due collaboratori in associazione tra loro per le vioLazioni di cui agli artt. 416, 468, 473, 515 e 517 codice penale, ha consentito all’italia di predisporre le adeguate misure di prevenzione ed evitare eventuali procedure sanzionatorie per mancanza di controlli in materia fitosanitaria da parte della commissione europea, previste nel caso in cui l’illecito fosse stato scoperto da altri organi esteri.

27 marzo 2014 0

Rapina al centro commerciale Roma Est, presi due 18enni

Di admin

Avevano studiato il loro colpo nei minimi dettagli grazie a pazienti e accurati sopralluoghi effettuati, nei giorni precedenti, nella galleria del centro commerciale “Roma Est”. Ieri, i malviventi, due 18enni, hanno deciso di passare all’azione: hanno seguito le loro vittime designate, un uomo e una donna dipendenti di un negozio incaricati di prelevare il denaro dalle casse per depositarlo in banca, e li hanno aggrediti nell’unico punto del parcheggio che non era inquadrato dalle telecamere di sorveglianza. I rapinatori, armati di taglierino, hanno sorpreso le vittime alle spalle: mentre uno ha puntato il taglierino alla gola dell’uomo, l’altro ha scaraventato a terra la donna per strapparle la borsa con il malloppo. Dopo una breve colluttazione, l’uomo aggredito è riuscito a divincolarsi dalla presa del rapinatore e a rientrare nel centro commerciale, dove ha allertato un addetto alla sorveglianza interna. Il vigilantes, a sua volta, ha allertato immediatamente il “112”: l’intervento dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Tivoli e la sinergia con gli uomini della sorveglianza del centro commerciale hanno permesso di rintracciare e bloccare i rapinatori mentre stavano tentando di far perdere le loro tracce. Nelle loro tasche sono stati rinvenuti sia il taglierino che la borsa con la refurtiva, oltre 3.000 euro in contanti, che è stata restituita al legittimo proprietario. Nell’aggressione, le vittime hanno riportato lievi ferite da taglio e traumi contusivi mentre uno dei rapinatori, durante la fuga, è caduto ferendosi lievemente ad una mano col suo stesso taglierino.

Gli arrestati, dopo il rito direttissimo, sono stati portati nelle rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari.

27 marzo 2014 0

Hashish e cocaina sulla Pontina a Roma, manette per due

Di admin

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, monitorando i movimenti di alcuni consumatori di stupefacenti in alcune piazze di spaccio della Capitale, sono giunti all’arresto di due pusher. Si tratta di un 29 enne e di un 34 enne, entrambi romani. Il primo è stato trovato in possesso di 1,5 kg di hashish dopo averlo fermato sulla via Pontina, ieri pomeriggio, a bordo della sua auto. Nel corso dell’ispezione all’auto e della perquisizione presso la sua abitazione, i Carabinieri hanno rinvenuto rispettivamente 10 e 5 panetti di hashish da 100g ciascuno. Il secondo pusher è stato fermato in via Antonio Sebastiani e trovato in possesso di 32g di cocaina, denaro contante e materiale per il confezionamento. Detenzione ai fini di spaccio è l’accusa di cui dovranno rispondere entrambi che sono stati condotti in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Sono in corso analisi sullo stupefacente che era destinato al mercato di spaccio di Roma.

27 marzo 2014 0

Il Consiglio Comunale di Frosinone approva all’unanimità il regolamento per la rateizzazione dei tributi

Di admin

Il Consiglio Comunale di Frosinone, nella seduta di mercoledì 26 marzo 2014, ha proceduto all’approvazione del “Regolamento di disciplina della rateizzazione delle entrate tributarie ed extratributarie derivanti da attività di verifica”. La delibera è passata all’unanimità con la condivisione di maggioranza e minoranza delle proposta della Giunta Ottaviani, e segnatamente dell’Assessore alle Finanze e al Bilancio, Riccardo Mastrangeli che si mostra particolarmente soddisfatto.

“In un momento di sofferenza economica generalizzata – ha commentato l’assessore Mastrangeli – l’amministrazione Ottaviani ha voluto tendere una mano ai cittadini, mettendo a disposizione degli stessi un valido strumento che offre la possibilità di ottenere un maggior numero di rateizzazioni del pagamento dei tributi comunali in presenza di situazioni di temporanea difficoltà economica o finanziaria, ovvero di carenza di liquidità, trovandosi nell’impossibilità di effettuare il pagamento entro le scadenze indicate nell’atto notificato (bollettini di pagamento, avviso di contestazione, atto di accertamento ecc.)”.

Il Comune, infatti, dietro specifica e motivata richiesta del contribuente, potrà incrementare il numero di rate in cui dilazionare il debito, venendo incontro alle esigenze dei contribuenti. La finalità del provvedimento è quello di agevolare sia le imprese, sia le famiglie in questo momento di forte crisi economica generale.

Alle misure individuate, inoltre, si affiancano elementi aggiuntivi di valutazione per poter determinare la sussistenza dei requisiti necessari alla concessione delle rateizzazioni.

È, difatti, possibile prendere in considerazione ulteriore documentazione attestante particolari situazioni che abbiano determinato una modifica sostanziale della situazione reddituale e patrimoniale risultante dall’I.S.E.E., a seguito, ad esempio, di cessazione del rapporto di lavoro di uno dei componenti il nucleo familiare, decesso di uno dei componenti fonte di reddito del nucleo familiare, nascita di uno o più figli all’interno del nucleo familiare, insorgenza di una grave patologia all’interno del nucleo familiare che abbia determinato ingenti spese mediche, contestuale scadenza di obbligazioni pecuniarie a condizione che queste situazioni siano di entità rilevante in rapporto all’I.S.E.E. del nucleo familiare.

“Voglio rivolgere un sentito ringraziamento a tutte le forze politiche presenti in consiglio per il voto favorevole alla proposta di delibera e alla struttura comunale per il lavoro svolto. Il regolamento approvato – ha aggiunto l’Assessore al Bilancio e alle Finanze Riccardo Mastrangeli – è la dimostrazione dell’impegno concreto dell’Amministrazione Ottaviani verso l’alleggerimento del peso delle tasse che i cittadini vogliono onorare.

La pressione fiscale imposta oggi ai contribuenti è frutto delle politiche di austerity volute dall’Europa e purtroppo sono i Comuni a pagare il prezzo più salato di questa situazione. Infatti, i tagli dei Governi centrali si traducono, il più delle volte, in minori trasferimenti dallo Stato.

Gli Amministratori Comunali, quindi, si vengono a trovare nella scomoda posizione tra incudine e martello: da un lato si devono fare i conti con i tagli imposti dal Governo, dall’altro si tocca con mano il disagio di una popolazione sempre più messa in difficoltà dalla crisi economica.

Alla luce di questa difficile situazione, sono del parere che i rapporti tra Amministrazione Comunale ed i cittadini debbano essere sempre più improntati a criteri di collaborazione, semplificazione e trasparenza.

Per questi motivi l’Amministrazione Ottaviani ha messo mano al vecchio regolamento di disciplina della rateizzazione delle entrate tributarie ed extratributarie derivanti da attività di verifica, approvandone uno nuovo notevolmente migliorativo con le prerogative di essere uno strumento di “maggior respiro” per i contribuenti, che permetta al nostro Comune di implementare le attuali modalità e tempi di riscossione dei tributi comunali, teso a migliorare l’attuale sistema di riscossione e allo stesso tempo risultare meno vessatorio per il contribuente”.

27 marzo 2014 0

Maltempo, continua l’allerta su Sardegna, Marche, Campania, Calabria, Emilia Romagna, Umbria, Abruzzo, Basilicata e Sicilia

Di admin

Un sistema depressionario di origine mediterranea determinerà anche nella giornata di oggi, condizioni di maltempo sull’Italia, in particolar modo sulle regioni centro-meridionali.

Sulla base delle previsioni disponibili il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso, quindi, un avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello diramato nella giornata di ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso meteo prevede dalle prime ore di oggi, giovedì 27 marzo, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Emilia Romagna, Marche, Umbria, Abruzzo e Molise. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Sono attesi inoltre venti forti nord-orientali, con rinforzi di burrasca, su Emilia Romagna e Marche, con mareggiate lungo le coste esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata dalle prime ore di oggi una criticità arancione per rischio idrogeologico su Sardegna, Marche, Campania, Calabria tirrenica e gran parte di Emilia Romagna, Umbria, Abruzzo, Basilicata e Sicilia. La criticità sarà invece gialla sulle altre Regioni interessate da condizioni meteorologiche avverse. È utile ricordare che le valutazioni di criticità idrogeologica (su tre livelli: rossa, arancione e gialla) possono includere una serie di danni sul territorio, riportati sul sito del Dipartimento.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.