Controlli straordinari a largo raggio dei carabinieri nel cassinate

6 aprile 2014 0 Di admin

Nel corso di servizio a largo raggio disposto dal Comando della Compagnia dei Carabinieri di Cassino, teso alla prevenzione e repressione dei reati in genere ed in particolare contro il patrimonio, nonché alla captazione di soggetti di interesse operativo in zone ritenute sensibili, venivano conseguiti i seguenti risultati con l’impiego dei militari del NORM della locale Compagnia e delle Stazioni dipendenti:
– controllate 95 persone e 78 autoveicoli;
– elevate 20 contravvenzioni al C.d.S.;
– persone deferite in stato di libertà nr.7;
– persone proposte per F.V.O. nr.5;
– persone segnalate ai sensi art.75 DPR 309/1990 nr.2;
– controllati 5 esercizi pubblici.
In particolare:
– I carabinieri del NORM hanno denucnaito in stato di libertà per “furto aggravato” un 23enne del luogo, bloccato subito dopo aver asportato due porte in alluminio dall’interno condominio, restituite ai legittimi proprietari.
– I carabinieri del NORM hanno denunciato in stato di libertà “per inosservanza del foglio di via obbligatorio” quattro (4) persone (due rumeni e due campani) già censite, sorprese in Cassino nonostante il divieto imposto dal F.V.O.;
– I carabinieri del Norm hanno denunciato in stato di libertà per “atti contrati alla pubblica decenza” due (2) cittadine rumene sorprese mentre in abiti succinti adescavano clienti al fine di prostituirsi. Le stesse, unitamente ad altra connazionale, venivano anche proposte per l’irrogazione del Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno in quel Comune per anni tre;
– I carabinieri della Stazione di Cassino hanno intercettato e controllato una persona di Napoli già censita, mentre si aggirava con fare sospetto nei pressi del parcheggio del locale Ospedale civile. Ricorrendone i presupposti di legge, la stessa è stata proposta per l’irrogazione del Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune per anni tre;
– I carabinieri della Stazione di Atina hanno segnalato alla Prefettura – Ufficio territoriale del Governo di Frosinone ai sensi dell’art. 75 del D.P.R. 309/90 un giovane del luogo trovato in possesso di grammi 1,4 di sostanza stupefacente del tipo “hashish”, sottoposti a sequestro;
– A San Vittore del Lazio i carabinieri del NORM della Compagnia hanno denunciato in stato di libertà un 39enne cittadino rumeno domiciliato a Napoli, sorpreso alla guida di un’autovettura di grossa cilindrata con targa straniera sprovvisto della patente di guida poiché mai conseguita, con contestuale sequestro amministrativo del veicolo;
– A San Vittore del Lazio i carabinieri del NORM della Compagnia deferivano in stato di libertà un 42enne di Mignano Montelungo (CE) per “guida in stato di ebbrezza alcolica”. L’uomo, coinvolto in un sinistro stradale, risultava da accertamenti effettuati presso l’Ospedale Civile di Cassino con un tasso alcolemico superiore al limite consentito dalla normativa vigente, con contestuale ritiro del documento di guida e sequestro amministrativo del veicolo;
– I carabinieri della Stazione di Piedimonte San Germano hanno controllato un 40enne del posto già censito, trovato in possesso di alcuni grammi di sostanza stupefacente del tipo “eroina” e sorpreso alla guida della propria autovettura sprovvista della copertura assicurativa per la responsabilità civile e senza la patente di guida, in quanto revocatagli dalla Prefettura di Frosinone. L’uomo pertanto è stato denunciato in stato di libertà per “guida senza patente e segnalato al Prefetto di Frosinone come assuntore di sostanza stupefacente, nonché contravvenzionato per aver immesso in strada un’autovettura senza la copertura assicurativa”. L’autovettura veniva sottoposta a fermo amministrativo;
– I carabinieri della Stazione di Atina hanno intercettato e controllato una persona della provincia di Napoli già censita, mentre si aggirava con fare sospetto nei pressi di attività commerciali di quel centro. Ricorrendone i presupposti di legge, la stessa veniva proposta per l’irrogazione del Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno in quel Comune per anni tre;
– A Picinisco veniva rinvenuta un’autovettura nei giorni precedenti in altro territorio a seguito di furto in abitazione. Dopo gli accertamenti di rito il veicolo veniva restituito al legittimo proprietario.