Giorno: 5 maggio 2014

5 maggio 2014 0

Pullman con 55 ragazzi in gita alla Badia di Ceccano, resta in bilico su dirupo

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

In bilico su un dirupo. Un situazione di grave pericolo è stata vissuta nella tarda mattinata di oggi da una scolaresca in gita con un pullman diretta alla badia di Ceccano. Mentre il mezzo da 55 posti percorreva la stretta via per raggiungere il luogo sacro, le ruote destre, anteriori e posteriori, sono finite sull’erba scivolando nel dirupo lasciando il mezzo in bilico e con il rischio di capottarsi. Con estrema cautela, i ragazzi, sono stati costretti ad uscire dal lato del dirupo. Poi, l’intervento dei vigili del fuoco di Frosinone è servito a mettere in sicurezza il pullman grazie all’utilizzo della gru con la quale le ruote sono tornate sulla strada. Per fortuna nessun ferito ma solo tanta paura tra i ragazzi. Per il mezzo è stato necessaria una revisione meccanica.

5 maggio 2014 0

Il circo Merano ad Alatri e l’Orfei a Tecchiena, botte da orbi al semaforo per promuovere gli spettacoli

Di admin

Due circhi nello stesso comune, a distanza di pochi chilometri, fanno scintille. Metti il Merano a Alatri, in via Madonna della Sanità e l’Orfei a Tecchiena e… la rissa è fatta. Lo spettacolo fuori programma è andato in cena al semaforo di Tecchiena dove si sono incontrati i dipendenti delle due aziende circensi per promuovere gli spettacoli che sono praticamente in concomitanza. Nel decidere chi avesse diritto a promozionare il proprio circo, sono volate botte da orbi. Nessun pagliaccio a far ridere, nessuna foca a battere le pinne, solo uomini che se le suonavano di santa ragione utilizzando anche mazze da baseball e crick, fino all’arrivo provvidenziale dei carabinieri del nucleo operativo e radiomobile coadiuvati dai colleghi della stazione di Guarcino. Gli uomini del capitano Antonio Contente hanno sedato gli animi e, dopo, hanno arresto per rissa aggravata cinque persone, quattro italiani e uno di nazionalità Bulgara, dipendenti due del circo Merano e tre del circo Orfei. Dopo le necessarie medicazioni presso il pronto soccorso dell’ospedale di Alatri, i cinque sono ospiti delle camere di sicurezza della compagnia di Alatri e quella di Anagni. Nella circostanza sono stati sequestrati anche una mazza da baseball e un crick auto utilizzati dai contendenti. Er. Amedei

5 maggio 2014 0

Si allontana da casa, a Cassino si cerca la 65enne Olga Angrisani

Di admin

A Cassino la signora Olga Angrisani, di 65 anni, si è allontanata dalla sua abitazione senza dare più notizie. L’allarme è stato dato dal marito Andrea dopo che la stessa non aveva fatto rientro in casa dalla mattinata. La signora, al momento della scomparsa, era vestita con un paio di scarpe basse di marca “Timberland” di colore marrone scuro, con pantaloni tipo “jeans” di colore grigio chiaro, con una camicia a righe, un maglione a “V” con bottoni sul davanti e un cappottino di colore Blu scuro con bottoni dorati. I Carabinieri di Cassino hanno attivato immediatamente le ricerche del caso, interpellando vari Ospedali e Case di Cura della zona, nonché diramando le ricerche anche alla Polizia di Stato, alla Protezione Civile e alla Polizia Municipale. Le ricerche sono tutt’ora in corso.

5 maggio 2014 0

Bimbimbici 2014, sabato e domenica da Torre Civica Piazza XIX Maggio

Di admin

E’ tutto pronto per l’edizione 2014 di Bimbimbici, l’appuntamento annuale con la pedalata cittadina che coinvolge un numero crescente di realtà italiane (più di 240). Organizzato dalla FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta – Onlus ambientalista) l’evento intende promuovere l’utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano in alternativa all’uso dell’automobile. L’obiettivo primario è quello di favorire la mobilità urbana sostenibile sia dal punto di vista ambientale che umano.

Anche quest’anno Gaeta partecipa alla manifestazione proponendo un programma di ciclopasseggiate che si svolgeranno sabato 10 e domenica 11 maggio 2014, in grado di coinvolgere tutti, dai più piccoli ai più grandi. Due giornate da trascorrere all’aria aperta, muniti di bici e casco, alla riconquista di spazi urbani solitamente riservati al traffico veicolare. Ed il 24 maggio, alle ore 16, la ciclopasseggiata continua con “Gaeta pedala“: la pedalata cittadina per riscoprire luoghi e scorci della città con un mezzo ecologico e salutare, organizzata in collaborazione con Formia Mountain bike School Club

“Gaeta aderisce a Bimbimbici con entusiasmo e convinzione – afferma l’Assessore alle Politiche Ambientali Alessandro Vona – condividendone i principi ispiratori. La nostra Amministrazione sta lavorando alacremente per fare di Gaeta una green city, ecosostenibile, con una mobilità urbana sicura, attenta all’ambiente circostante e a misura di bimbo. La pista ciclabile diventerà una realtà con le opere che saranno avviate dopo l’estate, inoltre è allo studio un innovativo progetto di car e bike sharing. Vogliamo contribuire alla diffusione dell’uso della bici come mezzo di trasporto quotidiano per migliorare la vivibilità e la capacità attrattiva della nostra città, per renderla più accogliente e sicura in un ambiente più pulito. Puntare sulla sostenibilità ambientale, oggi significa anche avere una marcia in più per uscire dalla morsa della crisi economica e ridare al nostro territorio gli impulsi giusti per ripartire”.

L’appuntamento è per sabato 10 maggio prossimo alle ore 15, presso la Torre Civica in Piazza XIX Maggio a Gaeta, per le iscrizioni alla ciclopasseggiata, lungo il percorso storico naturalistico, che prenderà il via alle ore 16. Sarà una pedalata di difficoltà medio – alta della durata di 3 ore, cui potranno partecipare tutte le persone dai 7 anni in su, in possesso di una mountain bike. E’ prevista una prima tappa alla Batteria Monte Orlando Superiore e subito dopo al Mausoleo Munazio Planco. Ad accogliere i cicloamatori l’associazione Amici di Gaeta. Il Castello Aragonese sarà la terza tappa del percorso che si concluderà con il ritorno in Piazza XIX Maggio.

Bimbimbici proseguirà domenica 11 maggio, quando ci si ritroverà alla ore 8.30 in Piazza XIX Maggio, presso la Torre Civica per le iscrizioni. Due i percorsi proposti: il Giro del Mare, adatto a tutti, di bassa difficoltà, con partenza alle ore 10, della durata di 1 ora e mezza, con le seguenti tappe: Lungomare Caboto, Via Firenze, Lungomare di Serapo fino a via Bologna, via Bologna, Corso Italia fino alla svolta a sinistra per via Papa Giovanni XXIII, corso Cavour, Lungomare Caboto direzione Napoli fino ai “Cantieri Navali” e ritorno al Comune di Gaeta. Il secondo percorso è quello della Storia, di difficoltà media, della durata di tre ore, con visita al Castello Aragonese, alla Chiesa di S. Domenico, al Campanile e alla Cripta del Duomo. Partenza alle ore 9.30. Si ricorda a tutti che il casco è obbligatorio.

All’evento, come consuetudine, si affianca il Concorso Nazionale per le Scuole, che quest’anno si intitola “La nostra ricetta è presto detta: mangiar sano e andar in bicicletta”. In Piazza XIX Maggio l’11 maggio sarà allestita un’area espositiva in cui verranno affissi i disegni dei bambini che hanno partecipato al concorso. I vincitori saranno premiati alle ore 13. 1° Premio: Bicicletta, 2° Premio: Completino da ciclista, 3° Premio: Casco e guanti.

Inoltre saranno predisposte un’area percorsi, con un tracciato denominato “Il Mare” per Mountainbike ad ostacoli per ragazzi, ed un altro “Baby Bike” per bambini da 1 a 3 anni; ed un’area tecnica dove lo Stand del Team A.S.D. Formia MTB Club ospiterà un’ esposizione di bici ed un Maestro di MTB terrà una lezione di Mountainbike per ragazzi, con consigli su tecniche di riparazione della bici.

5 maggio 2014 0

Rave party a Settebagni, i carabinieri “rovinano” la festa e denunciano 31 persone

Di admin

I Carabinieri della Stazione di Roma Settebagni, ieri pomeriggio, sono intervenuti in via Monte di Massa, in zona Settebagni, dove si stavano svolgendo i preparativi per un rave party, ed hanno denunciato 31 persone. La festa non autorizzata, alla quale dovevano partecipare centinaia di persone provenienti da tutta Italia, si sarebbe dovuta svolgere all’interno di un capannone in disuso, una ex fabbrica di mattoni. Quando i Carabinieri, nel tardo pomeriggio, si sono presentati c’erano 31 persone che stavano organizzando la mega festa, che sarebbe andata avanti per l’intera notte, con tanto di attrezzature musicali ancora caricate su di un camion. Le 31 persone, denunciate per invasione di terreni o edifici, sono 13 ragazze e 18 ragazzi di età compresa tra i 19 ed i 41 anni, provenienti dalla Puglia, Campania, Calabria, Lombardia, Lazio ma tra loro c’erano anche cittadini stranieri. La struttura è stata sgomberata e riaffidata ad una società di Monterotondo, proprietaria dell’immobile.

5 maggio 2014 0

“Montecassino com’era e dov’era – Splendore, rovina e rinascita” in una mostra fotografica

Di admin

Nel 70° anniversario della distruzione e ricostruzione di Montecassino e nel 50° della proclamazione di S. Benedetto a Patrono d’Europa, una grande e interessante Mostra Fotografica sul tema “Montecassino com’era e dov’era – Splendore, rovina e rinascita”, sarà inaugurata sabato 10 maggio p.v.

Per l’occasione, nel corso di un convegno che si terrà nel salone San Benedetto dell’abbazia alle ore 17,00, verrà presentato anche il pregiato volume curato da Mariano Dell’Omo o.s.b.

Al saluto iniziale dell’Amministratore Apostolico di Montecassino D. Augusto Ricci, seguiranno gli interventi dello storico Martin Bertram, membro dell’Istituto Storico Germanico di Roma e storico del diritto medievale, del giornalista Nando Tasciotti, autore del volume “Montecassino 1944”, e dell’architetto Tommaso Breccia Fratadocchi, figlio dell’ingegnere progettista della ricostruzione di Montecassino. Un intermezzo musicale completerà la serata con il pianista e organista M° Michele D’Agostino ed il soprano Maristella Mariani.

 

5 maggio 2014 0

Fonte (PD): “Piantumato un ulivo nella scuola elementare di Caira”

Di redazionecassino1

“Voglio innanzitutto salutare e ringraziare l’interno corpo docenti della scuola elementare di Caira, a partire dalla dirigente la professoressa Antonella Falso, per la disponibilità dimostrata in questo mese e per l’impegno che hanno messo quotidianamente nell’affrontare un tema importante come quello della legalità in chiave educativa.” A dichiararlo il consigliere comunale Igor Fonte questa mattina nel corso dell’iniziativa che si è svolta presso la scuola primaria di Caira durante la quale è stata piantumata una pianta di Ulivo, simbolo appunto di legalità. “Oggi – ha continuato Fonte – siamo alla giornata conclusiva di un percorso iniziato un mese fa con l’associazione Peppino Impastato di Cassino con l’obiettivo di coinvolgere i bambini sin dai primi anni di attività scolastica in un progetto educativo sulla legalità. Devo dire che grazie ad iniziative come quella di oggi ci è possibile aprire gli occhi su tematiche importanti come il sottile limite fra la nostra vita di cittadini normali e la delinquenza che purtroppo arriva a permeare strati sempre più ampi e trasversali della nostra società. Mi sembra che questo concetto sia stato ben compreso da voi bambini che siete stati bravissimi ed avete svolto, con l’aiuto delle vostre insegnanti, un ottimo lavoro didattico riuscendo a cogliere in maniera perfetta l’importanza che riveste la cultura della legalità. Questa pianta di Ulivo, donata dal Comune di Cassino, quindi, sarà nel giardino della vostra scuola a ricordare a tutti noi in futuro che solo avendo sempre presente il rispetto delle regole e la lotta a chi non le rispetta sarà possibile avere una società migliore.”

5 maggio 2014 0

Sala Bingo di Ferentino, sequestro da 20 milioni ai clan dei SantaPaola e Casalesi

Di admin

Il Nucleo Polizia Tributaria e la Squadra Mobile di Frosinone, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro emesso dal GIP presso il Tribunale di Napoli avente ad oggetto la società che gestiva la sala bingo di Ferentino (FR) con il relativo complesso aziendale composto da auto, immobili e conti correnti, per un valore complessivo di 20 milioni di euro, in quanto tutti beni riferibili a soggetti appartenenti: alcuni al clan camorristico dei casalesi ed altri alla cosca mafiosa dei Santapaola.

L’attività di Polizia e Guardia di Finanza di Frosinone, coordinata dalla D.D.A. di Napoli, prendeva avvio a seguito dell’operazione “game over”, dello scorso luglio, con la quale si era pervenuti all’arresto di 6 persone ed al sequestro di beni per oltre 60 milioni di euro, la quale aveva consentito di accertare l’infiltrazione degli interessi delle organizzazioni camorristiche e mafiose nel settore del gioco e delle scommesse e delle attività ad esso strumentali ed accessorie (turismo, di accoglienza, di convegnistica, ecc.).

L’infiltrazione della criminalità organizzata è stata posta in essere mediante l’abile e spregiudicata acquisizione, attraverso la fattiva opera di un commercialista ciociaro, di quote societarie di importanti aziende operanti nei predetti settori economici in ambito nazionale.

Le indagini hanno permesso di individuare il soggetto al quale venivano intestate le quote societarie da parte delle associazioni criminali nonché altri 6 soggetti che si sono resi responsabili dei reati di reimpiego di proventi illeciti e di intestazione fittizia di beni, aggravati dal fine di agevolare le attività delle stesse organizzazioni mafiose.

I successivi accertamenti di Polizia e Guardia di Finanza di Frosinone hanno interessato anche i nuclei familiari degli indagati ed una rete di “prestanomi” appositamente costituita, riuscendo altresì ad individuare beni detenuti per il tramite di società fiduciarie.

I sequestri hanno riguardato 4 aziende con sede a Roma ed in Provincia di Firenze, nonché beni immobili, autovetture di lusso ed oltre 50 posizioni bancarie (conti correnti, libretti di deposito e cassette di sicurezza) ad esse riconducibili, per un valore di circa 20 milioni di euro.

L’attività congiunta della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato attraverso l’aggressione patrimoniale ha consentito il recupero di ingenti capitali da parte dello Stato con conseguente indebolimento e danno economico della criminalità organizzata e quindi del relativo potere di incisione nell’economia del Paese.

5 maggio 2014 0

Di Russo: “Buone nuove per il Santa Scolastica”

Di redazionecassino1

“Le nubi sul Santa Scolastica si stanno diradando.” A dichiararlo l’assessore alla sanità del Comune di Cassino, Stefania Di Russo, intervenendo sulla questione che riguarda il nostro ospedale cittadino con particolare riferimento ad alcuni reparti. “Questa mattina – ha continuato la Di Russo – ho parlato con il dottor Afif Sleai, pediatra di base, che mi ha comunicato di essere stato riconfermato in servizio presso il reparto di pediatria e nido del Santa Scolastica per l’intero mese di maggio in attesa di eventuali deroghe alle assunzioni. Un aspetto decisamente positivo che è il frutto della grande disponibilità mostrata dal dottor Sleai che in questo seppur breve periodo è riuscito ad entrare in piena sintonia con il personale dell’intero reparto. Un ringraziamento voglio rivolgerlo, inoltre, al settore amministrativo della nostra azienda sanitaria che si è immediatamente attivato per prorogare il mandato e garantire l’apertura del reparto. Un’altra notizia che non può che farci piacere è la riattivazione del reparto di ortopedia che resta tuttavia in attesa di deroghe alle assunzioni che possano garantire il numero adeguato richiesto dal bacino di utenza del nostro nosocomio. Nonostante queste buone notizie l’amministrazione continuerà a svolgere il suo ruolo di controllo vigile e silenzioso ed al contempo propositivo al fine di ottenere risposte immediate capaci di trovare le soluzioni indispensabili a garantire il corretto funzionamento del nostro ospedale. Una struttura che, come detto più volte, è all’avanguardia sotto il profilo ospedaliero e che deve mantenere, se non addirittura potenziare, tutti quei servizi propri di un DEA. Siamo comunque consapevoli di trovarci in una Regione in cui è vero che sono state abolite le macroaree, ma che vede la sanità ancora commissariata. Un aspetto quest’ultimo che limita l’operato in questo settore con conseguenza a pioggia che riguardano anche il nostro territorio e questo nonostante in Provincia abbiamo la fortuna di avere una dirigenza aziendale estremamente competente che, e di questo siamo sicuri, si impegnerà sempre ed in ogni modo per risolvere le problematiche in tempi brevi compatibilmente con quanto previsto dalla normativa vigente in materia. Alcuni passi sono stati fatti e i prossimi riguarderanno il pronto soccorso che necessita di altro personale medico ed urologia che deve essere per forza di cose riattivata sette giorni su sette h 24. Detto questo continuiamo a lavorare in sinergia con la Asl per il bene del territorio e soprattutto per garantire il rispetto dei diritti dei cittadini che fanno riferimento al nostro ospedale. Il Santa Scolastica è la nostra priorità attuale a cui si vanno ad aggiungere le tante altre proposte fatte per la sanità territoriale, a partire dalla sede del Consultorio e dalle attività ad esso annesse.”

5 maggio 2014 0

I commercianti di Cassino: “Chiudere ai pullman la strada per il monastero, per creare almeno 20 posti di lavoro”

Di admin

Una petizione tra commercianti, artigiani e imprenditori di Cassino per chiedere all’amministrazione di chiudere ai pullman il tratto di strada comunale che conduce all’abbazia di Montecassino. Ad organizzarla è Maurizio Coletta, presidente del Centro Commerciale Naturale Confcommercio Cassino che in pochi giorni ha raccolto circa 250 adesioni. “L’idea nasce dal fatto che l’Abbazia è una delle poche risorse rimaste sul territorio e che poco contribuisce ad alleviare il difficile momento economico. Abbiamo calcolato che nel solo periodo successivo alla beatificazione dei due Papi, quindi in una settimana, sono stati 400 i pullman che sono arrivati sul Sacro Monte, ma sono un milione i turisti che ogni anno lo visitano. La nostra idea è quella di far arrivare i pullman in aree di parcheggio nella città e disporre dei servizi navetta, con guide al seguito, per accompagnare i turisti nella visita al monastero. Pensiamo che tra autisti, guide, parcheggiatori e servizio d’ordine, saranno almeno 20 i posti di lavoro che si potranno creare in poco tempo. Le aree di parcheggio ci sono, basti pensare a piazza San Giovanni e al parcheggio dell’ex campo Miranda ma all’occorrenza se ne possono creare anche altri. Inoltre gli stessi turisti potrebbero, volendo, fruire delle attività commerciali della città martire. Ci siamo già informati sui costi di una cooperativa di giovani che gestirebbe il servizio navetta che, per il comune, avrebbe costi zero. Serve solo la volontà politica di farlo e crediamo che questa ci sia”. Ma non solo, serve anche che l’abbazia rinunci ai 25 euro che adesso incassa per ogni pullman che parcheggia sul piazzale. Er. Am.