Giorno: 12 maggio 2014

12 maggio 2014 0

Scuola sporca a Cassino, il malore di una bambina innesca la protesta dei genitori. Assistono anche i topi

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una crisi respiratoria dovuta probabilmente da allergia da acari, con conseguenza corsa in ospedale ha innescato, questa mattina, una vivace protesta dei genitori dei bambini della scuola elementare di via Herold a Cassino. Da tempo ci si lamentava per l’igiene all’interno del plesso. Carte per terra e la polvere lasciava intendere che all’interno dei locali in cui centinaia di bambini trascorrono le mattinate, non si pulisce da tempo. Per questa, stamattina, i genitori, in seguito alla crisi respiratoria probabilmente favorita da queste condizioni, hanno chiamato la polizia e gli ispettori della Asl che hanno verificato lo stato igienico in cui versa il plesso. Fuori dai cancelli, a poche decine di metri, alcuni topi “pascolavano” indisturbati tra i marciapiedi. Ermanno Amedei Foto Antonio Nardelli

12 maggio 2014 0

Processo Roscia bis, l’ex sindaco di Pontecorvo condannato a 3 anni di reclusione

Di admin

Nel tardo pomeriggio di oggi l’ex sindaco di Pontecorvo Riccardo Roscia è stato condannato in primo grado dal collegio Penale del tribunale di Cassino a tre anni di reclusione. Di Giorgio e Norcia invece sono stati condannati ad un anno e sei mesi ma sono stati assolti dall’accusa di tentata concussione. Gli avvocati difensori dell’ex sindaco hanno annunciato che faranno ricorso in appello.

12 maggio 2014 0

A “caccia” con il metal detector in zona archeologica a San Biagio. La replica del sindaco Bucci (Conca Casale)

Di admin

Tra i controllati dai carabinieri a San Biagio Saracinisco, sabato mattina, perché con un metal detector si aggiravano in una zona nota per essere antica necropoli, c’era annche, per sua ammissione, Luciano Bucci, sindaco di Conca Casale (in provincia di Isernia e non un sindaco della regione Campania come riportato in un nostro articolo di ieri – clicca e LEGGI). E’ lo stesso sindaco che, sull’argomento è tornato per precisare quanto segue che, da lui, riceviamo e pubblichiamo. “Buon giorno, sono Luciano Bucci, il Sindaco coinvolto in questa vicenda, ci sono alcuni aspetti che ci tengo a chiarire in quanto dalla lettura di questo articolo, già dal suo titolo, si evincono verità distorte al limite del diffamatorio. Innanzitutto, per onor di cronaca, io sono Sindaco di Conca Casale provincia di Isernia, in Molise, detto ciò, come già abbondantemente spiegato e accertato dalle forze dell’ordine, noi non siamo “tombaroli” ne “cercatori di tesori”, bensì siamo un’associazione di ricercatori, riconosciuta a livello internazionale, denominata “Winterline Venafro ONLUS” e ci occupiamo SOLO ed ESCLUSIVAMENTE di ricerche sulla seconda guerra mondiale. Tali ricerche le svolgiamo ormai da decenni, in pieno rispetto delle regole, e ci hanno permesso di realizzare un museo a Venafro (IS) che riscuote sempre piu’ successo. Il nostro impegno è quello di mantenere viva la memoria della seconda guerra mondiale e per fare ciò collaboriamo con le amministrazioni, e il Sindaco di San Biagio, il Dott. Iaconelli, è una di queste e ci conosce, e con le associazioni di veterani ed ex combattenti Italiane ed estere. Precisato ciò, il fatto in questione è avvenuto in questi termini: Noi non sapevamo di trovarci in zona archeologica, che oltretutto risulta non segnalata da alcun cartello neanche all’imbocco delle vie d’accesso, e sono ancora convinto che l’area delle nostre ricerche non interessi alcun sito archeologico o necropoli; inoltre noi non eravamo in possesso di nulla che possa far pensare ad un’eventuale collegamento con “tombaroli” e pertanto non voglio che il mio nome e quello dei miei collaboratori venga affiancato a cio’. In conclusione poi, sull’ “invito a cambiare passione” rispondo con i fatti, dopo anni di sacrificio e dedizione che hanno permesso la realizzazione di un museo visitato da oltre 8000 persone fin’ora e il plauso di tutti i livelli istituzionali e delle associazioni estere e ci hanno permesso di essere annoverati tra gli storici della seconda guerra mondiale piu’ preparati del territorio, non è un “equivoco” mal rappresentato che fermerà la nostra passione. Per chi volesse sapere chi siamo e cosa facciamo VERAMENTE, lo invito a visitare il nostro sito http://www.winterlinevenafro.it”. Nota della redazione – Al sindaco Bucci e ai suoi collaboratori vanno i nostri auguri di poter continuare la sua iniziativa in maniera proficua, ma anche in sicurezza. E’ necessario, però, precisare che nell’articolo pubblicato ieri, si faceva riferimento ad un gruppo di persone che attrezzate di metal detector si aggiravano in una zona di grande interesse archeologico dove, da tempo, sono in corso episodi di scavi abusivi finalizzati a recuperare beni di interesse storico da introdurre sul mercato nero. A nostro avviso bene hanno fatto i carabinieri a intensificare i controlli per arginare il fenomeno. Nell’articolo, inoltre, abbiamo riferito l’esito negativo di quel controllo e cioè che i carabinieri hanno trovato in possesso dei cercatori oggetti di tutt’altra natura che archeologica. Insomma non abbiamo dato del “tombarolo” a nessuno (…si evincono verità distorte al limite del diffamatorio). Se un sabato sera il sindaco venisse fermato per un controllo stradale e venisse sottoposto all’alcool test con esito negativo, non credo che il giorno dopo voglia replicare ad un articolo giornalistico che ha trattato di controlli alla circolazione stradale riferendo degli esiti. Poi, per la sua attività di ricercatore di oggetti di tipo militare, facesse come vuole nei limite previsti dalla legge. Da parte nostra, e questo lo vogliamo dire, non crediamo sia prudente ripercorrere zone interessate dal conflitto con un rilevatorte di metalli. Uno scavo, anche se piccolo, per verificare il segnale di presenza metallica nel sottosuolo, potrebbe nascondere insidie legate a ordigni ancora pericolosi. Del resto, per fare determinate operazioni, si ricorre ancora agli artificieri dell’Esercito. Ma questo è il nostro parere.

Ermanno Amedei  

12 maggio 2014 0

Incidente in A1 tra Ceprano e Pontecorvo, grave 42enne di Ferentino

Di admin

Un 42enne di Ferentino è rimasto gravemente ferito queta mattina in un incidente stradale verificatosi sul tratto dell’autostrada Roma Napoli tra Ceprano e Pontecorvo. L’uomo viaggiava su una Fiat Punto quando per cause ancora al vaglio degli agenti della polizia stradale ha tamponato un’altra utilitaria. Le due auto sono uscite di strada e l’uomo ha riportato ferite gravissime. Gli operatori del 118, arrivati sul posto, hanno deciso di chiedere l’intervento di una eliambulanza per l’immediato trasferimento a Roma del’uomo.

12 maggio 2014 0

Più di 1200 paia di occhiali Ray Ban falsi sequestrati dalla polstrada a Cassino

Di admin

Questa notte una pattuglia della Sottosezione della Polizia Stradale di Cassino ha fermato e controllato una Volkswagen Golf in transito con due persone a bordo nei pressi casello dell’A1 di Cassino. Gli agenti hanno così accertato che gli occupanti, extracomunitari di nazionalità marocchina, entrambi residenti nell’hinterland napoletano ed in regola con il permesso di soggiorno e che il veicolo, invece, risultava privo della prescritta revisione periodica e dell’assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile contro terzi. Le irregolarità ed il comportamento agitato dei due uomini insospettivano gli agenti della Polstrada che estendevano, pertanto, il controllo anche all’autovettura. Nel corso della minuziosa ispezione, accuratamente occultati nel portabagagli e sul sedile posteriore, venivano rinvenuti 1200 paia di occhiali da sole di vari modelli e colori recanti il marchio Ray Ban palesemente contraffatto e 4500 targhette adesive della stessa griffe su cui erano riportate le caratteristiche protettive delle lenti dai raggi ultravioletti mediante la dicitura “Ray Ban by Luxottica UV400”.

I cittadini marocchini, identificati per M. S. di anni 28 e H. A. di anni 35, sono stati quindi sottoposti ai rilievi dattiloscopici di rito e denunciati in stato di libertà per i reati di ricettazione ed introduzione nel territorio dello Stato di merce con marchio contraffatto. A seguito dei riscontri investigativi acquisiti e della grossolana ed evidente falsificazione del marchio noto sul mercato mondiale, gli uomini della Polstrada hanno, inoltre, proceduto al sequestro degli occhiali destinati ad essere acquistati da ignari clienti che avrebbero confidato sulle proprietà di schermatura delle lenti dagli effetti dannosi dei raggi solari, abilmente certificate dall’applicazione delle apposite targhette adesive pure sottoposte a sequestro. Anche la Volkswagen Golf è stata, infine, sequestrata amministrativamente per la mancanza della copertura assicurativa.

12 maggio 2014 0

Giro d’Italia: Chiuse le scuole di via D’annunzio dal 14 al 17, la strada per Montecassino e servizio navetta da campo Miranda

Di redazionecassino1

“Da mercoledì il primo circolo didattico di Cassino resterà chiuso per ospitare il quartiere generale del Giro d’Italia.” A il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, a seguito dell’ordinanza predisposta questa mattina che prevede la chiusura delle scuole primarie di via d’Annunzio (le Centrali) da mercoledì 14 a sabato 17 maggio. “Cassino è pronta – ha continuato il sindaco – ad ospitare questo evento storico che vedrà nella giornata di giovedì 15 maggio l’arrivo di tappa di una delle competizioni ciclistiche più importanti al mondo. Per la circostanza, come detto prima, l’intera struttura delle Centrali verrà utilizzata dalla Rcs, società che organizza il giro d’Italia, come quartiere tappa. Alla luce di questa esigenza per consentire di sgomberare i locali è stata disposta l’ordinanza di chiusura della scuola da mercoledì 14 maggio fino a sabato 17 maggio. Un provvedimento che non comporterà la perdita delle giornate di scuola che gli alunni delle Centrali recupereranno alla fine dell’anno scolastico. Un ringraziamento lo voglio rivolgere al dirigente scolastico, la professoressa Maria Rosaria Di Palma, che si è messa a disposizione ed è venuta incontro alle necessità che un evento così importante porta con sè.” Diverso, invece, il discorso per tutte le altre scuole di Cassino che per la giornata del 15 maggio resteranno aperte come confermato dall’assessore all’istruzione Danilo Grossi. “La chiusura si è resa necessaria solo per il primo circolo didattico – ha sottolineato Grossi – perché sarà la sede del quartiere tappa nella giornata del 15 maggio, mentre le altre scuole svolgeranno regolarmente l’attività didattica così come previsto dal proprio orario scolastico. Si coglie, inoltre, l’occasione per sottolineare che per ragioni di sicurezza la strada che porta a Montecassino verrà chiusa al traffico dalle ore 20 di mercoledì 14 maggio e per l’intera giornata di giovedì 15 maggio con l’unica eccezione rivolta ai residenti ed alle vetture autorizzate. Un provvedimento indispensabile dal momento che la strada per arrivare in Abbazia, sede del traguardo della tappa del 15, non ha altre vie di sbocco o zone di sosta per i mezzi. Onde evitare, quindi, ogni tipo di complicazione e per consentire il regolare svolgimento della tappa di giovedì è stata predisposto un servizio navetta che da campo miranda, passando per la stazione ferroviaria, nella mattinata del 15 porterà turisti, cittadini ed appassionati di ciclismo dalla città a Montecassino. Cassino è pronta a vivere questa giornata di festa e di sport all’interno di una settimana piena di avvenimenti iniziata sabato con l’inaugurazione del Villaggio Rosa in Piazza Labriola. Buon Giro d’Italia a tutti.”

12 maggio 2014 0

Rete di faccendieri con conoscenze tra forze dell’ordine e magistratura, quattro denunciati

Di admin

Le indagini, inizialmente incentrate su Gian Pietro CARBONI, sessantenne romano pregiudicato per vari reati, tra cui bancarotta fraudolenta, produzione e traffico di sostanze stupefacenti, hanno messo in luce che lo stesso, all’inizio del 2012, aveva prospettato, agli amministratori di una società verificata dalla Guardia di Finanza, di poter influenzare le operazioni ispettive, corrispondendo una consistente somma di denaro, grazie a conoscenze di appartenenti al Corpo rivelatesi poi inesistenti. Altri rapporti d’affari sono emersi tra il CARBONI e tale Giuseppe IEMMOLO, che si presentava come “magistrato” con conoscenze al Tribunale di Roma. Ai due si era rivolto un noto professionista speranzoso di ottenere un pronunciamento favorevole in un caso relativo a dissidi familiari. Sia nel primo, sia nel secondo caso, le Fiamme Gialle del Nucleo Polizia Tributaria di Roma hanno appurato che i due erano in realtà “millantatori”, che non avevano alcuna conoscenza dei pubblici ufficiali che asserivano di conoscere, risultati completamente ignari delle vicende. Durante gli accertamenti, sono saltati fuori ulteriori “affari” della cricca – non andati a buon fine – legati alla compravendita di oro, lire italiane, dollari statunitensi e titoli di credito emessi da banche estere, di probabile provenienza illecita, operazioni che hanno visto coinvolti, oltre al CARBONI, il gestore di una sala giochi di Monteverde ed un piccolo imprenditore, nel ruolo di intermediari. A conclusione delle indagini – coordinate dalle Procure della Repubblica di Roma e di Perugia, quest’ultima subentrata in ragione del possibile coinvolgimento di magistrati in servizio nella Capitale – i due sono stati denunciati, unitamente ad altre due persone, tutti responsabili, a vario titolo, di millantato credito, tentata estorsione e tentato riciclaggio.

12 maggio 2014 0

Delineato il quadro delle formazioni ammesse ai “Quarti” dei singoli tornei

Di redazionecassino1

Dopo gli incontri dello scorso weekend si delinea il quadro delle formazioni che passano alla fase successiva dei singoli tornei. Nel torneo Csi, che dovrà decretare la squadra campione territoriale e che andrà a disputare la fase regionale, passano alla seconda fase Tecnostore Roccasecca, Iuvenalis, Zentrum e Professional Service. Roccasecca si aggiudica, con lo stesso risultato dell’andata, 0 a 1, il match contro Amatori Rocca D’Evandro, mentre ci son voluti i calci di rigore per stabilire la squadra che accede alla seconda fase fra Iuvenalis e Yammo.it essendo l’incontro terminato a favore di Iuvenalis per 0 a 2, risultato identico all’andata a favore però di Yammo.it. passa il turno Iuvenalis che ai calci di rigore ha la meglio per 4 a 2 su Yammo. Anche nello scontro fra Longobarda Pontecorvo e Zentrum si è dovuto far ricorso ai calci di rigore per stabilire la formazione ammessa al secondo turno. La spunta Zentrum per 6 a 5. Nel match fra Angolo di Vino e Professional Service, dopo il pareggio dell’andata per 1 a 1, Professional Service vince per 2 a 1 l’incontro di ritorno che le consente di passare ai quarti di finale. Nel Trofeo “Tutto per l’Auto”, al momento sono tre le formazioni che accedono alla seconda fase, Amatori Aquino che si aggiudica, dopo lo 0 a 0 dell’andata, il confronto con i Corsari Colfelice per 0 a 1. È la differenza di punti fra l’incontro di andata, terminato per 2 a 2, e il pareggio per 1 a 1 a stabilire il passaggio dell’Atletico Pontecorvo ai quarti di finale su Galluccio, dove è prevalso il maggior punteggio delle reti messe a segno in trasferta, dalla formazione di Pontecorvo. Anche nel match fra Pietramelara valgono le reti messe a segno in trasferta per consentire a Pietramelara di passare il turno. Il risultato di 1 a 2 sul campo dello Sporting Pignataro consente, per il doppi valore della reta messa a segno in trasferta, a Pietramelara di passare ai quarti. Resta da recuperare l’incontro fra The Food’s Brother e Terelle per decretare la quarta formazione ammessa ai quarti. All’andata Terelle era riuscita ad espugnare, per 0 a 1, il campo di The Food’s Brother. Nel trofeo “Toylandia Giocheria”, invece, accedono ai quarti Am. Castro , Amatori Colfelice, Rinascita Monticelli e Bet Europa. Castro batte 4 a 3 S. Ambrogio City; Colfelice si aggiudica, dopo il 3 a 1 dell’andata, anche il match di ritorno per 6 a 1, mentre Rinascita Monticelli si aggiudica anche il ritorno per 1 a 0 contro Real Acquafondata (nella foto). Dopo la vittoria per 2 a 1 della scorsa settimana, nel match di ritorno Bet Europa non deve faticare molto per imporsi a Guaranà Caffè che supera agevolmente per 6 a 2 la formazione guidata da ‘Mister Leone’. Ora bisognerà attendere i sorteggi, previsti per oggi, per stabilire gli incontri casalinghi fra le quattro formazioni che hanno passato il turno, seguendo l’ordine del ‘tabellone’. F. Pensabene