Giorno: 23 maggio 2014

23 maggio 2014 0

Soldi e droga, 39enne veneto arrestato a Gaeta

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

E’ stato sorpreso dai carabinieri con indosso droga e una grossa somma in danaro contante frutto dello spaccio. Per questo i carabinieri del Norm di Formia e della tenenza di Gaeta hanno arrestato R. D. 39enne,residente a S. Bonifacio (VR). L’uomo è stato fermato alla guida della propria autovettura ed a seguito di una perquisizioni personale,veicolare e domiciliare, è stato trovato in possesso di 113 grammi di hashish e della somma di 13.890 euro. Il 39enne nel tentativo di sottrarsi al fermo, ha anche spintonato i militari operanti, dandosi alla fuga ma è stato immediatamente bloccato. L’arrestato è stato condotto presso il proprio domicilio per rimanervi ristretto in regime degli arresti domiciliari.

23 maggio 2014 0

“Pappone” della compagna, la faceva prostituire sulla Salaria

Di admin

I Carabinieri della Stazione Roma Fidene hanno arrestato, la scorsa notte, un 35enne, romano, già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di favoreggiamento della prostituzione. L’uomo è intervenuto per intimare ad un cliente di pagare la prestazione sessuale che aveva poco prima consumato con la convivente, una cittadina romena di 35anni, sulla via Salaria dove la faceva prostituire, successivamente è stato fermato ed arrestato dai Carabinieri. Dopo l’arresto il 35enne è stato prima accompagnato in caserma e successivamente condotto nel carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

23 maggio 2014 0

Veleni nella valle del Sacco, rinviati a giudizio i responsabili dell’inquinamento. l’associazione Codici esulta

Di admin

Dall’associazione Codici riceviamo e pubblichiamo.

“Una valle flagellata dal disastro ambientale. Tra Roma e Frosinone, infatti, era stata scoperta una sostanza tossica presente nel latte dei bovini, nel fieno e nel mais prodotti da più di 50 aziende del posto. A Valle del Sacco l’allarme scattò quando gli animali cominciarono a morire e le analisi appositamente effettuate dimostrarono il contagio diffuso tra campi, bestiame, latte, cibo.

Oggi l’ultimo aggiornamento della vicenda che ha sconvolto l’opinione pubblica, viste le pesanti ripercussioni sulla salute e sull’ambientale.

“L’udienza odierna, in cui tutti sono stati rinviati a giudizio, fa ben sperare – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – il processo vero e proprio si aprirà il 3 luglio 2014. Da parte nostra esprimiamo grande soddisfazione, perché finalmente si apre il procedimento per fare chiarezza sul disastro ambientale della Valle dl Sacco”.”

 

23 maggio 2014 0

Inaugurata la seconda edizione di “Pazzielle” a Gaeta. La manifestazione contina anche nel fine settimana

Di admin

Inaugurazione di successo per la seconda edizione di Pazzielle: una folla entusiasta di bimbi e ragazzi, accompagnati dai genitori, ha, infatti, partecipato ieri al taglio del nastro della Festa del Gioco e della Famiglia, la manifestazione interamente dedicata al divertimento e all’intrattenimento, rivolto agli under 18, realizzata dal Comune di Gaeta, in collaborazione con le associazioni locali.

“Un grande successo che spero continui anche nei prossimi giorni e che premia gli sforzi della nostra Amministrazione nella programmazione di eventi di particolare attrazione e coinvolgimento popolare” afferma il Sindaco Cosmo Mitrano.

Anche quest’anno Pazzielle propone un calendario ricco e coinvolgente per accontentare giovani e meno giovani: teatro, sfilate, laboratori, spettacoli di magia, giochi di ogni genere…ed ancora “Frittelle e Pazzielle”, degustazione gratuita delle frittelle della nonna a cura di Gaeta Arte e Cultura, il Teatro dei Burattini e “Sim’ a Gaeta” primo gioco da tavolo XXL della Città di Gaeta, ed infine lo spettacolo “I Gladiatori”.

Il Villaggio resterà aperto tutti i giorni dalle ore 16 alle ore 21, fino al 25 maggio, e sarà composto dalle seguenti aree: Ludoteca, allestita con giochi da tavolo, giochi di carte, giochi di legno, giochi XXL, giochi di ruolo, Wargames e Videogames; Pazzielle Beach con giochi sulla sabbia e spettacolo dei Gladiatori; C’era una volta, con giochi dell’Infanzia, Crea la mascotte, Pazzielleggi (gara di palleggi); Spettacoli con Sfilata Disney, Teatro ragazzi, Teatro burattini, Favole animate, Animazione itinerante; Laboratorio con letture per l’Infanzia, Truccacinema, Corsi di disegno e pittura, Corsi di lingua straniera, Vivi la natura.

In particolare segnaliamo sabato 24 maggio l’iniziativa del Circolo Fotografico Oltre le Immagini che presso l’area di posa farà fotografie gratuite; Pazzielle nel tempo, spettacolo di animazione ed intrattenimento con il coinvolgimento del pubblico a cura dell’Associazione La Milizia dei Folli; Giochi sulla Sabbia. Domenica 25 maggio, “Letture ad alta voce”, proposta da Nati per Leggere; Degeneral Hospital, spettacolo a cura de “La Milizia dei Folli”.

Ed ancora divertimento assicurato per tutti i bimbi con alcune iniziative di chiara impronta ambientalista, sabato 24, alle ore 17, “VivilPony”, a cura dell’Associazione “Liberi per Gaeta” in collaborazione con A.S.D. Zino Ranch, per far conoscere questo splendido animale amico dei bambini; e domenica 25, alle ore 10, “Un Pesce per Amico“, presso la Base Nautica Flavio Gioia, ingresso fronte Bar Triestina. I bimbi che parteciperanno potranno liberare in mare migliaia di avannotti. Un’iniziativa nata con l’obbiettivo di avvicinare sempre più i giovanissimi alla conoscenza del mare e dell’ecosistema marino.

L’ingresso al villaggio e la partecipazione ai giochi e agli eventi è gratuita.

A conclusione della manifestazione saranno premiati i partner e gli Amici di Pazzielle 2014.

23 maggio 2014 0

Con una fucilata al collo uccide il confinante che gli era passato… sul fieno

Di admin

Gli ha sparato una fucilata al collo uccidendolo solamente perché era passato con il trattore sul suo podere. E’ un omicidio senza senso quello avvenuto ieri sera a Sant’Angelo d’Alife in provincia di Caserta. Erano le 22 quando il figlio di Giuseppe Giugno 53 anni, dopo aver sentito un colpo di fucile, ha trovato il corpo esanime del padre sulla strada interpoderale nei pressi del loro terreno. L’uomo aveva ricevuto una fucilata al collo che gli aveva tranciato la trachea uccidendolo sul colpo. Sul posto, immediatamente sono arrivati i carabinieri della stazione e il capitano Giovanni Falso, comandante della compagnia di Piedimonte Matese. Ad aiutarli nell’indagine, un testimone oculare che ha permesso di ricostruire le ultime fasi di un litigio tra la vittima e il suo carnefice Giuseppe Santopaolo, 71 anni, confinante dell’uomo che ha ucciso. Pare infatti che la lite sarebbe nata nel tardo pomeriggio quando Giugno e il figlio, per raggiungere più velocemente il loro podere, a bordo del trattore, avrebbero attraversato il terreno di proprietà del Santopaolo il quale sosteneva di aver avuto da quel gesto un grosso danno dato che aveva da poco falciato il fieno. La lite sarebbe proseguita anche in una fase successiva e il testimone avrebbe riferito di aver visto Giugno seguire il 71enne al fine di ricucire lo strappo ma che questi sembrava, solo verbalmente, minacciare spropositi, fino ad arrivare alla sua Fiat Grande Punto, armarsi di mun fucile e sparare a distanza ravvicinata all’uomo uccidendolo. A quel punto sarebbe salito in macchina andando via e facendo perdere le sue tracce per circa un’ora e mezza. Poi i carabinieri lo hanno trovato e arrestato ma del fucile nessuna traccia. Del resto, con i precedenti penali che aveva, per violenza sessuale ai danni di una familiare, il 71enne non poteva detenere regolarmente nessuna arma. Lui averbbe negato ogni coinvolgimento nella vicenda, ma il testimone non ha dubbi su ciò che ha visto. Per questo l’uomo è stato arrestato per omicidio volontario aggravato dai futili motivi, e questi futili motivi è il fieno rovinato dal passaggio del trattore.

Er. Amedei

23 maggio 2014 0

Giro di vite sugli scarichi abusivi a Formia, allaccio entro 30 giorni o sanzioni

Di admin

Nei prossimi giorni il personale dell’Ufficio Ambiente provvederà ad installare un avviso pubblico nelle zone dove sono state recentemente individuate abitazioni non allacciate alla rete fognaria. Ricordiamo che le anomalie sono state scoperte a Maranola (Gesso Paradiso, via Piana e via Funno); Trivio (Ciriano, Ponzanello, Mamurrano, Rapellucci, Fontana Santa Maria a Cerquito); Penitro (via Acquarole); Formia centro (Canzatora, Vindicio, Santa Maria la Noce). L’avviso informa che “è regolarmente funzionante il collettore fognario realizzato in via Canzatora – loc. Pontone, per cui si invitano i proprietari frontisti a presentare istanza di allaccio alla Società Acqualatina Spa presso gli Uffici di Via Olivastro Spaventola – entro e non oltre trenta giorni da oggi. Copia della richiesta di allaccio dovrà essere prodotta al Comune di Formia – Servizio Ambiente – Via Rubino 70 (Piazzetta delle Erbe) o inviata via mail ambiente@comune.formia.lt.it”. Eventuali abusi e/o inosservanze, precisa l’avviso, “saranno sanzionate in applicazione del D.lgs. n. 162/2006 – (Testo Unico Ambientale)”.

“Seguiamo la procedura indicata – spiega l’Assessora alla Tutela del Patrimonio Ambientale e Naturalistico Maria Rita Manzo –. L’invito è a tutti gli utenti interessati affinché provvedano in tempi celeri a regolarizzare la pratica amministrativa per l’allaccio ai collettori fognari. Nel caso non ottemperassero, sarà predisposta un’apposita ordinanza di obbligo con l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge”.

23 maggio 2014 0

Coppia terribile in manette a Civitavecchia. Trafficavano coca ed estorcevano danaro ad un commerciante

Di admin

I Carabinieri della Stazione di Civitavecchia Principale, a conclusione di un’attività d’indagine durata otto mesi, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Civitavecchia (Dott. Lorenzo FERRI), su richiesta del Procuratore della Repubblica, Gianfranco Amendola e del Sostituto PM Dr. Alessandro Gentile, nei confronti di M.DF., di 40 anni civitavecchiese, già arrestato per precedenti episodi di spaccio e T.P. 50enne, di Montalto di Castro, abitante in città. Le indagini, scaturite dall’arresto operato dai Carabinieri nello scorso luglio di D.L. 35enne, originario di Cosenza, trovato in possesso di oltre 400 grammi di cocaina, destinata al mercato locale, si sono concluse con la raccolta di oggettivi elementi di prova a carico degli indagati per innumerevoli episodi di spaccio di stupefacente a favore di tossicodipendenti della zona. Nell’ambito della stessa indagine, per un probabile debito derivante da una importante cessione di cocaina da parte dei due indagati ad un noto commerciante civitavecchiese, i Carabinieri hanno altresì raccolto ulteriori elementi di prova circa una  serie di atti estorsivi con richieste di denaro da parte degli arrestati al commerciante, con lesioni e ripetute violenze e minacce. Gli elementi di prova raccolti dai militari nel corso dell’attività investigativa sono stati pienamente condivisi dal GIP che ha così emesso il provvedimento restrittivo.

23 maggio 2014 0

Educazione all’ambiente, Corpo Forestale a lezione nell’istituto Comprensivo di San Donato

Di admin

Gli alunni della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo Statale di San Donato Val Comino, Gallinaro e Settefrati hanno festeggiato ieri  la conclusione dell’anno scolastico al Campo sportivo locale cimentandosi in coreografiche performance di attività motoria. La Scuola dunque promuove lo sport, come anche la tutela del territorio. Infatti, ad accompagnare i ragazzi in questa felice giornata insieme ai Sindaci e alla Preside, ai genitori e agli insegnanti, c’era anche il Corpo Forestale dello Stato. Il personale forestale del resto ha seguito questi bambini per l’intero anno scolastico con un importante progetto di educazione ambientale teso ad istruire le future generazioni sull’importanza della tutela della natura e, in particolare, della conservazione di alcune specie protette come quella dell’orso marsicano. Ad entusiasmare più di tutto i bambini è stato infine l’atterraggio di un elicottero AB412 del CFS che i ragazzi hanno potuto osservare da vicino per apprenderne le modalità di intervento sugli incendi.

23 maggio 2014 0

Il Genio Civile ha detto si, a Ceccano riapre il ponte in località Maiura

Di admin

L’ok del genio civile di Frosinone è arrivato. L’Amministrazione comunale ha potuto riconsegnare il ponte in località Maiura alla comunità dopo un delicato e certosino lavoro di ristrutturazione finalizzato alla sua messa in sicurezza con ordinanza n° 56 del 20 Maggio 2014.

La riapertura del ponte ha richiesto dei tempi relativamente lunghi per la particolarità dell’intervento e soprattutto per la complessa procedura amministrativa.

Attualmente la circolazione sul ponte è consentita solo ai mezzi leggeri in attesa dell’ultimazione del faraginoso iter burocratico che consentirà successivamente il transito anche ai mezzi pesanti.

L’intervento è stato necessario, ricorda l’Amministrazione, perché si era verificata un’erosione dell’argine del fosso che ha compromesso fortemente una spalla del ponte al punto da distaccarla in parte. Quindi si è proceduto all’intervento di messa in sicurezza della stabilità della struttura stessa. Una procedura eseguita secondo la modalità della somma urgenza lavorando al consolidamento tecnico statico del viadotto.

“Si tratta di uno degli interventi che l’Amministrazione – ha dichiarato il sindaco Maliziola– ha programmato al fine di garantire la sicurezza dei cittadini e apportare migliorie alle strutture preesistenti. Un risultato che mette in evidenza un lavoro di squadra tra gli uffici tecnici e l’Amministrazione per il benessere della comunità fabraterna”. Un risultato commentato positivamente anche dall’assessore ai lavori pubblici Pasquale Casalese: “E’ con enorme soddisfazione che abbiamo riconsegnato alla città questo importante viadotto. Non è facile realizzare questi tipi di interventi in tempi brevi. Adesso la comunità può fruire di una struttura sicura ed efficiente”.

23 maggio 2014 0

Cambio alla presidenza dell’Unione Cinquecittà, arriva Libero Mazzaroppi

Di redazionecassino1

Cambio al vertice dell’Unione dei Comuni Cinquecittà: nominato presidente il sindaco di Aquino Libero Mazzaroppi. Il passaggio di consegne c’è stato giovedì sera nella sede dell’ente. Il primo cittadino di Colle San Magno, Antonio Di Nota, ha rassegnato le sue dimissioni aprendo la strada alla nuova dirigenza: la nomina di Mazzaroppi è stata supportata da tutto il consiglio, con gli altri primi cittadini hanno espresso parole di apprezzamento nei confronti di questa scelta. Nel suo discorso d’insediamento, il neo Presidente dell’Unione, ha voluto ringraziare chi lo ha preceduto, sottolineando la necessità di continuare sul percorso già avviato per rafforzare l’azione e l’efficacia dell’ente intercomunale. “Abbiamo un imperativo – ha spiegato il sindaco di Aquino – quello di puntare su di noi, sul ruolo decisivo di questo strumento che è una straordinaria intuizione a disposizione degli enti pubblici che consente di razionalizzare le spese ed attivare servizi associati”. Il nuovo presidente ha poi tracciato la rotta che l’Unione seguirà nell’immediato futuro: “le Cinquecittà devono rappresentare un supporto alle varie esigenze dei Comuni che ne fanno parte, dobbiamo utilizzare questo ente per attivare strategie unitarie e per offrire servizi più capillari ed efficienti ai nostri cittadini”. L’obiettivo è quello di valorizzare ulteriormente il territorio, affrontando in modo risoluto problemi come i rifiuti, l’ambiente, i trasporti locali, l’economia, considerando anche le difficoltà che stanno vivendo gli enti locali a causa del taglio dei trasferimenti da parte dello Stato. D’obbligo anche un passaggio sulla crisi che sta attraversando tutto il cassinate, anche in relazione al difficile momento che sta vivendo la Fiat e tutto il suo indotto, con inevitabili ripercussioni su tutto il tessuto economico. “Ora però – ha spiegato il Presidente Mazzaroppi – si sta aprendo uno spiraglio all’orizzonte e dobbiamo quindi essere pronti a sfruttare questo momento”. Chiaro il riferimento al nuovo piano illustrato da Marchionne per lo stabilimento di Cassino, ma anche agli interventi annunciati dalla Regione, con i fondi messi a disposizione per le infrastrutture della zona industriale e per le aziende dell’indotto. L’invito del presidente è poi rivolto ai sindaci delle città aderenti all’unione: “Dobbiamo costruire un “sistema Cinquecittà”, improntando i bilanci dei nostri comuni sulla esternalizzazione dei servizi. Solo in questo modo ci sarà un’accelerazione nella crescita e nell’innovazione istituzionale, attraverso il consolidamento dei servizi a gestione associata e la messa in opera di nuovi interventi”. A meno di 24 ore dal suo insediamento, il Presidente Mazzaroppi ha già un impegno ufficiale: a mezzogiorno negli uffici dell’Unione è infatti prevista la visita del Commissario straordinario della Provincia di Frosinone Giuseppe Patrizi.