Giorno: 4 giugno 2014

4 giugno 2014 0

“La Giornata dell’Arte” alla villa comunale, venerdì 6, chiude l’anno scolastico

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“La meravigliosa cornice naturale della Villa Comunale di Cassino venerdì 6 giugno sarà lo scenario della ‘Giornata dell’Arte’, una manifestazione dedicata a tutti i giovani della nostra città.” A dichiararlo l’assessore alla cultura del Comune di Cassino, Danilo Grossi, che ha annunciato il recupero dell’iniziativa, organizzata dall’associazione ‘Arte Libera’, inizialmente in programma per lo scorso 3 maggio e rinviata causa pioggia. “Si tratta di un progetto – ha sottolineato Grossi – che, come Amministrazione, abbiamo voluto fortemente lo scorso anno e che ha l’obiettivo di far liberare ai giovani le energie positive in ambito culturale ed artistico. I protagonisti della giornata saranno quindi i ragazzi ed in particolare gli studenti delle scuole di Cassino che hanno fornito come sempre un fondamentale contributo di idee per far emergere la propria creatività. Per tanti aspetti aver rinviato questa iniziativa a venerdì 6 giugno è stato un fattore positivo perché per i tanti ragazzi delle scuole questa giornata rappresenta una vera e propria festa dedicata all’arte di chiusura dell’anno scolastico. Tra i giovani e l’arte intercorre un’intensa relazione e l’idea di creatività gioca in questo connubio un ruolo dominante che in questa giornata troverà la sua massima espressione. Arte e cultura sono argomenti fondamentali di cui parlare perché, oltre a far parte della nostra vita quotidiana, rappresentano una risorsa unica per arricchire il bagaglio culturale di ognuno di noi. Questa manifestazione, giunta alla sua seconda edizione, coinvolge i ragazzi delle scuole medie superiori di Cassino in attività culturali di varia natura: dal teatro, alla musica, fino alle arti visive, mostrando in tal modo la propria forza creativa. L’amministrazione dal canto suo, sempre sensibile a questo tipo di iniziative, cerca sempre di prestare grande attenzione ai giovani, riservando loro spazi e fornendo un contributo importante nella realizzazione di giornate come quella che Cassino si appresta a vivere domani. La scelta della Villa Comunale come location della manifestazione non è casuale, ma rientra in un progetto che vuole far diventare il nostro parco cittadino il cuore vivo e pulsante di Cassino rispettando sempre l’ambiente e tutelando quello che possiamo considerare il polmone verde della città. Sarà, quindi, compito degli organizzatori, e di questo sono certo, avere un atteggiamento responsabile in tal senso, assicurando la necessaria attenzione nei confronti dell’ambiente. Questo vale, ovviamente, anche per le altre iniziative che avranno luogo all’interno della Villa che già da questo week end sarà scenario della manifestazione sorgenti sonore a cui faranno seguito tanti altri eventi strettamente connessi alla valorizzazione delle risorse naturalistiche che la nostra città offre.” Foto: A. Ceccon

4 giugno 2014 0

Presentato il progetto “Adotta un amico”

Di redazionecassino1

“Un contributo di 400 euro ad ogni cittadino che adotterà un cane proveniente dai tre canili cui vengono solitamente ricoverati i randagi recuperati sul territorio comunale di Cassino.” A renderlo noto l’assessore all’ambiente del Comune di Cassino, Riccardo Consales, nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto “Adotta un Amico” che si è tenuta questa mattina nella Sala Restagno del Municipio, cui hanno preso parte anche i consiglieri Igor Fonte ed Antoine Tortolano. “Si tratta di un progetto – ha continuato Consales – che si pone l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini e di abbattere i costi derivanti dalle spese di soggiorno che sostiene l’Ente per garantire il soggiorno dei cani randagi all’interno dei canili. Ogni cane in canile ha un costo di circa 4 euro al giorno; con questa iniziativa che prevede un contributo a chi adotta il cane di 400 euro l’anno, l’Ente ha un risparmio di oltre mille euro annui. Se questa cifra si moltiplica per i circa 80 cani di competenza del Comune di Cassino si fa presto a constatare che il risparmio in termini economici ogni anno è notevole. Questo è un altro passo che stiamo portando avanti in materia di tutela degli animali che segue l’approvazione di un apposito regolamento grazie al quale viene salvaguardata, non solo l’incolumità, ma anche e soprattutto la dignità di questi esseri viventi. Un regolamento che tra i suoi punti principali prevede l’obbligo del microchip identificativo oltre che l’obbligo di guinzaglio e l’obbligo di raccolta delle deiezioni canine da gettare poi negli appositi contenitori installati nelle strade della città. Un’iniziativa a cui teniamo molto e che siamo riusciti a realizzare grazie ai volontari dell’Anpana ed all’architetto Cesareo che ha curato il progetto.” Sull’argomento è intervenuto anche il consigliere Antoine Tortolano che ha aggiunto: “adotta un amico è un progetto lodevole che va a premiare ogni cittadino che sarà così generoso da adottare un cane, contribuendo a limitare il fenomeno del randagismo. Un’iniziativa che oltre ad avere un alto valore civico, rappresenta anche un forte risparmio per il comune che ogni anno spende per un randagio in canile circa 1500 euro.” A concludere la serie di interventi il consigliere Fonte: “Della bontà dell’iniziativa è stato già fatto presente tutto e nel sottolineare ancora una volta il notevole risparmio di cui beneficia l’Ente grazie a questo progetto, voglio rivolgere un appello ai cittadini affinché denuncino chi abbandona un cane; un gesto ignobile e pericoloso per l’animale stesso e per tutti i concittadini.”

4 giugno 2014 0

Tragico volo nel liceo classico di Viterbo, muore operaio mentre monta ascensore

Di admin

Tragedia sul lavoro al liceo Classico Mariano Buratti di Viterbo. Nella tarda mattinata di oggi, poco prima delle 12.30, una ditta toscana stava montando un ascensore all’interno dell’istituto scolastico di via Tommaso Carletti quando qualcosa è andato storto e l’impalcatura si è staccata facendo cadere un operaio 46enne di Chianciano. L’uomo è volato giù per alcuni metri riportando traumi in varie parti del corpo. Immediatamente è stato soccorso dagli operatori del 118 e dai vigili del fuoco che hanno coadiuvato il personale medico nel recupero del ferito. Trasportato in ospedale, l’operaio è deceduto dopo circa un’ora.

4 giugno 2014 0

Vendite immobiliari “oleate” da minacce di morte. Quattro ciociari in manette per estorsione

Di admin

Snellivano le trattative tra imprenditori grazie all’uso delle minacce di morte. E’ articolata l’indagine svolta da Carabinieri insieme a finanzieri, a agenti di polizia e a quelli della poliza provinciale che, stamattina, ha portato all’arresto di quattro persone, un 43enne di Ripi, un 53enne di Alatri, un 33enne di Frosinone e un 37enne albanese. Per tutti l’ipotesi di reato è concorso in estorsione aggravata continuata e concorso in tentata estorsione aggravata continuata. I fatti loro contestati sono avvenuti nel periodo compreso tra dicembre 2012 e luglio 2013 quando, sotto la minaccia di morte, costrinsero due imprenditori di Frosinone a consegnare loro la somma di 190mila euro. Forti della loro nota pericolosità criminale,, in particolare del 33enne frusiuanate e il 37enne albanese, costringevano altri imprenditori ad operazioni immobiliari svantaggiose, come l’acquisto di uno stabile su cui vertevano debiti di varia natura. Alla testa del gruppo vi era l’imprenditore ripano arrestato il cui nome era legato al fallimento di una sua azienda e, per questo, “ingessato” dal punto di vista imprenditoriale, ma grazie alla capacità estorsiva dei suoi compagni, e ad una serie di falsificazioni di atti, riusciva a recuperare un credito di 66mila euro che sarebbe invece spettato al curatore fallimentare della sua azienda.

4 giugno 2014 0

Novanta camper per una tre giorni di ‘Turismo itinerante’ in piazza Green

Di redazionecassino1

“Una tre giorni che dimostra la bontà di un’iniziativa che vede Cassino fare un altro passo importante verso quello sviluppo turistico che rappresenta una risorsa fondamentale per la nostra città.” A dichiararlo il sindaco, Giuseppe Golini Petrarcone, in merito al 1° Raduno Terra di San Benedetto nel corso del quale oltre 90 equipaggi di camperisti hanno sostato in città. Una tre giorni ricca di avvenimenti che ha ufficializzato l’ingresso della città di Cassino nel circuito virtuoso del Comune Amico del Turismo Itinerante. “La presenza di tanti camperisti a Cassino – ha sottolineato il sindaco durante la cerimonia di consegna della targa – dimostra quanto importante sia stato per il nostro Comune aderire a questo progetto, ideato dalla Federazione Unione Club Amici, che rappresenta una grande opportunità in termini di promozione del territorio. In questi tre giorni Cassino, nonostante le condizioni metereologiche non ottimali, è stata invasa da turisti che hanno sostato in Piazza Nicholas Green ed hanno avuto modo di apprezzare le bellezze monumentali, archeologiche, naturalistiche della città grazie ad due percorsi organizzati che hanno visto i camperisti far visita all’abbazia di Montecassino, al Parco Archeologico, alla villa comunale ed al Museo Historiale. Questo per sottolineare che aver aderito a questa iniziativa significa aver aperto una nuova strada in ambito turistico; una strada che si differenzia dal turismo mordi e fuggi e che va ad abbracciare una fascia di turisti che sosta in città e, quindi, rappresenta anche una risorsa importante per le attività commerciali di Cassino. A tal proposito un ringraziamento voglio rivolgerlo proprio ai commercianti di Cassino che per l’occasione hanno messo a disposizione oltre 40 premi consegnati nel corso della tre giorni del1° Raduno Terra di San Benedetto. Da oggi Cassino ha aperto una nuova frontiera per il turismo e questo è stato possibile grazie all’impegno del settore manutenzione del Comune che ha realizzato il pozzetto per lo scarico delle acque reflue nel parcheggio dell’area archeologica, indispensabile per la sosta dei camperisti, ed all’impegno del camper Club Cassino, in particolare nella persona del vicepresidente nonché coordinatore per il centro Italia dell’Unione Club Amici Bendetto Sinagoga.” L’assessore Danilo Grossi ha ribadito, nel corso della cerimonia di consegna della targa da parte del Coordinatore Nazionale dell’Uca Ivan Perriera, l’importanza di questa iniziativa. “Questa è l’ennesima riprova – ha sottolineato Grossi – che i fatti portano al raggiungimento di risultati importanti. Spesso si parla di turismo in maniera molto generica, noi abbiamo fin da subito invertire questa tendenza attraversi un percorso di ‘targettizzazione’ con appositi pacchetti, progetti ed iniziative che vanno a coinvolgere le varie tipologie di turismo che interessano la città; dal turismo religioso, a quello scolastico, passando per quello archeologico – storico – culturale, fino ad arrivare a quello paesaggistico e da oggi, grazie all’adesione del progetto promosso dall’Uca, anche il turismo itinerante. I primi risultati gli abbiamo già visti nel corso di questo week end con tantissimi turisti che hanno riempito la città e visitato le bellezze di Cassino. Questo significa avere una progettualità seria e soprattutto è la conferma dell’ottimo lavoro svolto in maniera sinergica con tutti questi soggetti che abitualmente operano nel turismo. In conclusione voglio sottolineare ancora una volta quanto importante sia stato realizzare, nonostante qualcuno abbia minimizzato questo aspetto, le opere necessarie per la sosta dei camper. È proprio grazie a quelle opere che Cassino da oggi si apre ad un’altra forma di turismo che porta con sé tanti benefici per l’intera città.”

4 giugno 2014 0

Gli alberi abbattuti al Campo Boario saranno sostituiti, lo dice l’assessore Pietroluongo

Di admin

“All’interno dei lavori che si stanno ultimando in quello che sarà il secondo polmone verde della città (zona ex campo boario), oltre alla demolizione delle vecchie casette che ospitavano le associazioni, che come noto troveranno nuova sede, si sta procedendo ad attuare le indicazioni del corpo forestale relativamente agli alberi pericolanti da abbattere. Giova ricordare, infatti, per fugare qualunque dubbio in merito a scempi ambientali, che la demolizione dei pini marittimi, è susseguente a verifiche e successivi verbali di sopralluogo, svolti da ultimo il 28 aprile scorso, da parte del responsabile del Corpo Forestale dello Stato, rappresentanti dell’associazione Fare Verde, rappresentante dell’associazione C.N.GEI e naturalmente da parte di questo Comune, nell’espressione dei rispettivi agronomi. Dai citati sopralluoghi è emersa la pericolosità della pubblica incolumità dei pini marittimi presenti in loco. Il verbale, inoltre, valuta le condizioni ‘biologiche, fitosanitarie, di stabilità e pericolosità di 16 esemplari arborei di pini marittimi presenti.’ È stato, inoltre, ‘valutata la staticità dei pini marittimi in questione allo scopo di individuare le condizioni di rischio e pericolo derivanti dalle eventuali cadute a terra dei soggetti arborei o delle ramificazioni.’ Il citato verbale conclude ‘ritenendo che i pini marittimi in questione allo stato attuale sono pericolosi sotto il profilo statico e che rappresentano causa di danno o pericolo.’ Esplicitiamo altresì che onde evitare equivoci o fraintendimenti il verbale è stato corredato da planimetria esplicativa con la quale vengono numerati i sedici pini marittimi da abbattere. Nel contempo, nell’attuazione del provvedimento, il servizio UMA (Utenti Motori Agricoli presso il quale ricade la competenza per il rilascio delle autorizzazioni al taglio alberi) del Comune, nell’accogliere la disposizione di abbattimento sopra illustrata, ha disposto contestualmente ‘la compensazione dell’abbattimento dei pini di cui sopra, con la messa a dimora di almeno 25 nuove alberature (tiglio o platano) nell’immediate vicinanze del sito ove insistono i pini marittimi da abbattere, nel rispetto delle modalità e dei tempi previsti dal regolamento forestale.” È quanto emerge in una nota a firma dell’assessore ai lavori pubblici Antimo Pietroluongo.