Giorno: 6 giugno 2014

6 giugno 2014 0

Un telo giallo per salutare il Papa, a San Pietro anche i carabinieri di Alatri

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Con un telo decorato, questa mattina, i carabinieri della compagnia di Alatri hanno salutato Papa Francesco nel corso dell’udienza straordinaria per il Bicentenario dell’Arma dei Carabinieri. Mai tanti uomini della Benemerita si erano visti in piazza San Pietro e, tra loro il Ministro della Difesa e il Comandante Generale, ma soprattutto tante famiglie di militari. Spiccava il gruppo di Alatri per quel disegno con sfondo giallo realizzato proprio dalle famiglie dei militari alatrensi su cui era scritto “I carabinieri di Alatri salutano il Papa” e, disegnata l’immancabile “gazzella” a sirene spiegate. “Continuate ad aprire il cuore alla gente come avete fatto fino ad adesso” ha detto loro il Papa.

Er. Amedei

6 giugno 2014 0

Schianto tra scooter e camion dei rifiuti, muore centauro 32enne di Terracina

Di admin

Si schianta contro un camion della nettezza urbana e perde la vità. La tragedia si è consumata oggi pomeriggio poco dopo le 17.30 sulla via Appia a Terracina al chilometro 95,600. La vittima, un 32enne di Terracina, viaggiava su un motoscooter quando, per cause ancora al vaglio dei carabinieri, si è schiantato contro un camion della raccolta dei rifiuti. Un impatto violentissimo che non ha lasaciato all’uomo margini di salvezza. Sul posto sono accorsi oltre agli operatori del 118, i vigili del fuoco di Terracina.

Foto Giuseppe Miele

6 giugno 2014 0

A spasso con zainetto pieno di droga, sequestrato a Fabrica di Roma 1,5 chili di hashish

Di admin

Se ne andava a spasso con uno zainetto zeppo di hashish. Si tratta di un pregiudicato di origini calabresi, ma residente a Mazzano Romano, fermato dai carabinieri di Ronciglione all’interno di un negozio a Fabrica di Roma (Vt). All’intyerno dello zainetto che portava a spalla, i militari hanno trovato 18 panetti di hashish per un peso complessivo di 1,5 chili. Nel corso della perquisizione dell’auto i carabinieri hanno anche trovato un pugnale a baionetta e un rilevatore elettronico di microspie. L’uomo è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e porto e detenzione di armi bianche.

Er. Amedei

6 giugno 2014 0

Ruba un’auto a Roma e fugge verso Napoli, 35enne finisce nella rete della Polstrada di cassino

Di admin

Nella prime ore della scorsa notte, nell’ambito dei servizi di vigilanza e prevenzione disposti in ambito autostradale, una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino procedeva al controllo di una Fiat Grande Punto che era in transito con una persona a bordo nel tratto della carreggiata sud dell’A1 compreso tra Ceprano e Pontecorvo nel territorio del comune di Roccasecca. Sebbene dal controllo documentale non fossero emerse evidenti anomalie, durante l’ispezione del veicolo gli agenti si accorgevano che la serratura della portiera anteriore sinistra presentava segni di effrazione così come il blocco di accensione; da una più accurata verifica gli uomini della Polstrada accertavano che l’autovettura era stata messa in moto attraverso la manomissione dell’impianto elettrico tramite l’installazione nel vano motore di una centralina modificata. Nell’esaminare approfonditamente gli indizi emersi a seguito del controllo, gli agenti riscontravano che il veicolo era stato sottratto poco dopo l’una di notte a Roma ed era, quindi, entrato in autostrada alla barriera di Roma sud dirigendosi direzione Napoli. Dopo essere stato sottoposto ai rilievi fotosegnaletici di rito, il conducente veniva identificato per P. L. di anni 35 originario della provincia di Napoli e tratto in arresto in flagranza del reato di furto e messo a disposizione della competente Autorità Giudiziaria per il rito direttissimo fissato nella mattinata odierna.

6 giugno 2014 0

FederFauna con Lavoratori Green Hill licenziati per legge: “Governo intervenga”.

Di admin

FederFauna, Confederazione Sindacale degli Allevatori, Commercianti e Detentori di Animali si fa portavoce dei Lavoratori ex dipendenti dell’ormai noto allevamento Green Hill, ora disoccupati e senza speranza di essere riassunti, in quanto, a seguito di un emendamento votato dal Parlamento, che vieta l’allevamento di alcuni animali da laboratorio sul territorio nazionale, la struttura si trova di fatto preclusa ogni possibilita’ di riapertura.

Sono le famiglie dei dipendenti che di fatto si troveranno a pagare il prezzo piu’ alto di questa decisione: la perdita del posto di lavoro senza responsabilita’ alcuna.

Famiglie che gia’ da due anni si ritrovano senza un lavoro a causa di un procedimento giudiziario tuttora in corso e che a causa della predetta norma, fortemente voluta dalla ricca lobby animalista e votata da Parlamentari evidentemente distratti rispetto ai veri problemi del Paese, oggisi trovano oltre che senza lavoro, anche senza speranza di riassunzione.

“In tempi di grave crisi del mercato del lavoro, ci si permette di condannare alla chiusura un’impresa che garantiva occupazione lavorativa a molte famiglie” scrivono gli ex dipendenti di Green Hill in un’accorata lettera indirizzata al Segretario Generale di FederFauna Massimiliano Filippi.

Sino ad ora sono state sottolineate ed esposte le conseguenze di tale decisione che riguardano gli animali e la Ricerca Scientifica: i laboratori italiani, che dovranno acquistare gli animali da allevamenti esteri, gli animali che dovranno subire un viaggio assurdamente stressante, i cittadini che si troveranno a dover acquistare dei farmaci piu’ costosi, ma, alla luce dei fatti, chi ha al momento ha subito il maggior danno concreto sono stati i Lavoratori e le loro famiglie.

FederFauna si unisce pertanto ai Lavoratori ex dipendenti di Green Hill, nel chiedere ai Cittadini tutti che sia ascoltata la loro voce ed ai Legislatori ed al Governo che pongano ripari alla norma.

6 giugno 2014 0

Tutto pronto per il Corteo Storico dell’8 Giugno. Anche quest’anno andrà in scena con più di 300 figuranti

Di admin

Tutto pronto per il corteo storico dell’8 Giugno. La rassegna storico- culturale fabraterna che anche quest’anno andrà in scena con più di 300 figuranti grazie alla collaborazione preziosa delle associazioni del territorio e delle parrocchie. Un lavoro di squadra coordinato dall’Amministrazione comunale per un appuntamento annuale degno di rilievo e di risonanza a livello turistico. Tale corteo ha avuto il parere favorevole della commissione cultura presieduta dal consigliere Mario Spinelli che si dichiara soddisfatto per la grande partecipazione: <<Sul corteo storico c’è il consenso, la partecipazione e l’unanimità di tutti perché si tratta di un evento che ormai fa parte del tessuto connettivo di questa città. Particolare quest’anno c’è stato un gran dispiegamento di forze da parte delle scuole associazioni parrocchie e singoli cittadini per far si che tutto riesca bene nell’interesse collettività.>>

<<L’interesse che il Corteo Storico suscita nella comunità è tale che ogni anno contribuisce a creare un forte spirito di collaborazione – afferma il sindaco Manuela Maliziola- Impegnarsi per un fine comune eleva la comunità e contribuisce a creare qualcosa di positivo per tutti. Il corteo è fonte di richiamo turistico, di crescita culturale, di rievocazione della storia, dei costumi e delle tradizioni locali. Un patrimonio da custodire e salvaguardare ma anche da valorizzare e potenziare per convertirlo in forza di attrazione turistica sempre maggiore e in grado di creare intorno a questo evento promozione territoriale e turistica.>>

Il corteo storico, nell’ottica dell’Amministrazione comunale, punta infatti ad essere accreditato come uno degli eventi dell’anno e collante di un progetto a più ampio respiro turistico finalizzato a mettere in mostra i gioielli storici come il Castello dei Conti che si erge sul punto più alto della città e rievoca un passato importante della storia fabraterna.

<<Uno speciale ringraziamento – conclude il sindaco – a tutti coloro che si sono spesi per la riuscita della manifestazione quindi scuole, parrocchie, associazioni singoli cittadini e al personale del comune che ha coordinato i lavori.>>

Un ringraziamento inoltre va a Unindustria di Frosinone per aver condiviso una bella iniziativa tramite la concezione del patrocinio gratuito, nonché Banca di Credito cooperativo e Banca popolare di Fondi per il loro fattivo contributo. L’Amministrazione comunale invita tutta la cittadinanza a partecipare.

6 giugno 2014 0

Giudice di Pace a Gaeta, sì del Consiglio Comunale alla gestione associata dell’Ufficio

Di admin

Ancora un passo avanti nell’iter per il mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace di Gaeta. Il Consiglio Comunale all’unanimità ha approvato lo schema di convenzione per la gestione associata, con gli altri Comuni aderenti, dell’importante servizio al cittadino.

La delibera consiliare è successiva all’accoglimento da parte del Ministero della Giustizia, dell’istanza con cui i Comuni di Gaeta, Formia, Itri e Ventotene, avvalendosi della facoltà prevista dall’art. 3 comma 2 del Dlgs 156/2012, si sono impegnati a mantenere a loro cura e spese l’Ufficio del Giudice di Pace, ubicato nel palazzo di Calegna, diviso fino a poco tempo con la struttura distaccata del Tribunale di Latina.

Su input del Comune di Gaeta, e grazie all’atteggiamento intelligente e di piena collaborazione dei Comuni aderenti, si sono svolti una serie di incontri finalizzati rendere operativo il decreto ministeriale. In primis le quattro Amministrazioni sono state chiamate a predisporre un piano per l’individuazione del personale amministrativo addetto al funzionamento dell’Ufficio del Giudice di Pace di Gaeta, la cui formazione professionale, in ambito giudiziario, sarà a carico del Ministero della Giustizia. Piano inserito nello schema di convenzione per la gestione associata che ciascun Comune aderente deve approvare con apposita delibera consiliare. Nell’ultima seduta, l’assise cittadina di Gaeta all’unanimità si è espressa a favore di tale Convenzione.

Soddisfatto il Sindaco Cosmo Mitrano per il quale il risultato raggiunto nasce da un lavoro di squadra, condotto in modo efficiente da tutti i Comuni partner, avendo come unico obbiettivo l’interesse ed il benessere delle comunità dei propri territori: “Nessun costo sociale per i cittadini di Gaeta, Formia, Itri e Ventotene, che non dovranno sostenere spese di viaggio per dirimere controversie davanti al Giudice di Pace. Mentre gli utenti delle altre città dovranno recarsi a Latina o a Cassino. Il mantenimento di questo Ufficio a Gaeta risponde ad una chiara istanza popolare che abbiamo raccolto con tempestività e con decisione stiamo portando avanti. E’ un servizio al cittadino fondamentale, in un ambito, quello dell’amministrazione della Giustizia, che è già stato fortemente penalizzato sul nostro territorio. L’Ufficio del Giudice di Pace resterà a Gaeta e saranno i Comuni firmatari della Convenzione ad occuparsi economicamente del suo mantenimento, ripartendosi i costi della gestione associata, secondo lo schema di Convenzione approvato. E’ bene precisare però che si tratta di una convenzione aperta all’eventuale ingresso di altri Enti Locali in aggiunta a quelli iniziali. Siamo sempre più convinti sostenitori della validità delle politiche di governance territoriale: solo mettendo insieme le nostre risorse saremo in grado di erogare servizi efficienti ed efficaci al cittadino, superando gli ostacoli e i tagli imposti dalla spending review. Ringrazio i miei colleghi del Golfo per aver condiviso con impegno e fattiva operatività quest’importante iniziativa”.

6 giugno 2014 0

L’assessore di Cassino Consales riceve il premio internazionale di Ecologia Verde Ambiente

Di admin

“È stato un onore ricevere questo premio nella meravigliosa sala consiliare del comune di Sorrento insieme a tante altre personalità italiane e straniere. Un riconoscimento che testimonia il buon operato che l’Amministrazione Petrarcone ha portato avanti in questi anni con diverse iniziative importanti finalizzate alla tutela dell’ambiente e quindi all’intesse collettivo dell’intera cittadinanza.” A dichiararlo l’assessore all’ambiente del Comune di Cassino, Riccardo Consales, a margine della premiazione che si è tenuta a Sorrento in occasione del Premio Internazionale di ecologia Verde Ambiente 2014 giunto alla sua quarta edizione. Un prestigioso riconoscimento che viene assegnato a coloro che si sono distinti nella difesa e nella tutela del territorio, del patrimonio artistico e intellettuale, che hanno combattuto l’illegalità e coloro che hanno strenuamente difeso i valori della solidarietà e della pace. “Si tratta di un evento – ha sottolineato Consales – patrocinato dalla Commissione Europea, dalla Presidenza della Repubblica, dal Senato della Repubblica, dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e che giunto alla sua IV edizione, quella di quest’anno appunto, ha ricevuto anche la Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana. Questo fa capire ancora di più la valenza di un riconoscimento che premia l’operato della nostra Amministrazione nella difesa e nella tutela del territorio. Un vero e proprio attestato che dimostra quanto è stato fatto in questi tre anni nel corso dei quali Cassino è entrato di diritto tra quei comuni virtuosi capaci di attenersi a quelle che si è soliti definire ‘le buone pratiche’. Mi riferisco nello specifico, per quanto concerne la nostra città, all’avvio della raccolta differenziata porta a porta che è ormai a pieno regime, all’adesione alla ‘Strategia Rifiuti Zero’, all’installazione di distributori alla spina di acqua e latte sul territorio comunale e alle tante iniziative messe in campo in materia di mobilità ecosostenibile. La premiazione, inoltre, ha rappresentato anche un’importante occasione di confronto su temi strettamente correlati alla difesa dell’ambiente, alla promozione e tutela dei diritti civili e sociali, alla comunicazione ambientale e alla responsabilità sociale. Aver ricevuto questo premio non solo è un onore perché è la dimostrazione che quando si lavora bene e con serietà i risultati si ottengono, ma è soprattutto uno stimolo per continuare su questo percorso che l’Amministrazione ha intrapreso che ha l’obiettivo di rendere la Cassino una città sempre più moderna ed attenta alla tutela dell’ambiente e quindi alla salute dei cittadini

Di seguito si riporta l’elenco completo dei premiati: Gianfranco Amendola,  magistrato; Franco Arminio, paesologo; Paolo Berdini, urbanista; Gianfranco Bettin, vice sindaco di Venezia, Domenico Britti, professore clinica veterinaria; Licia Colo’, giornalista, Riccardo Consales, Assessore all’ambiente comune di Cassino; Cooperativa CO.R.A.G.GIO, cooperativa romana agricoltura giovani; Giulia Maria Mozzoni Crespi, fondatrice Fondo Ambiente Italiano FAI; Isabella Dalla Ragione, agronomo; Vezio Emilio De Lucia, urbanista; Michele Dotti, educatore alla mondialità; Pippo Gianoni, ingegnere forestale; Federico Infascelli, professore medicina veterinaria; Nilson Carlos Moulin Louzada, scrittore brasiliano; MSC CROCIERE, compagnia di navigazione; Pier Paolo Poggio, direttore Fondazione Micheletti; Luisa Sodano, medico ambientale; Chiara Tonelli, Architetto e Simone Vieri, professore politica agricola internazionale.

6 giugno 2014 0

Negozio di capi contraffatti in centro ad Aprilia. Sequestrati 200 indumenti

Di admin

Un negozio in centro ad aprilia vendeva capi “rigorosamente” contraffatti. A scoprirlo è stata la guardia di finanza del comando provinciale di Latina che ha sequestrato nel noto negozio di abbigliamento situato nella zona centrale della città, centinaia di capi, tra t-shirt, polo e giubbini riportanti i marchi di note case di moda contraffatti.

I militari della tenenza di Aprilia infatti, nel corso di un servizio di controllo del territorio volto alla prevenzione e alla repressione della contraffazione disposto dal comando provinciale di Latina, hanno riscontrato, all’interno di un negozio apriliano, l’esposizione per la vendita di alcuni capi di abbigliamento riportanti i segni distintivi contraffatti di note griffe straniere, quali “Fred Perry” e “Ralph Lauren”, in grado di trarre in inganno gli ignari clienti.

Le fiamme gialle, insospettite dal prezzo troppo basso della merce in esposizione, dopo i preliminari riscontri, hanno effettuato la perquisizione del punto vendita e del relativo magazzino, individuando pià di 200 capi riportanti loghi contraffatti.

Gli stessi, seppur impressi su tessuti di scarsa qualita’, risultavano all’apparenza completamente identici a quelli originali e quindi idonei a far apparire la merce come provenienti da un determinato produttore.

L’operazione ha portato, oltre che al sequestro dei capi contraffatti, anche alla denuncia all’autorita’ giudiziaria del titolare dell’esercizio commerciale (l.s. queste le iniziali) e del responsabile del settore acquisti del negozio (p.f. queste le iniziali) entrambi apriliani ai sensi degli artt. 474, 515 e 517 c.p.

6 giugno 2014 0

Fiamme in appartamento a Sezze. Palazzina inagibile e due famiglia senza casa

Di admin

Un appartamento in via Corradini a Sezze, questa notte, è stato letteralmente distrutto dalle fiamme. L’allarme è arrivato alla centrale dei vigili del fuoco di Latina appena qualche minuto dopo la mezzanotte ma quando i pompieri sono arrivati davanti la palazzina su due piani, le fiamme erano già alte e si erano propagate per l’intero appartamento. Ci sono volute due ore di lavoro per domare l’incendio innescato, probabilmente da un corto circuito. Tutti sani e salvi gli occupanti dei due alloggi ma dovranno cercarsi una nuova casa dato che l’intera palazzina è stata dichiarata inagibile.