Giorno: 7 giugno 2014

7 giugno 2014 0

Cade da gradinata durante la partita per la serie B del Frosinone, tifoso 45enne di Alatri è in gravi condizioni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un 45 anne di Alatri, tifoso del Frosinone, è rimasto gravemente ferito, oggi pomeriggio durante la partita di calcio Frosinone Lecce valevole per i Play Off per l’accesso alla serie B. L’uomo è volato giu da una gradinata battendo violentemente la testa a partita iniziata. Immediati i soccorsi del 118 che lo hanno trasportato prima in ospedale a Frosinone e, in tarda serata, è stato trasferito nel reparto di neurochirurgia dell’Umberto I di Roma. Le sue condizioni sono molto gravi.

7 giugno 2014 0

Calcio , il Frosinone piega il Lecce e torna in serie B

Di admin

Piegato il Lecce per 3 a 1 e il Frosinone torna in serie B. La favola dei canarini sembrava tramontata quando al 20esimo i pugliesi sono passati in vantaggio che è durato per altri 20 minuti. Poi il vantaggio dei ciociari con risultato bloccato fino ai supplementari quando i padroni di casa, apparsi molto più tonici e aggressivi, hanno piegato la difesa leccese bucando per altre due volte la porta. Al triplice fischio è “scoppiata” la festa in città. Er. amedei

7 giugno 2014 0

Alatri, ladri annidati nei tubi di areazione, scovati ed arrestati

Di admin

Sorpresi a rubare tentano la fuga nel condotto di areazione del locale. E’ accaduto questa notte in località Tecchiena di Alatri dove, alcuni residenti hanno segnalato ai carabinieri rumori sospetti provenire dall’interno del Bar Laguccio. Immediatamente i militari comandati dal capitano Antonio Contente hanno circondato il locale impedendo ogni via di fuga. A quel punto sono entrati in forze trovando le slot machine forzate ma dei malviventi nessuna traccia. Sembrava che si fossero dileguati nel nulla anche se l’accerchiamento del locale era stato tempestivo. Il mistero è stato svelato non appena i militari hanno ispezionato i condotti di areazione all’interno dei quali, seppur strettissimi, erano annidati due giovanissimi rumeni residenti in zona. Il loro piano, quasi riuscito, era spettare che i militari, effettuati i rilievi, i allontanassero per tentare la fuga. Costyretti ad uscire, sono stati perquisiti e trovati in possesso dei 5mila euro trafugati dalla slot machine.

7 giugno 2014 0

Latina, discoteca super affollata, serata interrotta e 11 persone denunciate

Di admin

Hanno venduto il triplo dei biglietti rispetto alla capienza del discoteca creando un pericolo enorme per alcune migliaia di giovanissimi. Per questo 12 persone di Latina, dei quali 11 organizzatori e il proprietario della discoteca, sono stati denunciati dai carabinieri. I fatti risalgono alla notte tra il primo e il due giugno, quando nella discoteca Bambù di Latina, si sono accalcate migliaia di giovani. I carabinieri di Borgo Sabotino, incuriositi dall’enorme flusso di ragazzi, hanno deciso di effettuare un controllo trovando ammassati, all’interno della discoteca, circa un migliaia di persone mentre altrettanti erano accalcati all’esterno, e spingevano per entrare nonostante la capienza del locale fosse i 400 persone. I carabinieri, quindi, sono intervenuti sancendo la chiusura del locale e anche per ricondurre alla ragione quei giovani che avevano pagato il biglietto senza poter entrare. Oggi a fine indagine, gli organizzatori e il proprietario della discoteca sono stati denunciati.

7 giugno 2014 0

“A spasso con la musica”, concerto di fine anno alla Scuola Media Di Biasio di Cassino

Di admin

Due gli spettacoli organizzati venerdì pomeriggio (alle 16 e alle 17.30) in unAuditorium stracolmo di presenze e di emozioni. Due i concerti vocali-strumentali andati in scena per celebrare il lavoro svolto da tutto ilI Istituto Comprensivo di Cassino, guidato dalla dirigente Maria Rosaria Di Palma e coordinato dalla docente, funzione strumentale, Maria Adele Saroli. La manifestazione, curata in ogni minimo dettaglio, ha rappresentato il tentativo di contribuire alla sensibilizzazione e alla crescita del bambino della scuola dell’infanzia e primaria fino all’adolescente della secondaria di I grado. Il logo dell’albero con le note musicali, scelto per simboleggiare l’evento dal titolo “A spasso con la musica”,ne ha incarnato la sintesi creativa. “Il progetto-ci dice la prof.ssa di flauto Giovanna Colacicco-si è posto come principale finalità quella di educare alla musica, di promuovere la socializzazione e il rispetto, la comunicazione culturale e sonora, la ricreazione dello spirito e del corpo,l’apprezzamento della bellezza dell’arte musicale, inserita in un contesto socio-culturale più ampio”. L’esibizione è nata dal lavoro degli alunni, dei docenti di Strumento Musicale della Scuola Media Di Biasio e delle insegnanti della Scuola Primaria e dell’Infanzia ai quali, durante l’evento, sono andati i dovuti ringraziamenti. Il saggio ha presentato una serie di brani realizzati per l’apprendimento dei quattro parametri fondamentali della musica: Altezza, Intensità, Timbro, Durata. Pertanto, i tre ordini di scuola hanno affrontato i diversi obiettivi riferiti ai quattro parametri, ciascuno dando un apporto significativo alla realizzazione della performance musicale. Il programma del concerto, applaudito in ogni singola esibizione, ha così presentato i seguenti brani: il “Canone di Pachelbel” per sola orchestra, la filastrocca “Noi siam come”, il brano strumentale “Il principe solitario”, il brano “Solo Re”, la“Variazione sul tema del Brandeburghese n. 3 di J. S. Bach” eseguito solo dall’orchestra, “Radetzky march” di J. Strauss, la cantilena “Piove pioviccica, la melodia di origine inglese “London bridge”, il brano “Pirati dei Caraibi” di H. Zimmer, le“Tre Danze Irlandesi”, la filastrocca “Ala Mala”, i brani “Pianissimo” e “Oh when the saints”. Un enorme lavoro quello dei docenti di strumento che ha già avuto un suo coronamento.Con il brano “Variazione sul tema delBrandeburghese n. 3 di J. S. Bach”, curato dalla prof.ssa di violino Antonella Musilli, una rappresentanza degli alunni del Corso di Strumento musicale ha vinto il primo Premio, con votazione 100 su 100, al Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale “Città di Airola”. Gli alunni sono Arianna Santorsola, Cristiano D’Acunto, Lorena Evangelista, Anna Maria Iannuzzo (della Classe di Violino della prof.ssa Musilli), Matteo Spacagna, Antonio Capezzone, Elisa Spina, Elena Marrocco (della classe di Flauto della prof.ssa Colacicco).

7 giugno 2014 0

Corteo Storico a Ceccano, anche il Liceo sfila alla Corte di Annibaldo

Di admin

Saranno in 6 a contendersi il Palio di Egidia, madre del Conte Giovanni I de Ceccano, una delle prime donne in Europa a recarsi a piedi a Santiago di Compostela. Sarà, domenica 8 giugno pomeriggio a Ceccano, in Piazza XXV Luglio, il momento centrale del Corteo Storico che ricorda il passaggio nella cittadina fabraterna di Annibaldo IV, segretario di stato di Clemente VI, ad Avignone. Siamo nel giugno del 1350 ed Annibaldo, legato pontificio nell’Urbe per il II Giubileo, viene inviato dal papa in ambasceria a Napoli, dove regnano Giovanna d’Angiò e Ludovico d’Ungheria. La corte prenderà le mosse dal Liceo alle ore 16,30. Annibaldo sarà accolto da suo fratello, Tommaso II, conte di Ceccano, che mette in mostra la ricchezza di una contea viva e potente: in 200 rappresenteranno il trionfo dei de’ Ceccano nello splendore degli abiti del XIV secolo. Al fratello cardinale, Tommaso offre un Palio che viene disputato da 6 cavalieri, ciascuno dei quali rappresenta una delle porte della città: Porta Castello (cui fanno riferimento il Boschetto, il quartiere Di Vittorio, le contrade Peschieta e Callami) Porta S. Giovanni (con la Madonna della Pace, Grutti, Pescara, Colle Alto, Badia) Porta Nuova (con Borgo Garibaldi, Rifugio, via Gaeta, Maiura, Cardegna, Spina) Porta Abbasso (con il Ponte, S. Maria, Casamarciano, Farneta), Porta S. Angelo (con Borgata, Stazione, Acquasanta, Colle Pirolo, Casette) e Porta S. Pietro con Vigne Vecchie, Colle Leo, Colle S. Paolo, Faito). Il corteo raggiungerà Piazza XXV Luglio dopo un altro momento significativo. In Piazza Madonna della Pace, Annibaldo incontrerà sua madre Perna Stefaneschi cui renderà omaggio. Quindi l’emozionante giostra dell’anello e l’assegnazione del Palio ad una delle porte. Nella prima edizione toccò a Porta S. Giovanni, ora, da tre anni, ne è detentrice Porta Castello. Insieme alla corte sfileranno i gonfaloni delle contrade. Il corteo storico è organizzato dal comune di Ceccano ed è frutto di un progetto didattico iniziato dal Liceo Scientifico e Linguistico di Ceccano e che coinvolge ora altre scuole di Ceccano: l’Itc, L’Istituto Comprensivo Ceccano I, ‘Istituto Professionale Alberghiero Michelangelo Buonarroti e la Scuola Primaria Paritaria S. Giovanna Antida: assieme a loro partecipano diverse associazioni e tanti cittadini di Ceccano. Il coordinamento generale per il Liceo è della prof.ssa Stefania Alessandrini, responsabile del progetto Annibaldo al Liceo Scientifico, le scenografie ideate da Domenico Cipriani e realizzate ora da Saulo Lombardi. Tutti i personaggi del corteo erano realmente esistenti nel 1350, al momento dell’arrivo del cardinale nella sua terra natìa.

7 giugno 2014 0

Caldo, Coldiretti: “Atteso da 4 ciociari su 10 ma è allarme colpi di calore”

Di admin

L’arrivo del grande caldo era atteso da piu’ di 4 ciociari su 10 che hanno per l’estate l’obiettivo dichiarato della tintarella ma il repentino sbalzo termico rischia di avere pesanti effetti sulla salute delle persone piu’ a rischio come gli anziani ed i bambini che sono piu’ soggetti ai colpi di calore. E’ quanto afferma la Coldiretti che ha elaborato un vademecum da seguire con l’arrivo del grande caldo per favorire il raffreddamento del corpo ed evitare la disidratazione attraverso comportamenti corretti ed una giusta alimentazione. Si tratta – sottolinea il direttore della sede frusinate Saverio Viola – di consigli utili da seguire per quanti prevedono di stendersi anche per 5 o piu’ ore al giorno mentre solo una minoranza del 10 per cento preferisce mantenere la pelle color latte, sulla base di una indagine Gfk Eurisko. Soprattutto all’inizio della stagione è bene seguire secondo la Coldiretti alcune regole di buon senso e ridurre al minimo le esposizioni ai raggi solari, specie nelle ore centrali della giornata, vestirsi con abiti leggeri chiari di cotone o in altre fibre naturali, fare docce tiepide, stare in luoghi ombreggiati, truccarsi in modo leggero ed usare profumi con essenze naturali, ma soprattutto un’alimentazione con acqua e cibi rinfrescanti come frutta e verdura di stagione, ricche di potassio, calcio e ferro, indispensabili per rinvigorire l’organismo e reintegrare acqua e sali minerali persi con l’eccessiva sudorazione, sono alcune regole da seguire secondo la Coldiretti. Nel dettaglio si consiglia di:

1) Evitare di uscire di casa nelle ore piu’ calde e comunque di proteggersi eventualmente con cappello, occhiali da sole e creme adeguate;

2) Vestire con abiti leggeri non aderenti preferibilmente di fibre naturali per assorbire meglio il sudore e permettere la traspirazione della pelle;

3) Truccarsi in modo leggero e usare profumi di essenze naturali;

4) Mantenere fresca la casa con tapparelle e persiane chiuse, alle finestre esposte verso il sole. Chiudere le finestre durante il giorno e aprirle durante le ore piu fresche della giornata per consentire il ricambio dell’aria;

5) Fare bagni e docce con acqua tiepida frequenti o bagnarsi viso e braccia con acqua fresca;

6) Limitare l’attività fisica o lavorativa all’aperto soprattutto nelle ore piu’ calde;

7) Quando si parcheggia la macchina non lasciare mai, nemmeno per pochi minuti, persone o animali nell’abitacolo e prima di riprenderla è necessario aprire i finestrini e gli sportelli;

8) Evitare di consumare cibi con sodio in eccesso per cui vanno banditi alimenti con curry, pepe, paprika e sale in abbondanza, ma anche salatini e piatti nei quali sia stato utilizzato dado da cucina che favoriscono l’insonnia;

9) Bere frequentemente e consumare frutta e verdura che sono fonte di vitamine, sali minerali e liquidi preziosi per mantenere l’organismo in efficienza e per combattere i radicali liberi prodotti come conseguenza dell’esposizione solare ma carote, radicchi, albicocche, meloni, pesche e ciliegie sono anche abbronzanti per il contenuto in vitamina A o caroteni che “catturano” i raggi solari;

10) Se si acquistano scorte di frutta e verdura bisogna mantenere separata quella che si intende consumare a breve da quella che si intende conservare più a lungo: la prima può essere messa in un portafrutta al buio eventualmente coperta da un tovagliolo e comunque lontano dai raggi del sole, mentre la seconda va posta in frigorifero, ma lontano dalle pareti refrigeranti.

7 giugno 2014 0

Il Comune di Patrica chiede all’Arpa e alla Asl controlli sulle antenne per la telefonia cellulare

Di admin

Le continue proteste dei cittadini e le segnalazioni di disturbi nella ricezione dei segnali radiotelevisivi hanno indotto l’amministrazione comunale di Patrica ad assumere una netta e decisa posizione contro l’impianto per la telefonia cellulare della Vodafone Omnitel.

Così, il sindaco Denise Caprara e il Presidente del Consiglio Comunale Stefano Belli hanno scritto all’Arpa Lazio, alla Asl, al Ministero per lo Sviluppo Economico nonché alle autorità locali come il presidente della Regione e il Prefetto. La stessa segnalazione, infine, è stata trasmessa alla Procura della Repubblica.

Con la nota, l’amministrazione comunale chiede una verifica urgente “per presunto inquinamento da radiazioni elettromagnetiche” della stazione per la telefonia cellulare, posizionata in via Passeggiata Kennedy, n.1.

In verità l’amministrazione comunale ha già attivato l’iter giudiziario per evitare l’installazione dell’antenna (un traliccio di 6 metri) della società Vodafone sul tetto di una abitazione privata. “Ma nulla si è potuto – scrive l’amministrazione comunale – innanzi alla giustizia amministrativa”.

“Il problema è di buon senso – spiegano Caprara e Belli – L’antenna si trova in una zona densamente popolata. Basta spostarla in altra zona del Paese lontana dalle abitazioni, per esempio verso il Cimitero. Da parte nostra c’è la massima disponibilità a trovare soluzioni alternative. Ma se il traliccio si trova a ridosso delle case non possiamo non dar ragione ai cittadini”.

Nelle immediate vicinanze dell’impianto è presente, tra l’altro, anche la scuola elementare e media Capoluogo e (osservano gli amministratori) tale circostanza potrebbe incidere sulla popolazione infantile “particolarmente a rischio”.

Recenti studi scientifici – spiegano gli amministratori – “hanno dimostrato che l’esposizione a lungo termine provoca danni alle cellule, causando nell’uomo un significativo aumento dei casi di tumore, con un rischio sette volte maggiore rispetto ad una popolazione non esposta a tali onde; benché i ricercatori siano concordi nell’affermare che sono stati necessari studi a lungo termine, condotti nell’arco di alcuni anni, per poter ottenere risultati definitivi in materia”.

Ma non è tutto, perché negli ultimi tempi la popolazione ha anche lamentato gravi disturbi nella ricezione del segnale radiotelevisivo “verosimilmente – spiegano dal Comune – derivante dall’innalzamento del livello di trasmissione del segnale da parte della società che gestisce il servizio di telefonia”.

Dunque, poiché il problema dell’elettromagnetismo è legato ad un ipotetico inquinamento “invisibile” e “inodore” l’amministrazione comunale chiede la massima attenzione. Tra l’altro lo stesso Parlamento Europeo, a seguito dell’esame e della discussione di un rapporto contenente un’ampia rassegna degli studi e dei risultati sugli effetti biologici e sanitari delle radiazioni, ha approvato da molti anni una risoluzione con cui si chiede alla Commissione di presentare misure, norme e regolamenti da adottarsi prendendo a riferimento “il principio di precauzione” , in base al quale “in caso di dubbio è preferibile evitare rischi”.

“Certo – proseguono Caprara e Belli – anche noi usiamo il cellulare poiché, come tutti, siamo consumatori di tecnologia. Ma proprio per questo siamo disposti a trovare soluzioni alternative allo scopo di salvaguardare, prima di tutto, la salute e il bene di tutti”.

Ecco perché l’amministrazione ha chiesto all’Arpa e alla Asl una verifica ed un monitoraggio tecnico, al fine di accertare che il livello di trasmissione della potenza del segnale rientri nei limiti di legge.

Infine Caprara e Belli lanciano un appello a tutti i consiglieri (in particolare a quelli di minoranza) per sostenere questa causa, “perché difensori dell’ambiente e del bene comune lo si è con i fatti, e non solo con le parole”.

Stefano Belli, Presidente del Consiglio Comunale di Patrica

7 giugno 2014 0

Gaeta, Medievalia…cultura, arte, spettacoli dal Medioevo, domenica dalle ore 17.30 alle ore 20.15, Piazzetta San Salvatore

Di admin

Domenica 8 Giugno 2014 dalle ore 17.30 alle ore 20.15, presso la Piazzetta San Salvatore attigua al Museo Diocesano prende il via Medievalia – corsi di cultura del Medioevo – VI edizione, con un pomeriggio dedicato ad esplorare il tema “Salvare l’anima, curare il corpo” nel Medioevo, patrocinato dal Comune di Gaeta ed organizzato grazie all’ospitalità e alla collaborazione logistica del “Museo Diocesano.

Ecco il programma spiegato dagli organizzatori: “La salvezza dell’anima, il raggiungimento della beatitudine nella vita ultraterrena eterna è l’obiettivo del cristiano, sin dalle origini. E la Chiesa, corpo vivo di Cristo sulla Terra, ha da sempre lavorato per questo. Seguendo il dettato evangelico, la Chiesa militante si è preoccupata di curare i corpi in cui le anime da salvare vivevano. Nel Medioevo, con la nascita di frequentate direttrici di pellegrinaggio nacquero ospizi ed ospedali. Di questo e della singolare fioritura di Annunziate in Terra di Lavoro tratterà la conferenza Presenza religiosa e assistenza in Terra di Lavoro (relatore P. Di Lorenzo). Seguirà laconferenza/dimostrazione Curare con le erbe nella quale Laura Di Giugno illustrerà ruolo, proprietà e storie legate alle erbe guidando i partecipanti a riconoscerle ed a gustarne con i sensi le fragranze. Chiuderà il programma delle relazioni il laboratorio / dimostrazione Esercizio della mente e cura del corpo: la danza del Quattrocento volto a dare un piccolo assaggio di come la cura (anche intellettuale) del corpo attraverso la danza di corte fosse un’attività nobile e cruciale nel Medioevo. Alle 19.45 terminerà il programma del pomeriggio medievale il concerto / spettacolo “Miracoli della Vergine” eseguito dal Gruppo Vocale, Strumentale e di Danza Antica “Ave Gratia Plena” in costume medievale e con strumenti copie di quelli dell’epoca: in programma brani tratti da celebri codici manoscritti spagnoli sul tema del pellegrinaggio, della devozione alla Vergine e delle grazie da Ella concesse ai suoi devoti”. I dettagli sul sito: www.vicusmedievalis.altervista.org.

Medievalia 2014 – VI edizione – è inserita nel cartellone del festival di musica medievale, rinascimentale e barocca “Il Trionfo del Tempo e del Disinganno”, XXI edizione, promosso dall’Associazione Culturale “Ave Gratia Plena” e dall’Associazione Culturale “Francesco Durante” in collaborazione con Associazioni e Comuni delle province di Napoli, Caserta, Campobasso, Benevento, e proseguirà con un fitto programma di eventi fino al 16 Ottobre. Programma completo sul sito: www.trionfo.altervista.org.

In concomitanza con il pomeriggio medievale, organizzato da Comune di Gaeta, ADV Consulenze e servizi, I Tesori dell’Arte e Amici di Gaeta, è in programma un evento del cartellone de “Il Cortile dell’Arte”, con la mostra d’arte contemporanea “Percorso nell’Arte… Dall’Italia all’Estonia” e l’esposizione di lavori artigianali. La mostra sarà allestita nel Museo Diocesano che per l’occasione sarà aperto Domenica 8 Giugno dalle 10 alle 13 e dalle 16.30 alle 19.30.

Ingresso libero.

7 giugno 2014 0

Memorial day per Nino Manfredi, tutto esaurito a Frosinone per il concerto della Banda della Polizia di Stato

Di admin

Nello storico teatro comunale della città si è svolto ieri il concerto della Banda musicale della Polizia di Stato, magistralmente diretta dal Maestro Maurizio Billi, per ricordare i dieci anni dalla scomparsa dell’attore Nino Manfredi.

L’evento, organizzato in collaborazione tra la Questura di Frosinone, l’Aci, la Camera di Commercio il Comune di Frosinone, la Provincia e l’associazione Società del Cinema, ha voluto esprimere, nell’esecuzione di celebri brani, il senso di vicinanza della Polizia di Stato alla gente.

L’alto profilo artistico dell’interpretazione e del programma proposto, arricchito della voce di un soprano e di un tenore, ha incantato la folta platea del Nestor che ha risposto entusiasticamente con calorosi e prolungati applausi e con la richiesta di “bis”.

L’omaggio devoluto all’attore scomparso, nato in questa terra generosa di talenti, ha voluto esprimere il profondo legame della Polizia di Stato ad un attore che, in quanto figlio di un maresciallo della Pubblica Sicurezza, non ha mai dimenticato nella vita e sul palcoscenico le sue origini, né tantomeno gli insegnamenti paterni legati ai valori della legalità e della giustizia.

Suoni e musiche celebri, da Giuseppe Verdi a Bize, a Lehàr e Morricone hanno dato voce ai cento strumenti presenti in sala toccando le corde più intime di tutti gli spettatori.

La cerimonia si è conclusa con la consegna del “Nino d’Oro” a Luca Manfredi, figlio dell’artista ed al Maestro Billi.