Giorno: 15 giugno 2014

15 giugno 2014 0

Roberto Benigni salvi l’Italia da questo Inferno Dantesco

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Tre ex ministri arrestati, altrettanti sotto inchiesta, sindaci e presidenti di regioni in galera, parlamentari inquisiti per cui il parlamento ha già dato l’assenso a procedere all’ arresto, politici latitanti, comandanti della Guardia di Finanza corrotti e magistrati pure. E stiamo parlando solo di fatti accaduti nell’ultimo mese. Mondiali di Nuoto, G8, Expo e Mose. Perfino sulla ricostruzione post- terremoto dell’Aquila hanno rubato. L’ Italia è messa molto male, è inutile farsi illusioni. Siamo in balia di una classe dominante che non ha alcun freno perché essa stessa ha creato un sistema che genera impunità. Infatti, nel nostro paese, la certezza della pena è un problema che riguarda solo i rubagalline. Chi della casta ha a che fare con mafia, tangenti e corruzione, se scoperto, si farà al massimo qualche settimana di carcere. Poi tra arresti domiciliari e servizi sociali sarà di nuovo inserito nel marcio sistema. Permeato di questa mentalità che punta sempre a farla franca, il premier Renzi si è detto indignato per lo scandalo del Mose di Venezia ed ha detto che i corrotti vanno cacciati. Non ha pronunciato la parola galera. La cosa non è sfuggita a Roberto Benigni che il giorno dopo ha rimarcato il fatto, tra gli applausi della gente. Ma, purtroppo, caro Benigni, loro si fanno le leggi e loro decidono a chi applicarle. Abbiamo dato le chiavi di casa ad una banda di ladri ed ora di cosa ci vogliamo lamentare? Certo, la logica direbbe che un pubblico ufficiale o un politico che, approfittando della sua posizione di potere, si macchiasse di un reato gravissimo come quello della corruzione o dell’affiliazione malavitosa, dovrebbe avere un’aggravante della pena perché il danno alla collettività è incalcolabile. Diciamo che il giusto sarebbe una condanna a 30 anni (senza sconti) con la confisca di tutto il proprio patrimonio e l’interdizione perpetua ai pubblici uffici, anche per i familiari. Chi uccide la democrazia ed il futuro dei nostri figli, merita l’ergastolo. Ma, caro Roberto, chi mai farà una legge del genere? Ci vorrebbe una Legge di Iniziativa Popolare. Magari promossa da un personaggio pubblico amatissimo dalla gente. Un genio. Un Oscar. Che abbia voglia di combattere per tirare fuori l’Italia da quest’ Inferno dantesco.

15 giugno 2014 0

Madre superiora cade e si ferisce durante messa a Cassino, funzione sospesa e corsa in ospedale

Di admin

Incidente durante la santa messa, questa mattina poco prima delle 13, nella chiesa di Sant’Antonio a Cassino. La funzione era arrivata all’ecaurestia e per questo, suor Ester Cicala, madre superiora delle suore Stigmatine di Cassino, ha perso l’equilibrio cadendo e battendo la testa sugli scalini davanti all’altare. Immediatamente soccorsa, la religiosa 75enne ha perso comunque moto sangue da una ferita alla testa. nonostante questo era vigile fino all’arrivo di una ambulanza e della polizia. La messa è stata sospesa e la ferita trasportata in ospedale e sottoposta ad esami medici.

15 giugno 2014 0

Memory hole: stasera al Camusac Peppe Servillo tra architettura e memoria

Di admin

Nell’ambito della ricorrenza del 70° anniversario dalla distruzione di Cassino si è voluto affrontare una ricerca urbanistica su ciò che resta della città pre bellica e sottolinearne le tracce rimaste dopo il bombardamento. Il tema della ricerca sono le Memory Holes ovvero i segni delle bombe esplose e fotografate durante il bombardamento ed oggi visibili grazie alla documentazione fotografica di guerra. In tal senso si è voluto da un lato evidenziare i luoghi dove allora ci furono le esplosioni e dove oggi esiste la quotidianità di Cassino. Il progetto, curato dallo studio londinese Paul Maurphy Architects nasce da una idea di Dante Sacco e ci porta alla conclusione che, al di là di poche strade interne, gli elementi materiali rimasti del 1944 sono per lo più il paesaggio e le montagne. La chiostra di monti intorno a Cassino diviene il legame indissolubile tra ieri ed oggi: quelle stesse colline e montagne da cui partiva l’avanzata dei militari, si trasformavano in rifugio dei civili per sfuggire ai cannoneggiamenti che portarono alla completa distruzione di Cassino e Montecassino. In tali luoghi, secondo gli architetti impegnati nel progetto, andrebbero installati dei luoghi di sosta e percezione dove vivere l’esperienza del paesaggio mutato di Cassino e da dove rivivere il tempo di attesa dei militari e civili che assistettero all’immane errore della distruzione. La memoria del paesaggio verrà in tale progetto evidenziata con l’inserimento di passerelle aeree che dai sruderi di san germano portano direttamente a rocca Janula mentre presso il Museo Historiale, l’idea progettuale prevede una nuova costruzione di un centro della e per la memoria collettiva della Guerra Mondiale dove, attraverso una installazione in acciaio, segnare i nomi di tutti i caduti senza distinzioni in elenchi o partizioni nazionali. Tale nuvola di nomi, servirà da monito affermando che i caduti, civili e militari, oggi devono necessariamente condividere lo spazio della memoria e convivere nella speranza che le guerre siano solo storia e mai più presente. Per far comprendere meglio ciò che è oggi la città di Cassino ci sarà una lettura speciale di un testo di Dino Buzzati che nel 1949 assistette da cronista al passaggio del giro d’Italia tra le macerie della guerra. Il brano, su invito di Dante Sacco sarà interpretato dal cantante attore Peppe Servillo che ha accolto immediatamente questa scommessa per la memoria e per la città di Cassino. (link: http://www.paulmurphyarchitects.co.uk –   http://www.camusac.com – www.summaocre.com)

Presentazione del Progetto Memory Hole Location Festival LUNATICA presso CAMUSAC via Casilina Sud 1 ore 20-30 Interventi : Paul Murphy – Mario Sacco – Dante Sacco Organizzazione Paul Murphy Architects – Progetto Summa Ocre – Cantieri Etnici – Fondazione Longo TEMA: Architettura e Memoria Artista ospite: Peppe Servillo

15 giugno 2014 0

Il “Giorgio Ferrera Trio” alla Lunatica Jazz del CaMuSac

Di redazionecassino1

Grande serata di musica, ieri sera, alla Lunatica Jazz del Ca.Mu.Sac. di Cassino con il Giorgio Ferrera Trio. Alessandro Del Signore, al contrabbasso e Pierluigi Tomassetti alla batteria con Giorgio Ferrera hanno dato vita ad una serata di buona musica. Giorgio Ferrera, pianista e compositore, diplomato brillantemente presso il Conservatorio “Alfredo Casella” di L’Aquila dove successivamente consegue la Laurea in Discipline musicali di II livello ottenendo il massimo di voti e la lode. Nel 2001 frequenta i Corsi Internazionali di interpretazione musicale dell’Accademia Chigiana di Siena sotto la guida del Maestro Jaoquin Achucarro e nel 2003 e 2004 i Corsi Internazionali di interpretazione musicale di Norcia (Perugia) sotto la guida del Maestro Drahomira Biligova. Parallelamente agli studi classici prende parte a diversi progetti musicali che spaziano dalla musica contemporanea a quella leggera fino ad arrivare alla musica antica. Negli anni del conservatorio approda al jazz studiando improvvisazione, composizione ed arrangiamento con Giancarlo Schiaffini, Ramberto Ciammarughi e Stefano Sabatini. Ha seguito masterclass di John Scofield, Danilo Perez, Roberto Gatto, Danilo Rea, Enzo Pietropaoli, Fabrizio Sferra, U.T. Gandhi. Ha all’attivo diverse registrazioni tra le quali l’incisione in prima assoluta per il Conservatorio “Alfredo Casella” di L’Aquila dell’opera omnia per pianoforte del compositore aquilano Bonaventura Barattelli (2002), “Chromosome” (2008) in collaborazione con Javier Girotto, “Tour D’Italie”(2010) con Mirko Guerrini per JazzOff Collection e RAI Trade. Svolge un’intensa attivita’ concertistica che lo ha portato ad esibirsi in diversi festival jazz e jazz club quali Atina Jazz Festival, Rochester Jazz Festival (USA), Teano Jazz Winter, Young Jazz Festival, Cassino Jazz, Ciampino Jazz Festival, Villa Simius Jazz Festival, European Jazz Expo, Casa del Jazz (Roma), Rex (Toronto), Night Town Jazz Club (Cleveland, Usa), Jamboree (Barcellona) ed altri. Una performance, quella di ieri sera, eccezionale davanti ad un pubblico attento ed appassionaoi di jazz e non solo, ma dei tanti che amano la buona musica. Cassino, con le serate organizzate dal CaMuSac, si arricchisce ancora una volta di quella cultura musicale che manca e che andrebbe incentivata e portata all’attenzione del grande pubblico della città, magari in queste sere d’estate. F. Pensabene Foto: A. Ceccon

15 giugno 2014 0

Fiamme e piogge torrenziali in provincia di Frosinone, decine di interventi di pompieri

Di admin

Fuoco ed acqua, oggi a Frosinone. Questa mattina, alle 11, i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per donare un incendio che che è divampato in un capannone agricolo nella zona Villa Magna ad Anagni. Le fiamme, sulle cui cause ancora si indaga, hanno avvolto la struttura distruggendola in parte insieme a tutto il contenuto, compreso un trattore agricolo. Il primo pomeriggio, invece, i vigili del fuoco sono stati impegnati per i danni causati da un temporale. Alcuni allagamenti, e uno smottamento a Veroli ha causato la parziale chiusura della strada via Vallelotrana. I mezzi dei pompieri stanno lavorando per rimuovere la terra e permettere al traffico di tornare a scorrere. A Paliano, sulla via Palianese, invece, le forti raffiche di vento hanno sradicato un albero che è finito su un’auto in transito. miracolosamente illeso l’automobilista. Anche in questo caso è stato necessario l’intervento dei pompieri. , probabilmente di assicurarla tirando il freno a mano. Una dimenticanza che ha causato lo scivolamento improvviso dell’auto fino alle acque del lago e ad un tuffo che ha spinto la vettura fino ad una decina di metri di profondità. È stato quindi necessario l’intervento dei soccorritori acquatici di Rieti e Roma. i sommozzatori hanno raggiunto l’auto sul fondo del lago, imbragandola permettendone il recupero con la gru dei pompieri, evitando, così, l’inquinamento dovuto allo sversamento dei liquidi minerali contenuti nel motore.

15 giugno 2014 0

Rieti – Parcheggia auto senza freno a mano e la vettura “si tuffa” nel lago di Turano

Di admin

Dimentica di tirare il freno a mano e la passeggiata sul lago gli costa l’auto. È accaduto questa mattina a Paganica ulle sponde del lago di Turano. L’automobilista ha parcheggiato la sua vettura, una Opel Astra, dimenticando, probabilmente di assicurarla tirando il freno a mano. Una dimenticanza che ha causato lo scivolamento improvviso dell’auto fino alle acque del lago e ad un tuffo che ha spinto la vettura fino ad una decina di metri di profondità. È stato quindi necessario l’intervento dei soccorritori acquatici di Rieti e Roma. i sommozzatori hanno raggiunto l’auto sul fondo del lago, imbragandola permettendone il recupero con la gru dei pompieri, evitando, così, l’inquinamento dovuto allo sversamento dei liquidi minerali contenuti nel motore.

15 giugno 2014 0

Scoperto lo spacciatore di Spasmo Proxyvon, arrestato 36enne di Sabaudia

Di admin

Una perquisizione personale e domiciliare ad S.S. 36 enne di origine indiana residente a Sabaudia, ha permesso ai carabinieri di sequestrare un ingente quantitativo del farmaco Spasmo Proxyvon e Spasmo proxyvon plus in tutto 432 pillole del pericoloso farmaco di produzione estera e illegalmente importata in Italia destinata, ovviamente, non alla filiera sanitaria, ma a quelle dei tossicodipendenti della zona. Il farmaco, il cui uso porta alla dipendenza, ha effetti simili alla eroina, con forme di delirio spesso gravi e pericolose. L’uomo è stato arrestato per commercio abusivo di farmaci.

15 giugno 2014 0

Seguiva due ragazze di Priverno per molestarle e palpeggiarle, 50enne francese in manette

Di admin

Le seguiva, molestava, ed ogni volta che ne aveva l’occasione, le aggrediva per palpeggiarle finendo per ferirle. Un vero incubo per due giovanissime di Priverno vittime delle morbose attenzioni di L.R. P. R. 50enne di origine francese che aveva concentrato il suo interesse per le donne in un periodo compreso tra settembre 2013 e maggio 2014. Le indagini svolte dai carabinieri e poste al vaglio della magistratura ha fatto si che l’uomo venisse arrestato per i reati di Stalking, minacce, violenza asessuale e lesioni personali.